17°

Arte-Cultura

Festival della mente: dieci anni di idee

Festival della mente: dieci anni di idee
0

Un’edizione col botto, questa del Festival della Mente che si terrà a Sarzana da venerdì 30 agosto a domenica 1 settembre  e  che celebra i dieci anni della manifestazione. Per l’evento, vecchi, o meglio, affezionati relatori tornano, e nuovi se ne aggiungono a illustrare lo stato dell’arte della cultura in Italia e nel mondo. Tra le presenze abituali Piergiorgio Odifreddi, lo storico medievalista Alessandro Barbero, Stefano Bartezzaghi, Massimo Recalcati. Tra le new entry il geniale scrittore inglese Jonathan Coe, il sociologo Ulrich Beck, il filosofo Bernard-Henri Lévy. Ma anche  Peppe e Toni Servillo (con il recital «Cantami una poesia»), Paolo Giordano, Tim Parks, Umberto Curi, Massimo Cacciari, Emanuele Trevi, Lella Costa e tanti altri. Ben rappresentate le donne, dalla psicoanalista Alessandra Lemma, con la sua relazione sul corpo come tela da raffigurare o sfigurare, alla poetessa Chandra Livia Candiani, a Laura Boella e Gabriella Caramore.
La filosofa Nicla Vassallo ci ha fornito alcune anticipazioni dal suo affascinante tema della donna con l’articolo determinativo davanti, quintessenza del femminile in cui è comodo ingabbiare ogni diversità. «Esiste -  ragiona la Vassallo - un’idea preconcetta di femminilità, come se ci fosse un’unica donna cui conformarsi. Spesso si tratta di un’invenzione irraggiungibile per le donne in carne ed ossa, che però smettono di cercare l’individualità. Lo stampino non è stato voluto da loro. Molte religioni, teorie, sistemi socio-politici hanno imposto come essere. D’altra parte, quando si rinuncia a diventare seriali, si viene bollate - ‘Tu non sei una vera donna’- ed escluse dai luoghi di seppur fasulla condivisione. Mentre non è possibile che in una democrazia ci sia qualcuno che impone stereotipi di qualunque tipo ad altri». Tra gli esponenti del filone scientifico, Silvio Garattini, fondatore e direttore dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, tratterà un tema di grande pregnanza: l’invecchiamento cerebrale. «L’allungamento dell’attesa di vita a oltre 84 anni per le donne e 79 per gli uomini, in innalzamento di qualche mese ogni anno, e la forte diminuzione delle nascite, provocano un’anomalia nella popolazione»,  spiega lo scienziato. «Se prima eravamo rappresentati dalla piramide, con una larga base di giovani che andava via via assottigliandosi, ora - prosegue Garattini - lo siamo dal parallelepipedo, con una base di giovani e molte persone di più di 65 anni». La società, vale a dire, invecchia globalmente, c’è più fragilità in tutto, dunque anche nel cervello. La perdita senza riparo di neuroni, porta a demenze di vario tipo, da cui è afflitto più di un milione di italiani sopra gli 80 anni. «Per ora non esistono rimedi davvero efficaci - prosegue Garattini -. Lasciando da parte la predisposizione genetica, l’unico rimedio è la prevenzione. L’esercizio fisico e quello intellettuale, il mantenere interessi, sono fattori protettivi. Bisogna poi evitare l’isolamento, mantenere rapporti con la società. Chi fa questo ha meno probabilità di sviluppare forme di demenza». Last but not least, abbiamo chiesto ad Antonio Marras, quale rappresentante del filone artistico, la sua definizione di moda e dei rapporti di questa con le altre arti, su cui dialogherà con il critico d’arte Francesca Alfano Miglietti. «La moda è un viaggio nella metamorfosi - esordisce -. È legame con altri linguaggi, nuova forma di comunicazione. Il mondo della moda e quello dell’arte sono più convergenti che separati. Entrambi amano contaminazione, variazione, relazione, deragliamento, fusione. Solo da mescolanze di elementi eterogenei e linguaggi diversi possono nascere strade sempre nuove.  Metamorfosi, fluidità - prosegue Marras - sono la chiave di lettura del mio modo di vivere. Detesto ciò che è statico, forse per questo mi piacciono le onde e le isole circondate dalle onde che si allontanano e poi ritornano cariche di vita e di esperienza. Proprio da questa visione dell’esistenza, dal grande tema del nostos, dell’andar restando e portando la propria identità, credo nascano i miei sconfinamenti in territori altri, in apparenza molto lontani dalla moda, in realtà molto simili».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lo "Zoo" di  105,  è morto Leone Di Lernia

spettacoli

Lo "Zoo" di 105, è morto Leone Di Lernia - VIDEO

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar: così il Versace finisce per terra e lei si butta in piscina

come in un film

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar e si tuffa Video

Montalbano torna, supera i 10 milioni e fa il 40%

televisione

Montalbano, ritorno record: supera i 10 milioni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Arrestate due cittadine rumene

cittadella

Scippavano anziani: rom arrestate da un poliziotto fuori servizio

INCHIESTA

Alberi, sigilli a una casa famiglia per anziani. Tre indagati

da mantova a parma

Furto a un distributore, un moldavo in manette

autostrada

Incidente tra due camion a Fiorenzuola: code verso Fidenza

Consiglio comunale

Rifiuti e sicurezza: oggi Consiglio comunale Diretta dalle 15

opportunita'

Venti nuovi annunci per chi cerca un lavoro

Welcome day

Studenti Erasmus, benvenuti a Parma Fotogallery

L'ALLARME

Droga, a Parma ogni anno 400 segnalati alla Prefettura

3commenti

La traversata

Quei velisti con Parma nella cambusa

Mercati esteri

Sicim, tris di commesse per 200 milioni di dollari

Amarcord

Prati Bocchi, 67 anni di amicizia

meteo

Tornano pioggia, vento e neve sulle alpi

Langhirano

E' morto Pierino Barbieri

1commento

Scomparso

«Benito, come un padre per tanti di noi»

FOCUS

Monticelli? Mancano spazi per i giovani

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

il CASO

Dj Fabo ha morso il pulsante per il suicidio assistito

2commenti

TREVISO

Il Comune licenzia dipendente assenteista

SOCIETA'

caffè

A Milano lo Starbucks più grande d'Europa

comune

2200 anni della fondazione di Parma: ecco il logo di Franco Maria Ricci

SPORT

inghilterra

Ranieri: il tributo (mascherato) dei tifosi del Leicester Gallery

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia