Arte-Cultura

Fatale il 1848 per i confini del Ducato

Fatale il 1848 per i confini del Ducato
Ricevi gratis le news
0

Paolo Reggiani

Nell’anno 1848 i duchi di Borbone rientrarono in possesso del Ducato di Parma che il Congresso di Vienna del 1815 aveva affidato all’Austria, nella figura dell’arciduchessa Maria Luigia e dei suoi naturali discendenti, in forza del Trattato di Fontainebleau dell’11 aprile 1814. Come compenso i Borbone (legittimi titolari del ducato parmense) ebbero il ducato di Lucca, innescando una serie di compensi territoriali che frazionarono la Lunigiana e Garfagnana in una serie complicata di exclave del Granducato di Toscana e del ducato di Modena e Reggio. Il 1848 non fu un anno felice per Parma in quanto il ducato subì uno scambio territoriale a proprio svantaggio. Autore di questo danno fu Carlo II di Borbone: un personaggio gaudente e sprecone, carico di debiti, che per recuperare soldi per i suoi stravizi non esitò a "vendere" al ducato di Modena e Reggio una parte dei suoi migliori territori in cambio della cospicua rendita di 700.000 franchi all’anno. Questo passaggio fu sancito dal Trattato segreto di Firenze, stipulato il 28 novembre 1844 tra la Toscana, Lucca e Modena, con l’adesione di Vienna e Torino. I Borbone potevano disporre del trono ducale di Parma poiché Maria Luigia non aveva più discendenti, essendo morto, nel 1832, il figlio ventunenne avuto da Napoleone I.
Secondo altre fonti il Congresso di Vienna dette ai Borbone la successione dopo Maria Luigia ignorando il Trattato di Fontainebleau. In quell'accordo furono decisi anche una serie di riequilibri territoriali fra Toscana e Modena. Parma -per scelta del duca- poneva come confine con Modena il torrente Enza, cedendo al Ducato Estense tutti i territori parmensi ad est del torrente stesso e recuperando, territorialmente, le due prominenze modenesi di Bazzano e Scurano, nella sponda ovest. Ottenne anche il territorio di Pontremoli dal Granducato di Toscana che costituiva una sua scomoda exclave. Parma rinunciò quindi: all’intero Ducato di Guastalla (acquisito nel 1749 all’estinguersi della stirpe dei Gonzaga); alle pingui terre di Poviglio e Gattatico; a Ciano d’Enza, Rossena e Selvapiana con le memorie del Petrarca; al territorio con Gombio e Vedriano ed infine ad una vasta zona appenninica con gli abitati di Pieve San Vincenzo, Succiso e Miscoso, il cui confine giungeva in prossimità di Ramiseto.
L'acquisizione dei due piccoli territori di Bazzano e Scurano e del più grande di Pontremoli non compensò, dal punto di vista economico, le altre perdite territoriali, anche se accrebbe di poco più di un centinaio di chilometri quadrati la superficie del Ducato. Carlo II di Borbone governò male e per poco tempo il suo ducato, ripetendo l’incapacità che aveva già dimostrato come duca di Lucca. Nel 1849 abdicò a favore del figlio Carlo III, il quale in un primo tempo provò a disconoscere il Trattato di Firenze, ma poi dovette adeguarvisi.
Il confine sul torrente Enza è stato mantenuto dal 1848 ed ancor oggi divide le province di Parma e Reggio Emilia. Fu adottato anche nel periodo della conquista napoleonica allorché separava il dipartimento del Taro da quello del Crostolo e poi il Regno di Francia dal lato parmense e quello d’Italia dal lato reggiano. Dopo le sistemazioni del 1848 i ducati cambiarono nome. Quello di Parma diventò "Ducato di Parma e Stati Annessi", in cui, è ben noto, colsero l’assonanza tra "stati" e "sassi" per ribattezzarlo con "Ducato di Parma e Sassi Annessi" come ironico esito dello scambio in perdita. Il Ducato di Modena e Reggio mutò in "Stati Estensi" in quanto dal 1815 al 1848 acquisì: nel 1819 il territorio di Castiglione di Garfagnana (exclave del Ducato di Lucca), poi, nel 1829, l’intero Ducato di Massa ed infine i territori ex parmensi.
Tutte queste variazioni territoriali hanno trovato puntuale riscontro nelle cartografie della zona, quasi tutte rilevate dall’Imperial Regio Esercito Austriaco, in quanto i due piccoli ducati emiliani erano vassalli dell’Impero Asburgico. Esistono anche cartografie dell’intero Impero Austro-Ungarico che raggiungono buona parte dell’Italia centro-settentrionale. A conoscenza di chi scrive ve ne sono due: del 1856 e 1911. La carta del 1911, che probabilmente è stata l’ultima, ha un tipo di rappresentazione che si presta a tracciarvi le variazioni territoriali del 1848 sul torrente Enza. Lavoro effettivamente eseguito, sempre da chi scrive queste note, dopo avere definito con sufficiente attendibilità la posizione delle linee confinarie antiche, distinguendovi con linea rossa i confini ante 1848 e con linea blu il torrente nelle parti non interessate dai vecchi confini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Moreno Morello

Moreno Morello

TELEVISIONE

Aggredito Moreno Morello di Striscia la Notizia in un hotel di Roma

Ascolti: fiction Canale 5 a 2,2 mln, Sarà Sanremo 11.36%

televisione

Ascolti tv: la fiction Sacrificio d'amore vince di misura su Sarà Sanremo

Guerre stellari tra solennità e disco music

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il nuovo video sulle 5 regole per non toppare l’anolino di fidenza

TRADIZIONI

Anolini, a Fidenza li fanno così (video). E voi? Inviate video e foto

Lealtrenotizie

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

VOLANTI

Picchia l'addetto del Coin e fa fuggire il complice con la refurtiva: arrestato 31enne

Si tratta di un senegalese richiedente asilo. Denunciati anche due giovani del Ghana: avevano 600 euro di vestiti non pagati negli zaini

BASSA

Donna investita da un'auto a San Secondo: è grave

cosa fare oggi

Tra assaggi di Natale, Kataklò e "ristoranti" per animali: l'agenda del sabato

STADIO TARDINI

Il Parma col Cesena punta alla cinquina Diretta dalle 15

I crociati hanno vinto le ultime quattro gare in casa ma i romagnoli sono in gran forma con un attacco prolifico. Fuori Munari, gioca Dezi

CORCAGNANO

L'addio a Giulia, folla commossa al rosario

Il funerale alle 14,30

TRAVERSETOLO

«Senza gas in inverno. E le bollette pagate»

DOPO-ALLUVIONE

Colorno, l'accusa dei cittadini: «Non siamo stati avvertiti»

ALLUVIONE

Tra ruspe e "angeli del fango": a Lentigione si lavora senza sosta Foto

Messa domenicale sul sagrato della chiesa

SALA BAGANZA

"E nel mio bar metto i libri al posto delle slot"

2commenti

SOLIGNANO

Allerta meteo via mail, ma non c'è la corrente

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

L'assessore Guerra: "Spenderemo 100mila euro in meno"

8commenti

TURISMO

Appennino, arriva la via Longobarda

SALSO

«L'alveo dello Stirone è abbandonato a se stesso»

Inchiesta

Disturbi dell'apprendimento, la situazione a Parma

Regione

Alluvione, la prima stima dei danni: 105 milioni fra Parma, Reggio e Modena

Il presidente della Regione ha firmato la richiesta di stato di emergenza, subito girata al governo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

FABBRICO

Omicidio nel Reggiano, un arresto: 20enne ucciso per un pettegolezzo

KILLER

Catturato Igor: niente estradizione in Italia. E' arrivato in Spagna in auto? Foto

1commento

SPORT

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

calcio

Fumogeni prima della partita con la Ternana: denunciati due tifosi del Parma

1commento

SOCIETA'

CUNEO

La salma di Vittorio Emanuele III tornerà in Italia

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

MOTORI

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260