22°

Arte-Cultura

Archivio, scrigno magico del Regio

Archivio, scrigno magico del Regio
1

Lucia Brighenti
Analizzando i retroscena di un teatro, si possono ricostruire stralci di un’epoca, illuminando aspetti sociali e politici nascosti dietro alla macchina dello spettacolo. È il caso del libro di Silvia Cariati, «Calcolando dagli applausi. Il teatro ducale di Parma nell’età di Maria Luigia», che con un’indagine minuziosa tra i documenti dell’Archivio Storico del Regio ha ricostruito venti anni di storia del tempio della lirica cittadino, dall’anno di fondazione, il 1829, al 1849. «Del Teatro Ducale, macchina complessa e sfaccettata, si è cercato di riconoscere i meccanismi di funzionamento oltre che la sua ragion d’essere, artistica e non meno sociale e politica» spiega nell’introduzione l’autrice. Ne esce l’immagine di un teatro molto attivo, con un numero di giorni di apertura che si aggiravano tra i 169 e i 251 l’anno, e spettacoli che iniziavano alle sette di sera per finire all’alba, anche se la quantità non garantiva sempre la qualità. Ad alternarsi sul palcoscenico erano stagioni liriche (la più importante quella di carnevale, cui si aggiungevano quelle più brevi di primavera e d’autunno), animate da compositori di moda come Rossini, Bellini, Donizetti, Mercadante e da qualche figura minore, e spettacoli di prosa. Si trattava quindi di un vero e proprio investimento, che per la metà gravava sul bilancio dello stato, poiché il costo dei biglietti veniva mantenuto basso. In particolar modo, un biglietto per il loggione costava meno di un chilo di pane. Il teatro, spiega la Cariati, oltre che una passione di Maria Luigia (che non perdeva occasione per organizzare accademie musicali cui lei stessa partecipava in veste di esecutrice) era considerato un «collante sociale, luogo dove i più deboli, quando riescono ad accedervi, cercano e trovano consolazione e dove la corte sente certificata la propria appartenenza, sotto il controllo vigile della censura, della polizia e di Sua Maestà». «Maria Luigia – prosegue l’autrice – si avventura nei giardini della lirica e della drammatica non sospinta da suggestioni prosaicamente economiche. La sovrana compie un investimento, ricostruzione e gestione del Ducale, perché torni a profitto sul piano di un’etica politica, sociale e culturale. Dunque un investimento benefico, che, ovviamente, non può non avere risvolti anche economici». È anche vero, spiega la Cariati, che erano comunque pochi a potersi permettere di acquistare un biglietto, per quanto a basso prezzo, e quindi esso rimaneva privilegio di una piccola parte della cittadinanza. Il libro analizza nel dettaglio organizzazione e gestione degli spettacoli ducali, passa in rassegna in ordine cronologico le stagioni teatrali, per poi concludere con gli aspetti più strettamente economici (in appendice vengono riportate, tra l’altro, tabelle con i prezzi dei biglietti per ogni anno e le uscite ed entrate dell’amministrazione). Tra le righe di questo lavoro, densamente documentario, escono ritratti coloriti di personaggi e situazioni: dal rituale della lamentatio dell’impresario che «sottolinea quotidianamente le ingenti perdite subìte per i più svariati motivi, la sua innocenza per l’insuccesso di una stagione, l’impossibilità di reperire cantanti migliori di quelli da lui scritturati e, soprattutto, non manca di chiedere dilazioni e risarcimenti o di esigere un aumento della dote per coprire almeno il deficit della stagione passata», al pubblico di Parma descritto dall’impresario Andrea Bandini come «pubblico cupo e fedele [...] un popolo facile ad accalorarsi, travagliato e pieno di una sinistra inclinazione musicale»; dalla rivalità amorosa tra due cantanti che litigano sino a mordersi e vengono portate in prigione, alla cura degli abbassamenti di voce dei cantanti con le sanguisughe; si riscoprono poi fatti noti e meno noti della storia di Parma, come la venuta di Niccolò Paganini chiamato a riformare (senza successo) l’Orchestra Ducale e la diserzione del teatro da parte dei parmigiani nel 1831, manifestazione di dissenso nell’anno dei moti. In appendice, una scelta di brani tratti dai rapporti serali redatti dall’ispettore del Ducale, il conte Senesio del Bono, che offrono un affresco completo della vita teatrale. Il testo è arricchito da un bell’apparato iconografico, costituito in gran parte da documenti e manifesti conservati alla Casa della Musica e da litografie a colori tratte dalla Civica raccolta delle stampe Achille Bertarelli (conservata al Castello Sforzesco di Milano) che rappresentano figurini, immagini di scena, ritratti e scenette di vita in teatro. Il libro (pubblicato da Grafiche Step editrice, in collaborazione con Istituzione Casa della Musica, 2013, 245 pagine, 50  euro) sarà presentato domani alle 17, al Ridotto del Regio. Dialogheranno con l’autrice Carlo Fontana, amministratore esecutivo del Teatro Regio di Parma, Marco Capra, presidente dell’Istituzione Casa della Musica, Giacomo Jori, docente dell’Università della Valle d’Aosta, e l’imprenditore Paolo Marzotto.
Calcolando dagli applausi - Grafiche Step, pag. 245, euro 50,00
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • serenella

    26 Settembre @ 13.45

    Ero alla presentazione: quante banalità da parte dei relatori! E la lezioncina di storia della musica... Questo libro aggiunge davvero poco a quanto si sapeva già, ma costa ben 50 euro. Chi l'ha pagato???

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Settimana di grandi classici. Con grandi sorprese Video

gazzarock

musica

Premio Gazzarock, la sfida comincia: vota il tuo artista preferito

Bar Refaeli  è di nuovo incinta

gossip

Bar Refaeli è di nuovo incinta

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il pane: domani uno speciale di otto pagine

OGGI

Il pane: uno speciale di otto pagine

Lealtrenotizie

Marito e moglie trovati morti in casa a Felegara: omicidio-suicidio?

dramma

Marito e moglie trovati morti in casa a Felegara: omicidio-suicidio?

I corpi senza vita ritrovati dai figli in camera da letto

TESTIMONIANZA

Lucia Annibali: «Vi racconto la mia nuova vita»

1commento

Il caso

Telecamere in tilt non «vedono» le auto rubate

5commenti

elezioni 2017

Salvini torna a Parma: "Per sostenere la candidatura della Cavandoli"

Pronto soccorso

Cervellin: «Mancano medici per l'emergenza»

1commento

Salso

Auto a fuoco: movente passionale?

PARMA CALCIO

Faggiano e la B: «Ci proviamo»

gazzareporter

Auto ad incastro: scene da via Palermo Foto

2commenti

gastronomia etnica

La start-up che mette in tavola il talento delle donne Foto

carabinieri

Maxi-sequestro di armi da guerra nel Parmense: volevano rubare anche la salma di Enzo Ferrari

I nomi dei sette parmigiani della banda

8commenti

Luzzara

Cade per un malore: 42enne muore il giorno dopo il matrimonio

Delicato intervento al cervello al Maggiore di Parma: Barbara Cocconi, barista, ha lavorato a Montecchio, Boretto, Brescello

CALCIO

80 anni fa nasceva Bruno Mora

INTERVISTA

Musica Nuda e «Leggera»

Consiglio comunale

In arrivo riduzioni per Cosap, dehor e tassa sui rifiuti

Spaccatura Pd, Torreggiani contro Dall'Olio

10commenti

Londra

Gemellini borgotaresi salvano la vita alla mamma

1commento

salumi da re

Norcini e salumieri a raduno a Polesine. Sfida al "panino teen-ager"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

5commenti

EDITORIALE

Brexit, ci siamo. E non sarà indolore

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

traffico

Scontro pullman-tir sul raccordo tra l'A1 e l'A14: 40 feriti

Bode

Furto del secolo a Berlino? Rubata moneta d'oro da guinness dei primati

1commento

SOCIETA'

roma

Omofobia, Shalpy: "Sputi e insulti per strada: un trauma"

nostre iniziative

«Parma 360»: uno speciale sul festival

SPORT

LEGA PRO

Gubbio-Parma 1-4 , gli highlights video

Amichevole

La Nazionale batte l'Olanda

MOTORI

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa

innovazione

La Fiat 500 adesso si può noleggiare su Amazon