12°

Arte-Cultura

Quando il dialetto fa sorridere

Quando il dialetto fa sorridere
Ricevi gratis le news
2

  GIUSEPPE MEZZADRI

Per i parmigiani in villeggiatura e per quelli rimasti a casa, una miscellanea di battute in dialetto per un po' di buon umore.
SCORSAMÄRA - Scorsamära è un parmigiano dalla battuta facile, un po'sbruffone, che ama la compagnia, molto il vino e poco il lavoro.
•Un amico gli chiede: "Scorsamära, a ti ch’a t' magn 'd tutt e ch’a t' piäz tutt, gh'é almeno un piat ch’a ne t' piäz miga? - "Si, al piat vód!Per strada incontra un amico che conosce bene la sua passione per il vino, che gli chiede: "Cme t'vala Scorsamära? - "Sperèmma bén, adman a vagh a fär j analizi dal sangov". - "Ah si? E indò vät? Al cantinón?"
•In bar parlavano di automobili. Va pu bén la mèjja, la mèjja la magna poch, e via discorrendo. Uno gli chiede: "Scorsamära, ti cò fät con un littor? - "Un past...e tanti volti gnan' dal tutt!"
•Stava vivendo un momento no. Incontra un amico, che non vedeva da tempo, che gli chiede: "Cme t'vala, cò fät äd bél? - "A fagh al poeta". - "Al poeta?" - E cò fät?" - A fagh di vers." - "Di vers? E che vers fät?" - "Di vers da gat!"
•Sempre in quel periodo balordo si era messo a corteggiare una donna brutta ma con un sacco di soldi. Lei, sorpresa; gli chiede: "Come posso piacerle io che non sono bella" - " Siorén'na, sarò 'd cativ gusst mo le la m' piäz"
•Sul treno per La Spezia, stanco di stare in piedi, sposta una borsetta che teneva impegnato un posto. Quando tornò, la proprietaria gli disse: "Scusi, perché ha spostato la borsetta ?" - "Parchè m' éra d’äviz ch’l'a fuss miga straca".
•Gli avevano regalato un salame "gentile", bello e grosso. Per combinazione capita suo fratello che, come lo vede, dice: "Eh che bél salam! Mi gh'ò 'na cantén'na ch’la pär fata aposta p'r i salam!" - "Ah si? Porta chi la cantén'na!"
CALERZI ALFREDO - Calerzi è stato un buon tenore da caffè concerto. Aveva una linguaccia. Era maschera al Regio negli anni '60. Una sera gli si presentò uno dei primi cappelloni. Si rivolse al suo collega e gli disse: "A chilù strasgol ti 'l biljètt parchè mi an gh'ò miga géni".
•Si parlava di dieta e lui commentò: "Al dotór al m'à ditt ch’a magna legér. Con séntmilla franch al méz äd pensjón a t'vedrè ch’an gh'é dubbi ch’a posa magnär tant pézant!" - Poi aggiunse: "Mo an mór miga. Primma a spét ch’a móra Scelba". (Capo della polizia dell’epoca) 
BRUNO DODI - Si stava festeggiando un pensionato e l’immancabile malinconia veniva combattuta dalle battute di Bruno che non si sottraeva al botta e risposta con i colleghi che lo provocavano a bella posta."Bruno la t'fa bén la pensjón, a t'gh'è un bél colór. E par via dal par via, cme vala?"- "Gnanca pu col lorètt".
•Un collega rideva e Bruno lo rimbeccò: "A t'pól vansär äd riddor tant; a ca tòvva l’é un pés ch’a s'canta "Beati morti". Ti a t'pól recitär dabón la preghiera dal pensionè!" - "Cme éla ?", gli chiesi. "A t'ringrasi al me Signór ch’a t'm'è castrè sénsa dolór".
•C'è chi lo stuzzica alludendo alle sue origini: "Bruno, è vera che al Castlètt a magnävov il pónghi ?"-"No, parchè a gh' séron afesionè; a s' gnäva su ragas insèmma". 
•Ormai lanciato sui vecchi tempi continua: "Mi stäva in-t-'na béla ca, diviza bén. Gh'éra cambra e cuzén'na, granär e cantén'na, tutt in-t-'na stansa!" A uno che rideva più degli altr, Bruno disse: "Sta miga riddor tant ti, ch’a t'stäv in-t-'na ca cón 'na scäla acsì dirocäda che pr'andär su dritt, a gh' vräva vón sop. L’éra 'na ca tanta sporca che j inquilén i s'pulivon i pe a 'ndär fóra".
•Bruno non si vergogna a parlare della miseria dei suoi tempi: "In ca mèjja l’andäva tant mäl e séron tant mizerabil, che cuand sèmma dvintè povrètt, èmma fat fésta". 
•E continua: "A gh'é äd cojj ch’i gh' lason dil villi; a mi, i m'àn lasè la bronchite parchè a gh'äva sémpor fama e a forsi 'd révor, inutilmént, i sportél äd la cardénsa par vèddor sa gh'éra cuél da magnär, ò ciapè tant cólp d’aria ch’a m' són malè 'd brónch".
DARIO PATERLINI - Altro bel personaggio con il talento per le battute creative è stato l’amico Dario. "Ò pran ridù in-t-la vitta, e magnè poch. La primma parola ch’j ò ditt è miga stè "mama", mo "fama". Ricordando i pidocchi così comuni a quei tempi, dice: "Cuand a s'pärla äd Pärma vécia a m'grat ancòrra"
•È pittoresco il suo modo di descrivere la sua casa da ragazzo: "Par ca, gh' éra sémpor odór 'd fort e, cuand gh'éra l’aria basa, il scäli i spusävon cme i rognón. In ca mèjja a säva äd frescumm fìnna i mataras. Gh'éra di scarafas milenäri chi parävon scärpi äd varniza e dill pónghi con di barbiz acsì che, s'a t'ghe däv la man, i t'compagnävon finna in ca. I gat, putost che fär bujja, i dvintäv'n amigh. A ca mèjja finna 'l moschi i gh'ävon il bocaróli e, d’ogni tant, i dävon zo dala deblèssa. 
«BRODO» (LODIGIANI) - Attore dialettale e camionista di professione aveva battute niente male che quando gli venivano non riusciva a trattenere. Ad una visita, il medico che gli guardava la gola, osservò: "Che brutta lingua!" - "Chi gh' l’à ditt? I me zvinant?"
• Era bambino quando venne a casa sua il medico per visitarlo. Nell’andare in camera inciampò e cadde. Raccolse borsa e occhiali e poi disse: "Bambino, apri la bocca che guardiamo che cosa hai". - "Cò vólol vèddor in góla ch’al n'à gnan' visst la péca!"
•Un giorno, vedendo che il barbiere Saccò aveva appena riaperto bottega, gli chiese: "Indò sit stè Giorgio, ch’a són pasè e gh'éra sarè ?" - "Són stè al mär" - "A fär ?" - "A fär al bagn" -"An n'ävot miga pu abasta äd la sojóla?!"
VARIE - •Un vetrinista della Salvarani aveva fatto tardi e si fermò al primo ristorante incontrato. Mangiò aragosta ma, quando presentò il conto in azienda, il ragioniere si arrabbiò: "Mi j ò sinquant'an' e n'ò mäi magnè l’aragosta !" - "L'à fat mäl ragionér, l’é bón'na bombén".
•Gigén era un tinteggiatore che amava arrotondare. Arrivarono in cantiere due carabinieri mentre era sul ponteggio. Il capo cantiere gli urlò: "Gigén, vén zo, gh'é du vestì cómpagn chi t'sércon". - "Tóghia su i fér ?" - "No, i fér i gh' j àn lór!" 
•Calota, spazzino in Parma vecchia, aveva l’abitudine di raccomandare: "Donni a vój al rud nètt". Non voleva che nel rudo "normale" venisse mescolato anche quello prodotto direttamente dalle persone. (Erano i tempi in cui c'erano case con un solo cesso, nel cortile).
MIO CUGINO - Ho un cugino che non mi ha mai fatto mancare i suoi consigli di vita specialmente in fatto di donne. "La mojéra tóla ch’la gh'abja di sold parchè za tant la gh'cmandarà le, almeno ch’la gh'abja di sold! E tóla gionnva che vécia la la dventarà anca trop". Concludeva con il più personale dei consigli: "La mojéra tóla miga tanta béla se no la piäz anca a ch’j ätor. Però miga fär cme mi ch’a l’ò tota tanta brutta ch’la ne m'piäz gnan' a mi". 
•Una sera, appena entrato al bar, disse: "Elà, anca stasira ò snè con pan e lat." - "Gh'ät la presjón älta?", gli chiesero. "No, gh'ò la pensjón basa." 
CARDIOLOGIA - Il medico stava spiegando a Gigi la sequenza del suo intervento per una fibrillazione atriale. Spiegò che prima di tutto gli avrebbero dato l’anestesia, poi una scossa per fermare il cuore e dopo un’altra scossa per farlo ripartire al ritmo giusto. "Dotór, e se 'l cór al ne ripartissa miga?"- "An te t'n'acorzarìss gnan'!" 
•Adalberto, al "Pronto soccorso", spiegava ad una donna medico che la sua fibrillazione era dovuta ad una corsa per prendere l’autobus. Il medico gli disse: "Me mädra la me dzäva sémpor, a j autobus e a j òmmi, mäi corrorgh adrè. A nin pasa sémp'r un ätor. 
•Antonio, la sera prima dell’intervento per un by-pass era molto preoccupato. Quando passò la visita, chiese al medico: "Dottore, dopo un intervento così, cosa vede lei nel mio futuro?" - "Ch'a t'morirè anca ti cme fa tutt ch’j ätor!"
ALDO  - Incontrando l’amico Aldo lo salutati con calore: "Cme vala, vecchio Aldo?" - "Véc' miga tant". - "L'é un complimént". - "I complimént ja sarniss mi".
•Si parlava di anziani che vogliono a tutti i costi fare i giovani e lui commentò: "Se vón äd s'sant'an' al diz ch’al se sénta cme vón äd vint, l’é bélle vóra ch’al comincia la cura".
GIASBO - Giasbo, è stato un bel personaggio della Parma di un tempo. Aveva battute ironiche molto belle. Un giorno, nell’Oltretorrente, tre facchini che stavano scaricando un camion di legna, gli chiesero: "Giasbo, vénot a däros 'na man?" - "Si, si, adés a vén; di via 'l cärti intant!" 
•Era tempo di guerra e venne fermato, di sera tardi, da una pattuglia. "Ma lei lo sa cos'è il coprifuoco?" - E lui: "L'é la sènndra!".
•Era corista e il Maestro Gandolfi lo stava correggendo: "Giasbo, pu bas al re". E poi, spazientito: "J ò ditt pu bas al re!" E Giasbo, che non riusciva: "S'al vól un re bas, ch’al vaga a Ròmma". 
DON MARTINO - Don Martino, che in tempo di guerra aveva sfidato i tedeschi, non era certo in soggezione di fronte ai lazzi contro i preti, un tempo non infrequenti. Ad un tale che diceva: "I prét ja masariss tutt", rispose: "Béla forsa, a masär i prét a s'fariss prést, a gh' n'é, al masim, vón par paéz. L’é a masär tutt i cojón ch’l'é dificcil. A gh' sarissov in trop". 
•Un giorno, a uno che al suo passaggio si toccava le parti basse, disse: "Ti potevi toccare la testa ch’l'éra la medézma coza!"
•A un tale, che al suo passaggio faceva il verso della cornacchia: "Cra, cra", disse: "I cornación i stan sémpor avzén al caròggni".
•A chi, al suo passaggio, diceva: "Tòcca fér" offriva il suo mazzo di chiavi.
 DON DAGNINO - Nel dopoguerra veniva distribuito, anche tramite le parrocchie, un formaggio di colore giallo, né duro né molle, che aveva stancato tutti. Don Dagnino, il battagliero parroco di San Giuseppe, andò dai responsabili e disse loro: "Ragas, an s'pól miga cambiär fórmaj? Ormäi ò impabiè tutt la parochia!" 
•Un’altra volta, mentre con la bicicletta transitava davanti ad un bar, uno degli avventori urlò: "Guärda che lavoradór!" Fece dietro-front e si andò a sedere di fianco all’uomo. Lo guardò in faccia e gli disse: "Són gnu a därot 'na man".
STOPAJ - Le battute di Stopaj sono tante. La prima di questa piccola serie è, a mio giudizio, una delle più belle. 
•Una signora che, avendogli dato cento lire di elemosina si sentiva in diritto di "educarlo", gli disse: "E li spenda bene!" E Stopaj: "Oj da tór 'n apartamént?"
•A Stopaj, ubriaco fradicio, cade il cappello. "Vén su !" Dice al cappello, chinandosi un poco in avanti e indicandogli la testa. "Vén su!" Gli ripete di nuovo inutilmente. Allora gli lancia le chiavi di casa e gli dice: "To 'l ciävi. Cuand a t' si stuff äd stär li a t'gnirè in ca da ti".
PRETI - Prete e campanaro si stavano trasferendo da una cascina all’altra per le benedizioni. "Reverendo", disse eccitato il campanaro,"A gh'é 'na galen'na da le, lóntana da tutt il ca." Il prete guardò, diede anche un’occhiata in giro, poi rispose: "A t'gh'è ragión, mèttla in-t-la sporta primma ch’a pasa un lädor."
•Prete e campanaro avevano girato tutto il giorno per le benedizioni ed erano stanchi. Verso sera il campanaro disse: "Reverendo, parchè bendissol miga l’ultma ca da stär chi, za tant il bendisjón i pason sètt mur". - "A t'si cojón veh, il bendisjón i pason sètt mur, mo i salam no".
•Un prete entrò in città con il suo biroccino e si fermò alla "porta". Uscirono due guardie del dazio; mentre una ispezionava, l’altra, che stava a guardare, osservò: "Che bél caval. L’é finna un p'chè ch’a gh' l’abja un prét". - "A t' gh'è ragión", rispose il prete, che continuò: "A dir la vritè mi vräva tór un äzon mo an n'ò miga catè parchè j éron bélle tutti in-t-il guärdji dal dasi".
•Mi raccontava un sacerdote che, quando smise la veste per il "clergyman", una signora, sua parrocchiana, gli disse: "Lei si è tolto la veste e va in giro senza, mi an vén pu a confesärom da lu!". - "Faccia come crede, signora, l’importante è che non vada lei, in giro per strada senza la veste".
•Un prete di montagna amava anche giocare a carte e bere qualche bicchiere all’osteria. Qualcuno si lamentò con il vescovo che, alla prima occasione, gli disse: "So che sei bravo e ti vogliono bene. Ci sarebbe solo una cosetta. Mi hanno detto "quanto" bevi". - "Mo in gh'àn miga ditt "quanto" a gh'ò sèjj!"
•Mi trovavo a Ugozzolo dal falegname Gino Carpi quando entrò nel suo cortile don Enore Carattini, suo anziano amico. Mi venne l’idea di stuzzicare il falegname e gli dissi: "Certo ch’a tribulla méno al prét". Il falegname abboccò subito e disse: "S'a tór'n a nasor a fagh al prét". - "E mi", rispose don Enore, "S'a tór'n a nasor a fagh al maringón. Parchè al Sgnór, fintant ch’l'à fat al maringón la gh'é andäda bén, mo cuand al s'é miss a fär al prét, i l’àn miss in cróza".
FAUSTO BERTOZZI - Da ultimo, ma non ultime, alcune battute (fra le tante) di Fausto Bertozzi che quanto a creatività e fantasia, a mio giudizio, non è secondo a nessuno. 
•Incontra un amico che gli chiede: "Cò fal to fjól ?" - "Economia e Commercio" - "E ti cò fät?" - "Economia".
•È nato in borgo Gian Battista Fornovo che era detto anche "bórgh äd j äzon" . Un giorno era in zona quando passò un suo vecchio amico che, per canzonarlo, gli chiese: "Él coste bórgh äd j äzon?" - "An so miga, a t' sì al primm ch’a vèdd!" 
•Al ristorante il cameriere gli dice: "Abbiamo un ottimo passato di verdura" - "E un "presente" d’anolén, a gh'l'iv ?" 
•Ad una cena di "Parma Nostra" portarono una scodella con alcuni anolini. Gli chiesi: "Inzgnér, vani bén?" - E lui, che era in altro tavolo, a voce alta, rispose: "Me mädra la m'nin däva tre volti tant, sól par sintir s' j éron cot!" 
•La moglie era "scesa un attimo" per comprare il latte. Quando tornò, dopo due ore, le chiese: "Sit andäda a comprär al lat a lunga conversazione?"
•Sul lungomare di Rimini venne fermato da un vigile che gli contestò di essere passato con il rosso. Bertozzi sosteneva che era arancione. Anche la moglie intervenne nella discussione sostenendo animatamente che erano passati con l’arancione. A questo punto Bertozzi smise di discutere, estrasse il portafogli e disse al vigile: "Mi dica quanto devo pagare. È una multa che pago volentieri parchè, l’à da savär, che in tant'ani äd matrimonni l’é la primma volta che me mojéra la m' da ragión."
•Aveva una zia chiacchierona che abitava davanti alla chiesa e, siccome era estate e c'era il portone aperto, gli spiegava che aveva assistito alla messa stando in casa. Le disse: "Zia, s'a t'zlongäv la léngva a t'podäv fär anca la comunjón".
•Eccezionale la sua rapidità nel dare battute. In azienda, nell’intervallo, si stava festeggiando la promozione di un collega che, per l’occasione, aveva procurato salumi e vini. Bertozzi stava affettando un fiocchetto. Dalla parte opposta del tavolo un collega gli chiede: "Inzgnér, a m' dal dal fiochètt?" - "Fi, fi". 
•Sue sono le previsioni del tempo del "Lunario Parmigiano del tipo : "Una fumära acsì fissa ch’a t' ghe pól pozär incóntra la biciclètta". Oppure quest’altra: "Vént, frèdd giasa e fumära; pés de csì an gh'é che la v'ciära". Anche molti proverbi sono suoi come, ad esempio: "Cuand a canta la sigala a pära frèssch infinn la stala".
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Valerio

    17 Agosto @ 16.49

    Belli, belli, belli. Che splendidi ricordi!

    Rispondi

  • Gaucho

    16 Agosto @ 18.34

    stupende e simpaticissime battute!!!amo il mio dialetto!!!

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Karma: la notte di J.L. David

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus

parma

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus Foto

"Indietro tutta 30 e lode!" sfiora i 4 milioni di spettatori

televisione

"Indietro tutta" sfiora i 4 milioni di spettatori Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Imu e Tasi, lunedì si chiudono i conti

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

Lealtrenotizie

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia

Tg Parma

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia Video - Foto

Colorno (e Lentigione), si lavora per tornare alla normalità. Il punto della situazione

A Lentigione un pensionato è morto mentre spalava il fango

ghiaccio

Montagna, dopo tre giorni ci sono ancora famiglie senza elettricità

anteprima gazzetta

Un'altra vittima innocente: "Possiamo migliorare le condizioni nelle strade"

1commento

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

3commenti

lentigione

I lavori sull'argine dell'Enza visti dal drone Video

Ricerca

Centri storici: quello di Parma tra i più dinamici in Italia

coin e decathlon

Due furti in negozi sportivi, tre ragazzi denunciati

3commenti

VIA GORIZIA

Apre la portiera dell'auto e un uomo lo minaccia con un coltello: un arresto per rapina

Il giovane minacciato è fuggito e ha chiamato i carabinieri. In manette un tossicodipendente

1commento

capodanno

Ecco le locandine: Fedez si fa. Ma dove? Domani la risposta

1commento

REPORTAGE

A Lentigione, dove si lotta con il fango

solidarietà

"Parma facciamo squadra" in campo per i bimbi poveri

Campagna fondi al via: Barilla, Chiesi, Fondazione Cariparma e Forum Solidarietà in prima linea

GAZZAREPORTER

Problemi alle luminarie: vigili del fuoco in via D'Azeglio Foto

SALSOMAGGIORE

Il rottweiler abbaia e scaccia i ladri

BANCAROTTA

Crac Spip: in 4 pronti a patteggiare, per altri 3 rito abbreviato

INFOMOBILITY

Sosta e transito nelle Ztl: ecco come rinnovare il permesso per il 2018 

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Monza

Trovato il cadavere dell'ex calciatore Andrea La Rosa: era nel bagagliaio di un’auto

Francia

Scontro treno-scuolabus, "21 alunni feriti gravi"

SPORT

Calciomercato

Parma, Faggiano rinnova: "Il progetto va avanti"

tg parma

Ospedale dei bambini: i giocatori del Parma diventano... Babbo Natale Video

SOCIETA'

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

NOVITA'

Nuova Audi RS4 2017, il ritorno del V6 biturbo

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS