13°

31°

Arte-Cultura

Borghi, il colore diventa emozione

Borghi, il colore diventa emozione
0

Stefania Provinciali

 Una grande mostra al Chiostro del Bramante, a Roma, ripercorre la ricerca dentro la materia portata avanti negli anni da Alfonso Borghi. Trentaquattro opere di diverse dimensioni datate dal 2000 al 2013, di cui una decima inedite, testimoniano l’evoluzione che ha caratterizzato e fortificato la pittura dell’artista, quella stessa che trova le proprie ragioni in una origine informale, aperta alla gestualità espressionista, e giunta negli anni a toccare soluzioni personali e concrete in un rapporto aperto, in movimento, con la materia. E proprio «L’avvento della materia» è il titolo allusivo della proposta espositiva, realizzata col sostegno di Warrant Group e visibile fino al 29 settembre. Un primo riferimento può essere la Messa da Requiem, omaggio a Verdi del 2001, che mette in luce l’attenzione musicale dell’artista. L’immaginazione corre verso quelle sue divagazioni consequenziali nel colore e nella composizione materica che paiono abbandonarsi alle note del maestro fino a divenire «concreta» visione sul supporto. E’ questa una delle principali caratteristiche della pittura borghiana, quella cioè di agire fuori dall’immagine fino a renderla forma ideale utilizzando il colore, gli impasti, i materiali, mentre con mano sicura compone trame che si intersecano o si liberano sui piani della tela, si svolgono o si nascondono nei segreti di una piega, di una luce, di un groviglio seguendo il filo rosso che va pian piano delineando il racconto. Una caratteristica non certo facile da restituire all’occhio dello spettatore che di fronte a quell’opera non potrà non pensare alla musica, ad elementi sonori che l’autore ha colto col proprio sentire per poi restituirli ammantati di un rinnovato sentimento. E’ un primo approccio, una chiave di lettura che trova riscontro nel susseguirsi delle opere e dei temi. Tanti quelli affrontati da Borghi nel corso del tempo e destinati a cogliere dalla poesia, dai paesaggi, dai racconti, dai pensieri di autori più o meno celebri ma che gli permettono di attraversare la mente umana, quella degli altri e la sua, per portare nelle opere emozioni, sensazioni e non solo materia. Anzi, proprio la materia, si rivela mezzo, unico ed inconfondibile, per parlare attraverso le opere, per indurre alla sorpresa ed allo stupore, per suggerire come la mano e la mente dell’uomo possono comporre «note» sempre diverse. Dal 2000 al 2013 il percorso si fa così espressione di un acuto, dove gialli campi di grano si confrontano col blu del mare e l’Omaggio a Permeke dialoga con Gli anfratti le rovine e i boschi sotto le stelle di Shelley. Gioie e dolori, passioni e turbamenti, storia e storie si inseguono in un cammino artistico dove la materia va acquistando sempre più forza e solidità espressiva e se, un riferimento a Fautrier e Dubuffet, a Pollock e de Kooning appare necessario per un riesame storico di certe espressioni, tuttavia è fondamentale cogliere in Borghi quegli aspetti che guardando «oltre la storia», che ne caratterizzano la personale impronta. Così Alfonso Borghi nella sua identità pittorica si muove con naturalezza, trasformando il ruvido impianto materico che è alla base dell’opera in «opulenta corporeità» per riprendere il pensiero di Giovanni Faccenda, curatore della mostra romana, o meglio in corpo che esprime quei vibranti racconti a cui l’artista fa spesso riferimento, intesi come interpretazione di un attimo, di una emozione destinata a non andare perduta. I grumi, le trame, i fremiti, gli abbandoni e, sopra tutto, il pensiero, si fissano lì, dentro le composizioni, tutte tecniche mista su tela, senza compiacimenti, ma con la voglia di darsi al lettore, di offrire ciò che sta dentro la materia e dunque dentro l’animo. Borghi è così, un tutt’uno col suo agire pittorico. Quando dipinge nel luminoso studio di Campegine, si immerge in quella pittura; ci sono solo lui e la tela, la mente e la materia, fino a quando tutto è reso visione concreta. Dentro c’è la complessità dello scavare e dell’aggiungere, del combinare i colori, del delineare i moduli compositivi, dell’uscire o dell’aderire ai canoni della composizione fino a dare identità al racconto. Emerge l’animo padano, che tutto dà alla pittura e nulla toglie al sentire. Lo spettatore così non può fare a meno di rimanere affascinato, di entrare in quell’umano sentire e forse proprio per questo partecipa e sente il bisogno di scavare oltre l’immediatezza dell’immagine.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La domenica pomeriggio al Colle San Giuseppe

FESTE

Un pomeriggio al Colle... foto

Insinna social network

tv e polemiche

Insinna si vendica: «Il Tapiro censurato da Striscia»

1commento

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

SEMBRA IERI

Ruspe al lavoro nel laghetto del Ducale (1995)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«+50 no limits» Idee e proposte per i migliori anni

INIZIATIVE

«+50 no limits»: idee e proposte per i migliori anni

Lealtrenotizie

Secondo caso di tubercolosi al Rondani

PARMA

Secondo caso di tubercolosi al Rondani: studente ricoverato al Maggiore

Il ragazzo, minorenne, è in buone condizioni di salute

Parma

Una lettrice: "Stazione, un uomo nudo nel piazzale ma nessuno interviene"

8commenti

Parma

Auto fuori strada a Porporano: un ferito grave Foto

San Leonardo

Al matrimonio arrivano i carabinieri

7commenti

CASALTONE

Auto esce di strada e si ribalta: ferita una ragazza

Sorbolo

Cassaforte smurata, ladri a colpo sicuro

Furti

Vicofertile, gli abitanti vogliono i vigilantes

Criminalità

Salso, anziana rapinata: le rubano catenina e orologio d'oro

Lega Pro

Lucca? Parla Longobardi

Satira

Elezioni: i candidati nel mirino

3commenti

INCIDENTE

Scooter contro auto nel Piacentino: morto 29enne portato al Maggiore

L'EVENTO

Cantine aperte: il vino di Parma protagonista

Personaggio

Il pilota Leonardi: «Il rally mi ha salvato dal tumore»

COLLECCHIO

Furti e auto forzate nel parcheggio dell'EgoVillage: abitanti esasperati

PIETRA DI BISMANTOVA

Scivola sulla ferrata e resta appeso al cavo di sicurezza: ferito 25enne di Parma

MILANO

Assemblea di Parmalat su azione di responsabilità: Amber e Lactalis ai ferri corti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

Miss Italia, Salso saprà ricominciare?

di Leonardo Sozzi

ITALIA/MONDO

ROMA

L'addio di Totti, il capitano in lacrime abbraccia i figli: "Starei qui altri 25 anni" Foto

MONZA

Ragazza violentata per anni e sequestrata per punizione: 24enne in manette

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta - Verdure farcite per l’estate

Gazzareporter

"En passant", crepuscolo parmigiano

SPORT

FORMULA UNO

Doppietta Ferrari dopo 16 anni a Montecarlo. Gelo tra Vettel e Raikkonen

1commento

Montecarlo

La doppietta Ferrari è di quelle pesanti. Hamilton è il vero sconfitto (ma anche Raikkonen...)

MOTORI

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover