-2°

Arte-Cultura

Hollywood, il buio dietro le luci

Hollywood, il buio dietro le luci
0

Elissa Piccinini
E' scanzonato, sardonico, caustico e soprattutto politicamente scorretto. Molto scorretto. Non ha peli sulla lingua, ma anzi prova un robusto piacere a far piovere fango sul pluristellato mondo hollywoodiano e sul suo indotto. Lui («ça va sans dir») è James Ellroy, lo scrittore che ha raccontato il cuore nero di L.A. con più odio (ma anche con più amore) di qualsiasi altro. La sua ultima prova narrativa, «Ricatto» (Einaudi, pp. 78, euro 10,00), è un corrosivo, sarcastico divertissement che ha come protagonista-narratore un certo Freddy Otash, ex poliziotto corrotto nell’America degli Anni Cinquanta, un ricattatore che gestiva una rete di spionaggio volta a raccogliere informazioni su tradimenti e intrighi delle celebrità, poi divenuto investigatore privato e fonte ben remunerata della rivista scandalistica «Confidential» («folle Magna Carta della nostra epoca drogata e fregata», «Santo Graal di una generazione sconvolta»). Ma lo statuto di questo narratore d’eccezione (già personaggio dei romanzi «Sei pezzi da mille» e «Il sangue è randagio» nonché ispiratore di alcuni passaggi del capolavoro ellroyano «L.A. Confidential») è in questo caso assolutamente sui generis. Ellroy, infatti, con gusto beffardo   ne fa un’anima purgatoriale, che, rinchiusa nella Cella 2607 dell’Istituto di Pena del Purgatorio dei Perversi, nel Braccio degli Sconsiderati Scassafamiglie, riceve rimproveri, provocazioni e soprattutto roventi pungolate nel sedere con attizzatoi incandescenti dalle sue ex vittime terrene.
In purgatorio, racconta Freddy, «sei intrappolato nel corpo che avevi sulla terra nel momento in cui sei morto. Da mangiare c’è solo cibo da aereo (classe economica). Niente alcol, niente intrighi, niente donne». Un vero inferno (ops, scusate, purgatorio!), insomma, per questo artista dell’estorsione la cui vita ruotava proprio attorno ad alcol, intrighi e donne. I Guardiani purgatoriali hanno però promesso a Otash che in cambio di una sua confessione e del suo pentimento potrà riottenere il corpo che aveva negli anni Cinquanta, a patto di entrare in contatto telepatico con un certo «scrittore terrestre di nome James Ellroy» e di rivelargli tutti i suoi segreti.  Ma, convinto da fiamme e forconi, alla fine Freddy accetta lo scambio telepatico ed ecco che Ellroy e Otash fondono le loro menti e un fiume di fango comincia a scorrere travolgendo nomi illustri del «jet set» hollywoodiano anni Cinquanta. Da Liz Taylor, Marilyn Monroe e Ava Gardner a Ingrid Bergman, Katharine Hepburn e Jackie Kennedy, da Montgomery Clift, James Dean e Robert Mitchum a JFK, Burt Lancaster e Fritz Lang, ogni nome è infangato, investito da uno tsunami di depravazione e laidume. E così il povero Otash, così primitivamente corrotto e corrompibile, col suo adamantino credo criminale  finisce col sembrare un angioletto, a confronto col disvelamento di una cotale abiezione morale dilagante (per quanto poi, si scoprirà, un omicidio a sangue freddo l’ha pur commesso anche lui e la cosa ancora lo tormenta). Il gioco ellroyano è, in definitiva, virulento e divertente, così brutalmente schietto da non mostrare neppure una smagliatura di forzata mistificazione.
Ellroy è sarcastico e «turpiloquente», scanzonato e venefico, e questo «Ricatto» è quanto di più gustosamente ellroyano ci si possa aspettare. Il gioco metanarrativo fra l’Ellroy scrittore/autore e l’Ellroy personaggio/scrittore che condivide parole e racconto col narratore Freddy Otash in una «collaborazione cancerogena» adrenalinica ed esasperata è stuzzicante e non affettato. E così, mentre i lettori più attenti agli aspetti stilistici e tecnici dei testi  possono sicuramente divertirsi ad attribuire e distribuire ruoli e funzioni letterarie,  gli altri   lettori possono ammirare  la grottesca beffa narrativa (e quanto di boccaccesco vi si potrebbe ritrovare!)  e  rimanere storditi e stupefatti di fronte allo smascheramento di piaghe morali suppuranti che contaminano icone hollywoodiane in odore di santità massmediatica (il suo «secchio del fango» lo definisce Otash). La struttura narrativa, dunque, si rivela meccanismo ben oliato e la lettura scorre con brio e leggerezza, sferzata da frustate di trivialità linguistica.  E così nell’attesa del nuovo romanzo di Ellroy, «Perfidia» (nel 2014 per  Einaudi) godiamoci questo «Ricatto».
Ricatto - Einaudi, pag. 78, euro 10,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

La viadanese Gaia in finale a X Factor

talento

La viadanese Gaia in finale a X Factor

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

4commenti

Polemica

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

7commenti

WEEKEND

Bancarelle, spongate, cioccolato: gli appuntamenti a Parma e provincia

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Traffico

Pericolo nebbia questa mattina nel Parmense Traffico in tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

Gazzareporter

Un sabato gelido con la nebbia

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

SANITA'

Allarme a Corcagnano: «Non toglieteci i medici»

IL CASO

Spray urticante, ennesimo caso in discoteca

E' accaduto mercoledì al Campus Industry

3commenti

Parma che vorrei

Mutti: «Bisogna smettere di essere egoisti»

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

9commenti

Intervista

Rocco Hunt: «Sono un po' meno buono»

MECCANICA

Wegh Group, in Bolivia la ferrovia made in Parma

ALLARME

Ladri scatenati: raffica di furti in città nelle ultime ore Video

7commenti

Solidarietà

Il pranzo per i poveri raddoppia

cinema

Il DomAtoRe di RaNe al cinema Astra

La proiezione del documentario su Lorenzo Dondi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Draghi, nessun favore ma due messaggi

di Aldo Tagliaferro

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

ITALIA/MONDO

Terremoto

Appennino: scossa magnitudo 2.8 nel Bolognese

Gran Bretagna

I gioielli di famiglia (reale): e Kate indossa la tiara di Diana

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

IL RICORDO

Trent'anni senza Bruno Mora

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

3commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti