-1°

Arte-Cultura

Escher, geometria della trascendenza

Escher, geometria della trascendenza
0

 di Manuela Bartolotti

Si può fare poesia della geometria? Sembrerebbe impossibile, ma è questa la magia dell’arte di Maurits Cornelis Escher, (1898-1972) anzi il suo enigma, come si può constatare tra gli inganni ottici e i paradossi grafici delle sue stampe in mostra a Palazzo Magnani di Reggio Emilia fino al 23 febbraio 2014. Sono 130 opere provenienti da prestigiosi musei e collezioni private, scelte da un comitato scientifico d’eccezione coordinato dal matematico Piergiorgio Odifreddi e composto dallo storico dell’arte Marco Bussagli, il collezionista Federico Giudiceandrea e Luigi Grasselli, professore ordinario di geometria e pro-rettore dell’Università di Modena e Reggio Emilia. L’incisore olandese stupisce per perizia e originalità fin dalle prime opere giovanili, con ex libris liberty e grafiche ispirate ai paesaggi italiani. La sua peculiarità è riuscire subito a rendere il movimento nella staticità con accuratissime linee xilografiche, esprimendo la forza interna e compressa dei segni. Accanto alle sue stampe si trovano anche quelle dei suoi referenti artistici, da Dürer a Piranesi. Le vedute dei paesi dell’amata penisola italiana ricordano Giotto e le variopinte geometrie del Medioevo, dove ovunque la natura è riorganizzata dall’uomo e dominata per riflesso dell’ordine divino. Non si può quindi non fare filosofia e non pensare alla concezione ermetica del «tutto in tutto», ovvero di un mondo costituito da linee che s’intersecano, si confondono per poi comporsi in un insieme armonico, universale. La geometria aiuta a comprendere il trascendente, la fisica spiega la metafisica, l’impossibile si fa giustificazione dell’impossibile. Si avanza per paradossi e per scatole cinesi in una galleria di rompicapi. Nulla si crea, nulla si distrugge, ma tutto si trasforma secondo l’assunto di Lavoisier poi ribadito da Einstein. Per Escher tutto si fa metamorfosi, eterno mutamento. A questo proposito è esemplare non solo la grande e famosissima striscia della «Metamorphose», ma anche la più poetica litografia «Tre mondi», dove acqua, terra, aria sembrano sovrapporsi e mischiarsi nel gioco dei riflessi. Disegnare è creare continuamente ed è imperativo categorico per Escher. Così il moto del segno coincide con quello dell’anima e dello spirito universale che va scoprendo la magia della trasformazione. Negli inganni ottici che amplificano le formule piranesiane grazie anche alle scoperte scientifiche, si capisce come tutto possa essere visibile e nulla nascondersi. Basta saper vedere sotto la superficie delle cose, nel seguito di un profilo, di una linea perché nessun confine è mai confine ma forma che si rigenera continuamente, come un osmosi infinita. Nulla è fermo e la stasi è un’illusione.Escher sognava di poter realizzare una sequenza animata dalle sue creazioni e in questa esposizione il sogno si è materializzato in una sala dove le sue forme animali meccanico-metamorfiche sono proiettate su tre pareti in modo così coinvolgente che pare di esserne parte. L’artista ha genialmente mischiato le suggestioni medievali, i fitomorfismi, gli zoomorfismi gotici alle scoperte scientifiche d’avanguardia. Alle opere s’accompagnano suoi illuminanti frasi quali «c’è qualcosa di un menestrello in ogni artista grafico». Infatti le combinazioni delle cose e delle forme hanno un andamento musicale e tutto è regolato perfettamente come un grande spartito, in un concerto di voci sovrapposte. Alla base dell’opera di Escher c’è anche la musica e ben s’adatta a queste stanze il sottofondo di musica settecentesca, fatta di richiami, riprese, accelerazioni e rallentamenti. L’ultima sala è dedicata alle assimilazioni delle nuove arti alla sua opera, quindi l’Optical Art e Keith Haring. L’abilità di quest’autentico genio è stata di trovare l’infinito nei segni. La sua inesausta ricerca, tra scienza e arte, è sempre stata quella di riuscire ad afferrare l’impossibile. La chiave di ogni progresso e della verità è la curiosità, la volontà di continuare ad avanzare nel caleidoscopio della vita, passando da bellezza a bellezza, da stupore a stupore. Perché «colui che cerca con curiosità scopre che questo di per sé è una meraviglia». L’indicazione d’inizio è quella di fine e viceversa in questo labirinto affascinante: «Solo coloro che tentano l’assurdo, raggiungeranno l’impossibile». Dunque pensiamo, guardiamo, pensiamo ancora. Come Alice nel Paese delle meraviglie, è bellissimo perdersi nei paradossi visivi, negli scarti cognitivi, nei rompicapi dell’enigma Escher. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

6commenti

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

I crociati ritrovano la vittoria grazie a Evacuo: Parma-Santarcangelo 1-0

Stadio Tardini

Parma batte Santarcangelo 1-0 e si avvicina alla vetta Foto Video

Evacuo firma il gol della vittoria. Il Parma è secondo in classifica a 42 punti

1commento

Parma-Santarcangelo

Evacuo spera di rimanere al Parma Video

Anche Mazzocchi in sala stampa

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

10commenti

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

Protezione civile

I volontari parmigiani al lavoro nelle Marche

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

30commenti

graffiti

Il sottopasso dello Stradone? Galleria di street art Foto

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

6commenti

IL CASO

Vigili, la Fabbri si scusa con Bonsu e lo risarcisce

Lettera al giovane ghanese, che riceverà 20mila euro

4commenti

GRANDE FIUME

Il Po in secca? Attrazione per i turisti

1commento

Rugby

Zebre-London Wasps 13-22: ribaltato il vantaggio del primo tempo Foto

A Moletolo sono arrivati 300 tifosi inglesi

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Gran Sasso

Rigopiano, individuata la sesta vittima: è un uomo

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

SOCIETA'

Reggiolo

Rave party con 600 giovani: fra loro una minorenne scomparsa da giorni

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

SPORT

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

Parma Calcio

D'Aversa: "Non è mia volontà mandare via Felice..."

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ELETTRICHE

Entro tre anni 200 colonnine in autostrada tra l'Italia e l'Austria