11°

Arte-Cultura

In Duomo l'urna di Don Bosco

In Duomo l'urna di Don Bosco
Ricevi gratis le news
0

Christian Stocchi
«Chi sa di essere amato – ammoniva don Bosco – ama, e chi è amato ottiene tutto, specialmente dai giovani». La semplicità di queste parole, pronunciate da un sacerdote che voleva essere innanzitutto amico ed educatore dei giovani, fa comprendere come generazioni di parmigiani, così come di donne e uomini di tutto il mondo, siano stati cresciuti per essere «onesti cittadini e buoni cristiani». E molti di loro saranno certamente presenti il 15 e 16 febbraio 2014 in Cattedrale, quando arriverà in città l’urna del santo: un evento che introdurrà idealmente il ricco percorso spirituale finalizzato ai festeggiamenti del 2015, ricorrenza del bicentenario della nascita di don Bosco. Proprio alla figura storica del santo risalgono le radici parmigiane dei Salesiani, che, non a caso, coincidono con la sua venuta in città.
Egli, infatti, fece una prima visita in città nel 1867, per incontrare alcune importanti famiglie che potevano sostenere la sua opera. Ritornò quindi nel 1873, dopo che l’anno precedente il vescovo monsignor Domenico Maria Villa gli aveva scritto una lettera in cui si dichiarava «disposto a fare il possibile per l’attuazione di una fondazione Salesiana in Parma, per iniziativa della marchesa Marianna Zambeccari Politi, col titolo Ospizio di S. Giovanni per i fanciulli poveri della città e provincia». Come notano Giuseppe Mezzadri e Valentino Sani nel libro «120 anni di presenza Salesiana a Parma», erano due i quartieri che stavano particolarmente a cuore al vescovo: quello di Santa Croce e quello di San Benedetto, «che più degli altri rigurgitavano di sovversivi e di emarginati». Monsignor Villa, che morì nel 1882, lasciò nel testamento a don Bosco un convento abbandonato, ridotto in pessime condizioni, al punto che era noto al popolo come «al plugär äd San Bendètt». Questa donazione era legata al vincolo di realizzare lì un orfanotrofio entro tre anni. Dopo Villa, fu monsignor Andrea Miotti, vescovo di Parma dal 1882 al 1883, a perfezionare nel 1887 la realizzazione dell’Istituto Salesiano. Non si trattava però di un orfanotrofio, bensì di un’autentica fondazione salesiana. L’anno successivo, dunque, arrivarono a Parma i primi salesiani: don Faustino Confortola, don Emerico Talice, Quirino Bello, Pietro Enria. Fu così che «l’ultimo sogno di don Bosco» poté avverarsi.

LA STORIA
 Il primo direttore fu don Carlo Maria Baratta, sacerdote di origini piemontesi: a lui nel 1999 fu dedicato anche un importante convegno, che ci consegna l’immagine di un uomo modesto, schivo, riservato, dall’approccio ricco di concretezza, secondo la tradizione salesiana. E certo don Baratta ebbe un ruolo fondamentale anche al di là del contesto parmigiano: nel 1904 fu nominato per tre anni a capo dell’ispettoria transpadana. Vale quindi la pena di ricordare i direttori che si sono avvicendati in oltre centoventi anni di storia della casa salesiana di Parma: don Matteo Ottonello, don Paolo Lingueglia, don Alessandro Luchelli, don Luigi Oldano, don Francesco Rastello, don Natale Dottino, don Mario Bassi, don Angelo Ferrari, don Remo Zagnoli, don Franco Olmi, don Ferruccio De Censi, don Luigi Bragalini, don Francesco Viganò, don Arnaldo Scaglioni, don Francesco Cereda, don Gianni Danesi, don Virginio Ferrari, don Renato Benedetti, don Giuliano Giacomazzi e don Massimo Massironi, attualmente in carica. Questi nomi (qualcuno fu direttore a più riprese, in periodi diversi) segnano altrettante fondamentali tappe, in cui la storia dell’opera salesiana di Parma si intreccia indissolubilmente con le vicende della città e talora anche della nazione. Tra queste tappe, si può ricordare che nel 1891 prese avvio la scuola professionale per fabbri, sarti e calzolai. Durante la Grande Guerra, l’Istituto venne requisito e adibito a caserma. Il 1951 segnò una svolta nell’istruzione superiore alla luce della fondazione del Liceo scientifico e della contestuale chiusura del ginnasio. Nel 1980 prese il via il convitto universitario (il convitto di scuola superiore aveva aperto i battenti nel 1965). Nel 1988 ebbero luogo grandi festeggiamenti per il centenario dell’opera salesiana. Sei anni dopo venne aperta la nuova palestra, dedicata a Vero Pellegrini.

IL SAN BENEDETTO OGGI
 Il resto è storia recente: tra i momenti più significativi degli ultimi anni, sicuramente vanno ricordato il premio Sant’Ilario ottenuto nel 2010 e la generosa raccolta fondi per Haiti. Un riconoscimento importante, attraverso cui l’Amministrazione comunale ha voluto offrire un segno tangibile della gratitudine della città nei confronti dell’impegno educativo salesiano a Parma. Oggi il San Benedetto è una realtà significativa, come dimostrano i numeri. I Salesiani presenti a Parma sono in tutto 12, gli studenti 460, suddivisi tra scuola primaria (135), scuola secondaria di primo grado (203) e liceo scientifico (122). Il centro ospita anche un cospicuo numero di convittori universitari: complessivamente sono 80. L’oratorio si pone come punto di riferimento delle attività del quartiere, a testimonianza di un centro che concepisce la propria filosofia educativa ad ampio raggio: la recente svolta tecnologica ha fornito nuovi strumenti alla didattica. L’associazione degli ex allievi, che venne fondata nel 1896 da Giuseppe Micheli, da diversi anni è presieduta da Giuseppe Mambriani: organizza iniziative e si ritrova periodicamente. Tra le altre realtà del San Benedetto, una menzione particolare merita l’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, che si occupa della scuola dell’infanzia. Insomma, ogni ingranaggio di questa grande macchina fa parte di un meccanismo rodato, che dialoga al suo interno e con le diverse realtà cittadine. Ma che ha un obiettivo ben preciso: mettere al centro i giovani. Con una chiara consapevolezza: «In ognuno di questi ragazzi (...) v’è un punto accessibile al bene. Compito di un educatore è trovare quella corda sensibile e farla vibrare». Una fiamma di speranza, quella di don Bosco, ancora ardente, che sa illuminare il percorso del San Benedetto a Parma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Un talento parmigiano in finale al Tour Music Fest: The European Music Contest

Palcoscenico

Un talento parmigiano in finale al "Tour Music Fest"

Shakira

Shakira

musica

Shakira sta male: "Emorragia alle corde vocali". Concerti rimandati

 Mangiamusica, gran finale  con le Sorelle Marinetti

Fidenza

Mangiamusica, gran finale con le Sorelle Marinetti Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La casa in classe energetica A o B? Va acquistata subito

L'ESPERTO

La casa in classe energetica A o B? Meglio acquistarla subito

di Arturo Dalla Tana*

1commento

Lealtrenotizie

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»

L'ESPERTO

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»

TERREMOTO

A Fornovo tra la gente: «Mi tremavano le gambe»

Vicino al Regio

Ubriaco cerca di rapinare tre ragazzi

TUTTAPARMA

La storia dei carabinieri a Parma

QUARTIERI

Sport e solidarietà , i 50 anni del circolo «Frontiera '70»

Tornolo

Lisa, nonna coraggiosa. Ha detto addio a 101 anni

FIDENZA

Tangenziale Sud, oggi via a nuovi lavori

TERREMOTO

Sciame sismico in Appennino, 17 scosse. Le più forti avvertite in tutta la provincia

A Fornovo la più forte (4.4). Non segnalati danni

5commenti

ULTIM'ORA

Uno dei terremoti più profondi in Emilia Romagna

La scossa più forte su un basamento roccioso

2commenti

Le reazioni

La sindaca di Fornovo: "Tanta paura, ma niente danni"

Il sindaco Pizzarotti "La scossa è stata sentita a Parma, ma non è di particolare rilievo"

Gattatico

«Mi hanno derubato». Ma è una truffa

VIA MILANO

Bocconi avvelenati nel parco dei Vetrai, animali a rischio

La polizia municipale ha circoscritto l'area e sta effettuando rilievi

2commenti

Incidente

Scontro su strada Pilastro, un ferito

2commenti

PARMA

Riina: l'addio senza lacrime (e lite con i cronisti) della vedova e dei figli

Maria Concetta Riina se la prende con i giornalisti. L'avvocato: "Andatevene, è scandalismo". Conclusa l'autopsia sul corpo del boss (Ipotesi tecnica di "omicidio colposo" contro ignoti) : i risultati tra 60 giorni

15commenti

FUNERALE

La lettera della mamma di Mattia

IN PENSIONE

Roncoroni, chirurgo a tutto campo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La figlia di Totò Riina e una rabbia che offende

di Georgia Azzali

4commenti

TRAFFICO

La mappa degli autovelox dal 20 al 24 novembre

ITALIA/MONDO

Ris di Parma

Scomparse due mogli di un allevatore: trovate ossa nella stalla

3commenti

Il caso

Cerca la madre naturale. Lei la gela: "Sei il simbolo della violenza subita"

2commenti

SPORT

SERIE A

Crolla la Juve, l'Inter batte l'Atalanta ed è seconda

SERIE B

Pari fra Salernitana e Cremonese: Parma sempre in testa

SOCIETA'

GENOVA

Uomo aggredito da un cinghiale nei boschi del genovese

LA PEPPA

Pollo e peperoni ripieni

1commento

MOTORI

IL NOSTRO TEST

Meglio ibrida o plug-in? La risposta è Hyundai Ioniq

LA PROVA

Hyundai Kona, il nuovo B-Suv in 5 mosse Le foto