-4°

Arte-Cultura

Bel Paese unito dal calcio

Bel Paese unito dal calcio
0

Andrea Ponticelli

Ma è un libro sul calcio o un saggio sulla storia d'Italia? Il dubbio nasce legittimo quando si sfogliano le oltre cinquecento pagine di «Un secolo azzurro - Cent'anni di Italia raccontati dalla nazionale di calcio», il nuovo libro (ed. Longanesi) di Alfio Caruso, il giornalista scrittore nato a Catania nel 1950, per oltre trent'anni nelle principali testate della carta stampata.
Caruso ha unito in un solo libro le sue due grandi passioni: quella per lo sport, e in particolare per il calcio (negli anni Ottanta era vice direttore alla Gazzetta dello Sport), e quella per la storia, culminata in una serie di opere entrate a pieno diritto tra quelle fondamentali per chi vuole rileggere la storia del Novecento. Citiamo ad esempio «Italiani dovete morire» sulla strage di Cefalonia della Divisione Acqui; «Il lungo intrigo» sull'armistizio del '43; «l'onore d'Italia» su El Alamein; e il recente «La battaglia di Stalingrado».
Tra calcio e politica l'intreccio è a doppio filo. Emblematica l'immagine in copertina dell'allora presidente della Repubblica Sandro Pertini che festeggia assieme a Bearzot il titolo mondiale dell'82: uno dei tanti esempi di onorevoli, deputati e senatori che hanno  sempre sfruttato le vittorie del calcio - sia della nazionale, sia  delle squadre di club - per i propri scopi anche elettorali. Forse non siamo ancora all'esempio più citato nel rapporto tra sport e politica: quello famoso di Bartali che vinse il Tour nel 1948, all'indomani dell'attentato a Togliatti, e - dicono - bloccò sul nascere la rivoluzione; tuttavia anche certe vittorie degli azzurri sono state un simbolo di pacificazione nazionale.
Quando vince l'Italia,  insomma, vincono tutti. E tutti fanno passerella. Salgono, come si dice, sul carro dei vincitori: dalla Destra alla Sinistra, dai democristiani ai comunisti, da Prodi a Berlusconi, che quando fondò il suo nuovo partito lo chiamò «Forza Italia», cioè lo slogan più urlato negli stadi.
Storicamente  fu il fascismo il primo a sfruttare il calcio. Anche per le proprie mire espansionistiche. Caruso cita l'esempio degli oriundi. Nacquero perché Edoardo Agnelli spiegò nel 1925 a Mussolini che far giocare in campionato i figli degli emigrati in America - soprattutto in Argentina - poteva essere il primo passo della futura espansione politica. E Vittorio Pozzo guidò gli azzurri a due titoli mondiali come aveva guidato i suoi alpini nelle trincee della Grande Guerra.    
E' il trionfo della propaganda: «Auspice del clima littorio, gli italiani forgiati dal duce  nel culto di Roma antica esultano per le immancabili vittorie». Scrive Caruso: «La Nazionale che vince unifica l'Italia più dei proclami fascisti». E quando gli azzurri, nel '34 in Italia, affrontano in semifinale l'Austria, «Pozzo può dare fondo al repertorio: il nemico del Risorgimento, i caduti della Prima guerra  mondiale, il Carso, il Piave, il Grappa, Trento e Trieste. Al confronto Mission Impossible assomiglia a uno scherzetto da educande».
Tuttavia, per vincere a Roma, ci volle (anche) il Duce.  Il fascismo non poteva perdere un mondiale giocato in casa. E Mussolini intervenne per garantire alla nazionale i favori dello stesso arbitro, sia nella semifinale vinta contro l'Austria,  sia nella finale vinta contro la Cecoslovacchia. Non sarebbe mai più successo che uno stesso arbitro dirigesse a un mondiale sia la semifinale sia la finale: nel caso, lo svedese Ivan Eklind. 
Così lo descrive Caruso: «E' un fascista sfegatato, Mussolini è il suo idolo. I sospettosissimi danubiani garantiscono che il giorno prima sia stato invitato a cena dal duce a Palazzo Venezia». Eklind fa il suo dovere: contro l'Austria sorvola sulla carica di Meazza al portiere Platzer in occasione del gol decisivo di Guaita; e contro la Cecoslovacchia lui e i guardalinee sfoggiano il saluto romano e a fine gara festeggiano assieme ai vincitori. «Insomma - scrive Caruso - i cechi da quel dì sono convinti di avere subito una vistosa rapina».
Ma non fu solamente il fascismo ad entrare nella storia del calcio azzurro. Caruso cita l'esempio di Togliatti: il potente capo del Pci sfruttò nel 1953, alla vigilia delle elezioni  la vittoria per 3-0 dell'Ungheria sull'Italia per esaltare la superiorità dei comunisti sulla società occidentale. Lo stesso Togliatti tifava per la Juve, feudo degli Agnelli e dunque «nemica» dei proletari: «quando - ricorda Caruso - Emanuele Rocco lo rivelò sull'Europeo, semina scompiglio tra i compagni».
E se il «Migliore» tifava per la Juve, Andreotti non faceva mistero di essere romanista. Arriviamo poi a Berlusconi, che rifonda il Milan e anche sulle vittorie rossonere si basa per entrare in politica. Ma ci rimane male, quando deve lasciare a Prodi la passerella per il mondiale vinto nel 2006 che serve anche per dimenticare Calciopoli: uno dei tanti scandali che infarciscono le pagine di «Un secolo azzurro».
E sul sito (www.alfiocaruso.com) la citazione di Winston Churchill è il miglior esempio di cosa abbia significato il calcio per gli italiani: «Vanno alla guerra come fosse una partita di calcio e vanno a una partita di calcio come fosse la guerra».

Un secolo azzurro
    Longanesi, pag. 587, € 18,80

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Kim, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

gossip

Kardashian, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Conchiglioni crescenza e mostarda

GUSTO

La ricetta della Peppa: Conchiglioni crescenza e mostarda

Lealtrenotizie

Gli amici: Filippo persona speciale

Il ritratto

Gli amici: Filippo persona speciale

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime

Stalker

Insulti e botte alla ex moglie: arrestato

Tradizione

Sant'Antonio, protagonisti gli animali

Allarme

Sorbolo, argini groviera per le nutrie

SALSO

Addio a Gianni Gilioli, papà dell'ex sindaco

Il caso

Guerra fra farmacie, il Tar dà ragione a Medesano

Lutto

Quattrocchi, ristoratore e gentiluomo

cascinapiano

Travolto da un'auto sotto gli occhi della sorella: muore un 17enne

La vittima è Filippo Ricotti. Il ricordo della "sua" Langhiranese Calcio e del Liceo Bertolucci (Video)

17commenti

tg parma

Salso, i rapinatori minacciano un bimbo con un coltello Video

Il fatto del giorno

La tragedia di Filippo: un gigantesco "Perché?" (Senza risposta)

3commenti

consiglio comunale

Polemica D'Alessandro-Vescovi sui vaccini

4commenti

polizia

Mostrava un coltello ai passanti in via Mazzini: denunciato Alongi

12commenti

lega pro

Febbre Venezia-Parma: iniziata la prevendita

Classifica

Gli stipendi più alti: Parma al quinto posto in Italia

furti

Quartiere Lubiana, la razzia dei fanali delle Audi

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Politicamente corretto: l'ipocrisia al potere

di Michele Brambilla

13commenti

EDITORIALE

Conti pubblici: la ricreazione è finita

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

BRUXELLES

Tajani eletto presidente del Parlamento europeo

scuola

Nuova maturità: non ci sarà più bisogno di avere tutte le sufficienze

1commento

SOCIETA'

PERSONAGGI

Addio a Piacentini, playboy mito della Costa Azzurra anni '60

EDITORIALE

L'orrore in diretta? E' la tv del Medioevo

1commento

SPORT

parma calcio

D'Aversa: "Manca un esterno mancino. Primo posto? Ci proviamo" Video

rugby

Zebre, rescisso il contratto con Guidi, ecco De Marigny e Jimenez

CURIOSITA'

San Polo d'Enza

Volpi, cinghiali, ricci: gli animali di Parma trovano riparo nel Reggiano Video

1commento

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video