-2°

Arte-Cultura

Borghi, il colore diventa emozione

Borghi, il colore diventa emozione
Ricevi gratis le news
0

Stefania Provinciali

 Una grande mostra al Chiostro del Bramante, a Roma, ripercorre la ricerca dentro la materia portata avanti negli anni da Alfonso Borghi. Trentaquattro opere di diverse dimensioni datate dal 2000 al 2013, di cui una decima inedite, testimoniano l’evoluzione che ha caratterizzato e fortificato la pittura dell’artista, quella stessa che trova le proprie ragioni in una origine informale, aperta alla gestualità espressionista, e giunta negli anni a toccare soluzioni personali e concrete in un rapporto aperto, in movimento, con la materia. E proprio «L’avvento della materia» è il titolo allusivo della proposta espositiva, realizzata col sostegno di Warrant Group e visibile fino al 29 settembre. Un primo riferimento può essere la Messa da Requiem, omaggio a Verdi del 2001, che mette in luce l’attenzione musicale dell’artista. L’immaginazione corre verso quelle sue divagazioni consequenziali nel colore e nella composizione materica che paiono abbandonarsi alle note del maestro fino a divenire «concreta» visione sul supporto. E’ questa una delle principali caratteristiche della pittura borghiana, quella cioè di agire fuori dall’immagine fino a renderla forma ideale utilizzando il colore, gli impasti, i materiali, mentre con mano sicura compone trame che si intersecano o si liberano sui piani della tela, si svolgono o si nascondono nei segreti di una piega, di una luce, di un groviglio seguendo il filo rosso che va pian piano delineando il racconto. Una caratteristica non certo facile da restituire all’occhio dello spettatore che di fronte a quell’opera non potrà non pensare alla musica, ad elementi sonori che l’autore ha colto col proprio sentire per poi restituirli ammantati di un rinnovato sentimento. E’ un primo approccio, una chiave di lettura che trova riscontro nel susseguirsi delle opere e dei temi. Tanti quelli affrontati da Borghi nel corso del tempo e destinati a cogliere dalla poesia, dai paesaggi, dai racconti, dai pensieri di autori più o meno celebri ma che gli permettono di attraversare la mente umana, quella degli altri e la sua, per portare nelle opere emozioni, sensazioni e non solo materia. Anzi, proprio la materia, si rivela mezzo, unico ed inconfondibile, per parlare attraverso le opere, per indurre alla sorpresa ed allo stupore, per suggerire come la mano e la mente dell’uomo possono comporre «note» sempre diverse. Dal 2000 al 2013 il percorso si fa così espressione di un acuto, dove gialli campi di grano si confrontano col blu del mare e l’Omaggio a Permeke dialoga con Gli anfratti le rovine e i boschi sotto le stelle di Shelley. Gioie e dolori, passioni e turbamenti, storia e storie si inseguono in un cammino artistico dove la materia va acquistando sempre più forza e solidità espressiva e se, un riferimento a Fautrier e Dubuffet, a Pollock e de Kooning appare necessario per un riesame storico di certe espressioni, tuttavia è fondamentale cogliere in Borghi quegli aspetti che guardando «oltre la storia», che ne caratterizzano la personale impronta. Così Alfonso Borghi nella sua identità pittorica si muove con naturalezza, trasformando il ruvido impianto materico che è alla base dell’opera in «opulenta corporeità» per riprendere il pensiero di Giovanni Faccenda, curatore della mostra romana, o meglio in corpo che esprime quei vibranti racconti a cui l’artista fa spesso riferimento, intesi come interpretazione di un attimo, di una emozione destinata a non andare perduta. I grumi, le trame, i fremiti, gli abbandoni e, sopra tutto, il pensiero, si fissano lì, dentro le composizioni, tutte tecniche mista su tela, senza compiacimenti, ma con la voglia di darsi al lettore, di offrire ciò che sta dentro la materia e dunque dentro l’animo. Borghi è così, un tutt’uno col suo agire pittorico. Quando dipinge nel luminoso studio di Campegine, si immerge in quella pittura; ci sono solo lui e la tela, la mente e la materia, fino a quando tutto è reso visione concreta. Dentro c’è la complessità dello scavare e dell’aggiungere, del combinare i colori, del delineare i moduli compositivi, dell’uscire o dell’aderire ai canoni della composizione fino a dare identità al racconto. Emerge l’animo padano, che tutto dà alla pittura e nulla toglie al sentire. Lo spettatore così non può fare a meno di rimanere affascinato, di entrare in quell’umano sentire e forse proprio per questo partecipa e sente il bisogno di scavare oltre l’immediatezza dell’immagine.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

1commento

Rebel Circle al Be Movie

FESTE PGN

Rebel Circle al Be Movie Foto

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

"incidente"

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani speciale su cani, gatti & Co.

INSERTO

Oggi speciale su cani, gatti & Co. con la Gazzetta di Parma

Lealtrenotizie

Piazzale della Pace, stanziati i fondi per il secondo stralcio di lavori

tg parma

Piazzale della Pace, stanziati i fondi per il secondo stralcio di lavori. Come sarà Video

noceto

Provano con due "copioni" a truffare una 76enne: lei li fa arrestare

Montanara

Spettatore diplomato in primo soccorso salva calciatore durante la partita

1commento

Parma

Carabiniere blocca un ladro: «In divisa o no, prima viene il dovere»

1commento

FIDENZA

Non arrivava alla sua festa di compleanno: era morto d'infarto

elezioni

Salvini a Parma: "La flat tax per rimettere soldi nelle tasche degli italiani"

BEDONIA

Furto all'agriturismo La Tempestosa

1commento

Lutto

Addio a padre Simoncini, ultimo gesuita di Parma

incidente

Pedone investito a Ramiola

60 anni di legge Merlin

Le ragazze salvate dalla tratta

Viabilità

Colorno, verifiche ai ponti dopo la piena

BORGOTARO

Addio ad Arnaldo Acquistapace

1commento

parma calcio

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

Malmesi a Bar Sport: "Abbiamo fatto la nostra offerta per il Centro sportivo di Collecchio".

3commenti

elezioni

Scuole seggio, chiuse dal 3 al 6 marzo. Per universitari fuorisede trasporti con tariffe agevolate

PARMA

Renzi: "Da noi proposte concrete, dagli altri invenzioni"

8commenti

Via MAMELI

Rubano alcolici per rivenderli ai ragazzi: arrestato 27enne marocchino, fuggito il complice Video

Il malvivente è stato fermato da un carabiniere libero dal servizio

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Tajani l'europeista incubo di Salvini

di Vittorio Testa

1commento

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

ITALIA/MONDO

San Polo d’Enza

Il “Grande fratello” incastra la banda dei salumi: denunciati in sei

1commento

modena

Colpì una 15enne col manganello, chiesto processo per poliziotto

2commenti

SPORT

SPORT

Il ritorno del "Biscione" in Formula Uno: ecco l'Alfa Romeo C37 Foto

Altri sport

Il mondo della pallanuoto piange Roberto Gandolfi

SOCIETA'

musica

Dopo quasi 30 anni tornano i primi dischi in vinile della Sony

roma

Via vai di calvi in negozio: droga nascosta nei bigodini, arrestato parrucchiere

MOTORI

MOTORI

Mazda CX-5 subito amici: il Suv dal feeling immediato

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto