Arte-Cultura

I sogni di Bray? Musei aperti e accoglienti

I sogni di Bray? Musei aperti e accoglienti
Ricevi gratis le news
0

Silvia Lambertucci

Fondi europei per rilanciare i musei del Sud, un intervento di salvataggio per le fondazioni liriche «senza che resti a casa nessuno» e soprattutto nuove assunzioni, per archeologi, archivisti, bibliotecari e non solo. Incassati i consensi per il decreto Valore Cultura – che ora ha tempo fino al 9 di ottobre per diventare legge – Massimo Bray insiste e ribadisce anche dalle vacanze  il progetto di un cambio di pagina per la cultura. Dalla necessità di un turismo consapevole che passi per una valorizzazione non consumistica del patrimonio, al sogno «che deve diventare realtà» di musei con orari flessibili, librerie accoglienti, caffè d’appeal che non ci facciano più invidiare gli alti standard internazionali. Scelte di cambiamento, sottolinea in un’intervista all’ANSA il ministro dei beni culturali e del turismo, che «i cittadini chiedono a gran voce».  Il primo passo, mal di pancia del governo permettendo, sarà proprio lì, sulla discussione parlamentare e la trasformazione in legge del decreto presentato a fine luglio a Palazzo Chigi con il premier Letta accanto a metterci la faccia. In ballo ci sono decine di cose, dalle novità per la gestione di Pompei al rinnovo delle misure fiscali per il cinema, dal fondo di salvataggio per le fondazioni liriche sull'orlo del collasso all’assunzione di 500 under 35 per progetti destinati al Sud. Se andasse tutto in porto sarebbe una piccola rivoluzione. Soprattutto tenendo conto delle miserie in cui si è dibattuto il settore negli ultimi anni, con i conti del ministero sempre più in rosso. Bray risponde diplomatico: «sono sicuro che tutti daranno un contributo per migliorarlo.  Mi sembra che il Parlamento voglia favorire l’approvazione di provvedimenti per la Cultura, quelle scelte chiare di cambiamento che i cittadini chiedono a gran voce». E intanto rassicura i lavoratori della lirica. Anche con i tagli richiesti alle fondazioni in difficoltà, assicura, «lavoreremo perchè non resti a casa nessuno». Il personale in più verrà riassorbito da Ales, la spa del ministero, «ma anche gli enti locali faranno la loro parte come possibile. Il taglio degli integrativi è una richiesta necessaria fino a quando i conti non torneranno in ordine, per garantire la sopravvivenza delle Fondazioni. Ripeto, l’interesse è quello di mantenere i posti di lavoro». Altro capitolo caldo, il rapporto con i privati, per il quale Bray ha sempre detto di volere «regole chiare». A definirle, spiega ora il ministro, concorrerà in parte la nuova commissione per il codice dei beni culturali della quale faranno parte Giuliano Amato e Salvatore Settis: «Alcune di queste regole verranno stabilite dalla commissione, discusse con me e presentate al Parlamento», sottolinea, «in questo modo i privati conosceranno in modo chiaro e trasparente qual'è l’impostazione e le regole da rispettare».
In pentola c'è anche altro: «stiamo lavorando per creare le condizioni per poter assumere, dopo tanto tempo, il personale necessario», assicura il ministro. Intanto si lavora alla riforma del ministero.  Difende e rivendica la scelta del governo di unire cultura e turismo («è un segnale che ho intenzione di recepire al meglio») e torna, ribadendolo come un mantra, sul concetto di 'cultura per tuttì su cui arriveranno provvedimenti. Quando si parla musei e turismo, del resto, il ministro pugliese si accalora, spiega che vorrebbe si scoprisse «quella che è l’unicità del nostro Paese una rete museale straordinaria e di valore inestimabile» e che questo avvenisse «con un lavoro di divulgazione fatto tra il mio ministero e quello della Pubblica istruzione». Anche per realizzare quest’idea, ricorda, sono state stanziate nuove risorse e sbloccati fondi europei Poin per 372mln.  In concreto c'è per ora l’esperimento di apertura serale (l'ultimo sabato del mese, si ricomincia a fine agosto) che coinvolge 38 fra musei e aree archeologiche mentre dovrebbero ripartire le gare per l’assegnazione dei cosiddetti servizi aggiuntivi. Ma quello di trovare nei musei italiani, orari più elastici, caffetterie accoglienti e librerie attrezzate, insiste Bray, «è un sogno che deve diventare realtà. I privati che gestiscono i servizi aggiuntivi devono essere chiamati a rispettare standard di alta qualità». Obiettivo, lo standard del celeberrimo Met newyorchese. Lui lo promette: «Lavorerò affinchè l’Italia non abbia niente da invidiare a queste strutture». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

Intervista

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

2commenti

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene,la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo

parmense

Piene, la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2

Sommerso anche il cortile della Reggia

1commento

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

1commento

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

piena

Viarolo, auto in balia delle acque. Escluse persone all'interno

incidente

17enne investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

1commento

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

3commenti

maltempo

Emergenza elettricità: 8mila utenze isolate nel parmense

1commento

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

piena

Il sindaco di Sorbolo: "I cittadini non si mettano in pericolo: via dagli argini" Video

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

7commenti

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

28commenti

Salsomaggiore

Maltempo, auto imprigionata con a bordo tre bimbi

TRASPORTI

Tep, revocato lo sciopero del 14 dicembre

AVEVA 46 ANNI

Fidenza, stazione più triste senza Luca, il suo giornalaio

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

PARMA

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno  

1commento

ITALIA/MONDO

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

austria

Esplosione impianto di gas: interrotto il flusso tra Russia e Italia. Calenda: "Oggi stato d'emergenza"

SPORT

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

4commenti

Sport USA

NBA, altro infortunio per Gallinari

SOCIETA'

social

Esondazioni e black-out: è derby di solidarietà tra Parma e Reggio

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

Prova Kawasaki Z900RS