donne

Piccole storie di grandi parmigiane/8

Dizionario delle parmigiane
Ricevi gratis le news
0

Piccole storie di donne parmigiane - alcune note, altre no - che hanno fatto un pezzetto della nostra storia. Oggi l'ottavo degli appuntamenti settimanali che abbiamo voluto dedicare alle parmigiane di un passato più o meno recente, celebrandole sul nostro sito e raccontandole grazie al prezioso lavoro di Fabrizia Dalcò, che proprio a loro ha dedicato "Il dizionario biografico delle parmigiane", da cui queste schede sono tratte e che è stato voluto dalla Provincia di Parma. Ecco le quattro della settimana, il nostro augurio di buona Pasqua.

Lasagna Laura
Parma 13 giugno 1943 - 24 settembre 2012
Insegnante. Quarta di cinque fratelli, figlia di una modista e di un tipografo, manifestò fin dall’infanzia un grande amore per i colori. Avrebbe voluto inscriversi all’Istituto d’arte, ma i genitori la orientarono verso una scelta che offrisse maggiori prospettive di lavoro: l’Istituto magistrale. Iniziò a insegnare alla scuola popolare nel 1964, per passare di ruolo nel 1967 alle elementari. Rifiutò di allontanare dalla sua classe un bambino già destinato alle classi differenziali: un atto di disobbedienza alle disposizioni del Ministero che la porterà a impegnarsi nella lotta per la chiusura delle classi differenziali e delle scuole speciali. Il 2 febbraio 1969 partecipò all’assemblea indetta dal movimento studentesco di Medicina che diede inizio all’occupazione del manicomio di Colorno. L’impegno nella scuola si salderà con quello fuori dalla scuola: nell’Associazione per la lotta contro le malattie mentali, nella battaglia per la chiusura del Brefotrofio, nel lavoro quotidiano all’interno del progetto pilota a livello nazionale dei “Laboratori protetti”. La sua tesi di laurea - Il rifiuto sociale e il laboratorio protetto - fu discussa a pieni voti nel 1971, con i complimenti di una commissione fra cui spiccava la figura di Franco Basaglia. Ideali politici e pratica d’insegnamento erano per lei inscindibili. Il suo metodo di lavoro nasceva dalla volontà di garantire a tutti gli strumenti “per capire e dire”, rifiutando il fatalismo di chi considerava la capacità di scrivere un “dono di natura”: da qui la ricerca di una “didattica della lingua” che liberasse le parole arricchendole di tutte le esperienze e i linguaggi espressivi. Il suo impianto metodologico esigeva una scuola aperta verso l’esterno, una revisione dei rapporti (insegnante/alunni, insegnante/genitori, genitori/figli, uomo/donna), una visione interdisciplinare della conoscenza, letture e scritti alternativi ai libri di testo, l’uso sistematico della biblioteca, l’uso di tutti mezzi espressivi. Il teatro divenne, in tal senso, uno strumento essenziale perché dava il coraggio di parlare senza soggezione di fronte a maestri e compagni, liberava le parole e la scrittura, valorizzava l’immaginazione per attribuire agli oggetti nuovi significati e funzioni: “Un esercizio? No, una scelta politica, una lettura nuova, una possibile trasformazione del mondo”. Le prime esperienze di pratica teatrale datano ai primi anni ‘70, nelle scuole di Mezzani inferiore e Sorbolo, e si rafforzano nei progetti realizzati alla scuola Martiri di Cefalonia di Parma negli anni ‘80. Nel 1987-1988 il Teatro delle Briciole lanciò il progetto “La scuola scrive per il teatro”, rivolto a tutte le classi elementari di Parma e provincia. La sua classe lavorò per vari mesi alla scrittura del racconto Dove finisce quel fruscio d’uccelli, che sarà scelto per una trasposizione teatrale nella stagione 1988-1989. Iniziò così l’intesa collaborazione con la regista Letizia Quintavalla, con la quale realizzerà, fra gli altri, il laboratorio Del piccolo e del grande nell’ambito del Progetto Odissea delle Briciole (1990-1991), Povero Pinocchio (1991-1992), Paesaggi (1993-1994), fino al progetto sperimentale quadriennale Così impari! (1996-2000). Dal suo lavoro con i bambini nasceranno diverse pubblicazioni, come Andando per stelle, una raccolta di testi il cui ricavato andrà a finanziare la costruzione di una scuola a Tepalón, in Nicaragua. Fu lei a impostare il progetto per la creazione della biblioteca “La Baia del Re” (inaugurata nel 2000), a organizzare gli incontri di Omaggio alla lettura, per i quali otterrà la collaborazione di attori, registi, genitori, insegnanti, docenti di pedagogia dell’arte e di letteratura per l’infanzia. La ricerca sui “linguaggi espressivi”, centrale nel suo percorso d’insegnante, ha accompagnato tutta la sua vita di donna e di artista che, con i suoi scritti, con i suoi dipinti e suoi ritratti, ha saputo raccontare la sua storia.
Fonte: notizie fornite da Leonardo Di Jorio, Irene Di Jorio, Letizia Quintavalla; Archivio Di Jorio Lasagna.

Del Bono Dorotea
Parma 1779
Poetessa. Rimangono sue rime negli Atti della solenne incoronazione fatta in Campidoglio della insigne poetessa Maddalena Morelli Fernandez, pistoiese, tra gli accademici Corilla Olimpica stampati a Parma nel 1779. Ebbe nome arcadico di Dori Dolfense ed è soggetto e dedicataria di molti versi del poeta Innocenzo Frugoni. Ebbe una villa presso Guastalla dove tenne un salotto frequentato da artisti e intellettuali.
Bibl.: Bandini Buti M., Poetesse e scrittrici, Istituto editoriale italiano Tosi, 1941, p 203; Ceruti Burgio A., Donne e poesia a Parma. La scrittura femminile dal Rinascimento al ventesimo secolo, Malacoda, n. 12, p 60; Lasagni R., Dizionario biografico dei Parmigiani, PPS Editrice, 1999, I, p 611.

Agazzi Bruna
Sorbolo 12 giugno 1924 - 17 settembre 1971
Maestra. Esercitò la professione nella scuola elementare di Coenzo, Enzano e Sorbolo, dopo un periodo trascorso a insegnare in montagna, a Valditacca e Pianadetto. Una vita dedicata all’insegnamento che non si concludeva con l’orario scolastico: spesso ospitava i bambini a casa nel pomeriggio per continuare le lezioni e accompagnarli nei giochi. Anticonformista, anticonvenzionale, libera e originale è ricordata per i suoi metodi educativi innovativi. Partecipò alla Resistenza come staffetta: in particolare trasportò, nascoste nella canna della bicicletta, fino a Langhirano le mappe delle fortificazioni dell’esercito costruite lungo la linea Modena-Piacenza. Morì improvvisamente il 17 settembre 1971 a soli quarantasette anni. Nel 1974 una lapide ricordo venne scoperta all’asilo di Sorbolo. Il 15 maggio del 1999 le venne intitolata la scuola materna statale di Sorbolo.
Bibl.: Farri C., Zanichelli A. (a cura di), Ricordo di Bruna Agazzi, Donelli, 2006.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Vasco Rossi nel 2018 sarà a giugno negli stadi

musica

Vasco Rossi torna negli stadi: appuntamento a giugno 2018

1commento

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero

IL DISCO

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero Video

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per tour estivo

musica

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per il tour estivo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

CHICHIBIO

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

di Chichibio

Lealtrenotizie

Colorno, arriva la piena. "Via dai piani bassi delle case". Piazza allagata Video

emergenza

Colorno, arriva la piena. "Via dai piani bassi delle case". Piazza allagata Video 1-2

La sindaca: "State lontani dagli argini"

emergenza

Lentigione, la piena vista dall'alto Video

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

incidente

Pedone investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

PIENA

Enza, a Casaltone il peggio è passato. "Ma restate lontano dagli argini" Foto

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

2commenti

Salsomaggiore

Maltempo, auto imprigionata con a bordo tre bimbi

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

Intervista

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

1commento

IL CASO

Collecchio dichiara guerra al gioco d'azzardo

LUTTO

Fidenza, stazione più triste senza Luca, il suo giornalaio

La storia

«Il mio viaggio da incubo sull'Intercitynotte»

San Prospero

«I lupi? Ci fanno più paura i ladri nelle case»

2commenti

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

6commenti

SEMBRA IERI

Una "pennellata" di teatro con Maurizio Schiaretti (1993)

Incidenti

Corcagnano e via Spezia: due pedoni investiti, sono in gravi condizioni Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Berlusconi ritorna: non farà da spettatore

di Stefano Pileri

UNIVERSITA'

Smart Production Lab 4.0 al servizio del futuro

di Katia Golini

ITALIA/MONDO

sudafrica

Rissa in carcere, ferito Pistorius

VAPRIO D'ADDA

Sparò e uccise il ladro: "Legittima difesa". Caso archiviato

1commento

SPORT

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

2commenti

calcio

Ottavi Champions: Juve con il Tottenham, Roma con lo Shakhtar. L'Europa League

SOCIETA'

Ministero

Farmaci più cari di notte: raddoppia il supplemento

emendamenti

Manovra: salta la stretta sull'uso dei cellulari in auto

MOTORI

Auto-moto-pedoni

Guidare su neve e ghiaccio: le 10 regole

MOTO

Prova Kawasaki Z900RS