Arte-Cultura

Artisti italiani, l'eletta schiera capeggiata da Enrico Robusti

Artisti italiani, l'eletta schiera capeggiata da Enrico Robusti
Ricevi gratis le news
0

Manuela Bartolotti

Otto criteri di otto grandi personaggi per scegliere gli Eccellenti pittori italiani del nostro tempo. A questi si attiene il giornalista e critico Camillo Langone nel suo ultimo libro che, secondo l’esempio vasariano, vuole esaltare, ovvero tirar fuori dalla magmatica e confusa molteplicità degli artisti o presunti tali, quelli degni a parer suo di menzione. Sono 25, di cui due parmigiani di nascita o d’adozione (Enrico Robusti, Abel Herrero) da conoscere, ammirare, collezionare. Ognuno soddisfa uno o più criteri d’apprezzamento, dal criterio più raro a trovarsi di Marc Augé («uno che dà speranza, ossia un artista») soddisfatto solo da Cingolani e da Galliano delle donne incinte, a quello più facile di Delacroix («la prima virtù di un dipinto è essere una festa per gli occhi»), al quale corrispondono Marcus Petrus ed Ernesto Tatafiore. Per Ugo Foscolo «l’arte non consiste nel rappresentare cose nuove, bensì nel rappresentare con novità». Ecco qui che s’inseriscono Stefanoni e Salvo i quali rinnovano i temi consunti ed elementari della casetta con l’alberello, mentre Vezzani modernizza le donne di antichi capolavori ed Ester Grossi rigenera persone e paesaggi con la sua pittura piatta e illustrativa.  «Quello che rimane nei secoli sono le opere», ha scritto Daniele Galliano. Questo è uno dei criteri più certi, ciò che vale resta e resta immutato nel tempo anche materialmente, come i fiori di Mazzoni sempre freschi, l’efficacia del ciclo francescano di Di Stasio e gli encausti intaccabili di Ottieri. Se la bellezza è misura di persistenza e stabilità interiore, ancor più la perfezione, come ha scritto Nietzsche: «Cosa soltanto può ristabilirci? La vista del perfetto». Perfetto è laddove nulla v’è d’aggiungere o togliere, nulla migliorare, quindi i paesaggi pisani di Bartolini, i palazzi latinensi di Fiorentino, gli incidenti di Verlato, i non-luoghi silenti, evocativi, quasi sovrannaturali di Tirelli. Ma non tutto ciò che è nell’arte è oggettivamente bello, anzi.
La bellezza dell’arte è qualcosa di trascendente e sublimante, produce la catarsi del brutto, del doloroso, dell’atroce persino, in qualcosa di superiore, inducendo alla riflessione e all’intima conversione. L’esempio più attinente potrebbero essere Caravaggio e gli artisti della realtà. Tra i pittori eccellenti, quelli che «riescono a rendere bello il brutto» secondo l’osservazione di Roger Scruton, sono Capogrosso, Angelo Davoli e Reggio.
Infine, si devono trovare altre due doti essenziali nell’opera d’arte, ovvero forza e originalità. Così pensava Pasternak. E queste caratteristiche le avrebbe certo riscontrate in Arruzzo e Marta Sesana. Ma ancor più nei due parmigiani, uno doc come Enrico Robusti, uno adottivo come il cubano Herrero. Tutti poi devono distinguersi, perché «non v’è arte dove non v’è stile», sentenzia Wilde, dandy impietoso nei confronti della banalità e con una certa affinità elettiva con Langone. Inconfondibili sono Gasparro, Emila Sirakova per i dettagli delle figure e soprattutto Serafini che ha addirittura inventato un alfabeto. Doveroso dire che non ci sono ancora tutti, ma li aspettiamo in seconda edizione. Intanto si hanno dei nomi e soprattutto un metodo per discriminare il grano dalla gramigna nell’affollatissimo e ingannevole mondo dell’arte. Langone difende anche la Biennale veneziana di Sgarbi, accusata di horror vacui. Per notare la qualità sostiene che serva la quantità. Come tra tanti sassi, si distingue il luccichio della pietra preziosa, mentre isolata, anche la ghiaia fa la sua figura. Non è libro accomodante verso le mode e le provocazioni alla Catellan. Langone richiede all’artista mente e mano, cerca la figura e il disegno, non solo gesto e concetto. In questo senso è reazionario, ma in realtà rivoluzionario, in controtendenza all’iconoclastia planetaria. E’ vasariano e cerca il piacere visivo invece dell’angoscia nichilista. Vuole guardare e godere rivolgendosi a chi vuole guardare e godere. Godere della bellezza, della forza delle pennellate, dell’invadenza emotiva della pittura.
Proprio come quella del prediletto Enrico Robusti che gli ha fatto il ritratto (l’unico modo di eternarsi) tra salumi e leccornie. Campeggia in cucina come icona nel tempio di Bengodi. Lasciamo dunque stare le sofisticherie pseudo-intellettuali: vedere è piacere. Il primo e sotteso criterio per scegliere gli Eccellenti pittori è infine quello di Camillo Langone, intendendo l’ arte quale godimento visivo, piacevolezza estetica sostenuta da originalità, stile, forza, abilità. Così è, se vi pare. E anche se non vi pare.

Eccellenti pittori
    Marsilio, pag. 127, € 15,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

SCIENZA

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

Lo scandalo delle molestie sessuali si allarga a Broadway

Tom Schumacher è il produttore della versione musical di "Frozen"

Stati Uniti

Lo scandalo delle molestie sessuali si allarga a Broadway

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gene Gnocchi, Pirandello e la danza

VELLUTO ROSSO

La settimana a teatro, da Pirandello alla danza Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Nomina del direttore generale, Pizzarotti e Giorgi citati in giudizio

CORTE DEI CONTI

Nomina del direttore generale, Pizzarotti e Giorgi citati in giudizio

Viale Piacenza

10eLotto, in otto vincono 160mila euro

borgotaro

Caso Laminam: Oggi l'incontro al tavolo tecnico senza il comitato

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

VERSO PARMA-VENEZIA

Gazzola: «Vincere per ripartire»

FUSIONE

Verso l'unione tra Palanzano e Monchio?

Zibello

Addio a Goliardo Cavalli, uno degli ultimi barcaioli del Po

meteo

Parma, allerta a livello giallo

1commento

tg parma

Le ex Luigine continueranno a esistere. La gestione passa a Proges Video

lettera aperta

Elezioni, le cinque richieste di Pizzarotti ai candidati

5commenti

Noceto

In piazza Lunardi residenti ostaggio delle fogne

Scomparso

Addio al ragionier Bandini

Castell'arquato

Aggredisce moglie e figlio con chiave inglese: trasportati in fin di vita al Maggiore

viale bottego

Fiamme in studio dentistico: evacuato tutto il palazzo. Due intossicati Foto

amarcord

Le «innominabili case» (chiuse) che popolavano Parma: la mappa Foto

Via Buffolara

«Prima mi ha investito e poi picchiato»

16commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

3commenti

GAZZAFUN

Ex rimpianti e non: riconosci questi giocatori del Parma?

ITALIA/MONDO

Genova

Mamma salva il figlio di un mese e mezzo seguendo le istruzioni telefoniche del 118

SAN POLO D'ENZA

Operazione Copper Field: sgominata la banda del rame

SPORT

CHAMPIONS

Roma battuta di misura: 2-1 per lo Shakhtar

sport

La discesa d'Oro di una favolosa Sofia Goggia Foto

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Balli e divertimento al Newyork di Sissa Foto

UNESCO

Città Creative per la Gastronomia: il progetto entra nel vivo

MOTORI

ANTEPRIMA

Volvo, ecco la nuova V60 Fotogallery

motori

Ferrari: ecco la 488 Pista, sarà presentata a Ginevra