12°

Arte-Cultura

Bel Paese unito dal calcio

Bel Paese unito dal calcio
0

Andrea Ponticelli

Ma è un libro sul calcio o un saggio sulla storia d'Italia? Il dubbio nasce legittimo quando si sfogliano le oltre cinquecento pagine di «Un secolo azzurro - Cent'anni di Italia raccontati dalla nazionale di calcio», il nuovo libro (ed. Longanesi) di Alfio Caruso, il giornalista scrittore nato a Catania nel 1950, per oltre trent'anni nelle principali testate della carta stampata.
Caruso ha unito in un solo libro le sue due grandi passioni: quella per lo sport, e in particolare per il calcio (negli anni Ottanta era vice direttore alla Gazzetta dello Sport), e quella per la storia, culminata in una serie di opere entrate a pieno diritto tra quelle fondamentali per chi vuole rileggere la storia del Novecento. Citiamo ad esempio «Italiani dovete morire» sulla strage di Cefalonia della Divisione Acqui; «Il lungo intrigo» sull'armistizio del '43; «l'onore d'Italia» su El Alamein; e il recente «La battaglia di Stalingrado».
Tra calcio e politica l'intreccio è a doppio filo. Emblematica l'immagine in copertina dell'allora presidente della Repubblica Sandro Pertini che festeggia assieme a Bearzot il titolo mondiale dell'82: uno dei tanti esempi di onorevoli, deputati e senatori che hanno  sempre sfruttato le vittorie del calcio - sia della nazionale, sia  delle squadre di club - per i propri scopi anche elettorali. Forse non siamo ancora all'esempio più citato nel rapporto tra sport e politica: quello famoso di Bartali che vinse il Tour nel 1948, all'indomani dell'attentato a Togliatti, e - dicono - bloccò sul nascere la rivoluzione; tuttavia anche certe vittorie degli azzurri sono state un simbolo di pacificazione nazionale.
Quando vince l'Italia,  insomma, vincono tutti. E tutti fanno passerella. Salgono, come si dice, sul carro dei vincitori: dalla Destra alla Sinistra, dai democristiani ai comunisti, da Prodi a Berlusconi, che quando fondò il suo nuovo partito lo chiamò «Forza Italia», cioè lo slogan più urlato negli stadi.
Storicamente  fu il fascismo il primo a sfruttare il calcio. Anche per le proprie mire espansionistiche. Caruso cita l'esempio degli oriundi. Nacquero perché Edoardo Agnelli spiegò nel 1925 a Mussolini che far giocare in campionato i figli degli emigrati in America - soprattutto in Argentina - poteva essere il primo passo della futura espansione politica. E Vittorio Pozzo guidò gli azzurri a due titoli mondiali come aveva guidato i suoi alpini nelle trincee della Grande Guerra.    
E' il trionfo della propaganda: «Auspice del clima littorio, gli italiani forgiati dal duce  nel culto di Roma antica esultano per le immancabili vittorie». Scrive Caruso: «La Nazionale che vince unifica l'Italia più dei proclami fascisti». E quando gli azzurri, nel '34 in Italia, affrontano in semifinale l'Austria, «Pozzo può dare fondo al repertorio: il nemico del Risorgimento, i caduti della Prima guerra  mondiale, il Carso, il Piave, il Grappa, Trento e Trieste. Al confronto Mission Impossible assomiglia a uno scherzetto da educande».
Tuttavia, per vincere a Roma, ci volle (anche) il Duce.  Il fascismo non poteva perdere un mondiale giocato in casa. E Mussolini intervenne per garantire alla nazionale i favori dello stesso arbitro, sia nella semifinale vinta contro l'Austria,  sia nella finale vinta contro la Cecoslovacchia. Non sarebbe mai più successo che uno stesso arbitro dirigesse a un mondiale sia la semifinale sia la finale: nel caso, lo svedese Ivan Eklind. 
Così lo descrive Caruso: «E' un fascista sfegatato, Mussolini è il suo idolo. I sospettosissimi danubiani garantiscono che il giorno prima sia stato invitato a cena dal duce a Palazzo Venezia». Eklind fa il suo dovere: contro l'Austria sorvola sulla carica di Meazza al portiere Platzer in occasione del gol decisivo di Guaita; e contro la Cecoslovacchia lui e i guardalinee sfoggiano il saluto romano e a fine gara festeggiano assieme ai vincitori. «Insomma - scrive Caruso - i cechi da quel dì sono convinti di avere subito una vistosa rapina».
Ma non fu solamente il fascismo ad entrare nella storia del calcio azzurro. Caruso cita l'esempio di Togliatti: il potente capo del Pci sfruttò nel 1953, alla vigilia delle elezioni  la vittoria per 3-0 dell'Ungheria sull'Italia per esaltare la superiorità dei comunisti sulla società occidentale. Lo stesso Togliatti tifava per la Juve, feudo degli Agnelli e dunque «nemica» dei proletari: «quando - ricorda Caruso - Emanuele Rocco lo rivelò sull'Europeo, semina scompiglio tra i compagni».
E se il «Migliore» tifava per la Juve, Andreotti non faceva mistero di essere romanista. Arriviamo poi a Berlusconi, che rifonda il Milan e anche sulle vittorie rossonere si basa per entrare in politica. Ma ci rimane male, quando deve lasciare a Prodi la passerella per il mondiale vinto nel 2006 che serve anche per dimenticare Calciopoli: uno dei tanti scandali che infarciscono le pagine di «Un secolo azzurro».
E sul sito (www.alfiocaruso.com) la citazione di Winston Churchill è il miglior esempio di cosa abbia significato il calcio per gli italiani: «Vanno alla guerra come fosse una partita di calcio e vanno a una partita di calcio come fosse la guerra».

Un secolo azzurro
    Longanesi, pag. 587, € 18,80

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

CONCORSO

GAZZAREPORTER

Racconta l'inverno e vinci: le foto dei lettori Video

Video Gigi Pacifico Fidenza

fidenza

"Io non so" l'ultimo video di Gigi Pacifico

Canale 5, Ceccherini abbandona l'Isola dei Famosi

Foto Ansa

isola dei famosi

Ceccherini litiga con Raz Degan e se ne va. Televoto: sms risarciti

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Tutto quello che c'è da sapere sui nuovi antifurto per auto

consigli

Antifurti: come mettere al sicuro la proprio auto

Lealtrenotizie

Duc

viale fratti

Duc, cinque piani allagati: uffici chiusi per due giorni Video 1-2 Foto

Attivati due sportelli per le emergenze. Ed è corsa a salvare più documenti possibili

2commenti

tg parma

Legionella, Comune e Ausl varano un protocollo di intervento Video

arresti

Trafficanti seguiti da Fidenza a Parma: avevano in auto un kg di eroina

Vandalismi

Si sveglia e trova l'auto devastata

foto dei lettori

Borgo Giacomo: cadono le decorazioni Gallery

tg parma

Parma, rinnovi per Baraye e Nocciolini. Scaglia in attacco a Salò?

Ospedale Maggiore

La nuova vita di Denis inizia a Parma

scuola

Contro le bufale dei social, educare a informarsi bene

Incontro all'Ipsia Primo Levi con gli studenti di sei medie superiori di Parma e provincia

CRIMINALITA'

Via Venezia, pensionata scippata

2commenti

Finto tecnico

Truffa del termosifone: un'altra anziana raggirata

1commento

CARABINIERI

Sid, il cane antidroga a caccia di dosi nel greto della Parma

1commento

Salsomaggiore

Gli ambulanti protestano: «Troppo sacrificati»

Traversetolo

Cazzola, i ladri tornano per la terza volta

Parma

La Corte dei Conti contesta a Pizzarotti la nomina del Dg del Comune

Lo ha annunciato il sindaco su Facebook: "Esposto di un esponente dei Pd. Sono tranquillo"

8commenti

Associazioni

Arci Golese, la casa comune di Baganzola

Inchiesta

Multe, Parma fra le città che incassano di più: è terza in Italia Dati 

Quattroruote pubblica la top ten 2016 delle città dove gli automobilisti sono più "tartassati"

18commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

EDITORIALE

Anche i robot dovranno fare il 730?

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

uno bianca

Alberto Savi dopo 23 anni esce in permesso premio. L'amarezza dei parenti delle vittime

roma

Raggi ha un malore, in ospedale per accertamenti

SOCIETA'

EDITORIALE

L'avventura di un giorno senza telefonino

2commenti

libri

Esce in Giappone il nuovo libro di Murakami, un successo

SPORT

motori

Formula 1, svelata la nuova Ferrari SF70H Foto

Calcio

Il Leicester ha esonerato Ranieri

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

SALONE

A Ginevra 126 novità La guida