-4°

Arte-Cultura

Defunti, il sacro nei nostri cuori

Defunti, il sacro nei nostri cuori
0

Simonetta Cattaneo

Il ricordo di una vita sopravvive alla vita che ha rubato. Perché - può sembrare un paradosso, ma è una realtà necessaria - la morte è un incessante ritornare in vita. È la meta che, nel dare un senso al viaggio e determinarne il valore, si rigenera giorno dopo giorno, accorciando le distanze che sembra allungare. È proprio dedicata alla morte che non muore, dunque alla «Vita», la settima edizione della rassegna «Il Rumore del Lutto», che si svolge a Parma da giovedì  a domenica (per informazioni: www.ilrumoredellutto.com, info@ilrumoredellutto.com). Patrocinata e co-organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Parma con il contributo di Ade Servizi Onoranze Funebri (main sponsor), Galleria Un_type, Ordine degli Architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori della Provincia di Parma, Gruppo Lorandi, Ariola Vigne e Vini, Davoli Music Center, Curly Sue’s e Sogni e Dintorni, la manifestazione offre una modalità alternativa per vivere i giorni che il calendario cristiano riserva alla commemorazione dei defunti. Diciassette eventi, prevalentemente a ingresso gratuito, organizzati in vari luoghi della città, dove musica, poesia, arte, filosofia, teatro, psicologia, gastronomia e architettura s’intrecciano in un percorso suggestivo e insolito. Con l’obiettivo di «porre l’accento su una riflessione educativa alla morte quale parte della vita, per una crescita personale, culturale e sociale», come ha sottolineato Enrico Calestani, amministratore unico di Ade Servizi Onoranze Funebri. A inaugurare la rassegna, ideata nel 2007 da Maria Angela Gelati, storica contemporaneista e studiosa di tanatologia (disciplina che studia il morire da più punti di vista), e Marco Pipitone, fotografo, dj e giornalista musicale (collabora anche con il nostro giornale), è l’installazione «Vive» dell’artista William Xerra, nell’ex Oratorio di San Quirino, sede del Parma Urban Center, giovedì alle 11. «L’opera di Xerra, che è uno dei protagonisti della cultura italiana, s’inserisce in un progetto avviato nella prima metà degli anni Settanta del Novecento e denominato Vive», spiega Gloria Bianchino, direttore del Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma, grazie al quale la partecipazione di Xerra è stata possibile. «Con la formula Vive, attinta dal gergo dei correttori di bozze, con cui si riabilita una parola erroneamente cancellata, viene recuperato qualcosa che si è annullato per riscattarlo in un nuovo processo significante». Aprendo al pubblico «Il Rumore del Lutto» in uno spazio antico, l’opera acquisisce valori sia linguistici che simbolici: «Vive perché vive nel ricordo sia l’oratorio, che appartiene al nostro patrimonio storico-culturale, sia la manifestazione, che cerca di far uscire dalla rimozione la dimensione della morte». Lo stesso artista ha dichiarato che «il rumore del lutto si ascolta, vive, nel fondo nascosto, come immanenza del visibile, che lascia intendere, senza significare». L’iniziativa parmigiana è stata la prima, in Italia, a indagare una presenza-assenza come quella della morte. A scrivere «vive» su una parola tabù. E ha fatto scuola. Non solo perché il suo format, originale e di successo, ha ispirato manifestazioni analoghe in altre città italiane. Ma anche, e soprattutto, perché ha permesso una nuova comprensione della natura della morte (e della vita), proponendo inaspettate risorse alle persone, in termini di saggezza, serenità e compassione. «L’accettazione della perdita, del lutto e del dolore – sostengono la Gelati e Pipitone, ideatori e curatori della rassegna - costituisce il primo passo per superare il limite della morte, pervenendo alla profonda comprensione della verità essenziale della vita, che va oltre la situazione individuale. E avvia una serie di processi elaborativi che permettono di trasformare la sofferenza in un passaggio obbligato per riconquistare la vita. Perché la vita possiede il dono di toccarci; collega vite passate, presenti e future. La vita non è questione di durata, ma di profondità». A ricordarci quanto l’esistenza possa essere vissuta con spessore e pienezza, consentendoci di abbracciare l’idea, come scriveva Umberto Saba, che «è il pensiero della morte che, in fine, aiuta a vivere», contribuiscono tutti gli eventi in programma. Dal monologo teatrale «Il ritratto della salute» con Chiara Stoppa, giovedì alle 21 all’Oratorio Novo della Biblioteca Civica, in cui l’attrice mette in scena se stessa e la sua storia di malattia, dall’avere pochi mesi di vita all’essere qui a raccontarla, al buffet vittoriano «An End Has A Start», allestito per sabato alle 19.30 alla Camera di Commercio, che riflette sull’importanza della condivisione e della socialità nel periodo del lutto. Dal concerto dei Corde Oblique a quello dei Verdiana Raw, anch’essi previsti per sabato, che ci portano, da un lato, nella radiosa atmosfera della Magna Grecia e, dall’altro, in quella terra di mezzo tra sapienza e ignoranza, uomini e dèi, così cara a Platone. Dalla mostra «Super Stitio» della street artist Signora K alla Galleria Un-Type, che inaugura venerdì alle 19.30, al seminario «Dal curare al prendersi cura: vivere il morire», patrocinato dall’Ausl di Parma, in programma per la giornata di sabato nella sala convegni dell’Hospital Piccole Figlie, alla conversazione con Massimo Zamboni, icona del Punk italiano, previsto per domenica alle 15.30 alla Pinacoteca Stuard. E molti altri appuntamenti che, sulla pagina dell’ultimo atto, scrivono «Vive».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

White Lion: i latini a Pilastro

Pgn Feste

White Lion: i latini a Pilastro Foto

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

30enne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

tg parma

Trentenne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

6commenti

Il fatto del giorno

Legionella: la rabbia del quartiere Montebello

3commenti

Polizia

Salta il furto di rame nella centrale di Vigheffio: arrestati due romeni

Sequestrato tronchese gigante

8commenti

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: a Langhirano il funerale 

Parma

Metano e gpl per auto: arrivano gli ecoincentivi

3commenti

Parma

Rapina in villa a Marore: falsi vigili svuotano una cassaforte

2commenti

Parma

L'odissea di un giardiniere: «Con il mio Euro2 non posso lavorare»

25commenti

Parma

Fa "filotto" di auto parcheggiate in via della Salute Foto

Nei guai un extracomunitario che guidava in stato di alterazione

15commenti

Sport

Il Parma Calcio avrà la gestione dello stadio Tardini per 8 anni

1commento

Fidenza

Meningite, la 14enne è uscita dalla rianimazione: è fuori pericolo

Parla l'infettivologo sul recupero. La madre della ragazza: «Sono felice. Grazie ai medici e a tutti»

Neve e terremoto

Partiti altri mezzi e volontari da Parma per l'Italia centrale Foto

Il Soccorso Alpino è impegnato ad Arquata del Tronto

2commenti

Parma

Camion in fiamme: problemi in tangenziale nel pomeriggio

Tg Parma

Polizia Municipale: festa del patrono all'insegna della lotta al degrado Video

1commento

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

6commenti

Calcio

Presentato Frattali, nuovo portiere del Parma Video

Mercato: Faggiano promette sorprese per la settimana prossima

colorno

La messa di don Mazzi per ricordare Filippo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

6commenti

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

Rigopiano

Cinque estratti vivi, cinque ancora da salvare: i soccorsi continuano nella notte

Mondo

Trump: ''Da oggi l'America viene prima'' Video

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato

1commento

SPORT

Sport

MotoGP: tutti i piloti Foto

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery