donne

Piccole storie di grandi parmigiane/14

Nuova puntata delle Parmigiane
Ricevi gratis le news
0

Piccole storie di donne parmigiane - alcune note, altre no - che hanno fatto un pezzetto della nostra storia. Oggi il quattordicesimo degli appuntamenti settimanali che abbiamo voluto dedicare alle parmigiane di un passato più o meno recente, celebrandole sul nostro sito e raccontandole grazie al prezioso lavoro di Fabrizia Dalcò, che proprio a loro ha dedicato "Il dizionario biografico delle parmigiane", da cui queste schede sono tratte e che è stato voluto dalla Provincia di Parma. Ecco le tre protagoniste della settimana.

Perla Nera
San Pancrazio P.se 12 aprile 1923 - Parma 19 novembre 2012
Partigiana. Nome di battaglia Lidia, dedicato alla sorella a cui fu sempre molto legata. Appartenne a una famiglia antifascista: un giorno davanti al Podestà, quando con la madre andò a chiedere un piatto di minestra, si sentì rispondere che una che, di cognome, faceva Perla non aveva certo bisogno di chiedere. Fu staffetta durante il periodo della Resistenza: portava messaggi sfidando il pericolo come quella volta che un tedesco volle aiutarla, sollevandole la bicicletta, la pistola nascosta sotto al sellino, per salire sulla barca e attraversare il fiume. Presso l’Archivio dell’Istituto Storico della Resistenza è stata rinvenuta una lettera, sequestrata e mai pervenuta alla madre Bice Mutti, in cui “Perla”, fuggito perché ricercato da fascisti e da nazisti, le comunicava che, pur non sposandola (aveva già altra compagna) avrebbe riconosciuto sua figlia.
Fonte: notizie fornite dalla famiglia.

Benedetti Agnese
Parma 1428/1433
Badessa del monastero di San Paolo. Nel 1428 contestò l’elezione a badessa di Caterina Castrobarco: non ebbe ragione delle sue proteste, ma ottenne dal vescovo Delfino della Pergola il permesso di lasciare il monastero e di ritirarsi nella casa del fratello. Non rientrerà neppure nel 1433, durante l’elezione della nuova badessa. Il Capitolo delle monache la votò a maggioranza: ebbe sette voti contro i sei destinati alla concorrente Selvaggia Arcimboldi. Cominciò un lungo braccio di ferro fra le due per ottenere l’incarico: la famiglia Arcimboldi puntò sulla scomunica della Benedetti, definita indegna e irascibile, la famiglia Benedetti si appellò alla giovane età dell’avversaria non ancora trentenne. Agnese avrà la meglio.
Bibl.: Bandini L., La nomina delle badesse nel monastero di S.Paolo. Maristella Aldighieri e Agnese Benedetti (1404-1433), Aurea Parma, XXVIII, 2004, II, pp. 245-256.

Belli Pierina
Castelvetro Piacentino (PC) 27 novembre 1883 - 13 giugno 1977
Figura importante del movimento cattolico fidentino, presente e attiva anche ai vertici dell’Azione Cattolica nazionale. Nel 1908 fu a fianco di Armida Barelli - di cui fu grande amica - quando l’Unione Donne d’Azione Cattolica cominciò a muovere i primi passi: promosse la costituzione degli altri rami dell’associazionismo cattolico, come la Gioventù femminile nel 1918. Durante la prima guerra mondiale fondò l’Ufficio notizie per i militari e le loro famiglie e s’impegnò nella raccolta di mezzi e indumenti per i militari al fronte. In quel periodo continuò a occuparsi dell’Unione Donne prestandosi alla fondazione di nuovi Comitati nei principali centri della Diocesi: Fidenza, Busseto, Monticelli d’Ongina. Nel corso del 1918 nasce anche a Fidenza l’associazione diocesana della Gioventù Femminile, fondata da Pierina Belli contemporaneamente all’associazione milanese, fondata dall’amica Armida Barelli. Terminata la guerra Papa Benedetto XV le chiese di estendere l’associazione in tutta Italia e fu una delle più assidue attiviste. Il periodo 1919-1924 fu per lei periodo d’intensa attività apostolica: le sono affidate alcune diocesi delle regioni del sud Italia, della Sardegna e della Sicilia. Collaborò con padre Gemelli per la fondazione dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Per molti anni ricoprì la presidenza della Gioventù Femminile, delle donne e dei fanciulli: con grande impegno si dedicò all’Opera per le Vocazioni ecclesiastiche e al seminario, continuando un’intensa attività caritativa. Papa Pio XI la decorò della croce Pro Ecclesia et Pontifice, riconoscimento che il cardinale Pacelli, segretario di Stato, definì meritato. Nel 1962 la sua opera venne riconosciuta dall’Associazione Nazionale Famiglie Caduti e Dispersi in Guerra che la decorò con la Medaglia d’oro. Continuò il suo apostolato finché le forze la sostennero e si spense a 94 anni.
Bibl.: Lasagni R., Dizionario biografico dei Parmigiani, PPS Editrice, 1999, I, p 373; Soresina D., Enciclopedia Diocesana Fidentina, Fidenza, 1972, pp. 51-55.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Filippo Nardi

TELEVISIONE

Isola dei famosi: Filippo Nardi si spoglia davanti a Bianca Atzei Video

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

"incidente"

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"La Buca dei diavoli"

CHICHIBIO

"La Buca dei diavoli": non solo pizza secondo tradizione

Lealtrenotizie

«Prima mi ha investito e poi picchiato»

Via Buffolara

«Prima mi ha investito e poi picchiato»

Fidenza

Addio a Fabrizio «Fispo» Rivotti

IL CASO

Colf estorce 3.000 euro all'ex datore di lavoro. E patteggia 3 anni

Testimonianze

In prima linea contro i tumori

PALLAVOLO A/2

Gibertini: «Il mio tris in Coppa Italia»

DI NOTTE

Maiatico, razzia dei ladri nelle case

Allarme

In dieci anni 166 medici in pensione

SCIENZA

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

METEO

Ondata di gelo: il Burian siberiano verso l'Italia

CULTURA

Restauri di monumenti: 3,8 milioni per interventi a Parma e nella Bassa

Ecco gli interventi nel Parmense: Parma, Colorno, Busseto, Soragna, Coltaro, Fontanelle e Zibello

tg parma

Presunta tratta di calciatori africani: concessi i domiciliari a Drago Video

elezioni

Salvini a Parma e Traversetolo: "Meno tasse, meno burocrazia e meno clandestini" Video

3commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Addio a Dalmazio Besagni: era la memoria storica di Busseto

noceto

Provano con due "copioni" a truffare una 76enne: lei li fa arrestare

1commento

FIDENZA

Non arrivava alla sua festa di compleanno: era morto d'infarto

tg parma

Piazzale della Pace, stanziati i fondi per il secondo stralcio di lavori. Come sarà Video

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

LAVORO

64 nuove offerte

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Badante sposa l'invalido che accudisce e lo riduce sul lastrico: denunciata 

VIOLENZA

Legato mani e piedi e picchiato a sangue il responsabile di Forza Nuova a Palermo

SPORT

FORMULA 1

Il ritorno del "Biscione": ecco l'Alfa Romeo C37

Calciomercato

Pirlo lascia il calcio e annuncia il suo match di addio

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Balli e divertimento al Newyork di Sissa Foto

libri

Mago Gigo racconta Capitan Braghetta, "il supereroe che è dentro di noi" Video

MOTORI

NOVITA'

Mercedes Classe B Tech, quando la tecnologia è alla portata

IL CASO

Il pubblico ha scelto: si chiamerà Tarraco il terzo Suv di Seat