-0°

16°

Arte-Cultura

Scrittori americani, un mito irresistibile

Scrittori americani, un mito irresistibile
Ricevi gratis le news
0

Sergio Caroli

E' una memorabile galleria di ricordi, percorsi da istantanee che rapiscono il senso di un’intera epoca storica il volume «Chiamatemi Ismaele» che Marisa Bulgheroni, uno dei alacri interpreti della letteratura americana oltre che traduttrice (è anche autrice del romanzo «Un saluto attraverso le stelle»), ha affidato ai tipi del Saggiatore (pp. 256, euro 17,50). Vi si raccolgono e significano oltre cinquant'anni di vita letteraria negli Stati Uniti attraverso il resoconto degli incontri che l’autrice ha avuto con i suoi protagonisti.
A partire dal 1959, quando la giovane studiosa, poi docente di Letteratura americana in varie Università italiane, sbarcava a New York, per tuffarsi nelle strade di Manhattan, esplorare Greenwich Village in compagnia di Saul Bellow, visitare la Times Square di Kerouac, il Lower East Side di Ginsberg. Iniziava l’avventura che l’avrebbe portata a incontrare non solo gli stessi Bellow, Ginsberg, Kerouac, ma anche Baldwin, Ellison, Mailer, e narratrici di rango quali Carson McCullers, Grace Paley, Cynthia Ozick.
Professoressa Bulgheroni, perché ha scelto il melvilliano Ismaele a dare il titolo al suo libro?
Perché la mia scoperta della grande letteratura americana coincise con la lettura negli anni del liceo di «Moby Dick»  tradotto da Pavese. Quell'incipit «Chiamatemi Ismaele», così intimo e insieme così imperioso, sembrava rompere il silenzio della carta stampata. Con Ismaele varcai la linea che separa la quotidianità dall’avventura. L’immaginario divenne per me più reale del reale, perché rivelava zone più profonde e inaccessibili della realtà stessa. Nata in una città di lago, amavo il mare, le navi, i velieri; avevo sognato da bambina, incantata da certi film americani, di imbarcarmi come mozzo e il mitico oceano di Melville sapeva di sale. Ma a conquistarmi fu la novità di una letteratura in cui la barriera fra cose e parole sembrava non esistere. Identificandomi nel titolo con il personaggio di Ismaele - il testimone, il narratore - ho inteso trasmettere e quasi a mia volta, narrare i miei avventurosi percorsi nella letteratura americana. 
Lei ha avuto un lungo rapporto di amicizia con Saul Bellow. Come lo ricorda?
Al primo apparire Saul Bellow mi sembrò più che un romanziere americano il personaggio di un romanzo russo, inquieto, segnato da un destino irrevocabile. Poi parlandogli, fui colpita dalla sua consapevolezza del proprio ruolo, e insieme dall’ironia, dalla curiosità per gli altri. Era come se, mentre io lo intervistavo, lui intervistasse me con lo sguardo. Al di là della recitazione in cui ognuno di noi due era impegnato, nasceva una complicità, la voglia di scoprire chi fosse veramente l’altro dietro la maschera occasionale dell’incontro. Fu un’amicizia strana, intensa, giocosa, rinnovata ad ogni suo romanzo. Non mi perdonò mai di averlo catalogato, nel mio libro sul nuovo romanzo americano, tra i gli scrittori ebrei. E me lo ricordò quando mi regalò l’edizione americana de «Il dono di Humboldt» con la dedica «For Marisa from the prince of the Ghetto», firmandosi con il soprannome di un personaggio della cultura popolare ebraica. 
Baldwin, Ellison, Mailer: «Incontrarli fisicamente - lei scrive - sorprendendoli nella loro vita quotidiana, fu un’esperienza irripetibile nella sua intensità». Cosa li accomunava?
Li accomunava, diverso in ognuno, l’orgoglio di rappresentare il proprio tempo, di orientarlo. Per Ellison e Baldwin vitale era l’affermazione della loro identità di neri, del loro linguaggio fondato su una tradizione orale ancora poco studiata e poco conosciuta. Per Mailer scrivere romanzi significava continuare in altre forme più scoperte quella sotterranea guerra contro il potere che aveva con tanta fortuna narrato ne «Il nudo e il morto».
Lei scrive che il viaggio letterario di Kerouac le pare «simile a una corsa imprevedibile, non sulla strada, ma nel flusso infinitamente mutevole della lingua americana». Può esemplificare il concetto?
Kerouac è stato letto e idolatrato da milioni di lettori in tutto il mondo soprattutto per «On the road», la narrazione del suo folle viaggio negli immensi spazi americani. La sua leggenda si è fondata più sul suo dirompente vissuto che sulla lingua in cui l’ha raccontato. La sua fama è legata alla «beat generation» di cui fu l’inventore e meno alla sua singolare formazione di scrittore e alle sue riflessioni sulla lingua che - come teorizza nel breve saggio «Prosa spontanea» - «deve essere flusso ininterrotto di parole-idee personali e segrete, così come nascono dalla mente, un modulare il proprio fiato come farebbe un suonatore di jazz». Una ripresa dunque del monologo interiore di Joyce aggiornata al modello di improvvisazione del jazz.
Lei ha più volte incontrato Edmund Wilson, il principe dei critici letterari americani. Che cosa di lui l’ha maggiormente colpita?
Del grande, purtroppo oggi non abbastanza nominato Edmund Wilson, mi colpì nel corso degli anni, la paradossale umanità: ruvido e capace di simulata tenerezza, estraneo, come si dichiarava già a sessant'anni, al proprio tempo e insieme precursore dei nuovi sviluppi «etnici» della cultura americana, come l’interesse per gli indiani che lo spinse a scrivere nel 1959 «Dovuto agli irochesi». E anche, inatteso in un uomo della sua autorevolezza, un tocco di monelleria. A New York volle accompagnarmi in giro nei caffè e nei ristoranti «storici» della sua generazione e lo ricordo versarsi impunemente, in assenza della moglie, grandi bicchieri di whisky, mentre io gli facevo compagnia divorando deliziose coppe di gelato.
Chiamatemi Ismaele - Il Saggiatore, pag. 256, euro 17,50

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La musica non c'è in 23 versioni - I Masa

musica

"La musica non c'è" nelle 23 versioni dei Masa Video

Ignazio Moser

Ignazio Moser

DADAUMPA

Moser, dal GF a Parma: «Qui sto bene, ho tanti amici»

Biondo e Filippo riammessi nella scuola di Amici

televisione

Biondo e Filippo riammessi nella scuola di Amici, espulso Nicolas

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Nigeriano arrestato per detenzione materiale pedopornografico

(foto d'archivio)

carabinieri

Video pedopornografico sul cellulare: arrestato lui, denunciato l'amico che l'ha inoltrato

1commento

Criminalità

Borseggi, la paura viaggia sull'autobus

4commenti

FIDENZA

Voleva suicidarsi con una bombola di gas in auto: i carabinieri arrivano in tempo

1commento

IL CASO

Omicidio di Michelle, l'ex fidanzato «totalmente capace di intendere e volere»

2commenti

POLITICA

M5s, Ghirarduzzi replica a Pizzarotti: "Il suo è effetto cadrega"

WEEKEND

Bancarelle, musica e benedizioni degli animali: l'agenda della domenica

VIABILITA' E BUROCRAZIA

Strade pronte, ma restano chiuse

2commenti

LA STORIA

Aurora, 18enne con disabilità: «Nessun sogno è precluso»

2commenti

TORRILE

Fine dell'incubo per i vicini del piromane

SALUTE

Un test del sangue per otto tipi di tumore

Ko a Cremona

Anno nuovo, Parma vecchio

3commenti

Animali

«Delon sbaglia: non si uccide il proprio cane»

2commenti

PARMA

Oltretorrente: cori gospel in strada per contrastare lo spaccio Video

Iniziativa di "Oltretutto Oltretorrente" con il coro gospel Zoe Peculiar

10commenti

SERIE B

Cremonese-Parma 1-0: crociati sconfitti a pochi minuti dalla fine sotto gli occhi di Lizhang Foto Video

Nel primo tempo squadre equilibrate, poi i crociati calano. La Cremonese aumenta il pressing e fa gol con Cavion

9commenti

DIARIO DELLA TRASFERTA

"Tutti a Cremona!": quasi 2mila tifosi da Parma Foto Video

Uno dei pullman ha qualche problema al motore in autostrada ma riesce a raggiungere lo stadio di Cremona. Molti tifosi in auto

bologna

Cadavere su binari nel Modenese, traffico treni rallentato sulla Bologna-Piacenza

Tra stazioni Modena e Castelfranco, ritardi da 30 a 60 minuti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché Mattarella ha ragione sul voto

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Opinioni a confronto sui lupi

ITALIA/MONDO

praga

Rogo in hotel, l'attore Alessandro Bertolucci: "Salvo ma ho visto morire due persone"

kabul

Attacco all'hotel Intercontinental

SPORT

SCI

Schnarf, il podio che non t'aspetti

1commento

SERIE B

Cremonese-Parma 1-0: gli highlights della partita Video

SOCIETA'

MILANO

Sms ingiuriosi e diffamazione in un articolo, Sgarbi condannato

Turismo

Venezia, 1.100 euro di conto per 4 bistecche e una frittura di pesce

2commenti

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

NOVITA'

Gamma Fiat 500 Mirror, infotainment "allo specchio"