21°

35°

Arte-Cultura

Bel Paese unito dal calcio

Bel Paese unito dal calcio
Ricevi gratis le news
0

Andrea Ponticelli

Ma è un libro sul calcio o un saggio sulla storia d'Italia? Il dubbio nasce legittimo quando si sfogliano le oltre cinquecento pagine di «Un secolo azzurro - Cent'anni di Italia raccontati dalla nazionale di calcio», il nuovo libro (ed. Longanesi) di Alfio Caruso, il giornalista scrittore nato a Catania nel 1950, per oltre trent'anni nelle principali testate della carta stampata.
Caruso ha unito in un solo libro le sue due grandi passioni: quella per lo sport, e in particolare per il calcio (negli anni Ottanta era vice direttore alla Gazzetta dello Sport), e quella per la storia, culminata in una serie di opere entrate a pieno diritto tra quelle fondamentali per chi vuole rileggere la storia del Novecento. Citiamo ad esempio «Italiani dovete morire» sulla strage di Cefalonia della Divisione Acqui; «Il lungo intrigo» sull'armistizio del '43; «l'onore d'Italia» su El Alamein; e il recente «La battaglia di Stalingrado».
Tra calcio e politica l'intreccio è a doppio filo. Emblematica l'immagine in copertina dell'allora presidente della Repubblica Sandro Pertini che festeggia assieme a Bearzot il titolo mondiale dell'82: uno dei tanti esempi di onorevoli, deputati e senatori che hanno  sempre sfruttato le vittorie del calcio - sia della nazionale, sia  delle squadre di club - per i propri scopi anche elettorali. Forse non siamo ancora all'esempio più citato nel rapporto tra sport e politica: quello famoso di Bartali che vinse il Tour nel 1948, all'indomani dell'attentato a Togliatti, e - dicono - bloccò sul nascere la rivoluzione; tuttavia anche certe vittorie degli azzurri sono state un simbolo di pacificazione nazionale.
Quando vince l'Italia,  insomma, vincono tutti. E tutti fanno passerella. Salgono, come si dice, sul carro dei vincitori: dalla Destra alla Sinistra, dai democristiani ai comunisti, da Prodi a Berlusconi, che quando fondò il suo nuovo partito lo chiamò «Forza Italia», cioè lo slogan più urlato negli stadi.
Storicamente  fu il fascismo il primo a sfruttare il calcio. Anche per le proprie mire espansionistiche. Caruso cita l'esempio degli oriundi. Nacquero perché Edoardo Agnelli spiegò nel 1925 a Mussolini che far giocare in campionato i figli degli emigrati in America - soprattutto in Argentina - poteva essere il primo passo della futura espansione politica. E Vittorio Pozzo guidò gli azzurri a due titoli mondiali come aveva guidato i suoi alpini nelle trincee della Grande Guerra.    
E' il trionfo della propaganda: «Auspice del clima littorio, gli italiani forgiati dal duce  nel culto di Roma antica esultano per le immancabili vittorie». Scrive Caruso: «La Nazionale che vince unifica l'Italia più dei proclami fascisti». E quando gli azzurri, nel '34 in Italia, affrontano in semifinale l'Austria, «Pozzo può dare fondo al repertorio: il nemico del Risorgimento, i caduti della Prima guerra  mondiale, il Carso, il Piave, il Grappa, Trento e Trieste. Al confronto Mission Impossible assomiglia a uno scherzetto da educande».
Tuttavia, per vincere a Roma, ci volle (anche) il Duce.  Il fascismo non poteva perdere un mondiale giocato in casa. E Mussolini intervenne per garantire alla nazionale i favori dello stesso arbitro, sia nella semifinale vinta contro l'Austria,  sia nella finale vinta contro la Cecoslovacchia. Non sarebbe mai più successo che uno stesso arbitro dirigesse a un mondiale sia la semifinale sia la finale: nel caso, lo svedese Ivan Eklind. 
Così lo descrive Caruso: «E' un fascista sfegatato, Mussolini è il suo idolo. I sospettosissimi danubiani garantiscono che il giorno prima sia stato invitato a cena dal duce a Palazzo Venezia». Eklind fa il suo dovere: contro l'Austria sorvola sulla carica di Meazza al portiere Platzer in occasione del gol decisivo di Guaita; e contro la Cecoslovacchia lui e i guardalinee sfoggiano il saluto romano e a fine gara festeggiano assieme ai vincitori. «Insomma - scrive Caruso - i cechi da quel dì sono convinti di avere subito una vistosa rapina».
Ma non fu solamente il fascismo ad entrare nella storia del calcio azzurro. Caruso cita l'esempio di Togliatti: il potente capo del Pci sfruttò nel 1953, alla vigilia delle elezioni  la vittoria per 3-0 dell'Ungheria sull'Italia per esaltare la superiorità dei comunisti sulla società occidentale. Lo stesso Togliatti tifava per la Juve, feudo degli Agnelli e dunque «nemica» dei proletari: «quando - ricorda Caruso - Emanuele Rocco lo rivelò sull'Europeo, semina scompiglio tra i compagni».
E se il «Migliore» tifava per la Juve, Andreotti non faceva mistero di essere romanista. Arriviamo poi a Berlusconi, che rifonda il Milan e anche sulle vittorie rossonere si basa per entrare in politica. Ma ci rimane male, quando deve lasciare a Prodi la passerella per il mondiale vinto nel 2006 che serve anche per dimenticare Calciopoli: uno dei tanti scandali che infarciscono le pagine di «Un secolo azzurro».
E sul sito (www.alfiocaruso.com) la citazione di Winston Churchill è il miglior esempio di cosa abbia significato il calcio per gli italiani: «Vanno alla guerra come fosse una partita di calcio e vanno a una partita di calcio come fosse la guerra».

Un secolo azzurro
    Longanesi, pag. 587, € 18,80

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

D'Alessio-Tatangelo, "siamo in crisi"

gossip

D'Alessio-Tatangelo ammettono: "Siamo in crisi"

Usa, morto John Heard

STATI UNITI

Trovato morto l'attore John Heard ("Mamma ho perso l'aereo") Video

Enrica Merlo, libero della Savino Del Bene Scandicci

SPORT

Enrica Merlo fra pallavolo e beach volley: "Gioco perché mi diverto" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzareporter: premiata lettrice "cronista di strada"

CONCORSI

Gazzareporter: manda le tue foto e "cartoline" e vinci

Lealtrenotizie

Schiacciato dal muletto: muore un 74enne

gaione

Schiacciato dal muletto: muore l'imprenditore Alberto Greci

Aveva 74 anni

1commento

Incidente

Carro attrezzi e furgone si scontrano sull'Asolana

polizia

Trova online passaggio in auto fino a Parma: studentessa molestata

5commenti

carabinieri

Con la scusa di un selfie rapina studente in via D'Azeglio: arrestato

8commenti

BASSA

Un uomo scompare nel Po: ricerche in corso

Disperso un uomo originario del Parmense

MASSACRO

Solomon, decine di colpi sui corpi anche dopo la morte

PARMA CALCIO

Lucarelli "interrogato" dai tifosi: "Quando scegli con il cuore non sbagli mai" Video

Il capitano conferma: ultimo anno nel calcio giocato ma "l'importante è esserci, l'ho voluto per mille motivi"

VARANO

Mangiano pollo avariato, studenti intossicati

polizia municipale

Autovelox, speedcheck e autodetector: i controlli della settimana

1commento

autostrada

Frana tra il casello di Parma e il bivio A1-A15

Testimonianze

Notte di paura per i parmigiani a Kos

tg parma

Identificato l'aggressore che ha colpito un 47enne a forbiciate Video

1commento

Siccità

Vietato lavare le auto e innaffiare i giardini attingendo dall'acquedotto nel Bercetese

Ordinanza del Comune per limitare l'uso di acqua

Inchiesta bollette

Luce, acqua e gas: storie di ordinaria vessazione

Fortuna

Fidentino gratta e vince 100 mila euro

traversetolo

«Insieme abbiamo salvato il nostro condominio»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La lezione di papà Fred Video-editoriale

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Podere Lavinia», tutto il buono della carne

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

San Teodoro

Donna uccisa durante una vacanza in Sardegna: il fidanzato confessa

METEO

Ancora caldo africano ma da lunedì temperature in calo

SPORT

Auguri capitano

Parma, il Parma, la famiglia: i 40 di Lucarelli

1commento

PARMA

I nuovi acquisti crociati: il portiere Michele Nardi e l'attaccante Marco Frediani Video

SOCIETA'

IL DISCO

Deep Purple, dal Giappone con furore

CINEMA

A Firenze la "temutissima" Coppa Cobram per ricordare Paolo Villaggio

MOTORI

NOVITA'

Opel Insignia GSi, berlina per veri intenditori

MERCEDES

Classe X, la Stella attacca il segmento dei pick-up