15°

29°

Arte-Cultura

Il racconto della domenica - Il gelsomino sulla duna

Ricevi gratis le news
0

Marta Silvi Bergamaschi

Era una ragazzetta in apparenza svitata, che entrava in un bar e ordinava: «Subito un Campari».  Se lo beveva con tanto gusto che il cameriere le chiedeva: «Ma davvero le piace tanto?». «Mi piace -  rispondeva lei - contribuisce a farmi vivere nelle mie illusioni, come in un meraviglioso bozzolo». Il cameriere scrollava la testa. Lei usciva e nella splendida luce estiva incontrava Marco. «Ciao, piccola scimmia. Hai bevuto anche questa mattina, vero?». «Ma come ti permetti; faccio ciò che mi pare. E non chiamarmi “piccola scimmia”, mi irrita». «Scherzavo, lo sai bene: sai e fingi di non sapere». «Io non fingo, so benissimo tutto, carissimo Marco: soltanto che non voglio. Ricordi quell’antico canto che ci divertiva? “E’ farfalletta libera e giuliva/ che vola nell’azzurro senza nubi/ indugiando su un fiore o su una riva/ finché giunga il fanciullo che la rubi.''  Io non voglio essere rubata, vorrei soltanto essere amata. Ma non è più di moda; oggi, mio caro, occorre immediatamente essere disinibiti». «Sono invenzioni tue le amare parole che pronunci: chi ti ha chiesto di fare subito sesso; dimmelo, per favore». 
«E’ risaputo. A quattordici anni si mette al mondo un figlio. Anche a tredici. Sentissi le esclamazioni addolorate di mia nonna. E’ un mondo, dice, che dall’alto e non, manca di esempi, fatto soltanto di apparenza e di denaro. Ognuno vuole tutto e subito. Così ogni sentimento si uccide, conclude la nonna». «Sono cambiate molte cose, è vero. Evoluzione? Progresso? Un modo nuovo di pensare? Non so - rispose Marco -  però l’amore esiste, è dentro di me e arde, te lo assicuro. E’ un fuoco continuamente alimentato». 
«Ecco il mare -  esclamò Cristina -  immobile e sfolgorante, ha un sorriso azzurro e una carezza di seta. E’ bellissimo così vuoto nel primo mattino. Le ricordi le parole di Deledda? “Tutta la spiaggia grigia e dorata rassomigliava a un largo viale lungo il giardino azzurro del mare”». 
«Ti affascina la letteratura: non fai che citare. Ma io vorrei essere nella tua bella testolina e sapere veramente ciò che pensi»  disse Marco. 
«I pensieri -  rispose lei - sbocciano come corolle o sono ispidi ricci che pizzicano il sangue. Questi nostri pensieri rubati dal vento come fiori appassiti! Meglio non parlarne». «Possiedi, mia cara, l’abilità di non rispondere mai. E’ una perfida astuzia?». «L’astuzia non mi va, lo sai bene, se un poco mi conosci. Basta. Parliamo troppo. Osserva la bellissima duna che ci attende. Una deliziosa gobba abbellita da un arbusto verde. Pare anche fiorito. Meraviglia! Marco, è un gelsomino. Il vento, con i suoi magici voli, ha donato al mare un gelsomino. Questi sono i bellissimi eventi della vita». 
 Sedettero sulla sabbia. Lei avvolta nel copricostume azzurro - era bella - i ricci biondi le cascavano lucenti sulle minute spalle, gli occhi grandi, azzurri come genziane, infantili, elementari come il quieto rumore dell’onda, osservavano ogni minima cosa, la bocca era piccola, una fragola messa lì sui candidi denti. Era bella e Marco tremava. Era semplice e bella. Semplice? Era lei, unica. E Marco tremava. 
Cristina s’avvicinò al gelsomino: i piccoli fiori bianchi emanavano un profumo dolcissimo. 
«Bello è l’amore dei fiori. Così pulito, così semplice! Devo confidarti una cosa Marco». «Dimmi»  rispose lui. «Quando seppi che si fa tutto lì, sai bene dove... soffrii moltissimo. Quale orribile fantasia, pensai. E lo chiamano: facciamo l’amore!».  Marco prese a ridere, rideva tanto che gli occhi gli lacrimavano. «Tu, Cristina, sei rimasta piccola. Tu sei una bambina che beve il Campari. L’amore è nel cervello, o nel cuore, tanto per essere romantici. Certo, ciò che hai detto può anche essere vero. Ma è una legge della vita. Poi tutto si trasfigura: è l’amore che illumina e purifica. Essere una carne sola, una sola anima. Sei una ragazzetta unica e sai bene che io ti amo». 
«Torniamo, stasera?» chiese Cristina. «Torniamo». Tornarono. Adagiata sulla duna una luce di madreperla somigliava a una grande coperta. Il mare dormiva, immoto, senza sogni. All’orizzonte dondolavano le lampade tremule dei pescherecci. La luna vagava nel cielo e Cristina notò un sorriso sul volto lontano. «E’ un sorriso?» chiese a Marco. «Lo è, puoi starne certa».
S’adagiarono ai piedi del gelsomino che aveva serrato i minuscoli fiori in un riposo lieve.
Si amarono con tenerezza, parole confuse uscirono dalle labbra arse: fu una canzone del corpo e dell’anima. La luna, soddisfatta, li guardava. «Berrai ancora il Campari?» chiese amorosamente Marco. «Mai più»  rispose Cristina. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

il caso

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

Nada con A toys orchestra

musica

Nada a Parma con A toys orchestra

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

furti

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

INCHIESTA

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

4commenti

rapina

Piazza Garibaldi, ore 21: rapina con il coltello

1commento

Tragedia

Cade in montagna, muore l'urologo Poletti

1commento

tg parma

Parma, Matri ad un passo: sì del giocatore, oggi nuovo incontro Video

corte godi

Furgone in fiamme: e l'incendio rischia di estendersi ai balloni

Furti

Due assalti in dieci giorni alla scuola Sanvitale

TRA FEDE E ARTE

Viaggio inedito nel Duomo «invisibile» Foto

tragedia

Barca prende fuoco e affonda nel Po, 65enne muore annegato Video

La vittima, Marco Padovani, era di Trecasali

Il racconto dagli Usa

I parmigiani cacciatori di eclissi

Fidenza

Basket, Azzoni: «Saremo la Fulgor per Fidenza»

Impresa

Greta, un bronzo che vale come un oro

Felegara

E' morta Gianna, la regina dei tortelli

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

10commenti

calcio

Il Parma supera i 7mila abbonamenti e "corteggia" Matri

2commenti

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

21commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

1commento

ITALIA/MONDO

terremoto

Ischia, il disastro visto dall'elicottero del 115 arrivato da Bologna Video

usa

Scontro fra treni a Filadelfia, 33 feriti

SPORT

motori

La Ferrari rinnova il contratto con Raikkonen

ciclismo

Impresa di Nibali alla Vuelta. Ora Froome è in rosso

SOCIETA'

il caso

Anziano accusato di pedofilia. E il paese si spacca

Usa

Quando la "diva" Luna oscura totalmente il sole  Foto

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti