-3°

Arte-Cultura

Bevilacqua: Parma perde un protagonista

Bevilacqua: Parma perde un protagonista
Ricevi gratis le news
0

Giuseppe Marchetti

Come un presagio: «Dio, impregnato di sale/naufrago di tutte/le rotte sbagliate,/mi si spacca/la lingua, ho le labbra/tagliate per tanto baciarti:/ ma tu per placare/questa sete non mi dai/che acqua di mare». Come un presagio davvero il destino non ha risparmiato il sale sulle ferite negli ultimi tempi, le discussioni, le malignità, i malumori familiari, la solitudine dell'ospedale, il bisogno di parlare e la scena muta del dolore. Alberto Bevilacqua se n'è andato col suo carico di amarezze e di orgoglio: lui scrittore di una Parma sempre sorvegliata, descritta con astuzia, riversa nei suoi umori lontani e vicini, e amatissima infine quale culla e tomba. Come una famiglia: la famiglia che ti alleva e poi ti abbandona e, nel guardarla di lontano, ne rimpiangi il calore, le rabbie, le dolcezze e ne rilevi semmai l'indignazione che fa parte dell'esilio. Ce l'ha insegnato Attilio Bertolucci col suo pendolarismo sentimentale: una specie d'amore senza contorni e senza ritorni. Negli anni Cinquanta Alberto Bevilacqua lascia Parma, dov'era nato nel 1934, e si trasferisce a Roma. Fa vita di cronista, s'impadronisce del mestiere che richiede fatica, lavoro, consumo di suole di scarpe. E intanto pensa alla sua città, se ne lascia crescere dentro un profilo che è, ad un tempo, di gloria e di condanna, resta fedelissimo alla madre, ne interpreterà sempre l'amore nascosto, la palese infelicità, la voce suadente, il respiro quasi di un'altra vita e la contemplerà viva nella morte che non arresta il loro colloquio. A Roma, Bevilacqua mette radici: il giornalismo non gli basta, è la vita di altri personaggi che semmai lo interessa. Nasce «La polvere sull'erba» ('55) dove già si notano i tempi di un concertato poetico vivacissimo. Ma è con «La califfa» del '64, che lo scrittore batte alla porta e chiede d'entrare. Nel recensire il romanzo pubblicato da Rizzoli, Giacinto Spagnoletti - un altro nome molto caro a Parma - parla di «un crudele esorcismo», tratto che connoterà tutta la vasta esperienza narrativa dello scrittore sino alle ultime pagine. Parlando di sé  Carlo Martini, confidava: «Parma  che ha avuto come sappiamo eccellenti poeti, non ha avuto fino al dopoguerra un vero narratore: cominciò - e assai bene - Mario Colombi Guidotti attorno al '50. Poi Colombi morì in un incidente automobilistico  e posso dire che mi passò delle consegne». Le consegne erano quelle di «Una città in amore» ('62) e de «L'Amicizia perduta» edito l'anno prima. Ma già si annunciava quel ponderoso blocco di romanzi che va da «Una scandalosa giovinezza» ('78) a «Il curioso delle donne» ('83), da «La festa parmigiana» ('80) a «Anima amante» ('96) in un crescendo di concretezze realistiche che sottendono  la favola, i fenomeni e le presenze paranormali, i luoghi dell'incanto e quelli della memoria, le tracce dell'epoca storica e il tema ovunque presente del doloroso disagio con cui lo scrittore fiuta la società malata del proprio tempo, il rischio del presente e le malinconie di un passato che si svuota via via di ideali e di aspirazioni. Non v'è argomento che Bevilacqua non affronti nei suoi romanzi: l'amore sta al centro, sempre, ma è quasi sempre un amore che si lascia tradire, che non ha contorni, che si pone come supplica, e spesso da tale tema trasuda un compiacimento formalistico al quale lo scrittore si abbandona per troppa confidenza.  Senza sosta e concedendosi ai ritmi di una scoperta modernità ricca d'infinite sfumature, Bevilacqua ha proceduto dentro il '900 italiano con un notevole carico d'autobiografismo e d'impressionismo legandosi ad una pattuglia di narratori (e poeti, e giornalisti di caratteri e di cronaca) che ha superato i facili impedimenti delle neoavanguardie e delle resistenti retroguardie impostando un canone narrativo che ora possiamo ricordare con i nomi, tra gli altri, di Ferruccio Parazzoli, Dacia Maraini, Gina Lagorio, Elio Bartolini, Carlo Sgorlon, Ferdinando Camon, Giuliano Gramigna e Antonio Altomonte. Ma Bevilacqua ci ricorda, da vero parmigiano, che oltre le origini (famiglia, patria, amicizie) esistono l'eros, l'indignazione civile, la  fantasticheria e l'occhio critico: specie di patrimonio di terra, di pace e di guerra che si ritrova nel processo della conoscenza, nei colloqui, nelle lettere, nei messaggi dei momenti belli e brutti del'esistenza. E qui l'amicizia ha fatto il suo corso, davvero. E noi possiamo ricordarlo così, «ragazzo sulla collina» come gli piaceva definirsi, «sulla salita dura/  col fiato grosso verso Langhirano», in quel viaggio ora finito dove «i sensi incantati» diventavano «viaggio misterioso» e il viaggio, a sua volta, l'inizio dell'avventura che dà senso alla vita. Alberto non poteva  non scrivere; il  romanzo e la poesia - come anche il cinema e la cronaca - erano la sua presenza più forte, il suo dire, il suo testimoniare, l'atto  d'esistere per un successo che, oltre che essere di popolarità, era coscienza d'interprete del proprio tempo, il suo far storia, insomma, per capitoli personali da indagare talvolta anche in modo crudo e impietoso. Oppure da recitare come una preghiera per il  padre lontano o assente, per la madre sofferente, per gli amici che vanno e vengono, per la morte che spariglia le compagnie Ha scritto: «quel tutto da niente che fui/ sotto il cantone buio, nel cerino/ che già bruciava la dita di mio padre/ lui cercando che nemmeno/ una goccia del suo seme cadesse/ nel ventre di mia madre:/ ma il cerino si spense/ al soffio di entrambi,/ e già io ero quel grido soffocato/ nel buio più buio,/ quel bruciore di polpastrelli,/ io già ero/ un figlio...». In questo tipo di pena e di rimorso si è consumata una vita e si è innestata un'opera letteraria cui ora la morte ha messo fine, ma il nostro addio ha sapore di profonda riconoscenza  per questo scrittore anomalo, erratico come il suo Po, terragno come il suo Verdi di passioni e di amori, magico come i segreti rapporti che uniscono i vivi ai morti. Così vogliamo ricordarlo. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

GAZZAFUN

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani l'inserto economia: focus sull'Ape Social

GAZZETTA

L'inserto economia: focus sull'Ape Social

Lealtrenotizie

Itis Berenini

PARMENSE

Un caso di meningite a Fidenza: si tratta di un professore dell'Itis Berenini

Il 60enne ha contratto una forma non contagiosa della malattia: non è prevista quindi una profilassi a scuola

REGIONE

Ambiente e problemi idrogeologici: 55 milioni di euro per Parma e Colorno

Intesa fra Regione e ministero dell'Ambiente

PARMA

Sorpreso su un'auto rubata, fa cadere un carabiniere e tenta la fuga: arrestato 41enne

A casa del pregiudicato albanese c'erano arnesi da scasso, profumi e cosmetici, probabilmente rubati

PARMA

I ladri fuggono a mani vuote: l'appartamento è già stato svaligiato 40 giorni fa

In via Orzi, una coppia sorprende un ladro in camera e lo fa fuggire

MEZZANI

Magazziniere rubava cosmetici in ditta: arrestato 28enne

Il giovane è stato condannato a un anno e sei mesi, con pena sospesa

VOLANTI

Chiede a un'anziana di custodire i suoi gioielli e la deruba

Una giovane, di corporatura robusta e con un trucco vistoso, è riuscita a entrare nell'appartamento di un'anziana in via Emilia est

BASSA

Alluvione, 5 giorni dopo: Colorno e Lentigione viste dal cielo Foto

Foto aeree di Fabrizio Perotti (Obiettivo Volare)

BRESCELLO

Si schianta al limite del coma etilico: denuncia e multa da 10mila euro per un 50enne parmense

Il giovane aveva un tasso alcolico di 5 volte superiore il limite consentito: per lui, addio a patente e auto

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

In lizza dieci gastronomie della città: la panetteria di via XXII Luglio si aggiudica la vittoria

7commenti

IL CASO

Invalida al 100%, con la pensione minima, si trova una retta Asp di 650 euro

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

LUDOPATIA

Gioco d'azzardo, allarme a Parma: spendiamo in media 1.525 euro a testa (neonati compresi)

4commenti

Tradizioni

I «castradòr» e il Natale nelle stalle

1commento

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

E giovedì c'è la partita con il Bari

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

APPENNINO

Il divano prende fuoco: muore un'anziana a Villa Minozzo

LIBANO

Diplomatica violentata e uccisa: arrestato un uomo

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

RICERCA

Matrimonio: per calabresi e siciliani è per sempre

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5

1commento