23°

32°

INTERVISTA

Cristina Parizzi: "C'è qualcosa di nuovo in cucina: si riparla di buona accoglienza"

Cristina Parizzi

Cristina Parizzi

Ricevi gratis le news
0

 

Sandro Piovani
Chiamatela accoglienza, chiamatelo galateo della tavola. Per molto (troppo) tempo, anche dalle nostri parti, sembrava un ingrediente dimenticato nella cucina di molti ristoranti. Pochi i grandi maestri di accoglienza, in città. Citiamo per tutti Ugo Bertolotti (Il Tramezzo) e Corrado Cocchi (Da Cocchi). Due esempi da seguire. Perché lo star bene a tavola inizia proprio dall'accoglienza, dal mettere a proprio agio il cliente. E, attenzione, non stiamo parlando di eleganza fine a se stessa. Significa spiegare la propria cucina, preparare la tavola in modo accattivante. Comodità, insomma. Cristina Parizzi (ristorante Parizzi), giovane ma esperta maitre di sala, da anni sta curando questo aspetto. Prima ha studiato. Ora, gratuitamente, insegna questa ostica materia, in collaborazione con l'istituto alberghiero Magnaghi di Salsomaggiore . 
Come è nata l'idea di insegnare il galateo della tavola?
«Ci siamo accorti che è mancata una generazione di nonne capaci di trasmettere le usanze e le tradizioni legate alla famiglia. Oggi c'è un grande ritorno nei giovani nei valori tradizionali, mi sono accorta proprio affiancando mio marito nelle lezioni di cucina che anche le cose più banali non sono state tramandate. Ho cominciato così a pensare di aggiungere una mezz' oretta di corso dove insegno  come si può preparare una tavola per la grande occasione piuttosto che quella informale con amici. E l' iniziativa sta sempre più riscuotendo successo».
Che significato avrà l'accoglienza nella ristorazione del futuro?
«A mio parere nella ristorazione del futuro l'accoglienza sarà sempre più importante, perchè è la prima azione di marketing del ristorante e perchè, nell’immaginario collettivo, quello del cameriere è un lavoro che tutti possono fare, richiede invece una grande professionalità, studio e applicazione per essere all’altezza del cliente. I camerieri già oggi più dei cuochi sono ricercati dai ristoranti di ogni livello».
Qual è la prima regola che nessuno deve infrangere, dalla trattoria al grande ristorante?
«La buona educazione, la cordialità, l’amore per il proprio lavoro».
Lei lavora in un ristorante stellato. Quando ha capito l'importanza dell'accoglienza?
«La mia è una passione da sempre, ho sempre amato le buone maniere, le cose belle. Mi trovo a mio agio in una tavola ben apparecchiata, attorno alla quale si ritrova una famiglia per comunicare. Credo che la televisione in sala da pranzo sia da bandire in tutte le case, e che molti dei problemi di incomunicabilità coi propri famigliari derivino proprio dalla mancanza di dialogo: credo che la tavola sia un ottimo posto dove capire i messaggi che i nostri figli ci danno».
Perché ha accettato di insegnare questa materia? 
«Perchè non è materia prevista negli istituti alberghieri e mi piacerebbe che i ragazzi si appassionassero a questo aspetto della ristorazione. Ripeto, oggi e ancora più domani ci sarà grande richiesta di professionisti capaci».
I futuri maitre e camerieri hanno capito l'importanza della materia?
«Mi hanno stupito. Ho trovato molto interesse nelle loro domande, in fondo molte volte siamo noi a sottovalutare le potenzialità dei giovani e troppo spesso ci dimentichiamo quanto possono appassionarsi se mossi con le leve giuste».
Essere sommelier e maitre è un passaggio in più?
«Come in tutti i lavori ci sono qualifiche e gerarchie. Il maitre è il responsabile di tutto il servizio di sala. Maitre o caposala è il massimo grado che si può raggiungere nel servizio di sala, seguono cameriere o chef de rang e comis di sala e l’apprendista. La classificazione è ancora piu distinta nelle grandi brigate, e nasce dalla scuola francese. Il sommelier è il responsabile dell’acquisto e della vendita delle bevande. Seguono il comis sommelier e l’apprendista sommelier. In Italia per ragioni di costi si tende ad unificare queste due carriere e sovente si sovrappongono».
Sandro Piovani

Chiamatela accoglienza, chiamatelo galateo della tavola. Per molto (troppo) tempo, anche dalle nostri parti, sembrava un ingrediente dimenticato nella cucina di molti ristoranti. Pochi i grandi maestri di accoglienza, in città. Citiamo per tutti Ugo Bertolotti (Il Tramezzo) e Corrado Cocchi (Da Cocchi). Due esempi da seguire. Perché lo star bene a tavola inizia proprio dall'accoglienza, dal mettere a proprio agio il cliente. E, attenzione, non stiamo parlando di eleganza fine a se stessa. Significa spiegare la propria cucina, preparare la tavola in modo accattivante. Comodità, insomma. Cristina Parizzi (ristorante Parizzi), giovane ma esperta maitre di sala, da anni sta curando questo aspetto. Prima ha studiato. Ora, gratuitamente, insegna questa ostica materia, in collaborazione con l'istituto alberghiero Magnaghi di Salsomaggiore . Come è nata l'idea di insegnare il galateo della tavola?«Ci siamo accorti che è mancata una generazione di nonne capaci di trasmettere le usanze e le tradizioni legate alla famiglia. Oggi c'è un grande ritorno nei giovani nei valori tradizionali, mi sono accorta proprio affiancando mio marito nelle lezioni di cucina che anche le cose più banali non sono state tramandate. Ho cominciato così a pensare di aggiungere una mezz' oretta di corso dove insegno  come si può preparare una tavola per la grande occasione piuttosto che quella informale con amici. E l' iniziativa sta sempre più riscuotendo successo».

Che significato avrà l'accoglienza nella ristorazione del futuro?

 

A mio parere nella ristorazione del futuro l'accoglienza sarà sempre più importante, perchè è la prima azione di marketing del ristorante e perchè, nell’immaginario collettivo, quello del cameriere è un lavoro che tutti possono fare, richiede invece una grande professionalità, studio e applicazione per essere all’altezza del cliente. I camerieri già oggi più dei cuochi sono ricercati dai ristoranti di ogni livello».Qual è la prima regola che nessuno deve infrangere, dalla trattoria al grande ristorante?«La buona educazione, la cordialità, l’amore per il proprio lavoro».

Lei lavora in un ristorante stellato. Quando ha capito l'importanza dell'accoglienza?

«La mia è una passione da sempre, ho sempre amato le buone maniere, le cose belle. Mi trovo a mio agio in una tavola ben apparecchiata, attorno alla quale si ritrova una famiglia per comunicare. Credo che la televisione in sala da pranzo sia da bandire in tutte le case, e che molti dei problemi di incomunicabilità coi propri famigliari derivino proprio dalla mancanza di dialogo: credo che la tavola sia un ottimo posto dove capire i messaggi che i nostri figli ci danno».

Perché ha accettato di insegnare questa materia?

«Perchè non è materia prevista negli istituti alberghieri e mi piacerebbe che i ragazzi si appassionassero a questo aspetto della ristorazione. Ripeto, oggi e ancora più domani ci sarà grande richiesta di professionisti capaci».

I futuri maitre e camerieri hanno capito l'importanza della materia?

«Mi hanno stupito. Ho trovato molto interesse nelle loro domande, in fondo molte volte siamo noi a sottovalutare le potenzialità dei giovani e troppo spesso ci dimentichiamo quanto possono appassionarsi se mossi con le leve giuste».

Essere sommelier e maitre è un passaggio in più?

«Come in tutti i lavori ci sono qualifiche e gerarchie. Il maitre è il responsabile di tutto il servizio di sala. Maitre o caposala è il massimo grado che si può raggiungere nel servizio di sala, seguono cameriere o chef de rang e comis di sala e l’apprendista. La classificazione è ancora piu distinta nelle grandi brigate, e nasce dalla scuola francese. Il sommelier è il responsabile dell’acquisto e della vendita delle bevande. Seguono il comis sommelier e l’apprendista sommelier. In Italia per ragioni di costi si tende ad unificare queste due carriere e sovente si sovrappongono».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

4commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

weekend

Tra sagre e... castelli di sabbia: l'agenda. Rimandata la festa degli amor

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

1commento

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

CRONACA NERA

Rapina alla farmacia di via Volturno, due banditi in fuga

I dipendenti minacciati con i cutter

1commento

neviano

Attenzione, attraversamento cinghiali. Riuscite a contarli tutti? Video

2commenti

Escursionismo

Rifugi, quelle case dove abita la natura

Amichevole

Parma e Empoli non si fanno male

Teatro

Addio a Tania Rocchetta, 50 anni di palcoscenico. E di impegno civile

Varano Melegari

La Polisportiva Varanese si tinge di Milan

Lutto

E' morto Maurizio Carra, un'istituzione dell'automobilismo

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

1commento

COLLECCHIO

Talignano invasa da cinghiali e nutrie: la protesta dei residenti

Lamentele anche a Pontescodogna: «Troppe strade sconnesse»

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

barcellona

Ritrovato il piccolo Julian: è in ospedale tra i feriti

Terrorismo

L'Isis sui social: "Il prossimo obiettivo è l'Italia"

SPORT

SERIE A

La Juve travolge il Cagliari, Il Napoli passa a Verona

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

SOCIETA'

viabilità

Ritorni e partenze, traffico in intensificazione sulle autostrade Tempo reale

calestano

Mai dire Baganzai: la sfida (anche) dei video

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti