-3°

Arte-Cultura

Camminare per sentirsi più liberi e spirituali

Camminare per sentirsi più liberi e spirituali
Ricevi gratis le news
0

Frédéric Gros, professore di filosofia politica all’Université Paris-XII e all’Institut d’études politiques di Parigi, ci offre con «Andare a piedi. Filosofia del camminare» (Garzanti, pagg. 227, euro 14,90) un libro assai originale che va alle fonti del fascino di quel semplice gesto che è il camminare in quanto espressione di senso di libertà, di crescita interiore e di scoperta.
In scrittura di ariosa levità e densa di «esprit» sono rievocate, insieme alle biografie, le passeggiate di Kant nei giardini d Königsberg, le peregrinazioni del giovane Rousseau da Annecy a Torino, da Parigi à Chambéry, le escursioni di Nietzsche sulle montagne dell’Engadina, le uscite quotidiane di Thoreau nelle foreste intorno al lago di Walden, i percorsi iniziatici di Gandhi dalla natura alla civilizzazione, i vagabondaggi di Proust, alimento a suoi quadri e alle sue meditazioni.
Letteratura storia filosofia e semplice vita quotidiana si fondono in un «unicum» percorso dal delicato sentire dell’autore.
Uscito in Francia nel 2009, «Marcher, une philosophie» è stato pubblicato in sei paesi.
Professor Gros, quali esperienze personali l’hanno indotta a scrivere un saggio filosofico sul senso del camminare?
Ho scoperto, più di vent'anni fa, quasi nello stesso momento, la camminata e la filosofia: i piaceri intensi dell’escursione e le grandi soddisfazioni della speculazione. Per lungo tempo queste due attività erano rimaste per me distinte, separate. Solo più tardi mi sono reso conto che almeno un elemento le accomunava. Queste due pratiche sono ritenute noiose, ed esigono uno sforzo continuo, pazienza e coraggio. La gioia è legata ogni volta al superamento della difficoltà. D’altra parte, sia la filosofia che il camminare esplorano un enigma definitivo: quello della nostra presenza, a noi stessi, agli altri e al mondo.  
Perché ritiene che andare a piedi faccia assaporare la libertà meglio di qualunque viaggio?
In filosofia, si ha l’abitudine di impiegare il concetto di libertà nella sua dimensione politica o morale. Il problema della libertà è posto per lo più nel suo rapporto con la legge e con le necessità naturali. Camminando, si fa l’esperienza di una libertà diversa. La libertà avvertita nel camminare è una libertà come distacco: ci si sbarazza delle sollecitazioni sociali, delle connessioni tecniche. Ci si ritrova spiritualmente sollevati dall’esser separati da tutto ciò che ci rendeva la vita più facile! Camminare ci innalza al vertice di un sentimento di vivere semplice, immediato. E’ la libertà come esperienza di un immenso decongestiamento dell’esistenza. Il sentimento di presenza diviene più consistente e più trasparente.
Perché scrive che «camminare non è uno sport»?
E' incontestabile che la marcia a piedi costituisce un’attività fisica impegnativa e che non si possono affrontare escursioni un po' lunghe senza un solido allenamento fisico. Quando scrivo che «camminare non è uno sport» è soprattutto per dire che la sua finalità è anzi tutto qualitativa. Lo sport è pretesto per cerimonie mediatiche immense dove si accalcano i cosumatori di marchi e d’immagini. Il denaro lo pervade per immiserire gli animi, la medicina per costruire corpi artificiali. Scegliere percorso significa invece scegliere anzi tutto un paesaggio. Non vi è la ricerca di performance. Nello sport solo il risultato conta: una cifra, un punteggio.
La passeggiata è un motivo costante nell’esistenza e nella meditazione di Nietzsche e di Kant. In che cosa differiscono?
Gli stili di marcia di Kant e di Nietzsche sono molto diversi, e fino a un certo punto rivelatori della loro filosofia. Kant s'impose «une promenade quotidienne» , in un giardino pubblico, con una regolarità ed una disciplina impressionanti. Nietzsche aveva bisogno dell’aria pungente e viva delle montagne. Trovava nel movimento di ascesa e nella solitudine un’ispirazione superiore. Kant camminava per riposarsi dal pensare, Nietzsche camminava per pensare.  Rousseau disse che camminando era padrone delle proprie fantasie e assolutamente sicuro dei propri sogni, mentre le sue ultime camminate hanno un carattere diverso.
  Si ritrovano due grandi esperienze di questa natura in Rousseau. All’alba e al crepuscolo della sua carriera. Camminare può essere in effetti conquista o nostalgia. Le camminate di gioventù nelle Alpi sono energiche e gloriose. Tutto appariva possibile, e camminare è aprire, scoprire sentieri. Il movimento delle sue ultime peregrinazioni, nelle foreste d’Ermenonville, è diverso: si tratta di tenersi lontano dalle agitazioni del mondo, e di trovare nella dolcezza lenta del procedere le condizioni di una riconciliazione con se stesso e con il proprio passato.
Perché lei scrive che flâner (andare a zonzo) è tipico del mondo moderno?
Ogni camminata è legata a un’estetica. L’escursionista solitario s'abbandona alla contemplazione di paesaggi grandiosi e fa l’esperienza della natura selvaggia e sublime. L’andare a zonzo è contemporaneo del gigantismo delle grandi città; è testimone delle concentrazioni urbane del XIX secolo. Esso trabocca di incontri poetici, dovuti al caso di intrecci multipli. Il flâneur è legato a un’estetica dello choc e dell’artificio. Non è più l’Hugo delle «Contemplations», è il Baudelaire dei «Petits poèmes en prose». Perché il flâneur è sovversivo?
 Il flâneur è sovversivo perché nel mondo moderno, segnato dall’affarismo e dalla ricerca del profitto, afferma la superiorità dell’ozio. La prospettiva è inattesa, ironica. Fa sorgere bellezze gratuite dallo spettacolo di una società alienata dalla ricerca dell’utile.
Andare a piedi.
Filosofia del camminare - Garzanti, pag. 227,  euro 14,90
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

GAZZAFUN

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani l'inserto economia: focus sull'Ape Social

GAZZETTA

L'inserto economia: focus sull'Ape Social

Lealtrenotizie

Itis Berenini

PARMENSE

Un caso di meningite a Fidenza: si tratta di un professore dell'Itis Berenini

Il 60enne ha contratto una forma non contagiosa della malattia: non è prevista quindi una profilassi a scuola

REGIONE

Ambiente e problemi idrogeologici: 55 milioni di euro per Parma e Colorno

Intesa fra Regione e ministero dell'Ambiente

PARMA

Sorpreso su un'auto rubata, fa cadere un carabiniere e tenta la fuga: arrestato 41enne

A casa del pregiudicato albanese c'erano arnesi da scasso, profumi e cosmetici, probabilmente rubati

PARMA

I ladri fuggono a mani vuote: l'appartamento è già stato svaligiato 40 giorni fa

In via Orzi, una coppia sorprende un ladro in camera e lo fa fuggire

MEZZANI

Magazziniere rubava cosmetici in ditta: arrestato 28enne

Il giovane è stato condannato a un anno e sei mesi, con pena sospesa

VOLANTI

Chiede a un'anziana di custodire i suoi gioielli e la deruba

Una giovane, di corporatura robusta e con un trucco vistoso, è riuscita a entrare nell'appartamento di un'anziana in via Emilia est

BASSA

Alluvione, 5 giorni dopo: Colorno e Lentigione viste dal cielo Foto

Foto aeree di Fabrizio Perotti (Obiettivo Volare)

BRESCELLO

Si schianta al limite del coma etilico: denuncia e multa da 10mila euro per un 50enne parmense

Il giovane aveva un tasso alcolico di 5 volte superiore il limite consentito: per lui, addio a patente e auto

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

In lizza dieci gastronomie della città: la panetteria di via XXII Luglio si aggiudica la vittoria

7commenti

IL CASO

Invalida al 100%, con la pensione minima, si trova una retta Asp di 650 euro

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

LUDOPATIA

Gioco d'azzardo, allarme a Parma: spendiamo in media 1.525 euro a testa (neonati compresi)

4commenti

Tradizioni

I «castradòr» e il Natale nelle stalle

1commento

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

E giovedì c'è la partita con il Bari

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

APPENNINO

Il divano prende fuoco: muore un'anziana a Villa Minozzo

LIBANO

Diplomatica violentata e uccisa: arrestato un uomo

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

RICERCA

Matrimonio: per calabresi e siciliani è per sempre

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5

1commento