Arte-Cultura

La Munro, regina dei racconti

La Munro, regina dei racconti
0

Giuseppe Marchetti

Dalla cittadina di Wingham nell'Ontario al Nobel per la Letteratura: un cammino prodigioso, lento e costato una enorme fatica, ma fatica con gioia. Dal 1931 a oggi in una lunga storia di «storie inventate dal vero», confessava Alice Munro, ecco la scoperta di un piacere della narrativa che non è soltanto il bisogno di scrivere bensì un interno movimento alla ricerca della verità, o almeno di una possibile verità consapevolmente scelta.
Il Nobel per la Letteratura che la scrittrice canadese ha conseguito (motivazione dell'Accademia Reale Svedese: «Maestra del racconto contemporaneo») corona questa scelta e questa convinzione. Una scelta - dobbiamo sottolinearla - che riguarda il racconto, cioè la prima cellula della parola scritta, il nucleo centrale attorno al quale creare vicende e personaggi. Confessa la scrittrice:  «Tutta la letteratura del Sud degli Stati Uniti che io amavo era scritta da donne» e fa i nomi della Welthy, della O'Connor, della Porter, della McCullers: scrittrici di racconti, in particolare, narratrici connesse alla realtà dei luoghi, alla memoria dei luoghi, alla piccola civiltà delle piccole patrie, ora città di provincia, ora distese e quasi deserte campagne, o colline, o paesi.  Da questi umori, che Alice assorbe naturalmente e che restituirà in pagine felici, pensose, criticamente semplici e spoglie ma animato dal senso delle cose, emergono - via via che i suoi libri vengono pubblicati - i temi di una letteratura per la vita che nella seconda metà del secolo scorso pareva aver dimenticato la grande lezione dei classici, per esempio «Bovary c'est moi» di Flaubert, per aderire ad un non meglio identificato e identificabile cifrario sociale che coinvolgeva avvenimenti e personaggi immersi spesso nella poltiglia del non vissuto, o del vissuto male, o del vissuto poco:  tutti elementi negativi che la Munro elimina con  estrema cura, con meticolosa caparbietà  descrittiva e sentimentale.  In questo caso, quindi, il racconto le permette un'agilità espressiva e una possibilità di scarto e di dimensioni narrative veramente notevoli, sino da  quei suoi primi racconti del '68 che arrivarono in Italia preceduti da alcuni saggi e memorie pubblicati dalla scrittrice sui giornali locali nei primi anni Cinquanta quando aveva appena  vent'anni. La rivelazione avvenne alla fine degli anni Sessanta quando venne pubblicata la raccolta  «Danza delle ombre felici», che ora verrà ripubblicato da Einaudi. Fu la rivelazione di una narratrice nata per il romanzo che al romanzo non credeva del tutto, evidenziandone invece i gangli compositivi - veri e propri racconti,  dunque -  «ambientati  nell'Ontario» e composti «per gradi, dall'attenzione ai particolari che rendono riconoscibili lo stile  della Munro e poi la messa a nudo delle altrettanto riconoscibili, improvviso, concise conclusioni». -  scrive Marisa  Caramella nella puntualissima prefazione al  Meridiano  Mondadori dei «Racconti» uscito poche settimane fa. Proprio questa tensione descrittiva che Alice esercitò anche  nell'insegnamento durante  gli anni Settanta alla York University di London nell'Ontario,  le ha consentito di caratterizzare la «forma breve» che entra ormai in tutte le sue pagine, da «Una cosa che volevo dirti da un po'» ('74 al recentissimo «Uscirne vivi» del 2012:  racconti, sempre racconti, questo è certo, ma  tutti indirizzati a costituire il più  ampio e il più imprevedibile dei territori romanzeschi che col passare del tempo è diventato fittissimo di esperienze, arato e riarato senza sosta   sin quasi a diventare ossessione, tanto che la scrittrice poco tempo fa avrebbe confessato di non voler più scrivere (e il mondo dei giornali commentò allusivamente che per colpa di questa confessione non le avrebbero mai assegnato il Nobel!) ma di ritirarsi a pensare, cioè a meditare, sull'immensa capacità  dell'esistenza che ripete incessantemente   se stessa nei mille motivi del tempo e dello spazio. Eppure, attraverso «Chi ti credi di essere?» ('78), «Le lune di Giove» '82, «Il percorso dell'amore» ('86), «Amica della mia gioventù» ('90),  «Segreti trasparenti»  ('94) e «Il sogno di mia madre» ('98) la storia individuale della scrittrice, il suo sentirsi ai confini del mondo, il suo viaggiare dal suo Ontario a Vancouver, da ovest a est  e viceversa, fondano una storia delle radici (è sempre a questo termine che la narrativa autentica ritorna) che abbracciano il passato con un tempo davvero mai trascorso, né tantomeno dimenticato, un tempo di memoria secondo il quale - come osservava  Pietro Citati «un abisso allontana il presente   e il passato, il  tempo  passa senza che nessuno se ne accorga, e noi avvertiamo il senso della continuità  e quello della lacerazione che formano il tessuto  diseguale  della  nostra vita».  Nei libri più recenti, «In fuga ('04), «La vista di Castel rock» ('06) e «Troppa felicità» ('09) tutti tradotti da  susanna Basso pe Einaudi, ci sembra che la ricerca  della realtà  e del suo doppio (o altrove, o differenza) abbia portato Alice Munro a riprendere i temi  della gioventù con una notevole capacità di disincanto e di ironia, tanto che alcuni critici hanno   evocato i nomi di James e di Cechov con riferimenti possibili anche  se la scrittrice canadese tende più per  sua natura   a isolarsi nei problemi e nelle tragedie domestiche   che hanno in  tutto il mondo i  medesimi  contorni di speranze e di errori come si vede nei racconti di «Troppa felicità» titolo quanto mai amaro  ma certamente tra i più promettenti di questa scrittrice cui il Nobel dà finalmente  il rilievo mondiale che merita.  All’annuncio del conferimento del Nobel per la letteratura Alice Munro ha alzato la bandiera con l'acero: «Sono grata e felice -  ha detto la signora del racconto -  vincendo questo premio si attirerà l’attenzione sugli scrittori del Canada». La dichiarazione della Munro è stata raccolta dalla sua casa editrice anglosassone Penguin Random House. E' la prima volta nella storia dei Nobel che un canadese vince per la letteratura, come ha fatto notare alla rete tv Cbc Douglas Gibson, l’editor della scrittrice: «E' una meravigliosa notizia per noi: il Canada ha vinto». Ricordiamo che è la prima volta che il comitato dei Nobel premia un autore che non ha scritto altro che racconti. Infine, il cantautore Roberto Vecchioni, che, a sorpresa, nei giorni scorsi era risultato candidato al Nobel per la letteratura, intervistato da Vincenzo Mollica al Tg 1 ha dichiarato: «Ero candidato per la prima volta: non è mai successo di vincere alla prima candidatura».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La mischia che salva l'ambulanza

Sport

Rugby: tutti in mischia per... l'ambulanza Video

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Guida ai ristoranti 2017

NOSTRE INIZIATIVE

Guida ai ristoranti 2017: ecco le novità

Lealtrenotizie

Parma Calcio

parma calcio

Nuovo ds, tramonta Vagnati e rispunta Faggiano

3commenti

martorano

Incornato da un toro: grave allevatore

tg parma

Travolto a Lemignano: Mihai Ciju resta gravissimo Video

tg parma

Università, aumentano gli iscritti: +12,7% Video

comune

Piano neve: oltre un milione e mezzo di euro e 225 mezzi pronti a partire

All'opera 110 tecnici e spalatori

tribunale

Sparò all'amico in via Europa: condannato a 6 anni

q.re Pablo

Multa a una 78enne invalida, per i rifiuti si affidava ad un vicino

La denuncia della Cgil: “Serve più attenzione per le fasce deboli della popolazione”

25commenti

PARTITI

La resa dei conti nel Pd e le elezioni

3commenti

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

Cassazione

Omicidio Guarino, le motivazioni dell'ergastolo

Io parlo parmigiano

Un calendario tutto da ridere

ACCADEMIA

Maria Luigia e la fucina delle arti

fiere

Cibus “Connect”: ecco come sarà

Delineato il programma della nuova fiera che si terrà a Parma dal 12 al 13 aprile

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

ITALIA/MONDO

torino

Sale sulle scale mobili della metro. Ma col Suv Foto

napoli

Stava per essere buttato nella spazzatura: neonato salvato

SOCIETA'

televisione

Gabriele: da Medesano alla finale a L'eredità

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

SPORT

Calciomercato

Vagnati, la Spal spaventa il Parma

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

CURIOSITA'

viaggi

Madrid coi bambini: 8 buone ragioni per partire Foto

tg parma

All'Annunziata 40 presepi in mostra da tutta Italia Video