-2°

Arte-Cultura

Artisti italiani, l'eletta schiera capeggiata da Enrico Robusti

Artisti italiani, l'eletta schiera capeggiata da Enrico Robusti
0

Manuela Bartolotti

Otto criteri di otto grandi personaggi per scegliere gli Eccellenti pittori italiani del nostro tempo. A questi si attiene il giornalista e critico Camillo Langone nel suo ultimo libro che, secondo l’esempio vasariano, vuole esaltare, ovvero tirar fuori dalla magmatica e confusa molteplicità degli artisti o presunti tali, quelli degni a parer suo di menzione. Sono 25, di cui due parmigiani di nascita o d’adozione (Enrico Robusti, Abel Herrero) da conoscere, ammirare, collezionare. Ognuno soddisfa uno o più criteri d’apprezzamento, dal criterio più raro a trovarsi di Marc Augé («uno che dà speranza, ossia un artista») soddisfatto solo da Cingolani e da Galliano delle donne incinte, a quello più facile di Delacroix («la prima virtù di un dipinto è essere una festa per gli occhi»), al quale corrispondono Marcus Petrus ed Ernesto Tatafiore. Per Ugo Foscolo «l’arte non consiste nel rappresentare cose nuove, bensì nel rappresentare con novità». Ecco qui che s’inseriscono Stefanoni e Salvo i quali rinnovano i temi consunti ed elementari della casetta con l’alberello, mentre Vezzani modernizza le donne di antichi capolavori ed Ester Grossi rigenera persone e paesaggi con la sua pittura piatta e illustrativa.  «Quello che rimane nei secoli sono le opere», ha scritto Daniele Galliano. Questo è uno dei criteri più certi, ciò che vale resta e resta immutato nel tempo anche materialmente, come i fiori di Mazzoni sempre freschi, l’efficacia del ciclo francescano di Di Stasio e gli encausti intaccabili di Ottieri. Se la bellezza è misura di persistenza e stabilità interiore, ancor più la perfezione, come ha scritto Nietzsche: «Cosa soltanto può ristabilirci? La vista del perfetto». Perfetto è laddove nulla v’è d’aggiungere o togliere, nulla migliorare, quindi i paesaggi pisani di Bartolini, i palazzi latinensi di Fiorentino, gli incidenti di Verlato, i non-luoghi silenti, evocativi, quasi sovrannaturali di Tirelli. Ma non tutto ciò che è nell’arte è oggettivamente bello, anzi.
La bellezza dell’arte è qualcosa di trascendente e sublimante, produce la catarsi del brutto, del doloroso, dell’atroce persino, in qualcosa di superiore, inducendo alla riflessione e all’intima conversione. L’esempio più attinente potrebbero essere Caravaggio e gli artisti della realtà. Tra i pittori eccellenti, quelli che «riescono a rendere bello il brutto» secondo l’osservazione di Roger Scruton, sono Capogrosso, Angelo Davoli e Reggio.
Infine, si devono trovare altre due doti essenziali nell’opera d’arte, ovvero forza e originalità. Così pensava Pasternak. E queste caratteristiche le avrebbe certo riscontrate in Arruzzo e Marta Sesana. Ma ancor più nei due parmigiani, uno doc come Enrico Robusti, uno adottivo come il cubano Herrero. Tutti poi devono distinguersi, perché «non v’è arte dove non v’è stile», sentenzia Wilde, dandy impietoso nei confronti della banalità e con una certa affinità elettiva con Langone. Inconfondibili sono Gasparro, Emila Sirakova per i dettagli delle figure e soprattutto Serafini che ha addirittura inventato un alfabeto. Doveroso dire che non ci sono ancora tutti, ma li aspettiamo in seconda edizione. Intanto si hanno dei nomi e soprattutto un metodo per discriminare il grano dalla gramigna nell’affollatissimo e ingannevole mondo dell’arte. Langone difende anche la Biennale veneziana di Sgarbi, accusata di horror vacui. Per notare la qualità sostiene che serva la quantità. Come tra tanti sassi, si distingue il luccichio della pietra preziosa, mentre isolata, anche la ghiaia fa la sua figura. Non è libro accomodante verso le mode e le provocazioni alla Catellan. Langone richiede all’artista mente e mano, cerca la figura e il disegno, non solo gesto e concetto. In questo senso è reazionario, ma in realtà rivoluzionario, in controtendenza all’iconoclastia planetaria. E’ vasariano e cerca il piacere visivo invece dell’angoscia nichilista. Vuole guardare e godere rivolgendosi a chi vuole guardare e godere. Godere della bellezza, della forza delle pennellate, dell’invadenza emotiva della pittura.
Proprio come quella del prediletto Enrico Robusti che gli ha fatto il ritratto (l’unico modo di eternarsi) tra salumi e leccornie. Campeggia in cucina come icona nel tempio di Bengodi. Lasciamo dunque stare le sofisticherie pseudo-intellettuali: vedere è piacere. Il primo e sotteso criterio per scegliere gli Eccellenti pittori è infine quello di Camillo Langone, intendendo l’ arte quale godimento visivo, piacevolezza estetica sostenuta da originalità, stile, forza, abilità. Così è, se vi pare. E anche se non vi pare.

Eccellenti pittori
    Marsilio, pag. 127, € 15,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

La viadanese Gaia in finale a X Factor

talento

La viadanese Gaia in finale a X Factor

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

4commenti

Polemica

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

7commenti

WEEKEND

Bancarelle, spongate, cioccolato: gli appuntamenti a Parma e provincia

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Traffico

Pericolo nebbia questa mattina nel Parmense Traffico in tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

Gazzareporter

Un sabato gelido con la nebbia

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

SANITA'

Allarme a Corcagnano: «Non toglieteci i medici»

IL CASO

Spray urticante, ennesimo caso in discoteca

E' accaduto mercoledì al Campus Industry

3commenti

Parma che vorrei

Mutti: «Bisogna smettere di essere egoisti»

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

9commenti

Intervista

Rocco Hunt: «Sono un po' meno buono»

MECCANICA

Wegh Group, in Bolivia la ferrovia made in Parma

ALLARME

Ladri scatenati: raffica di furti in città nelle ultime ore Video

7commenti

Solidarietà

Il pranzo per i poveri raddoppia

cinema

Il DomAtoRe di RaNe al cinema Astra

La proiezione del documentario su Lorenzo Dondi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Draghi, nessun favore ma due messaggi

di Aldo Tagliaferro

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

ITALIA/MONDO

Terremoto

Appennino: scossa magnitudo 2.8 nel Bolognese

Gran Bretagna

I gioielli di famiglia (reale): e Kate indossa la tiara di Diana

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

IL RICORDO

Trent'anni senza Bruno Mora

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

3commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti