11°

22°

Arte-Cultura

Il criminale che vinse alla lotteria

Il criminale che vinse alla lotteria
Ricevi gratis le news
0

Francesco Mannoni

Martin Amis, scrittore e saggista inglese, è uno di quegli uomini a cui non difetta una certa spregiudicatezza professionale con la quale arricchisce la sua vita e quella dei suoi personaggi. La sua ostentazione è misura di un cinismo che lascia scorrere nelle pagine come una sorta di nettare indispensabile alla crescita umana, e lo fa anche nel suo ultimo libro, «Lionel Asbo. lo stato dell’inghilterra» (Einaudi). Così lo spiega: «La storia che racconto è quella di un criminale violento che però non ha successo nella malavita. A un certo punto vince alla lotteria 140 milioni di sterline, ed è sbalzato da una vita di emarginato a quella di una grande celebrità piena di lussi e frivolezze. Il suo contraltare è il nipote Desmond che riscatta un po’ la storia di questa famiglia disfunzionale. Desmond ha una storia d’amore con la nonna (vicenda squallida, ma siamo in un ambiente di emarginati) che ha 24 anni più di lui. Alla fine il personaggio cattivo, Lionel, scopre questa tresca, elabora una terribile vendetta che però fallisce e la storia si conclude con il cattivo che torna in prigione mentre il ragazzo trova la redenzione da una vita abietta attraverso l’istruzione e l’amore».

L’intento del suo romanzo è rappresentare varie facce dell’Inghilterra: una miserabile in cerca di riscatto, l’altra con la solita supponenza che non maschera del tutto il suo egoismo sociale?

«Nei miei romanzi non descrivo mai un’unica classe sociale: mi concentro sulle società molto ricche o molto povere, proprio per evidenziare le differenze. In ogni libro metto sempre dei contrasti, il bene e il male, il buono e il cattivo, e scrivendo questo libro mi resi conto che accanto a Lionel dovevo mettere un personaggio - il nipote -, che in qualche modo fosse l’alter ego della sua cattiveria. E qui la difficoltà: il personaggio buono non attira l’attenzione. I cattivi escono dalla pagina con forza e potenza, ma la bontà è uno zero sentimentale che è difficile far risaltare. Nello scrivere questo libro sapevo come rappresentare la cattiveria di Lionel e la grande sfida per me è consistita nel riuscire a trasmettere la bontà del nipote Desmond».

Nel suo libro, le classi sociali più povere appaiono in cerca di un riscatto. Ma in che cosa possono trovarlo ora che anche l’ideologia comunista che a lungo ha alimentato tante speranze del proletariato è fallita, e la religione non è più seguita come una volta?

«L’unica via d’uscita a questo punto è l’istruzione e l’educazione. Nelle settimane che ho trascorso accanto a Tony Blair al tempo in cui era al governo con il nuovo partito laburista, la politica era basata su tre parole: istruzione, istruzione, istruzione».

 In Inghilterra la democrazia fornisce a tutti le stesse opportunità? 

«Le opportunità non sono uguali per tutte le classi. Tutto dipende dal denaro e la parità non esiste. L’America e l’Inghilterra vanno di pari passo da questo punto di vista e direi che la situazione è preoccupante e paragonabile a quella esistente ai tempi della prima guerra mondiale. Entrambi i paesi sembrano non riuscire a dare pari opportunità a tutte le classi sociali creando anche disastrose sperequazioni economiche. Gli americani tagliano le tasse ai più ricchi: è una cosa che farebbe ridere qualsiasi altro paese del mondo, e questo non fa che dimostrare quanta irrazionalità ci sia nella società americana». 

Perché nel mondo di oggi tutti ambiscono al famoso quarto d’ora di celebrità?

«La fama e la celebrità sono la nuova religione del mondo occidentale. Però per lo scrittore la fama è una specie di effetto collaterale indesiderato ma inevitabile della propria attività. É qualcosa che serve per attirare i lettori: e questo è il mio unico obiettivo, perché uno scrittore non esiste senza un pubblico. É una parte un po’ nevrotica della nostra esistenza, una specie di malattia professionale. Il desiderio e l’avidità della fama è qualcosa di maligno».

 La gente come Lionel può cambiare con l’istruzione?

«Il personaggio di Lionel è al di là di ogni possibilità di redenzione. Tutta la responsabilità del riscatto morale se la prende suo nipote che si sviluppa ed esce da un mondo di marginalità. Come in Dickens i personaggi cattivi sono puniti dalla mano di Dio perché gli accade qualcosa di terribile, e i buoni trovano giustizia». 

Qual è il ruolo dello scrittore in un mondo volgare come quello che ha descritto nel suo libro?

«Il ruolo dello scrittore sta nell’educare il lettore. Lo scrittore è come un insegnante, anche se non trasferisce ad altri nozioni e informazioni ma cerca di migliorare il loro modo di concepire la vita. Leggendo scrittori come Nabokov o Bellow ho provato questa sensazione e ciò mi ha dato la possibilità di vedere un mondo più colorato.

 

Lionel Asbo. Lo stato dell’InghilterraEinaudi, pag. 305  20,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rolling Stones: gli highlander del rock

Il concerto

Stones: immortali! (Jagger canta in italiano)(Le polemiche)

Platinette, rovinosa caduta giù dalle scale

tv

Platinette, rovinosa caduta dalle scale al "Tale quale Show" Video

Claudia Schiffer festeggia 30 anni di carriera con un libro  Foto

MODA

Claudia Schiffer festeggia 30 anni di carriera con un libro Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La parola all'esperto

ECONOMIA

Torna "La parola all'esperto". Inviate i vostri quesiti

Lealtrenotizie

Pizzarotti: «Parma insicura? Non è colpa degli immigrati ma dei criminali»

Stranieri

Pizzarotti: «Parma insicura? Non è colpa degli immigrati ma dei criminali»

49commenti

Attacco dell'opposizione

«La sindaca di Felino si dimetta»

3commenti

Laguna gialloblù

L'«Imperatore» di Venezia

l'agenda

Funghi e non solo: una domenica di sagre e tesori segreti da scoprire

SALSO

Ladri cercano di entrare in una villetta

CERIMONIA

Due nuovi diaconi, vite nel nome del Signore

soccorso alpino

Andar per funghi in sicurezza: il vademecum

CONCERTO

Nada incanta al Colombofili

NEVIANO

Palestra rinnovata, scolari in festa

PARCO DUCALE

Nella serra piccola del Giardino il «posto delle viole»

calcio

Tommaso Ghirardi torna allo stadio: segue il Brescia con Cellino

L'ex presidente del Parma è tornato al Rigamonti per la prima volta dopo il crac

7commenti

serie B

Riscatto in trasferta per il Parma: Di Cesare firma la vittoria per 1-0 sul Venezia Foto Video

Vittoria preziosa per i crociati, che salgono a 9 punti. Lucarelli fra i migliori in campo. Per i padroni di casa è la prima sconfitta

8commenti

CALCIO

D'Aversa: "Un risultato importante. Abbiamo preso fiducia nel secondo tempo" Video

L'allenatore commenta la vittoria del Parma sul Venezia

2commenti

incidenti

Camion perde tubo, auto schiacciata: quattro feriti Foto

Schianto in viale Villetta: in tre all'ospedale

1commento

carabinieri

Giallo a Guardasone: arsenale in un dirupo

MONTAGNA

E' stato trovato il fungaiolo disperso nel Bardigiano

Il 72enne è stanco ma in buone condizioni di salute

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

L'omaggio a Verdi: un dovere e un piacere

di Francesco Monaco

CONTROLLI

Autovelox, autodetector, speedcheck: la mappa della settimana

ITALIA/MONDO

Germania

Elezioni: vince la Merkel, estrema destra in Parlamento

Terracina

Caccia italiano precipita in mare: trovato il corpo del pilota Video

2commenti

SPORT

Il caso

Sport e popstar Usa in ginocchio contro Trump. Lui ai tifosi: "Boicottateli"

Ciclismo

Sagan, leggendario tris mondiale con dedica a Scarponi

1commento

SOCIETA'

liceo Marconi

I «ragazzi della 5ª C» (parmigiani) si ritrovano 30 anni dopo Gallery

il caso

Arabia Saudita, la prima volta delle donne allo stadio

3commenti

MOTORI

LA NOVITA'

Al volante della nuova Volvo XC60. Ecco come va

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery