-2°

Economia

Il testamento olografo è valido, ma il notaio elimina complicazioni

Il testamento olografo è valido, ma il notaio elimina complicazioni
Ricevi gratis le news
0

Una mia zia mi ha fatto vedere il suo testamento, con il quale nomina eredi me e mio fratello. E’ un foglietto scritto da lei. Non ci sono timbri e non è stato depositato da un Notaio. E’ sufficiente? E’ valido o serve qualcosa di più ufficiale?
B.T. Parma

A CURA DEL CONSIGLIO NOTARILE DI PARMA
Abituati come siamo all’importanza della forma, ai timbri e alle registrazioni, facciamo fatica ad accettare l’operatività di un documento per il quale i requisiti formali sono pochissimi.
Il Legislatore ha scelto, per quanto riguarda il testamento, di agevolare il più possibile chi desidera disporre dei suoi beni. Certo, con qualche possibile inconveniente: l’assenza di controlli preventivi in ordine alla capacità di chi redige il testamento, la mancanza di adeguamento tecnico della volontà alle norme del nostro ordinamento, la non sempre sicura riferibilità del documento al suo autore hanno creato non pochi problemi, sfociando talora in contenziosi di lunga durata.
A questo si può ovviare redigendo il testamento in forma pubblica, con l’intervento del Notaio e alla presenza di due testimoni. Indispensabile quando l’interessato non sappia o non possa scrivere. Consigliabile, specie se le disposizioni sono complesse o articolate. Ma, nel rispetto dei pochi requisiti formali richiesti, il testamento olografo è pienamente valido.
La forma Il testamento olografo deve essere scritto interamente di proprio pugno, deve essere datato e firmato. Non va scritto a macchina o con il computer. Non può essere scritto da altri e soltanto firmato. Non è ammesso il testamento congiuntivo, dove marito e moglie scrivono insieme le proprie volontà.
E’ fortemente inopportuno che sia scritto in stampatello. Non è necessario un foglio bollato, basta un foglio qualsiasi. Non servono frasi particolari (“nel pieno possesso delle mie facoltà mentali” è la più usata, ma non è necessaria), piuttosto è opportuno iniziare con “revoco ogni mio precedente testamento” per evitare problemi di compatibilità con eventuali testamenti precedenti.
Il contenuto Il problema del testamento olografo è che è un atto con valore giuridico scritto quasi sempre da chi giurista non è. Per questo il consiglio del Notaio, e la verifica da parte del Notaio del contenuto, è molto importante, al fine di evitare sbagli che possono causare la nullità o l’annullabilità della disposizione.
Gli errori più frequenti sono il fedecommesso (“lascio a mia moglie e dopo di lei a mio fratello”), la diseredazione o il mancato rispetto delle quote di legittima (che per essere operanti avranno bisogno dell’approvazione, dopo la morte, dei legittimari) e, ancor più di frequente, la poca chiarezza delle testo.
E’ necessario individuare con precisione i destinatari delle disposizioni (specie quando si tratta di enti o associazioni), descrivere in modo chiaro e univoco l’oggetto. E non ci si dimentichi di chiudere le disposizioni individuando “l’erede”, colui cioè al quale spetta tutto ciò che nel testamento non sia stato indicato. Ragioni di conservazione e di rintracciabilità consigliano di consegnare al Notaio il testamento. E’ opportuno con il testatore in vita, necessario, per la pubblicazione, dopo il decesso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

8commenti

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

San Polo d'Enza

Spaccate a tempo di record: altri 4 colpi "intestati" alla banda, uno a Montechiarugolo

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

correggio

Intervenne per sedare una lite e venne "pestato": 6 denunciati

il caso

La salma di Vittorio Emanuele III è arrivata a Vicoforte Foto

SPORT

nuoto

Europei, bis d'oro dell'Italia: prima Dotto e poi Orsi

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

SOCIETA'

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260