17°

32°

Arte-Cultura

Bodoni, civiltà e raffinatezza

Bodoni, civiltà e raffinatezza
Ricevi gratis le news
0

 Pubblichiamo un intervento del Presidente della Fondazione Museo Bodoniano di  Parma.

 
La mostra «Giambattista Bodoni. Principe dei tipografi nell’Europa dei Lumi e di Napoleone»  nasce da lontano, da un progetto ideato da Andrea De Pasquale, già direttore tra il 2008 e i primi del 2012 della Biblioteca Palatina e del Museo Bodoniano, poi continuato dallo stesso in piena sinergia con l’attuale direttore della Biblioteca e del Museo, Sabina Magrini, e reso possibile grazie al contributo di Fondazione Cariparma. Insieme alla Biblioteca Palatina e alla Soprintendenza per i Beni Artisti e Storici che ospitano nei propri spazi prestigiosi la esposizione, hanno collaborato alla co-organizzazione della manifestazione la Fondazione Museo Bodoniano e la Fondazione Cariparma: istituti di natura diversa che contribuiscono ciascuno secondo le proprie funzioni all’impresa di illustrare ad un pubblico più ampio possibile l’importanza dell'artista sublime che ha reso grande la storia della tipografia italiana nel mondo. La Fondazione Cariparma con la generosità consueta nei confronti delle iniziative di grande rilevanza ospitate in città, ha curato, inoltre, gli aspetti gestionali del progetto. 
Dal canto loro, il Museo, la Biblioteca e la Galleria hanno lavorato fianco a fianco, nell’ambito della diverse competenze di ciascuno, con l’intento comune di rendere al meglio - in un contesto prestigioso quale la Galleria Petitot e i Saloni Neoclassici della Galleria Nazionale - l’atmosfera degli anni in cui Bodoni visse e operò, gli interlocutori eccellenti a cui fu legato, le edizioni straordinarie che seppe concepire e commercializzare. Il fascino che esercitano ancora oggi la figura e l’opera di Bodoni è tale, tuttavia, che non mi è stato difficile come Presidente della Fondazione Museo Bodoniano, chiamare a raccolta, a contribuire a sostenere economicamente il progetto, anche numerose altre forze: la Agfa, la Fedrigoni e la Photocity.it in primis che interpretano in diversi campi dell’arte della stampa, della carta e della editoria digitale il gusto bodoniano per il Bello tipografico; il Centroffset, la Coppini Arte Olearia, la Macrocoop e la Meverin che testimoniano il sapere imprenditoriale del territorio, la Ascom e la agenzia assicurativa Coscelli Fornaciari della Reale Mutua nonché la stessa Gazzetta di Parma. Numerosi poi sono gli enti patrocinatori della mostra: la Provincia, il Comune e la Camera di Commercio di Parma nonché l’Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia Romagna.  Non solo. 
L'attualità della figura di Bodoni fa sì che intorno alla mostra e per tutto il periodo della mostra si siano organizzate una serie di attività ed eventi collaterali quali la Rassegna Fedrigoni Top Award 2013 in cui la cartiera leader nel mondo, proprietaria anche delle cartiere Fabriano, organizza l'esposizione dei lavori grafici vincitori e selezionati del premio Fedrigoni, giunto all'ottava edizione. 
I lavori vengono selezionati da una Giuria Internazionale appositamente costituita, sono realizzati con le carte Fedrigoni e suddivisi in categorie dedicate all'Editoria, alla Comunicazione Corporate al Packaging di pregio, alla Stampa Digitale e saranno in esposizione nei Voltoni del Guazzatoio dall'8 al 13 ottobre e durante tutti i fine settimana di ottobre. E ancora il convegno «Il segno italiano. Moderno per tradizione» (29-30 novembre al Teatro Regio di Parma), organizzato dall’Osservatorio Permanente Giovani-Editori assieme a Fondazione Cariparma: Bodoni fu infatti uno dei primi ad esportare il suo brand in tutte le più importanti nazioni europee della sua epoca. Per non parlare, infine, delle svariate iniziative avviate dalla Consulta Grafici del Gruppo Imprese Artigiane nell'ambito dell'Unione Parmense degli Industriali e dal mondo della scuola. Il contributo pubblico ha interessato, invece, una parte sostanziale delle diverse attività che hanno preceduto l’allestimento della mostra nel processo di valorizzazione della figura di Bodoni che la Biblioteca Palatina e il Museo Bodoniano hanno avviato negli ultimi anni. In particolare, stando a quanto comunicatomi dall'attuale direttore della Biblioteca e del Museo, tra il 2008 e il 2012 si è proceduto alla catalogazione delle edizioni bodoniane e degli strumenti tipografici appartenuti all’officina di Bodoni e ora proprietà della Biblioteca Palatina, alla digitalizzazione di una parte di esse e del carteggio nonché al restauro del patrimonio fusorio con un cospicuo impegno da parte della Biblioteca Palatina (fondi provenienti perlopiù dall' otto per mille dell’Irpef per il 2011) e da parte del Museo Bodoniano (finanziamenti ministeriali e privati). La Biblioteca Palatina ha attualmente in corso la implementazione della teca digitale che ospiterà il frutto di questo immenso lavoro di catalogazione e digitalizzazione insieme a diverse altre banche dati contenenti descrizioni e immagini dei materiali conservati nell’Istituto. 
L’obiettivo della teca è naturalmente quello di rendere fruibili in rete, a titolo gratuito, immagini a buona risoluzione del patrimonio manoscritto e a stampa della Biblioteca corredate da informazioni bibliografiche e integrate, ove possibile, con altre risorse digitali pertinenti presenti in Internet grazie alla collaborazione con altri istituti di ricerca e conservazione italiani e stranieri. A tal fine, ad esempio, la Biblioteca Palatina con il Museo Bodoniano ha stipulato nel 2013 una convenzione con l’Università di Salamanca per la realizzazione, insieme, della Biblioteca Bodoni, un portale dedicato alla figura del grande stampatore. La Biblioteca Bodoni è stata presentata per la prima volta al pubblico il 19 settembre scorso a Madrid. 
È un lungo percorso quello che ho descritto brevemente sin qui, mirato a dare nuovo slancio al Museo Bodoniano che certamente merita di essere annoverato tra i più importanti musei della stampa in Europa, accanto al Museo Plantin Moretus ad Anversa e al Museo Gutenberg a Magonza. In quest'ottica è stato anche approvato e registrato il nuovo statuto della Fondazione Museo Bodoniano nella primavera di quest'anno. Esso ribadisce la stretta coesione tra la Biblioteca Palatina e il Museo facendo coincidere la figura del direttore pro tempore dell'una e dell'altro; al contempo, prevedendo la possibilità di individuare all'occorrenza anche la figura di un direttore scientifico può avvantaggiarsi di una pluralità di apporti qualificati. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Il Parma si presenta: sotto la Nord cori e festa per la squadra e le nuove maglie

tardini

Il Parma si presenta: sotto la Nord cori e festa per la squadra e le nuove maglie

Faggiano: "Matri, abbiamo il sì del giocatore ma il Sassuolo se lo vuole tenere"

stadio tardini

Una "passione" lunga 40 anni: i Boys e i ricordi in mostra Gallery

serie B

Sondaggio: vi piace il tris di maglie del Parma?

terrorismo

Rischio attentati, la Prefettura: barriere e new jersey a feste e mercati

1commento

meteo

Da giovedì ancora caldo torrido: arriva Polifemo Video

1commento

furti

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

Anteprima gazzetta

Traversetolese eroe salva la vita ad un uomo che stava annegando

INCHIESTA

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

12commenti

rapina

Piazza Garibaldi, ore 21: rapina con il coltello

3commenti

Tragedia

Cade in montagna, muore l'urologo Poletti

1commento

tg parma

Parma, Matri ad un passo: sì del giocatore, oggi nuovo incontro Video

calcio

Parma, oltre 7.200 abbonamenti. In attesa del colpaccio

corte godi

Furgone in fiamme: e l'incendio rischia di estendersi ai balloni

Furti

Due assalti in dieci giorni alla scuola Sanvitale

TRA FEDE E ARTE

Viaggio inedito nel Duomo «invisibile» Foto

tragedia

Barca prende fuoco e affonda nel Po, 65enne muore annegato Video

La vittima, Marco Padovani, era di Trecasali

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

Monterosso

Ventenne muore cadendo da un muraglione alle Cinque Terre

istruzione

Fedeli: "Favorevole a portare la scuola dell'obbligo a 18 anni"

SPORT

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

motori

La Ferrari rinnova il contratto con Raikkonen

SOCIETA'

usa

Tumore ovaie: risarcimento, J&J pagherà altri 417 milioni per "talco killer"

il caso

Anziano accusato di pedofilia. E il paese si spacca

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti