21°

31°

donne

Piccole storie di grandi parmigiane / 20

Piccole storie di grandi parmigiane / 20

Rosa Caggioli

Ricevi gratis le news
0

Piccole storie di donne parmigiane - alcune note, altre no - che hanno fatto un pezzetto della nostra storia. Oggi il ventesimo degli appuntamenti settimanali che abbiamo voluto dedicare alle parmigiane di un passato più o meno recente, celebrandole sul nostro sito e raccontandole grazie al prezioso lavoro di Fabrizia Dalcò, che proprio a loro ha dedicato "Il dizionario biografico delle parmigiane", da cui queste schede sono tratte e che è stato voluto dalla Provincia di Parma. Ecco le tre protagoniste della settimana.

Roger Elisabetta
Parma 1764/1791
Clavicembalista. Il 12 giugno 1764 fu nominata maestra di clavicembalo dell’infanta Luigia Maria con l’assegno annuale di “lire 6 mille” che, con decreto del 31 marzo 1766, venne ridotto a lire 3 mille per non aver esercitato il suo impiego che un anno solo”. Il 12 ottobre 1770 fu nominata dama di camera della principessa Carolina e mantenne l’incarico fino al 1778. Viveva ancora a Parma nel 1791, come risulta da una sua lettera del 28 marzo al conte d’Aranda, con cui si rivolgeva alla regina di Spagna a favore della figlia Filippina Roger (deceduta a Parma il 29 aprile 1824).
Bibl.: Lasagni R., Dizionario biografico dei Parmigiani, PPS Editrice, 1999, IV, p 124.
Sitografia: Vetro G. N., Dizionario della musica e dei musicisti dei territori del Ducato di Parma e Piacenza www.lacasadellamusica.it/vetro

Melchiorri Giorgetta
Parma 26 luglio 1900 - 4 settembre 1985
Insegnante. Visse sempre in Borgo Felino, insieme alla sorella Bianca. Frequentò il liceo Romagnosi e si diplomò, nel 1919, con una media superiore all’otto e con nove sia in greco sia in latino. Cominciò a insegnare, nel 1926, al ginnasio di Correggio poi due anni dopo il passaggio al ginnasio del Romagnosi. Le vicende familiari e le ristrettezze economiche la portarono a lavorare sempre di più: accettò l’incarico d’insegnamento della lingua latina al corso facoltativo istituito presso la scuola di Avviamento professionale. Fu più volte richiamata con denunce per il fatto che tenesse lezioni private non autorizzate: accettò di lavorare per l’Opera Nazionale Balilla e preparò le Giovani Italiane per gli agognali della Cultura. Si trasferì a Fiume, per tornare a Parma con una cattedra al ginnasio superiore. Nell’ottobre del 1935 ottenne la cattedra di lettere al Liceo: insegnò fino al 1968 anno del pensionamento.
Bibl.: Greci R., Schiavenna S., Il Regio Liceo Ginnasio “Gian Domenico Romagnosi” modello scuola classica, Diabasis, 2006, pp. 216-221.

Caggioli Rosa Dina (Rosi) in Fabbro
Vestone (Bs) 20 settembre 1950 - Parma 6 luglio 2009
Dopo il trasferimento a Brescia, presso le suore Salesiane conseguì il titolo di stenografa. Nel 1977 la famiglia si trasferì a Casto (Bs), un piccolo paese nella val Sabbia: la realtà di paese non attenuò il suo desiderio di rendersi utile per la comunità, parrocchiale e allargata. A 17 anni iniziò a lavorare come contabile presso l’azienda dello zio. Conobbe quindi l’esperienza francescana e, l’11 aprile 1971, entrò nell’ordine delle sorelle Francescane del Verbo Incarnato. Per quindici anni vestì l’abito religioso: maestra d’asilo, eremita sul monte Subasio (Assisi), dedita ad anziani, carcerati e clochard, insegnante di religione cattolica e animatrice nei campi estivi, assidua studiosa di teologia. Ciò nonostante la vita religiosa divenne oggetto di frequenti incomprensioni; malati da accudire a tutte le ore, emarginati da accogliere, disponibilità senza limiti di tempo al servizio di poveri e sbandati, condizioni che aprivano continui (anche se piccoli) diverbi con le religiose della comunità. Così dopo mesi di riflessioni la scelta di tornare allo stato laico nel gennaio 1985. Lasciato l’ordine venne accolta da una sua ex consorella a Fidenza. Nell’ottobre del 1985 fu socia fondatrice della Società Cooperativa “Aurora” di Fidenza con l’intento di favorire le famiglie in difficoltà nella cura di anziani e malati. Nel febbraio del 1987 conobbe Fabio Fabbro e, nel dicembre 1988, si sposarono: la loro casa diventò un luogo di accoglienza per profughi, immigrati, senza fissa dimora, carcerati, tossicodipendenti, malati psichiatrici, donne maltrattate, alcolizzati, ex prostitute. Nel corso del 1990, la famiglia decise di abbandonare gli impegni lavorativi e iniziò così un percorso di accoglienza nella canonica ristrutturata della chiesa di Castelguelfo. Fino al 2000 la casa famiglia ha accolto persone provenienti da 53 nazioni del mondo. Nel 1994 la svolta verso l’accoglienza dei bambini: questa esperienza evidenziò le sue qualità di madre e di educatrice. Nel 1997 iniziò lo studio della lingua ebraica, desiderosa di poter accedere con maggior profondità alle sacre scritture. Nel 2005 con l’associazione Famiglia Aperta, diede vita al progetto “Bet No@h”. Nel 2006, dopo il corso di formazione per soccorritori, iniziò il servizio presso la CRI di Pontetaro come Volontario del Soccorso, conseguendo la patente di guida per l’ambulanza. Alla fine 2007 s’iscrisse a un corso di arabo presso l’Università di Parma, con l’intento di approfondire la conoscenza della cultura araba. Nel gennaio 2008 le venne diagnosticato un carcinoma addominale: dopo l’operazione, a dicembre decise di interrompere le cure chemioterapiche.
Fonte: notizie fornite da Fabio Fabbro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana

tg parma

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana Video

amichevole

Finisce uno a uno la sfida fra Parma e Empoli

Al Tardini segna Evacuo su rigore. Risponde Donnarumma

METEO

Temporali, vento e caldo domani in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

10commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Barcellona, i testimoni parmigiani raccontano l'orrore

Il vicecaporedattore Stefano Pileri anticipa i servizi della Gazzetta di domani

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

PASIMAFI

Scandalo sanità, no alla libertà per Fanelli

1commento

fontevivo

Nuovo guasto e allagamenti, il sindaco Fiazza: "Chiederemo risarcimento" Video

bassa reggiana

Violenza sessuale su un minorenne disabile: revocati i domiciliari al 21enne

Elisoccorso

Ora gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

tg parma

Ricordato il sacrificio di Charlie Alfa Video

BORGOTARO

Diawara forse ucciso da un malore?

MONCHIO

«Mi vuoi sposare»? Sorpresa alla sagra

Università

Preso lo scassinatore seriale dell'ateneo

1commento

Sissa

Moto, i centauri disabili tornano in sella grazie a Pattini

viabilità

Tangenziale sud: partono i lavori (e i possibili disagi)

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

barcellona

Due italiani tra le vittime. Bruno ucciso per proteggere i figli. Caccia a Moussa

Turku

Attacco in Finlandia: un morto e 8 feriti

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

gazzareporter

Limiti di velocità... al Parco Ducale Foto

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

2commenti

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti