-2°

10°

Arte-Cultura

Il racconto della domenica - Verdi, un contadino ostinato

Ricevi gratis le news
0

 Anna Maria Dadomo

Gli ospiti erano arrivati, ma lui non aveva nessuna voglia d’incontrarli. Che ci pensasse la Peppina a fare gli onori di casa, a intrattenerli. Infilò la giacca, mise il cappello e uscì dalla porta di servizio per non farsi vedere. Liberò i cani. Perchè erano venuti? Non avevano forse ricevuto la sua lettera?  Eppure, l’aveva scritta per tempo avvertendoli che  era occupato, - occupatissimo -, che la stagione  era brutta, le strade impraticabili,  che minacciava di nevicare da un momento all’altro, che, insomma, se ne stessero tranquilli a Milano in attesa di notizie migliori. Invece no. Erano venuti ugualmente. Non bastava aver comprato casa e podere in quella pianura che piaceva solo a lui, in quella Bassa dove il clima era aspro sia d’estate che d’inverno, - e non invogliava certo a soggiornarvi -, giusto per isolarsi e tenere alla larga gli scrocconi e i perditempo… macchè, ecco che arrivavano, oh se arrivavano.
 Solo la Peppina era contenta di averli per casa, di ascoltarli. Pettegolezzi soprattutto. Bisognava capirla, povera donna, relegata in campagna  per mesi e mesi, lasciata sola  con le serve e  con quei contadini rozzi e senza istruzione, e con lui che, lo ammetteva, quando non aveva voglia di parlare era come rivolgersi a un muro. E infatti non cercava neppure più di stanarlo dal suo mutismo con qualche parola, qualche cauta domanda, con il racconto di vicende o notizie tratte dalle lettere che riceveva e gettava lì come esca  per interessarlo…, eh, sì, per fortuna si era rassegnata e lo lasciava in pace accontentandosi di  monosillabi, stentati pure quelli.  
Man mano che si allontanava dalla villa si sentiva sempre più al sicuro (voleva ben vedere se qualcuno  di quei  cittadini inamidati l’avrebbe seguito!). Quando poi la perse del tutto di vista,  addirittura euforico. Che piacere essere soli con se stessi. In silenzio. La stesura dell’ultima opera  gli era costata molta  fatica, l’aveva lasciato stremato, pervaso da una malinconia, e  da un senso profondo di inutilità. Non voleva neppure più ripensare a tutto il lavoro che aveva fatto, agli ostacoli che si erano presentati subito, fin dall’inizio, alle ripetute richieste  per fare modificare quel benedetto libretto che non corrispondeva al suo sentire, che grondava retorica e falsità ad ogni parola. Ma adesso basta. Era finita. Silenzio e oscurità, questa la sua medicina. E anche quel camminare di buon passo respirando con ingordigia l’aria fredda e nebbiosa, richiamando ogni tanto i cani, piegandosi per una carezza sulla testa che loro accettavano mugolando di piacere , guardandolo con occhi devoti  per poi lanciarsi di nuovo per i campi  e  sparire, l’aiutava. Nessuno l’avrebbe raggiunto. Via, via. Lontano dagli ospiti e dalle chiacchiere che, a ben guardare, erano il meno. Lontano soprattutto dagli artigli dei critici, della stampa, del pubblico. Successo? Insuccesso? Tiepida accoglienza? Applausi di circostanza quelli che avevano accolto l’ultima sua opera? Parole senza significato. Per tutta quella gente la musica era solo un pretesto per una riunione mondana, per affollare i teatri. Che dicessero quello che volevano, i critici! Lui  non leggeva gli articoli delle gazzette, lui era al di là dei loro poveri giudizi. Cosa potevano mai sapere loro di  cosa significasse essere artista. L’arte esige uno stile, un ordine, una disciplina. Sentirsi artisti, essere artisti da capo a piedi, dalle calze al cappello, da quello che si mangia a quello che si dice, dalle rose che si piantano alle lettere che si scrivono, dalle parole al silenzio. Al silenzio. Che la smettessero di incalzarlo, di chiedere, di interrogarlo. Non gli avrebbero cavato una sola parola di bocca. Essere artisti, e non mestieranti, era  un modo di vivere. Anche in quel momento, sì, in quel preciso momento in cui lui andava  per la campagna vuota e che la nebbia rendeva simile all’ombra dei gelsi che apparivano e scomparivano, era artista. E uomo. Era questo che dimenticavano troppo spesso. 
Uomo concreto che traeva la sua musica dalla terra perché lì nella terra affondavano le radici della sua immaginazione. Lui avrebbe scritto altra musica per non sprofondare nel fango di una vita qualunque, di una vita triviale. Ma la sua musica, lui lo sapeva bene, germinava sotto quella scorza di duro silenzio come il grano sotto la terra e la neve che sarebbe caduta. Mai l’avrebbe detto a  quegli zucconi. Che ci arrivassero da soli a capirlo! Si chinò, prese una manciata di terra. La fregò tra le mani. Ne respirò l’odore. A fondo. Con gli occhi chiusi. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Un talento parmigiano in finale al Tour Music Fest: The European Music Contest

Palcoscenico

Un talento parmigiano in finale al "Tour Music Fest"

Le 5 muse di Fausto Brizzi: Cristiana Capotondi

L'INDISCRETO

Le 5 muse di Fausto Brizzi

Shakira

Shakira

musica

Shakira sta male: "Emorragia alle corde vocali". Concerti rimandati

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani l'inserto: la rivoluzione dei pagamenti elettronici

Gazzetta

Inserto Economia: la rivoluzione dei pagamenti elettronici

Lealtrenotizie

Sciame sismico in Appennino, le scosse avvertite in tutta la provincia

TERREMOTO

Continua lo sciame sismico: 19 scosse. Le più forti avvertite in tutta la provincia

A Fornovo la più forte (4.4). Non sono segnalati danni

6commenti

L'ESPERTO

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»

TERREMOTO

A Fornovo tra la gente: «Mi tremavano le gambe»

Vicino al Regio

Ubriaco cerca di rapinare tre ragazzi

2commenti

TUTTAPARMA

La storia dei carabinieri a Parma

QUARTIERI

Sport e solidarietà , i 50 anni del circolo «Frontiera '70»

Tornolo

Lisa, nonna coraggiosa. Ha detto addio a 101 anni

FIDENZA

Tangenziale Sud, oggi via a nuovi lavori

GAZZAREPORTER

Parma, magico controluce

Foto del lettore Alessandro

ULTIM'ORA

Uno dei terremoti più profondi in Emilia Romagna

La scossa più forte su un basamento roccioso

2commenti

VIA MILANO

Bocconi avvelenati nel parco dei Vetrai, animali a rischio

La polizia municipale ha circoscritto l'area e sta effettuando rilievi

2commenti

Gattatico

«Mi hanno derubato». Ma è una truffa

Incidente

Scontro su strada Pilastro, un ferito

2commenti

PARMA

Riina: l'addio senza lacrime (e lite con i cronisti) della vedova e dei figli

Maria Concetta Riina se la prende con i giornalisti. L'avvocato: "Andatevene, è scandalismo". Conclusa l'autopsia sul corpo del boss (Ipotesi tecnica di "omicidio colposo" contro ignoti) : i risultati tra 60 giorni

15commenti

FUNERALE

La lettera della mamma di Mattia

IN PENSIONE

Roncoroni, chirurgo a tutto campo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La figlia di Totò Riina e una rabbia che offende

di Georgia Azzali

5commenti

TRAFFICO

La mappa degli autovelox dal 20 al 24 novembre

ITALIA/MONDO

ELEZIONI

Ostia, trionfo del Movimento 5 Stelle Foto

STATI UNITI

E' morto il serial killer Charles Manson

SPORT

Nazionale

Tavecchio non molla: non si presenterà dimissionario

1commento

SERIE B

Pari fra Salernitana e Cremonese: Parma sempre in testa

SOCIETA'

GENOVA

Uomo aggredito da un cinghiale nei boschi del genovese

Il caso

Cerca la madre naturale. Lei la gela: "Sei il simbolo della violenza subita"

2commenti

MOTORI

IL NOSTRO TEST

Meglio ibrida o plug-in? La risposta è Hyundai Ioniq

LA PROVA

Hyundai Kona, il nuovo B-Suv in 5 mosse Le foto