12°

22°

Arte-Cultura

Fanciulle delicate, mistero e poesia

Fanciulle delicate, mistero e poesia
Ricevi gratis le news
0

 Manuela Bartolotti

Sono donne bambine quelle di Ludmila Kazinkina, sperdute in stanze o spazi grigi senza sogni a denunciare solitudini e silenzi che però risuonano nella mente di chi osserva come gridi ossessivi. L’artista nativa di Kaluga (Russia) ha iniziato a farsi conoscere a Parma alcuni anni fa in occasione dell’anno della cultura russa in Italia (2010), per approdare poi nel 2011 a Palazzo Pigorini, Padiglione emiliano della Biennale di Venezia. Ora inaugura (da oggi al 31 ottobre) un’esposizione a Pechino, quindi a Bangkok, nella sperduta e affascinante cittadina di Salekhard (Russia), ad Hanoi in Vietnam e a Mumbai in India, sempre seguita dalla Sabiana Paoli Art Gallery di Singapore che ha riconosciuto in lei non solo il talento, ma l’attualità e la capacità di veicolare il messaggio del riscatto femminile in un mondo di soprusi e sopraffazioni, di violenze psicologiche e fisiche. Le grandi tele sono percorse da atmosfere ovattate, sfumature tenui, foschie delicate ma dense di voci interiori, sussurri antichissimi, respiri di una terra che è madre, è vita, proprio come la donna. E come la donna ugualmente ferita. In questi ampi e apparenti vuoti, ridondanti di pensieri e vibranti emozioni, le fanciulle di Kazinkina si stringono nella loro gracilità, oppure s’adagiano a una terra feconda di cui condividono umori ed energia vitale. E quasi sempre ci guardano fisso negli occhi. In quello sguardo c’è tutta la forza della femminilità. Ci sono millenni di pazienza e coraggio, celati dietro il corpo fragile e violato. Nella solitudine queste creature portano solo fili o gomitoli rossi che le legano alla speranza, a ricordi felici di amori da tessere, per rivestirvi la nudità della vita. Oppure hanno compagni animali, miti cani, teneri conigli, lievi rondini e corvi insolitamente mansueti. Essi sono come «daimon» che incarnano spiriti guardiani o anime fuggitive, sogni altrimenti invisibili. Nei quadri di Ludmila sono celate leggende russe, storie in cui bene e male si confondono, dove nel corpo della donna e nel suo sguardo s’intravedono tutti i destini dell’umanità. Allora queste figure così aggraziate e vulnerabili, dalle grandi teste sproporzionate su corpi infantili e lievi, rivelano a un’osservazione non superficiale una forza profonda, ancestrale. Nelle ultime opere poi, quelle in mostra a Pechino, pare esservi una presa di coscienza e una determinazione fin a ora solo ambita. Se prima c’era un ritrarsi, un cercare, un assimilare quell’energia dalla terra e dalla propria intimità, ora c’è un affermarsi. Il corpo magro è percorso da un fremito che fa intuire lo scatto, la reazione, le mani non trattengono più il filo rosso come un cordone ombelicale di speranza, ma l’impugnano come un’arma, oppure s’abbandonano nell’acqua di uno stagno trasparente e fiorito. C’è una ritrovata armonia, la consapevolezza di una perfetta bellezza. Le donne quasi trasparenti di Kazinkina sono come cristalli, fragili ma durissime, incarnazioni di quel paradossale e irresistibile, arcano connubio mente/cuore, ragione e emozione proprio dell’anima slava. 
Fanno altresì pensare alle grandi ballerine russe, leggere, piene di grazia e insieme d’energia modulata in gesti impeccabili. In silenzio, senza nessuno sforzo obbligano a guardarsi dentro. Quegli occhi chiari sono specchi e insieme feritoie sul limitare dell’anima. I suoi quadri s’animano sotto il velo dell’apparenza lasciando percepire, oltre una quasi claustrofobica quiete, le frequenze sotterranee del dolore e dell’amore affioranti da profondità, da «abissi di femminilità» (titolo dell’ultima mostra) che difficilmente gli uomini riescono a sondare, a raggiungere senza perdersi. Ecco dunque per chi è l’altro capo del gomitolo, come il filo di Arianna. 
Le donne di Ludmila vogliono condurci all’essenza, all’inizio di tutto. Ma vi riesce solo chi si abbandona senza paura. E’ la paura che genera il male, l’offesa. E’ lei a recidere la corda sottile che guida laggiù dove ci attende un abbraccio di terra e di luce. Una materna pace. Questa di Ludmila è l’autentica donna, l’eterno femminino ritrovato in un’arte raffinatissima, come un sussurro che dentro si fa vento e scuote le instabili impalcature dei pregiudizi, sradica le suggestioni e le costruzioni mentali maschili, il retaggio di secoli. Basta l’eloquenza di uno sguardo chiaro, basta la grazia con la quale è offerta la verità. Anche questo dicono le sue opere. L’urto, la violenza non sono della donna. Lei non spezza. Ma unisce, crea sempre. Crea la vita. E la vita è donna. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: in passerella anche "lui", il bello di Parma (1996)

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Ari Berlin volo radente

Düsseldorf

Ultimo volo: il pilota sfiora la torre di controllo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

via repubblica

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

Parma calcio

Sorpresa! Trezeguet va a salutare Crespo

2commenti

Guastalla

Sequestrati 3 quintali di dolci mal conservati: erano destinati anche al Parmense

La Municipale ha sequestrato un autocarro di un cittadino indiano che lavora per una ditta mantovana

Anteprima Gazzetta

Anziani scippati, danni devastanti

Le anticipazioni della Gazzetta del direttore Michele Brambilla

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

3commenti

Borgotaro

Auto ribaltata sulla fondovalle a Ostia Parmense: un ferito

E' intervenuto anche l'elicottero del 118

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

2commenti

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

Nello stabilimento di Torrile

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

22commenti

Regione

Punti nascita, bagarre in Aula: salta il numero legale

Le opposizioni: "Ripensare la decisione su Borgotaro"

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

tg parma

Nessuna squalifica per d'Aversa. Closing societario il 3 novembre? Video

2commenti

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: guarda le gallery dei finalisti

4commenti

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le scuse scomparse in un mondo incivile

di Roberto Longoni

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

chiesa

Smentite le voci sulla salute di Papa Ratzinger

2commenti

MILANO

Arrestato il geometra "re dei trans"

SPORT

CHAMPIONS

La Juve soffre e vince, la Roma strappa il pari in casa del Chelsea

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

SOCIETA'

SPAZIO

AstroPaolo fotografa nube marrone sulla Pianura Padana

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»