11°

29°

Arte-Cultura

Scrittori americani, un mito irresistibile

Scrittori americani, un mito irresistibile
0

Sergio Caroli

E' una memorabile galleria di ricordi, percorsi da istantanee che rapiscono il senso di un’intera epoca storica il volume «Chiamatemi Ismaele» che Marisa Bulgheroni, uno dei alacri interpreti della letteratura americana oltre che traduttrice (è anche autrice del romanzo «Un saluto attraverso le stelle»), ha affidato ai tipi del Saggiatore (pp. 256, euro 17,50). Vi si raccolgono e significano oltre cinquant'anni di vita letteraria negli Stati Uniti attraverso il resoconto degli incontri che l’autrice ha avuto con i suoi protagonisti.
A partire dal 1959, quando la giovane studiosa, poi docente di Letteratura americana in varie Università italiane, sbarcava a New York, per tuffarsi nelle strade di Manhattan, esplorare Greenwich Village in compagnia di Saul Bellow, visitare la Times Square di Kerouac, il Lower East Side di Ginsberg. Iniziava l’avventura che l’avrebbe portata a incontrare non solo gli stessi Bellow, Ginsberg, Kerouac, ma anche Baldwin, Ellison, Mailer, e narratrici di rango quali Carson McCullers, Grace Paley, Cynthia Ozick.
Professoressa Bulgheroni, perché ha scelto il melvilliano Ismaele a dare il titolo al suo libro?
Perché la mia scoperta della grande letteratura americana coincise con la lettura negli anni del liceo di «Moby Dick»  tradotto da Pavese. Quell'incipit «Chiamatemi Ismaele», così intimo e insieme così imperioso, sembrava rompere il silenzio della carta stampata. Con Ismaele varcai la linea che separa la quotidianità dall’avventura. L’immaginario divenne per me più reale del reale, perché rivelava zone più profonde e inaccessibili della realtà stessa. Nata in una città di lago, amavo il mare, le navi, i velieri; avevo sognato da bambina, incantata da certi film americani, di imbarcarmi come mozzo e il mitico oceano di Melville sapeva di sale. Ma a conquistarmi fu la novità di una letteratura in cui la barriera fra cose e parole sembrava non esistere. Identificandomi nel titolo con il personaggio di Ismaele - il testimone, il narratore - ho inteso trasmettere e quasi a mia volta, narrare i miei avventurosi percorsi nella letteratura americana. 
Lei ha avuto un lungo rapporto di amicizia con Saul Bellow. Come lo ricorda?
Al primo apparire Saul Bellow mi sembrò più che un romanziere americano il personaggio di un romanzo russo, inquieto, segnato da un destino irrevocabile. Poi parlandogli, fui colpita dalla sua consapevolezza del proprio ruolo, e insieme dall’ironia, dalla curiosità per gli altri. Era come se, mentre io lo intervistavo, lui intervistasse me con lo sguardo. Al di là della recitazione in cui ognuno di noi due era impegnato, nasceva una complicità, la voglia di scoprire chi fosse veramente l’altro dietro la maschera occasionale dell’incontro. Fu un’amicizia strana, intensa, giocosa, rinnovata ad ogni suo romanzo. Non mi perdonò mai di averlo catalogato, nel mio libro sul nuovo romanzo americano, tra i gli scrittori ebrei. E me lo ricordò quando mi regalò l’edizione americana de «Il dono di Humboldt» con la dedica «For Marisa from the prince of the Ghetto», firmandosi con il soprannome di un personaggio della cultura popolare ebraica. 
Baldwin, Ellison, Mailer: «Incontrarli fisicamente - lei scrive - sorprendendoli nella loro vita quotidiana, fu un’esperienza irripetibile nella sua intensità». Cosa li accomunava?
Li accomunava, diverso in ognuno, l’orgoglio di rappresentare il proprio tempo, di orientarlo. Per Ellison e Baldwin vitale era l’affermazione della loro identità di neri, del loro linguaggio fondato su una tradizione orale ancora poco studiata e poco conosciuta. Per Mailer scrivere romanzi significava continuare in altre forme più scoperte quella sotterranea guerra contro il potere che aveva con tanta fortuna narrato ne «Il nudo e il morto».
Lei scrive che il viaggio letterario di Kerouac le pare «simile a una corsa imprevedibile, non sulla strada, ma nel flusso infinitamente mutevole della lingua americana». Può esemplificare il concetto?
Kerouac è stato letto e idolatrato da milioni di lettori in tutto il mondo soprattutto per «On the road», la narrazione del suo folle viaggio negli immensi spazi americani. La sua leggenda si è fondata più sul suo dirompente vissuto che sulla lingua in cui l’ha raccontato. La sua fama è legata alla «beat generation» di cui fu l’inventore e meno alla sua singolare formazione di scrittore e alle sue riflessioni sulla lingua che - come teorizza nel breve saggio «Prosa spontanea» - «deve essere flusso ininterrotto di parole-idee personali e segrete, così come nascono dalla mente, un modulare il proprio fiato come farebbe un suonatore di jazz». Una ripresa dunque del monologo interiore di Joyce aggiornata al modello di improvvisazione del jazz.
Lei ha più volte incontrato Edmund Wilson, il principe dei critici letterari americani. Che cosa di lui l’ha maggiormente colpita?
Del grande, purtroppo oggi non abbastanza nominato Edmund Wilson, mi colpì nel corso degli anni, la paradossale umanità: ruvido e capace di simulata tenerezza, estraneo, come si dichiarava già a sessant'anni, al proprio tempo e insieme precursore dei nuovi sviluppi «etnici» della cultura americana, come l’interesse per gli indiani che lo spinse a scrivere nel 1959 «Dovuto agli irochesi». E anche, inatteso in un uomo della sua autorevolezza, un tocco di monelleria. A New York volle accompagnarmi in giro nei caffè e nei ristoranti «storici» della sua generazione e lo ricordo versarsi impunemente, in assenza della moglie, grandi bicchieri di whisky, mentre io gli facevo compagnia divorando deliziose coppe di gelato.
Chiamatemi Ismaele - Il Saggiatore, pag. 256, euro 17,50

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra sorrisi e prosciutti

televisione

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra enigmi e prosciutti!

Flavio  Insinna

Flavio Insinna

tv e polemiche

Insinna (e gli insulti): "Chiedo scusa a tutti, anche a chi mi ha tradito"

3commenti

Con la lingua e il chewing gum fa una tazzina di caffè Video

incredibile

Con la lingua e il chewing gum fa una tazzina di caffè 

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nasi rossi

PARMA

"Nasi Rossi" sabato in piazza Garibaldi fra gag e solidarietà Video

di Andrea Violi

Lealtrenotizie

Il vescovo a don Gregorio: «Lasci Roncole»

Busseto

Il vescovo a don Gregorio: «Lasci Roncole»

indagini

Pasimafi, il giallo dei pc rubati

FESTE

La serata di Bob Sinclar alla Villa degli Angeli Foto

WEEKEND

Maschere in piazza, clown e... Cantine aperte: l'agenda

DOPO SEI ANNI

Miss Italia torna a Salso

POLITICA

E adesso nasce anche «Effetto Langhirano»

Lutto

Addio a Erminio Sassi, anima della Fontanellatese

Elezioni 2017

Parlamentare M5S derubato non verrà a Parma: agorà su sicurezza e immigrazione con Ghirarduzzi

A Vittorio Ferraresi sono stati rubati i documenti prima di partire per Parma

Polemica

«Climatizzatori nei bagni Tep ma bus roventi»

Lega Pro

La Lucchese ai raggi X

SAN GIOVANNI

Il piccolo falco «Sandro» è caduto dal nido

Lutto

«Camelot» se n'è andato a 59 anni

Giancarlo Ghiretti fu protagonista nel rugby e nel football

9commenti

PARMA

Due incidenti in un'ora: due donne in gravi condizioni Foto

Anziana investita in via Pellico. Scontro bici-scooter in via Abbeveratoia: ferita una 60enne

3commenti

polizia

Esselunga di via Traversetolo nel mirino, ladri in azione pomeriggio e sera

4commenti

PARMA

Veicolo in fiamme: traffico in tilt in tangenziale nord alla Crocetta

GAZZAREPORTER

Parcheggio 2.0 in via Bergamo. Continua la serie di "creativi"

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

CINEFILO

Cannes: le lacrime di Lynch e la bellezza di Marine e Diane Video

ITALIA/MONDO

FERRARA

L'agente ferito da Igor racconta e si commuove: "Mi sono finto morto"

STATI UNITI

E' morto Brezinski, esperto di comunismo alla Casa Bianca

WEEKEND

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

SPORT

GIRO D'ITALIA

Dumoulin in ritardo a Piancavallo: maglia rosa a Quintana

BOXE

Parma riscopre il pugilato Video

MOTORI

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover

IL TEST

Tiguan, come prima più di prima