11°

17°

donne

Piccole storie di grandi parmigiane/8

Dizionario delle parmigiane
Ricevi gratis le news
0

Piccole storie di donne parmigiane - alcune note, altre no - che hanno fatto un pezzetto della nostra storia. Oggi l'ottavo degli appuntamenti settimanali che abbiamo voluto dedicare alle parmigiane di un passato più o meno recente, celebrandole sul nostro sito e raccontandole grazie al prezioso lavoro di Fabrizia Dalcò, che proprio a loro ha dedicato "Il dizionario biografico delle parmigiane", da cui queste schede sono tratte e che è stato voluto dalla Provincia di Parma. Ecco le quattro della settimana, il nostro augurio di buona Pasqua.

Lasagna Laura
Parma 13 giugno 1943 - 24 settembre 2012
Insegnante. Quarta di cinque fratelli, figlia di una modista e di un tipografo, manifestò fin dall’infanzia un grande amore per i colori. Avrebbe voluto inscriversi all’Istituto d’arte, ma i genitori la orientarono verso una scelta che offrisse maggiori prospettive di lavoro: l’Istituto magistrale. Iniziò a insegnare alla scuola popolare nel 1964, per passare di ruolo nel 1967 alle elementari. Rifiutò di allontanare dalla sua classe un bambino già destinato alle classi differenziali: un atto di disobbedienza alle disposizioni del Ministero che la porterà a impegnarsi nella lotta per la chiusura delle classi differenziali e delle scuole speciali. Il 2 febbraio 1969 partecipò all’assemblea indetta dal movimento studentesco di Medicina che diede inizio all’occupazione del manicomio di Colorno. L’impegno nella scuola si salderà con quello fuori dalla scuola: nell’Associazione per la lotta contro le malattie mentali, nella battaglia per la chiusura del Brefotrofio, nel lavoro quotidiano all’interno del progetto pilota a livello nazionale dei “Laboratori protetti”. La sua tesi di laurea - Il rifiuto sociale e il laboratorio protetto - fu discussa a pieni voti nel 1971, con i complimenti di una commissione fra cui spiccava la figura di Franco Basaglia. Ideali politici e pratica d’insegnamento erano per lei inscindibili. Il suo metodo di lavoro nasceva dalla volontà di garantire a tutti gli strumenti “per capire e dire”, rifiutando il fatalismo di chi considerava la capacità di scrivere un “dono di natura”: da qui la ricerca di una “didattica della lingua” che liberasse le parole arricchendole di tutte le esperienze e i linguaggi espressivi. Il suo impianto metodologico esigeva una scuola aperta verso l’esterno, una revisione dei rapporti (insegnante/alunni, insegnante/genitori, genitori/figli, uomo/donna), una visione interdisciplinare della conoscenza, letture e scritti alternativi ai libri di testo, l’uso sistematico della biblioteca, l’uso di tutti mezzi espressivi. Il teatro divenne, in tal senso, uno strumento essenziale perché dava il coraggio di parlare senza soggezione di fronte a maestri e compagni, liberava le parole e la scrittura, valorizzava l’immaginazione per attribuire agli oggetti nuovi significati e funzioni: “Un esercizio? No, una scelta politica, una lettura nuova, una possibile trasformazione del mondo”. Le prime esperienze di pratica teatrale datano ai primi anni ‘70, nelle scuole di Mezzani inferiore e Sorbolo, e si rafforzano nei progetti realizzati alla scuola Martiri di Cefalonia di Parma negli anni ‘80. Nel 1987-1988 il Teatro delle Briciole lanciò il progetto “La scuola scrive per il teatro”, rivolto a tutte le classi elementari di Parma e provincia. La sua classe lavorò per vari mesi alla scrittura del racconto Dove finisce quel fruscio d’uccelli, che sarà scelto per una trasposizione teatrale nella stagione 1988-1989. Iniziò così l’intesa collaborazione con la regista Letizia Quintavalla, con la quale realizzerà, fra gli altri, il laboratorio Del piccolo e del grande nell’ambito del Progetto Odissea delle Briciole (1990-1991), Povero Pinocchio (1991-1992), Paesaggi (1993-1994), fino al progetto sperimentale quadriennale Così impari! (1996-2000). Dal suo lavoro con i bambini nasceranno diverse pubblicazioni, come Andando per stelle, una raccolta di testi il cui ricavato andrà a finanziare la costruzione di una scuola a Tepalón, in Nicaragua. Fu lei a impostare il progetto per la creazione della biblioteca “La Baia del Re” (inaugurata nel 2000), a organizzare gli incontri di Omaggio alla lettura, per i quali otterrà la collaborazione di attori, registi, genitori, insegnanti, docenti di pedagogia dell’arte e di letteratura per l’infanzia. La ricerca sui “linguaggi espressivi”, centrale nel suo percorso d’insegnante, ha accompagnato tutta la sua vita di donna e di artista che, con i suoi scritti, con i suoi dipinti e suoi ritratti, ha saputo raccontare la sua storia.
Fonte: notizie fornite da Leonardo Di Jorio, Irene Di Jorio, Letizia Quintavalla; Archivio Di Jorio Lasagna.

Del Bono Dorotea
Parma 1779
Poetessa. Rimangono sue rime negli Atti della solenne incoronazione fatta in Campidoglio della insigne poetessa Maddalena Morelli Fernandez, pistoiese, tra gli accademici Corilla Olimpica stampati a Parma nel 1779. Ebbe nome arcadico di Dori Dolfense ed è soggetto e dedicataria di molti versi del poeta Innocenzo Frugoni. Ebbe una villa presso Guastalla dove tenne un salotto frequentato da artisti e intellettuali.
Bibl.: Bandini Buti M., Poetesse e scrittrici, Istituto editoriale italiano Tosi, 1941, p 203; Ceruti Burgio A., Donne e poesia a Parma. La scrittura femminile dal Rinascimento al ventesimo secolo, Malacoda, n. 12, p 60; Lasagni R., Dizionario biografico dei Parmigiani, PPS Editrice, 1999, I, p 611.

Agazzi Bruna
Sorbolo 12 giugno 1924 - 17 settembre 1971
Maestra. Esercitò la professione nella scuola elementare di Coenzo, Enzano e Sorbolo, dopo un periodo trascorso a insegnare in montagna, a Valditacca e Pianadetto. Una vita dedicata all’insegnamento che non si concludeva con l’orario scolastico: spesso ospitava i bambini a casa nel pomeriggio per continuare le lezioni e accompagnarli nei giochi. Anticonformista, anticonvenzionale, libera e originale è ricordata per i suoi metodi educativi innovativi. Partecipò alla Resistenza come staffetta: in particolare trasportò, nascoste nella canna della bicicletta, fino a Langhirano le mappe delle fortificazioni dell’esercito costruite lungo la linea Modena-Piacenza. Morì improvvisamente il 17 settembre 1971 a soli quarantasette anni. Nel 1974 una lapide ricordo venne scoperta all’asilo di Sorbolo. Il 15 maggio del 1999 le venne intitolata la scuola materna statale di Sorbolo.
Bibl.: Farri C., Zanichelli A. (a cura di), Ricordo di Bruna Agazzi, Donelli, 2006.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Best: tutti i compleanni

FESTE PGN

Best: tutti i compleanni Foto

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

6commenti

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna"

FUMETTI

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna" Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Criptovalute, il problemaè la mancanza di un governo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

Lealtrenotizie

Danneggia un'auto e fugge: preso

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

PARMENSE

Fornovo, rustico a fuoco. Fiamme anche a Basilicanova

Notte di lavoro per i vigili del fuoco

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

LIRICA

Festival Verdi: incassi oltre il milione, stranieri 7 spettatori su 10

LANGHIRANO

Cascinapiano, auto fuori strada: un ferito

Ferite di media gravità per il conducente

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

3commenti

Calcio

Parma, tre punti d'oro

ambiente

Aumentano le polveri: restano i divieti. In attesa della pioggia Video

Ma Epson avverte: "Sarà l'ottobre più secco in sessant'anni"

Appello

Pertusi: «Muti senatore a vita? Giusto e doveroso»

1commento

Salsomaggiore

«In via Petrarca ci sentiamo abbandonati»

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

GAZZAFUN

Il gatto più bello di Parma: sospesa la votazione finale

il caso

Eramo: "Il conto dei servizi, il Comune lo fa pagare ai disabili?"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Brexit, nebbia fitta sulla Manica

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

VENEZIA

Stuprava la figlia minorenne e la "prestava": niente carcere, reato prescritto

3commenti

Rubiera

Rubava le bici agli anziani: denunciato pensionato 80enne

SPORT

Moto

Marquez a un passo dal Mondiale, Rossi secondo

Formula 1

Hamilton, pole numero 72. Vettel è secondo

SOCIETA'

IL DISCO

1st, il capolavoro dei Bee Gees

Narrativa

Roma, autopsia della borghesia

MOTORI

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va