10°

22°

Arte-Cultura

La vendetta dell'uva

Ricevi gratis le news
0

Marta Silvi Bergamaschi
In un angolo del cortile, accanto al severo portone della cantina, erano due grandi catini di zinco che avrebbero dovuto contenere, insieme con acqua molto calda e sapone neutro, i piedi lunghi e bianchi di Amilcare e quelli scuri e pelosi di Oreste. Giovanna osservava con disappunto; i suoi nove anni non riuscivano a capire. Un cielo ottobrino, azzurro e pulito, calava nel cortile dove già, una sull’altra, attendevano parecchie casse contenenti gonfi grappoli di uva nera.
«E i filari?» chiedeva Giovanna alla mamma.
«Quando andrai in campagna troverai ancora gli ultimi grappoli: li hanno lasciati per te e per tua sorella. Non preoccuparti».
In cantina era già pronta «la mostadora»: una vasca rettangolare, bassa, con alcuni buchi su un lato da cui sarebbe uscito il sugo dell’uva. A Giovanna faceva impressione che l’uva, la splendida uva che ciondolava pigra dalle viti in grappoli turgidi di umori, raccolti in quel colore tra il blu scuro e il viola, finisse sotto i piedoni dei due uomini che l’avrebbero pigiata, devastata, uccisa per ricavarne il vino. I piedi? Possibile?
«Se li lavano -  diceva la mamma -  impiegano mezz’ora per lavarseli quei due bravi uomini». «Bravi… -  rispondeva testarda Giovanna - sono degli omicidi, uccidono quell’insieme di acini che è vissuto per tutta l’estate nei meravigliosi filari, insieme con piante di amarene e un maestoso noce. Si sta commettendo un grave peccato».  «Non si può ragionare con te -  rispondeva la mamma - non capisci il corso della natura. Sei ferma a immagini poetiche che devono assolutamente tradursi in realtà: la realtà è il vino e anche il sugo d’uva che ti piace tanto. Quello lo farò io. Ti sembro un’assassina?».
Giovanna si calmava. Aspettava che arrivassero Amilcare e Oreste, voleva osservare i loro piedi, voleva godersi il salto che facevano per entrare nella «mostadora»  e ridere, ridere benevolmente di quel loro ballo primitivo (ora su un piede ora sull’altro è la danza dell’uomo che è scalzo). «Così va bene -  esultava la mamma -  hai anche inventato una rima, così mi piaci. Occorre osservare il mondo con occhi buoni e riconoscenti».
Era ormai autunno; dai giardini usciva la testa colorata degli alberi: rosa, gialla, violacea. I colchici color lilla chiarissimo, quei piccoli, fragili fiori erano ormai sbocciati nei prati. Tra i borghi del paese vagavano profumi nuovi. Aveva ragione la mamma, pensava Giovanna, occorre gratitudine, amore e rispetto: per la terra che ci dona il pane, il vino, verdure infinite. Ci dona la vita. Era tutto più facile e più vero, a quei tempi, anche se più faticoso. I giorni trascorrevano con un loro sapore semplice e genuino. La sera calava su una stanchezza buona, ti avvolgeva poi un sonno quieto. Il succo d’uva, insieme con i graspi, era stato travasato nel grande tino a fermentare: per quanto tempo? Giovanna non lo sapeva. La cantina emanava veramente odore d’autunno.
Le scuole erano aperte e Cencio, il simpatico bidello, fischiava perché entrassimo, maschi e femmine, senza spintoni. Non fatevi male, diceva, c’è posto per tutti. Verso sera si giocava a palline in piazza della chiesa e giungeva fin lì l’odore del mosto. «Ma per le vie del borgo/ dal ribollir dei tini/ va l’aspro odor dei vini/ l’anime a rallegrar».  Recitava i versi a sua sorella che era spesso accanto a Giovanna. Era più piccola e anche più brava di lei. I versi li imparò immediatamente. 
«Sai -  le disse un giorno sgranando i grandi occhi scuri - che cosa mi ha raccontato la mia compagna di banco? Mi ha raccontato, senti che avventura, che un uomo s’affacciò sul tino in cui il mosto ribolliva e ci restò secco. Morto per le esalazioni».
Lo raccontarono al papà quando giunse l’ora di cena. «Poveretto -  disse con mestizia -  poveretto! Immagino non sappiate neppure il nome. Magari è una macabra invenzione di qualche ragazzo. Lo spero proprio». «Anch’io - esclamò la sorella –. Comunque, concluse Giovanna, in cantina non ci metto piede. Sciupare quei meravigliosi grappoli per far morire la gente. E’ una vendetta dell’uva, uno dei frutti che amo in modo particolare».
«Non dire sciocchezze»  concluse la mamma.
«Occorre una spiegazione - continuò il papà -. Sono i saccaromiceti, i microbi buoni, che trasformano lo zucchero dell’uva in alcol e in anidride carbonica. E può essere letale se la si respira a lungo. Non è quindi una vendetta. Tu, cara Giovanna, devi essere meno fantasiosa.
«Sono come sono -  rispose lei - ; in cantina, comunque, non ci andrò affatto».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

In attesa del Palermo scegli il Parma dei tuoi sogni

GAZZAFUN

In attesa di Parma-Entella, Lucarelli nettamente il migliore del campionato

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Smog: polveri sottili alle stelle, da oggi blocco diesel euro 4

PARMA

Smog, polveri sottili alle stelle: blocco per i diesel fino all'Euro 4 Video

Riscaldamento massimo a 19 gradi

PARMA CALCIO

D’Aversa: "Con l'Entella dobbiamo portare in campo la rabbia del dopo-Pescara" Video

Intervista di Paolo Grossi

TRUFFA

Si fingono tecnici e svuotano una cassaforte a Monticelli Video

Ancora una volta un'anziana nel mirino dei malviventi

2commenti

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

La foto è stata pubblicata su Facebook da Enrico Maletti

2commenti

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

5commenti

Scurano

Il paese fa festa, i ladri anche

Tragedia

E' morto il tecnico del Soccorso alpino ferito durante un salvataggio

Davide Tronconi era ricoverato al Maggiore di Parma

2commenti

QUARTIERI

Passeggiata e giochi con i gessetti nelle strade dell'Oltretorrente Foto

Continuano le iniziative degli abitanti dell'Oltretorrente per "riappropriarsi" del quartiere

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

2commenti

Fidenza

Addio a Gino Minardi, storico bottegaio

PARMA

Commemorazione dei defunti: orari e servizi dei cimiteri di Parma dal 21 ottobre al 2 novembre

Apertura straordinaria dei cimiteri dalle 8 alle 17,30

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: domani comincia la finale

4commenti

Furto

Via Calatafimi: spaccata «diurna» all'ortofrutta

Ladri in azione di giorno. «Neanche avessi una gioielleria», sbotta la negoziante

STAZIONE

Due telecamere per controllare il terminal dei bus

SISMA

"Luci da terremoto" in Messico Video

Sulla Gazzetta di Parma il geologo parmense Valentino Straser spiega il fenomeno

Lutto

Folla al funerale di Luca Moroni

Nel Duomo di Fidenza l'addio all'ingegnere morto in un incidente stradale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La «Lunga marcia» della nuova Cina

di Domenico Cacopardo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

TRAGEDIA

Como, 49enne dà fuoco alla casa e si uccide con tre dei suoi figli Foto

novellara

Si fingeva "sexy girl" su Facebook per raggirare gli uomini: denunciato

SPORT

Personaggi

Varriale, voce parmigiana delle World Series

Moto

Rossi: "Qui non sai mai come andrà domani"

SOCIETA'

langhirano

Bellezze in passerella a Pilastro

MUSICA

ParmaJazz Frontiere 2017: grandi nomi al Festival

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: in 5 punti il nuovo Suv di Volkswagen Foto

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compatto di Seat in 5 mosse Foto