21°

31°

ECONOMIA

C'è un Paese nei guai: e stavolta non è l'Italia

C'è un Paese nei guai: e stavolta non è l'Italia

La Deutsche Bank

2
 

Da un lato c'è un Paese nel quale la prima e la seconda banca navigano in acque talmente agitate da scuotere tutti i listini mondiali, sedute l'una su una montagna di derivati il cui numero fa rabbrividire (55 trilioni di dollari) e l'altra su un nutrito esercito di esuberi, 9600 dipendenti. Non solo: la prima azienda di quel Paese, a un anno dal mega-scandalo che l'ha coinvolta negli Usa, ancora non sa se la multa che incombe come la leggendaria spada di Damocle la metterà a rischio di bancarotta. E poi c'è un altro Paese che esce, seppur timidamente, dal cono d'ombra di quello spauracchio chiamato deflazione (+0,1% i prezzi rispetto a un anno fa), registra un tasso di disoccupazione in calo dello 0,4% per i giovani e un aumento dei posti di lavoro femminili e over-50. La notizia è che il primo Paese in questione è niente meno che la Germania mentre l'altro è l'Italia.
Le concitate cronache delle ultime ore relative a Deutsche Bank e Commerzbank (nonché Volkswagen con il suo Dieselgate sullo sfondo) non cancellano ovviamente la forza della locomotiva tedesca e la solidità del primo Paese manifatturiero d'Europa né d'altro canto una manciata di dati positivi snocciolati dall'Istat può far svanire in un attimo le nostre fragilità, ridurre l'enormità del debito pubblico o far evaporare le sofferenze del sistema bancario. Però ci raccontano che la crisi politica, economica e finanziaria che ha scosso l'Europa non risparmia nessuno.
La questione più grave in queste ore riguarda Deutsche Bank. E' già la terza volta che nel corso del 2016 il primo istituto tedesco agita i listini dove il titolo è sprofondato ai minimi da 24 anni con un'emorragia del 60% del valore in pochi mesi, anche se ieri le rassicurazioni dell'ad John Cryan e le voci di una fortissima riduzione della multa per lo scandalo dei subprime hanno fatto rimbalzare le azioni da un raggelante -9% a un euforico +6,3% (addirittura +14% a New York). Il momento per le banche, lo sappiamo, è delicato: il cocktail di tassi negativi, scarsa crescita economica e politiche monetarie accomodanti che solo in parte hanno ottenuto i risultati sperati è micidiale. Ma nel caso di Deutsche Bank c'è qualcosa di più. Se l'ultimo fulmine è la richiesta del Dipartimento di Giustizia americano di 14 miliardi di multa con la conseguente "fuga" di diversi hedge funds, la sfilza di scandali e le pericolosissime scorte di derivati partono però da molto più lontano (ricordate la brutta vicenda della manipolazione del tasso Libor?). Così come sono vecchi i nodi che rischiano di strozzare Commerzbank, salvata dal denaro pubblico otto anni fa e tornata di recente all'utile, ma ora nuovamente in difficoltà tanto da stimare il taglio di un quinto della forza lavoro.
Ecco, gli aiuti pubblici. Il vero nocciolo della questione è questo: dopo aver profuso miliardi per il proprio sistema bancario in difficoltà nel 2008-2009, Berlino ha sistematicamente bacchettato tutti i partner continentali in odore di aiuto di Stato. L'anno prossimo in Germania si vota, la Merkel non può permettersi di fronte all'opinione pubblica tedesca di versare soldi pubblici nelle banche (Berlino smentisce ogni tipo di salvataggio) ma la Cancelliera non potrebbe nemmeno assistere al collasso del sistema del credito tedesco. C'è poco da gioire dei mali in casa d'altri, comunque: Deutsche Bank - parola dell'Fmi - ha dimensioni tali da renderla l'istituto con l'impatto sistemico potenzialmente più devastante al mondo. La stabilità finanziaria di tutti i mercati passerà fatalmente (anche) da qui.

atagliaferro@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Remo

    01 Ottobre @ 18.01

    muoia "Sansone" con tutti gli Europei... :-(

    Rispondi

    • jeffroy

      01 Ottobre @ 23.46

      giusto: ma correggerei "con tutti gli europeisti"

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Scarpa italiana inguaia Ivanka,dal giudice per plagio

GOSSIP

Scarpa italiana inguaia Ivanka, dal giudice per plagio

fori imperiali

degrado

Sesso (degrado) ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

Notiziepiùlette

Timbri
la parola all'esperto: notaio

Seconde nozze e figli attenti alla successione

Ultime notizie

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

La presentazione dei volumi in vendita in abbinamento con la Gazzetta di Parma

NOSTRE INIZIATIVE

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

Lealtrenotizie

Ancora risse davanti alla stazione

Piazza Dalla Chiesa

Ancora risse davanti alla stazione

Noceto

Addio a Petrini, titolare dell'Aquila Romana

MAMIANO

I padroni sono alla sagra di San Giovanni, e i ladri tentano il colpo

Presentazione

Croce rossa, un secolo e mezzo in un libro

Abitudini

Auricolari, quando il rischio si corre a piedi

Bedonia

Fontane chiuse, scoppia la polemica

DRAMMA DI TORINO

Panico collettivo: parla la psicologa

SERIE B

Mercato: Lucarelli domani annuncia il suo futuro

ballottaggio

Parma al voto per decidere il nuovo sindaco Video: le info

METEO

La Protezione civile E-R: "Allerta temporali per domenica"

Previsti forti precipitazioni su pianura, fascia collinare, e rilievi occidentali

Meteo

Ferrara rovente: temperatura percepita 49°. Parma (da podio) non scherza, 41°

La città emiliana è la più calda d'Italia

corniglio

Signatico: si ribalta con la Jeep, grave un ottantenne

calcio

Il Parma si tuffa nel mercato: Faggiano punta Bianco e Piccolo. Cassano spera Video

arresto

Taccheggiatore picchia l'addetto alla sicurezza dell'Ovs per scappare

2commenti

FURTI

Ladri in azione in un'azienda di via Borsari: rubati 400kg di barre d'acciaio

fidenza

Catena di soccorsi e affetto salva un capriolo investito

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Accoglienza senza limiti. Un rischio per tutti

di Francesco Bandini

1commento

ITALIA/MONDO

Salerno

Investe una donna e la uccide: è un attore di "Don Matteo" e "1993"

Stati Uniti

Boss mafioso scarcerato per vecchiaia: ha 100 anni

SOCIETA'

il disco

“Amused to death”, ha 25 anni il disco di Roger Waters

ferrovie

Lavori sulla Bologna-Rimini, sabato 24 e domenica 25. Ripercussione sui collegamenti con la Riviera Romagnola.

SPORT

CALCIO

Gli azzurrini battono la Germania e volano in semifinale

paura

Spaventoso incidente per Baldassari in Moto2: il pilota è cosciente Video

MOTORI

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande

MINI SUV

Citroën: C3 Aircross in tre mosse