Arte-Cultura

Disarmò a scuola il giovane Mussolini

Disarmò a scuola il giovane Mussolini
0

Alfredo Ferrari
(Scolaro a Vigatto nel primo dopoguerra)

Quest’anno ricorre il centenario della costruzione di alcune scuole elementari nei dintorni di Parma, tra cui quella
 di  Vigatto. Le maestre del paese hanno deciso di festeggiare l’evento coinvolgendo alcuni allievi dei tempi passati, che hanno raccolto vecchi documenti, soprattutto fotografie. Così sono riemersi i volti degli allievi e delle maestre, una in particolare, la signora Lina Gallinella che ha accompagnato tanti scolari lungo il percorso scolastico. Lei abitava (come si usava allora) nella scuola con la famiglia, i figli e il marito, Fulvio Romani, l’ispettore. Una persona importante, si sapeva, ma con un ruolo per noi ragazzi indefinito. Attorno a lui un’atmosfera sospesa tra curiosità e timore. Solo più tardi abbiamo saputo tutto di lui dal figlio Vittore, fedele custode delle sue memorie.
L'ispettore, un uomo pieno di sorprese. Nato a Fontevivo, da adolescente inizia a frequentare una scuola con annesso collegio a Forlimpopoli, dove un incontro avrebbe potuto cambiargli la vita. In classe con lui c'è un giovane vivace, esuberante, irrequieto già espulso da un collegio per aver ferito con un coltello un compagno. I due stringono amicizia.
Un giorno l’amico, un po' scarso in matematica, dopo aver preso una pesante insufficienza va su tutte le furie, estrae un coltello e cerca di colpire l’insegnante di quella materia. Fulvio interviene, lo blocca e lo calma, un intervento provvidenziale. Quel giovane si chiama Benito Mussolini.
I suoi biografi ufficiali non si ricordano di quell'amico, e non riferiranno mai, almeno per esteso, l’episodio. Ma il futuro duce non dimenticherà quell'aiuto. Una volta conseguito il diploma magistrale nel 1901, i compagni di scuola percorrono strade diverse. Mentre l'amico di un tempo si lancia in una miriade di iniziative politiche diventando un importante militante socialista, lui, il futuro ispettore, prende una via più lineare: inizia la carriera di insegnante elementare e nel frattempo frequenta l’Università di Bologna, sostiene qualche esame con un Giosuè Carducci "spesso alticcio" e nel 1907 ottiene la laurea in Lettere e Filosofia firmata da Giovanni Pascoli, da poco titolare della cattedra di Letteratura Italiana.      
Il tempo passa, inizia e finisce una terribile guerra, combattuta da entrambi con onore, e nel 1919, quando il duce fonda il partito fascista, Romani avanza nella carriera e diventa direttore didattico nelle nostre terre, prima a Fontanellato poi a Parma. Dopo qualche anno, quando Mussolini conquista il potere e diventa il Duce, lui riceve una lettera inaspettata. . "Esci dalla tua crisalide e diventerai farfalla" è la frase che riassume il senso di quella lettera, una frase enigmatica, sembra, ma non per lui. E’ la chiamata del vecchio amico di collegio, che lo invita a Roma, a occupare un incarico di grande rilievo nel governo, addirittura il posto di Ministro della Pubblica Istruzione. Ma lui rinuncia, rifiuta l’offerta, forse non senza incertezze, di sicuro non senza contrasti familiari. Un giorno, ha raccontato un’amica, un figlio piange disperatamente, non c'è verso di farlo smettere. La moglie è esasperata, prende il bambino e lo porge in modo poco garbato al marito, dicendo pungente: "ecco, signor Ministro, vediamo se riesci a calmarlo". E lui prende in braccio il figlio senza fiatare. La maestra, sembra di poter dire, sarebbe stata orgogliosa di essere la moglie di un Ministro del duce; anche perchè era di sicuro più entusiasta di lui del regime. Ma l’ispettore, come sappiamo, lo conosceva bene il duce, meglio della moglie....    Il duce ha trovato altri disponibili a collaborare, e non si è risentito.
Nel libro dei suoi ricordi, che gli insegnanti erano obbligati a far leggere a scuola, scrive di aver lasciato per pegno a un italiano incontrato in Svizzera "un bellissimo coltello comperato a Parma il 1° aprile insieme al nostro buono Fulvio Romani.".
Così solo per brevi attimi le loro vite si sono di nuovo incontrate, ma senza lasciare tracce evidenti. Intanto passa altro tempo, siamo al 1935. Mentre l’altro, sempre saldo al potere, ha dato inizio alle guerre di conquista fino alla tragica, inevitabile fine, Romani, nel frattempo nominato Cavaliere, ha proseguito nella sua carriera, è diventato ispettore scolastico. Incarico che ha ricoperto fino al 1952, quando è andato in pensione con il titolo onorifico di ispettore generale. La morte lo ha colto nel 1964 a 82 anni a seguito di un tragico incidente: è stato travolto da un’auto davanti a una bancarella vicino a piazza Ghiaia.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Bertolucci, Maria sapeva tutto tranne uso del burro

giallo "Ultimo tango"

Bertolucci: "Maria sapeva tutto tranne del burro"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito

Dramma

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito

PARTITI

La resa dei conti nel Pd e le elezioni

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

ACCADEMIA

Maria Luigia e la fucina delle arti

Io parlo parmigiano

Un calendario tutto da ridere

Lutto

Borgotaro piange il maresciallo Bernardi

Cassazione

Omicidio Guarino, le motivazioni dell'ergastolo

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

il fatto del giorno

Referendum e dimissioni: "Non è la fine politica di Renzi"

parma calcio

Vagnati Ds: lo "accoglie" D'Aversa: "Felice di averlo al mio fianco"

AL REGIO

Virginia Raffaele «ladra di facce»

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

Galà e premiazioni

Cus: parata di campioni e di sorrisi Fotogallery

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

Analogie

Il Parma sulle orme del "miracolo" Fiorentina 2002?

Cambio d'allenatore, innesti di mercato: da metà classifica alla B. Era il 2002. E c'era Evacuo

Incidente

Scontro auto-camion in tangenziale a Collecchio: ferita un'anziana

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Governo

Mattarella chiede a Renzi di congelare le dimissioni: "Bilancio da approvare"

cagliari

Uccise i genitori adottivi, 28enne si impicca in carcere

SOCIETA'

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

musica

La canzone di Natale di Radio Dj. Torna Elio e...c'è Valentino Video

SPORT

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

secondo allenamento

D'Aversa, subito alle prese con le assenze in difesa Video

MOTORI

GRUGLIASCO

Prodotta la Maserati numero centomila

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)