Arte-Cultura

Archivio, scrigno magico del Regio

Archivio, scrigno magico del Regio
1

Lucia Brighenti
Analizzando i retroscena di un teatro, si possono ricostruire stralci di un’epoca, illuminando aspetti sociali e politici nascosti dietro alla macchina dello spettacolo. È il caso del libro di Silvia Cariati, «Calcolando dagli applausi. Il teatro ducale di Parma nell’età di Maria Luigia», che con un’indagine minuziosa tra i documenti dell’Archivio Storico del Regio ha ricostruito venti anni di storia del tempio della lirica cittadino, dall’anno di fondazione, il 1829, al 1849. «Del Teatro Ducale, macchina complessa e sfaccettata, si è cercato di riconoscere i meccanismi di funzionamento oltre che la sua ragion d’essere, artistica e non meno sociale e politica» spiega nell’introduzione l’autrice. Ne esce l’immagine di un teatro molto attivo, con un numero di giorni di apertura che si aggiravano tra i 169 e i 251 l’anno, e spettacoli che iniziavano alle sette di sera per finire all’alba, anche se la quantità non garantiva sempre la qualità. Ad alternarsi sul palcoscenico erano stagioni liriche (la più importante quella di carnevale, cui si aggiungevano quelle più brevi di primavera e d’autunno), animate da compositori di moda come Rossini, Bellini, Donizetti, Mercadante e da qualche figura minore, e spettacoli di prosa. Si trattava quindi di un vero e proprio investimento, che per la metà gravava sul bilancio dello stato, poiché il costo dei biglietti veniva mantenuto basso. In particolar modo, un biglietto per il loggione costava meno di un chilo di pane. Il teatro, spiega la Cariati, oltre che una passione di Maria Luigia (che non perdeva occasione per organizzare accademie musicali cui lei stessa partecipava in veste di esecutrice) era considerato un «collante sociale, luogo dove i più deboli, quando riescono ad accedervi, cercano e trovano consolazione e dove la corte sente certificata la propria appartenenza, sotto il controllo vigile della censura, della polizia e di Sua Maestà». «Maria Luigia – prosegue l’autrice – si avventura nei giardini della lirica e della drammatica non sospinta da suggestioni prosaicamente economiche. La sovrana compie un investimento, ricostruzione e gestione del Ducale, perché torni a profitto sul piano di un’etica politica, sociale e culturale. Dunque un investimento benefico, che, ovviamente, non può non avere risvolti anche economici». È anche vero, spiega la Cariati, che erano comunque pochi a potersi permettere di acquistare un biglietto, per quanto a basso prezzo, e quindi esso rimaneva privilegio di una piccola parte della cittadinanza. Il libro analizza nel dettaglio organizzazione e gestione degli spettacoli ducali, passa in rassegna in ordine cronologico le stagioni teatrali, per poi concludere con gli aspetti più strettamente economici (in appendice vengono riportate, tra l’altro, tabelle con i prezzi dei biglietti per ogni anno e le uscite ed entrate dell’amministrazione). Tra le righe di questo lavoro, densamente documentario, escono ritratti coloriti di personaggi e situazioni: dal rituale della lamentatio dell’impresario che «sottolinea quotidianamente le ingenti perdite subìte per i più svariati motivi, la sua innocenza per l’insuccesso di una stagione, l’impossibilità di reperire cantanti migliori di quelli da lui scritturati e, soprattutto, non manca di chiedere dilazioni e risarcimenti o di esigere un aumento della dote per coprire almeno il deficit della stagione passata», al pubblico di Parma descritto dall’impresario Andrea Bandini come «pubblico cupo e fedele [...] un popolo facile ad accalorarsi, travagliato e pieno di una sinistra inclinazione musicale»; dalla rivalità amorosa tra due cantanti che litigano sino a mordersi e vengono portate in prigione, alla cura degli abbassamenti di voce dei cantanti con le sanguisughe; si riscoprono poi fatti noti e meno noti della storia di Parma, come la venuta di Niccolò Paganini chiamato a riformare (senza successo) l’Orchestra Ducale e la diserzione del teatro da parte dei parmigiani nel 1831, manifestazione di dissenso nell’anno dei moti. In appendice, una scelta di brani tratti dai rapporti serali redatti dall’ispettore del Ducale, il conte Senesio del Bono, che offrono un affresco completo della vita teatrale. Il testo è arricchito da un bell’apparato iconografico, costituito in gran parte da documenti e manifesti conservati alla Casa della Musica e da litografie a colori tratte dalla Civica raccolta delle stampe Achille Bertarelli (conservata al Castello Sforzesco di Milano) che rappresentano figurini, immagini di scena, ritratti e scenette di vita in teatro. Il libro (pubblicato da Grafiche Step editrice, in collaborazione con Istituzione Casa della Musica, 2013, 245 pagine, 50  euro) sarà presentato domani alle 17, al Ridotto del Regio. Dialogheranno con l’autrice Carlo Fontana, amministratore esecutivo del Teatro Regio di Parma, Marco Capra, presidente dell’Istituzione Casa della Musica, Giacomo Jori, docente dell’Università della Valle d’Aosta, e l’imprenditore Paolo Marzotto.
Calcolando dagli applausi - Grafiche Step, pag. 245, euro 50,00
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • serenella

    26 Settembre @ 13.45

    Ero alla presentazione: quante banalità da parte dei relatori! E la lezioncina di storia della musica... Questo libro aggiunge davvero poco a quanto si sapeva già, ma costa ben 50 euro. Chi l'ha pagato???

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

maria chiara cavalli 1

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

Lady Gaga: soffrodi disturbi psichici

RIVELAZIONE

Lady Gaga: soffro di disturbi psichici

1commento

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Daniele Faggiano è il nuovo direttore sportivo del Parma

lega pro

Daniele Faggiano è il nuovo direttore sportivo del Parma Video

7commenti

Funerale

Sorbolo: rose bianche e musica per l'addio a Ilaria Bandini

Terremoto

Nuova scossa in Appennino: magnitudo 2.2

Epicentro vicino a Solignano e Terenzo

Anteprima Gazzetta

Massimo Barbuti è il nuovo allenatore del Fidenza Video

martorano

Incornato da un toro: grave allevatore

tg parma

Travolto a Lemignano: Mihai Ciju resta gravissimo Video

Funerale

"Ciao Lorenzo, ora vivi nella serenità": commosso addio al 15enne di Salso

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

Unità di crisi

Legionella: la causa del contagio forse individuata entro fine dicembre

A gennaio la relazione finale sull'epidemia. Nuovi controlli sui malati

1commento

ANALISI

Le incognite del Pd parmigiano: referendum e resa dei conti

10commenti

COLLECCHIO

Scoppia il caso delle cartelle del Consorzio di bonifica

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Matricole

Università, aumentano gli iscritti a Parma: +12,7% Video

comune

Piano neve: oltre un milione e mezzo di euro e 225 mezzi pronti a partire

All'opera 110 tecnici e spalatori

5commenti

q.re Pablo

Multa a una 78enne invalida, per i rifiuti si affidava ad un vicino

La denuncia della Cgil: “Serve più attenzione per le fasce deboli della popolazione”

36commenti

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

9commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

napoli

Stava per essere buttato nella spazzatura: neonato salvato

ROBOTICA

Con il "guanto" hi-tech i quadriplegici mangiano da soli

SOCIETA'

lettere

Cane ucciso da un cacciatore: "Terribile e inaccettabile"

televisione

Gabriele: da Medesano alla finale a L'eredità

SPORT

Formula Uno

Zanardi: "Il ritiro di Rosberg mi ha stupito moltissimo"

Formula uno

Fernando Alonso non andrà alla Mercedes

ECONOMIA

istat

Un italiano su 4 a rischio povertà: ecco a cosa si rinuncia

fiere

Cibus “Connect”: ecco come sarà