21°

INTERVISTA

Cristina Parizzi: "C'è qualcosa di nuovo in cucina: si riparla di buona accoglienza"

Cristina Parizzi

Cristina Parizzi

Ricevi gratis le news
0

 

Sandro Piovani
Chiamatela accoglienza, chiamatelo galateo della tavola. Per molto (troppo) tempo, anche dalle nostri parti, sembrava un ingrediente dimenticato nella cucina di molti ristoranti. Pochi i grandi maestri di accoglienza, in città. Citiamo per tutti Ugo Bertolotti (Il Tramezzo) e Corrado Cocchi (Da Cocchi). Due esempi da seguire. Perché lo star bene a tavola inizia proprio dall'accoglienza, dal mettere a proprio agio il cliente. E, attenzione, non stiamo parlando di eleganza fine a se stessa. Significa spiegare la propria cucina, preparare la tavola in modo accattivante. Comodità, insomma. Cristina Parizzi (ristorante Parizzi), giovane ma esperta maitre di sala, da anni sta curando questo aspetto. Prima ha studiato. Ora, gratuitamente, insegna questa ostica materia, in collaborazione con l'istituto alberghiero Magnaghi di Salsomaggiore . 
Come è nata l'idea di insegnare il galateo della tavola?
«Ci siamo accorti che è mancata una generazione di nonne capaci di trasmettere le usanze e le tradizioni legate alla famiglia. Oggi c'è un grande ritorno nei giovani nei valori tradizionali, mi sono accorta proprio affiancando mio marito nelle lezioni di cucina che anche le cose più banali non sono state tramandate. Ho cominciato così a pensare di aggiungere una mezz' oretta di corso dove insegno  come si può preparare una tavola per la grande occasione piuttosto che quella informale con amici. E l' iniziativa sta sempre più riscuotendo successo».
Che significato avrà l'accoglienza nella ristorazione del futuro?
«A mio parere nella ristorazione del futuro l'accoglienza sarà sempre più importante, perchè è la prima azione di marketing del ristorante e perchè, nell’immaginario collettivo, quello del cameriere è un lavoro che tutti possono fare, richiede invece una grande professionalità, studio e applicazione per essere all’altezza del cliente. I camerieri già oggi più dei cuochi sono ricercati dai ristoranti di ogni livello».
Qual è la prima regola che nessuno deve infrangere, dalla trattoria al grande ristorante?
«La buona educazione, la cordialità, l’amore per il proprio lavoro».
Lei lavora in un ristorante stellato. Quando ha capito l'importanza dell'accoglienza?
«La mia è una passione da sempre, ho sempre amato le buone maniere, le cose belle. Mi trovo a mio agio in una tavola ben apparecchiata, attorno alla quale si ritrova una famiglia per comunicare. Credo che la televisione in sala da pranzo sia da bandire in tutte le case, e che molti dei problemi di incomunicabilità coi propri famigliari derivino proprio dalla mancanza di dialogo: credo che la tavola sia un ottimo posto dove capire i messaggi che i nostri figli ci danno».
Perché ha accettato di insegnare questa materia? 
«Perchè non è materia prevista negli istituti alberghieri e mi piacerebbe che i ragazzi si appassionassero a questo aspetto della ristorazione. Ripeto, oggi e ancora più domani ci sarà grande richiesta di professionisti capaci».
I futuri maitre e camerieri hanno capito l'importanza della materia?
«Mi hanno stupito. Ho trovato molto interesse nelle loro domande, in fondo molte volte siamo noi a sottovalutare le potenzialità dei giovani e troppo spesso ci dimentichiamo quanto possono appassionarsi se mossi con le leve giuste».
Essere sommelier e maitre è un passaggio in più?
«Come in tutti i lavori ci sono qualifiche e gerarchie. Il maitre è il responsabile di tutto il servizio di sala. Maitre o caposala è il massimo grado che si può raggiungere nel servizio di sala, seguono cameriere o chef de rang e comis di sala e l’apprendista. La classificazione è ancora piu distinta nelle grandi brigate, e nasce dalla scuola francese. Il sommelier è il responsabile dell’acquisto e della vendita delle bevande. Seguono il comis sommelier e l’apprendista sommelier. In Italia per ragioni di costi si tende ad unificare queste due carriere e sovente si sovrappongono».
Sandro Piovani

Chiamatela accoglienza, chiamatelo galateo della tavola. Per molto (troppo) tempo, anche dalle nostri parti, sembrava un ingrediente dimenticato nella cucina di molti ristoranti. Pochi i grandi maestri di accoglienza, in città. Citiamo per tutti Ugo Bertolotti (Il Tramezzo) e Corrado Cocchi (Da Cocchi). Due esempi da seguire. Perché lo star bene a tavola inizia proprio dall'accoglienza, dal mettere a proprio agio il cliente. E, attenzione, non stiamo parlando di eleganza fine a se stessa. Significa spiegare la propria cucina, preparare la tavola in modo accattivante. Comodità, insomma. Cristina Parizzi (ristorante Parizzi), giovane ma esperta maitre di sala, da anni sta curando questo aspetto. Prima ha studiato. Ora, gratuitamente, insegna questa ostica materia, in collaborazione con l'istituto alberghiero Magnaghi di Salsomaggiore . Come è nata l'idea di insegnare il galateo della tavola?«Ci siamo accorti che è mancata una generazione di nonne capaci di trasmettere le usanze e le tradizioni legate alla famiglia. Oggi c'è un grande ritorno nei giovani nei valori tradizionali, mi sono accorta proprio affiancando mio marito nelle lezioni di cucina che anche le cose più banali non sono state tramandate. Ho cominciato così a pensare di aggiungere una mezz' oretta di corso dove insegno  come si può preparare una tavola per la grande occasione piuttosto che quella informale con amici. E l' iniziativa sta sempre più riscuotendo successo».

Che significato avrà l'accoglienza nella ristorazione del futuro?

 

A mio parere nella ristorazione del futuro l'accoglienza sarà sempre più importante, perchè è la prima azione di marketing del ristorante e perchè, nell’immaginario collettivo, quello del cameriere è un lavoro che tutti possono fare, richiede invece una grande professionalità, studio e applicazione per essere all’altezza del cliente. I camerieri già oggi più dei cuochi sono ricercati dai ristoranti di ogni livello».Qual è la prima regola che nessuno deve infrangere, dalla trattoria al grande ristorante?«La buona educazione, la cordialità, l’amore per il proprio lavoro».

Lei lavora in un ristorante stellato. Quando ha capito l'importanza dell'accoglienza?

«La mia è una passione da sempre, ho sempre amato le buone maniere, le cose belle. Mi trovo a mio agio in una tavola ben apparecchiata, attorno alla quale si ritrova una famiglia per comunicare. Credo che la televisione in sala da pranzo sia da bandire in tutte le case, e che molti dei problemi di incomunicabilità coi propri famigliari derivino proprio dalla mancanza di dialogo: credo che la tavola sia un ottimo posto dove capire i messaggi che i nostri figli ci danno».

Perché ha accettato di insegnare questa materia?

«Perchè non è materia prevista negli istituti alberghieri e mi piacerebbe che i ragazzi si appassionassero a questo aspetto della ristorazione. Ripeto, oggi e ancora più domani ci sarà grande richiesta di professionisti capaci».

I futuri maitre e camerieri hanno capito l'importanza della materia?

«Mi hanno stupito. Ho trovato molto interesse nelle loro domande, in fondo molte volte siamo noi a sottovalutare le potenzialità dei giovani e troppo spesso ci dimentichiamo quanto possono appassionarsi se mossi con le leve giuste».

Essere sommelier e maitre è un passaggio in più?

«Come in tutti i lavori ci sono qualifiche e gerarchie. Il maitre è il responsabile di tutto il servizio di sala. Maitre o caposala è il massimo grado che si può raggiungere nel servizio di sala, seguono cameriere o chef de rang e comis di sala e l’apprendista. La classificazione è ancora piu distinta nelle grandi brigate, e nasce dalla scuola francese. Il sommelier è il responsabile dell’acquisto e della vendita delle bevande. Seguono il comis sommelier e l’apprendista sommelier. In Italia per ragioni di costi si tende ad unificare queste due carriere e sovente si sovrappongono».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

GAZZAFUN

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

Via D'Azeglio: tutti alla Mattanza

PGN FESTE

Via D'Azeglio: tutti alla Mattanza Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Stop ai disel euro 4 ed altre misure emergenza per la qualità dell'aria da domani venerdì 20 fino a lunedì 23 ottobre

Smog

Stop ai diesel euro 4 da domani e fino a lunedì

Polveri sottili alle stelle, si corre ai rimedi

17commenti

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

FIDENZA

Muore a 51 anni, 11 giorni dopo l'incidente in bici

Giovanni Rapacioli era molto conosciuto: era il pizzaiolo-dj di via Berenini

BUSSETO

Tenta di investire l'ex moglie in un parcheggio: arrestato 65enne Video

L'uomo, un operaio residente a Polesine, è accusato di resistenza e stalking

1commento

Lutto

Folla al funerale di Luca Moroni

Nel Duomo di Fidenza l'addio all'ingegnere morto in un incidente stradale

UNIVERSITA'

Bici legate al montascale, ancora bloccata la ragazza disabile

4commenti

PARMA

Gestione rifiuti: bando per 15 anni di affidamento del servizio Video

Il Comune ha presentato il bando europeo sulla gestione rifiuti

1commento

Rumore

«Il Comune paghi i danni della movida»

5commenti

CARABINIERI

Controlli anti-droga in piazzale Barbieri: denunciato un minorenne

Un 17enne è stato scoperto mentre cedeva hashish a una compagna

tg parma

Prostituzione, arrestato un rumeno ricercato

Fermato in patria, indagato a Parma

COLLECCHIO

Va all'asilo, mamma derubata

SORBOLO

Un 88enne: «Un cane mi ha aggredito e morsicato in un parcheggio»

1commento

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: guarda le gallery dei finalisti

4commenti

salute

L'Università di Parma studia la chirurgia contro la cefalea da cervicale

In oltre il 90% dei pazienti trattati con l’intervento ha visto la completa scomparsa dei sintomi (8 su 10) o una loro netta diminuzione

PARLA L'ESPERTO

«Anziana scippata, evento traumatico»

2commenti

Parma Marathon

Raccolta fondi per la famiglia del runner morto

Un'iniziativa per i familiari di Luigi Liuzzi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Referendum e regionali, la sfida nel centrodestra

di Luca Tentoni

NOSTRE INIZIATIVE

Da oggi le foto di tutti i remigini delle scuole di città e provincia

ITALIA/MONDO

Firenze

Cade un capitello della basilica di Santa Croce: turista ucciso

RIMINI

Vigile si uccide: era indagato per assenteismo

SPORT

Calcio

L'exploit di Federico: esordio in Azzurro con gol

Tg Parma

Affare Parma - Desports: la Cina apre gli investimenti esteri Video

SOCIETA'

musica

Elio e le Storie Tese: dopo 37 anni il "valzer" d'addio

SPAZIO

AstroPaolo fotografa nube marrone sulla Pianura Padana

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: 5 passi nel nuovo Suv di Volkswagen Foto

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compatto di Seat in 5 mosse Foto