19°

29°

donne

Piccole storie di grandi parmigiane/12

Mirka Polizzi

Mirka Polizzi

Ricevi gratis le news
0

Piccole storie di donne parmigiane - alcune note, altre no - che hanno fatto un pezzetto della nostra storia. Oggi il dodicesimo degli appuntamenti settimanali che abbiamo voluto dedicare alle parmigiane di un passato più o meno recente, celebrandole sul nostro sito e raccontandole grazie al prezioso lavoro di Fabrizia Dalcò, che proprio a loro ha dedicato "Il dizionario biografico delle parmigiane", da cui queste schede sono tratte e che è stato voluto dalla Provincia di Parma. Di solito solo tre: questa volta quattro, anche pensando alla ricorrenza della Liberazione: due sorelle antifasciste, una partigiana ("la" partigiana") e una viaggiatrice.

Faraboli Bianca
San Secondo P.se 13 agosto 1904 - Roccabianca 5 settembre 1996

Antifascista. Nipote di Giovanni Faraboli. Segnalata dalla polizia politica perché accusata di avere sottoscritto, insieme alla famiglia, per il periodico socialista “La Giustizia”. Fu schedata nel Casellario politico provinciale della Questura di Parma con apertura del fascicolo il 22 gennaio 1924.
Bibl.: Manotti B., Un universo sommerso. Frammenti di vita di “sovversive” parmensi, in Giuffredi M. (a cura di), Nella rete del regime, Carrocci, 2004, p 138; Palazzino M., Elenco degli antifascisti parmensi, in Giuffredi M. (a cura di), Nella rete del regime, Carrocci, 2004, p 184.

Faraboli Iolanda
Roccabianca 20 agosto 1906 - 6 gennaio 1989

Antifascista. Nipote di Giovanni Faraboli. Segnalata dalla polizia politica perché accusata di avere sottoscritto, insieme alla famiglia, per il periodico socialista “La Giustizia”. Fu schedata nel Casellario politico provinciale della Questura di Parma con apertura del fascicolo il 1 gennaio 1923.
Bibl.: Manotti B., Un universo sommerso. Frammenti di vita di “sovversive” parmensi, in Giuffredi M. (a cura di), Nella rete del regime, Carrocci, 2004, p 138; Palazzino M., Elenco degli antifascisti parmensi, in Giuffredi M. (a cura di), Nella rete del regime, Carrocci, 2004, p 184.

Polizzi Laura
Parma 30 settembre 1924 - 22 gennaio 2011

Partigiana. Crebbe in una famiglia antifascista nell’Oltretorrente, in vicolo Santa Maria. Il padre Secondo è falegname, la madre Ida casalinga. Entrò giovanissima nella Resistenza parmense, già quando lavorava come commessa da Campanini, e partecipò allo storico incontro di Villa Braga il 9 settembre 1943 insieme a Maria Zaccarini e Jole Benna. Dal PCI le fu affidato il compito di coordinare il settore agitazione e propaganda. Costretta a lasciare la città perché braccata, si trasferì a Reggio Emilia, dove organizzò il movimento clandestino delle donne: coordinò, con successo i Gruppi dei difesa della donna a Reggio Emilia tra aprile e maggio 1944. Intanto i fascisti avevano deportato tutti i suoi famigliari: il padre non tornò dal lager. Nell’estate del 1944, con il nome di battaglia di Mirka, entrò nelle formazioni partigiane di montagna e, nel luglio, divenne vicecommissaria dei garibaldini del Reggiano. Venne insignita della Stella d’oro al valore. Dopo aver partecipato ai combattimenti in difesa della “zona libera” attaccata dai repubblichini e dai tedeschi, riprese in pianura la sua attività nei Gruppi di difesa della donna. Dal febbraio 1945 è stata molto attiva nell’attività clandestina a Milano, dove si era spostata. Proseguì la propria militanza nelle file del Partito Comunista e ricoprì incarichi di dirigenza: fu consigliera comunale per il PCI nelle elezioni del 1951, del 1956 e del 1970. Fu anche anima dell’Unione Donne Italiana di Parma: nel settembre 1945 fu animatrice della “Settimana della compagna” istituita dalla Federazione comunista per fornire informazioni sui problemi della donna e del suo inserimento nel tessuto politico e sociale: a lei furono destinati Sorbolo, San Secondo, Busseto, Noceto, Langhirano, Fornovo, Salsomaggiore e Traversetolo. Per le responsabilità di comando, durante la resistenza, le venne successivamente conferito dal ministero della Difesa il grado onorifico di capitano. Sposò l’ex comandante Pio “Luigi” Montermini, da cui ebbe un figlio. Per anni lavorò presso l’Amministrazione Provinciale di Parma dove si occupò di relazioni internazionali: molti e importanti sono stati i suoi rapporti col mondo, dalla Jugoslavia al Vietnam. Nel 1991 le fu conferito l’attestato di benemerenza del Premio Sant’Ilario e, nel 2009, la medaglia d’oro. Per anni si recò nelle scuole della città e della provincia per parlare ai giovani dei valori della resistenza, della dignità e della libertà. Fece parte anche della dirigenza nazionale dell’ANPI, della quale è stata per anni membro della Presidenza onoraria. A lei si devono molte importanti iniziative, come il Convegno nazionale sulla storia delle donne nella Resistenza che si tenne a Brindisi e la fondazione, presso l’Istituto storico di Parma, dell’Archivio delle donne.
Bibl.: Mora A., Per una storia dell’associazionismo femminile a Parma. GDD e UDI tra emancipazione e tradizione (1943-1946) in Sicuri F. (a cura di), Comunisti a Parma, Grafiche Step 1986, pp. 299-348; Varoli M., Mirka, la piccola grande donna della Resistenza, Gazzetta di Parma, 23 gennaio 2011.
Sitografia: www.anpi.it/donne-e-uomini/ ; www.8settembre.it/

Rangoni Elisabetta
Marsiglia ? - Dresda 1832
Viaggiatrice. Figlia di un banchiere bolognese, sposò il principe Luigi II Gonzaga. Sul suo stato sociale vi sono opinioni contrastanti. Secondo Pompeo Litta era figlia di un banchiere di Marsiglia. Sul matrimonio non fanno luce nemmeno le sue Lettres sur l’Italie, la France, l’Allemagne et les beaux-arts (Berlino 1796 e Amburgo 1797); alcune, scritte dalla Germania tra il 1790 e il 1794, riferiscono i risultati della sua missione, che era di perorare presso l’imperatore Leopoldo II la restituzione dei diritti che il marito, un principe Gonzaga, rivendicava sui feudi di famiglia. E’ conosciuta come Elisabeth de Gonzague. Fu a Parma nel luglio del 1779. Descrisse le arti, l’industria, il commercio e le bellezze della campagna parmense: “non mi stupisce per nulla che questa terra abbia fatto nascere così grandi pittori. Si è tentati di diventare imitatori di una natura così bella: essa di per sé pone, senza che ci si pensi, il pennello in mano”. Rimangono anche descrizioni dettagliate della città: “Parma mi piacque per la sua aria animata. E’ una città allegra, quasi bella. (…) Stavamo per partire e me ne dispiacque. Questa piccola capitale mi piace: c’è in essa pressappoco tutto quello che si trova nelle grandi città, e forse più felicità”. Visitò il Palazzo Ducale e l’Accademia, lasciando una descrizione della Madonna di San Girolamo di Correggio. Morì a Dresda, sostenuta da una piccola pensione concessa dal re di Prussia.
Bibl.: Dall’Acqua M. (a cura di), Enciclopedia di Parma. Dalle origini ai giorni nostri, FMR, 1998, p 382; Il viaggio a Parma. Visitatori stranieri in età farnesiana e borbonica, Guanda, 1990, p 91 e p 119; Marocchi M., Luigi Gonzaga in Dizionario Biografico degli Italiani, 57, 2002.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tutti al Begio day a Berceto

Era qui la festa

Tutti al Begio day a Berceto Foto

Ultimi giorni per votare la bella Anna Maria

MISS ITALIA

Ultimi giorni per votare la bella Anna Maria

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

Fidenza

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

ONESTA'

Perde la borsa da fotografo nel parcheggio: immigrato la porta ai carabinieri

1commento

incendio

Doppio focolaio a Panocchia: notte di fiamme e lavoro

IN CORSIVO

Ghirardi, il crac Parma e il "negazionista" Cellino

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

varano

Così i vigili del fuoco hanno recuperato l'uomo scivolato nel calanco Video

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

7commenti

Protesta

«Cittadella abbandonata»

weekend

In barca e sui sentieri, tra amor e trota: l'agenda della domenica

LA STORIA

Angelo e Simba, quei due cani che hanno commosso tutti

SERIE B

Nuovi crociati crescono

Salsomaggiore

Pubblica in lutto: è morto Spalti

Personaggio

Ettore, cinquant'anni a tu per tu con la pietra

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

VIABILITA'

Domenica di controesodo. Code a tratti tra Parma e Fiorenzuola Tempo reale

appennino

Cade lungo un sentiero sul Ventasso, soccorsa 59enne

SPORT

Moto

Paolo Simoncelli: "Marco sarebbe campione del mondo"

Moto

Travolto dopo l'incidente, paura per Federico Caricasulo

SOCIETA'

Marina di pietrasanta

Rapina all'alba al Twiga di Briatore, banditi armati

curiosità

Squalo volpe di 200 chili pescato nel crotonese

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti