10°

Arte-Cultura

Prato, laboratorio del Rinascimento

Prato, laboratorio del Rinascimento
Ricevi gratis le news
0

Pier Paolo Mendogni

Se Firenze è stata la culla del Rinascimento, Prato ne è stato il laboratorio sperimentale in cui si sono esercitati Donatello, Paolo Uccello, Filippo e Filippino Lippi e altri artisti. Data d’inizio 1428 quando sono stati chiamati Donatello e Michelozzo per costruire nell’angolo destro della facciata della Pieve (oggi Duomo) il pulpito da cui mostrare la Sacra Cintola, la preziosa reliquia della cintura della Madonna – un nastro di lana caprina intessuto di fili d’oro – portata nel 1141 da un pellegrino dalla Terra Santa e conservata in una cappella affrescata da Agnolo Gaddi.
E Donatello stupiva i pratesi scolpendo nelle lastre marmoree una danza sfrenata di angioletti con palesi richiami all’antichità. Prato, che allora non aveva il titolo di città, trovava qui la spinta – sostenuta dai ricchi mercanti – per iniziare a trasformare e qualificare la propria identità sul piano urbanistico e culturale chiamando a lavorare artisti di prestigio e diventando un vivace centro da cui uscivano soluzioni innovative. Questo felicissimo momento storico-artistico viene brillantemente documentato nella mostra intitolata «Da Donatello a Lippi. Officina pratese», curata da Andrea De Marchi e da Cristina Gnoni Mavarelli (come il bel catalogo edito da Skira), allestita fino al 13 gennaio 2014 a Prato nel Museo di Palazzo Pretorio, splendido edificio riaperto al pubblico dopo sedici anni. Donatello (1386-1466) ha lasciato a Prato un’altra opera che apre il percorso espositivo: una terracotta con un’architettura all’antica che ospita la Madonna in trono con il Bambino e ai lati due angeli, caratterizzata da una leggera e frusciante mobilità di panneggi e da una dinamica rifrazione della luce, che segna una svolta rispetto a Ghiberti. Sorprendente l’iconografia della creazione di Eva che, uscita da Adamo, vola tra le braccia di Dio Padre. Mentre lo scultore realizzava il pulpito, veniva chiamato a decorare la cappella dell’Assunzione un altro fiorentino, Paolo Uccello (1397-1475), che era appena stato a Venezia rifulgente di ori bizantini ai quali era assai sensibile, come dimostrano le sue opere giovanili: un periodo che qui viene scandagliato con rigore e profondità attraverso una decina di lavori che mettono definitivamente a fuoco quegli anni e che costituiscono una significativa mostra nella mostra; dipinti che si collegano agli affreschi e rivelano l’eccitata fantasia dell’artista e il suo rapporto col calligrafismo tardogotico. Nella «Crocifissione» il dolente espressionismo della Vergine e di San Giovanni contrasta con la grandiosità del Cristo incastonato nell’oro. Stupefacente la lotta di San Giorgio col drago, entrambi guizzanti di dorati baluginii, in un paesaggio striato di bianco, rosso arancio e azzurrino, dominato da Dio Padre nell’immensità dorata, mentre la principessa incatenata d’oro guarda con aria assente. Un altro suggestivo racconto è quello dell’Adorazione del Bimbo con tre santi in primo piano, in basso, che pregano e con la natività avvolta in un’atmosfera di tenera dolcezza orientale. L’idea di includere dei santi in una scena della storia sacra è innovativa e verrà raccolta e diffusa da Filippo Lippi. L’Annunciazione segna l’inizio del suo interesse per la prospettiva nell’edificio in cui siede la Vergine e un ulteriore passo verso solidi valori di concretezza fisica si ha nella Santa Monica con due fanciulli. Eleganza gotica e delicatezza di sentimenti sulla scia della lezione dell’Angelico caratterizzano le raffinate, sontuose, fiabesche  pale di Zenobi Strozzi trionfanti di ori, di colori cinerini, azzurrini, rosati con lo sfondo di asciutti paesaggi montuosi. Nel 1452 veniva chiamato a  decorare la cappella maggiore della Pieve il carmelitano Fra Filippo Lippi (1406- 1469) per Vasari «il più singolare maestro del suo tempo» che a Prato ha dipinto i suoi capolavori. Già le giovanili Madonne col Bambino hanno una impaginazione scultorea e mostrano una spontanea affettività, caratteristiche che verranno affinate con maggior realismo nella splendida tavola della Collezione Kress. La dolcissima «Natività» degli Uffizi è collocata in un sereno, mistico scenario col Bambino sdraiato tra i fiorellini, angioletti glorificanti, santi trepidanti nella preghiera. Altro sublime capolavoro il tondo con in primo piano la Vergine, velata di malinconia, col Bimbo in braccio e sulla sfondo la nascita della stessa Maria e l’incontro di Anna e Gioacchino in una limpida scenografia prospettica modulata dalla soavità della luce. E’ esposta anche la famosa tavola della «Madonna della cintola», eseguita nel 1456 per le monache di Santa Margherita di cui era cappellano: quadro galeotto perchè in quell’occasione il maturo frate si innamorava della giovane bellissima monaca Lucrezia Buti e i due fuggivano, svestendo gli abiti religiosi. Una appassionata vicenda d’amore rievocata dallo scrittore Roberto Piumini nel libro «L’amorosa figura» in uscita da Skira. I due venivano sciolti dai voti da Papa Pio II e dalla loro unione nascevano Filippino e Alessandra. Filippino (1457-1504), orfano a 12 anni, diventerà pittore sotto la guida di Fra Diamante (1430-1498), collaboratore del padre di cui ha completato varie opere e autore di quadri luminosi, disegnati con miniaturistica, metallica precisione. Filippo e Filippino si confrontano su un «Compianto di Cristo»: dramma evidenziato espressionisticamente dal padre e fortemente interiorizzato dal figlio che ne accentua la tenerezza affettiva e la fusione col paesaggio, accentuata nella «Regina Vashti» dove si colgono echi leonardeschi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

C'è tanto ritmo al Jamaica

FESTE PGN

C'è tanto ritmo al Jamaica Foto

Foto con Romina, Lecciso lascia Al Bano, lo rivela 'Oggi'

gossip

La Lecciso lascia Al Bano. Colpa di Romina

Romanzo famigliare supera i 5 milioni di spettatori è campione di ascolti in tv

TELEVISIONE

Romanzo famigliare supera i 5 milioni di spettatori è campione di ascolti in tv

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto Rosso

VELLUTO ROSSO

Da Luca Zingaretti ad Anna Mazzamauro: settimana ricca a teatro Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Alluvione, il pm: «Pizzarotti non lanciò mai l'allarme, nemmeno dopo il crollo del ponte della Navetta»

L'INCHIESTA

Alluvione, il pm: «Pizzarotti non lanciò mai l'allarme, nemmeno dopo il crollo del ponte della Navetta»

PARMA

Tabaccaio prende una mazza e mette in fuga il rapinatore 

Lutto

Langhirano piange il veterinario Alfio Monti

TECNOLOGIA

Custom, fatturato oltre 130 milioni

UNIVERSITÀ

Andrei: «Nuovo corso di laurea dedicato al food»

tg parma

22enne di Parma travolto da un treno in stazione: è gravissimo in Rianimazione Video

1commento

roccabianca

Schianto tra due auto e un camion sul Ponte Verdi: muore un 60enne

Ferito un 43enne parmigiano. E torna la protesta per un tratto "ad alto rischio"

2commenti

AUTOSTRADE

Auto in fiamme: vigili del fuoco in A15

Rallentamenti in A15 nel tratto piacentino questa mattina

serie B

Parmamercato: Faggiano scatenato...a tutto campo. Ciciretti più vicino ai crociati?

1commento

Il caso

Zebre «private»: soci contro amministratori

LUTTO

Collecchio, è morto Rodolfo Bianchi: finisce una dinastia di sarti

5 stelle

Parlamentarie: i nomi dei 28 parmigiani in corsa. E le esclusioni che fanno discutere

4commenti

"Verdi"

Aeroporto di Parma, arriva l'aumento di capitale (4,5 milioni di euro) Video

SISSA

Chiude la storica ferramenta Besagni

dopo l'Inchiesta Stige

Bola: "Per Gigliotti mai ruoli societari nel Gs Felino"

Il presidente: "Non sono dimissionario". Domenica manifestazione di sostegno con i bambini del settore giovanile

sicurezza

Massese, il prefetto promette nuovi autovelox Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

L'EDITORIALE

I fantasmi evocati dalla razza bianca

di Vittorio Testa

L'ESPERTO

Imu, quante complicazioni con i figli

di Daniele Rubini*

1commento

ITALIA/MONDO

TRAGEDIA

Rigopiano, un anno dopo: l'Abruzzo ricorda le vittime Foto

CARABINIERI

Omicidio a Mantova: la vittima è un commerciante, mistero sul movente

SPORT

football americano

Jags, Patriots, Vikings (da infarto) e Eagles a caccia del Superbowl

CALCIO

Uefa: "Il fairplay finanziario ha portato dei frutti"

SOCIETA'

ASSICURAZIONI

Rc Auto: saranno riconosciute le coppie di fatto

gusto light

La ricetta "green" - Riso venere con porri e curry

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Subaru XV, il Suv delle Pleiadi svelato in 5 mosse

DETROIT

Le novità del Salone: è sfida tra pick-up Gallery