unesco e...

Vivere con passione il segreto del successo

L'editoriale di Michele Brambilla parla di tortelli...

Vivere con passione il segreto del successo
Ricevi gratis le news
1

Spero non mi prendiate per pazzo se oggi dedico l'editoriale a un vassoio di tortelli d'erbetta. Se avrete la pazienza di arrivare in fondo, vedrete che l'idea è meno folle di quel che potrebbe sembrare, perché a volte le piccole storie di vita quotidiana spiegano le cose grandi della politica e dell'economia meglio d'un trattato.
Dunque. Giovedì sono stato all'Università di Parma con Stefano Lorenzetto, il quale doveva tenere una lezione su come si fa un'intervista. Lorenzetto è un grande giornalista. È anche una grande forchetta: per la precisione, centoquindici chili di forchetta.
Così, finita la lezione, l'ho portato a pranzo: un momento che per molti di noi è uno dei due più importanti della giornata (l'altro è la cena). Sedutici in trattoria, abbiamo ordinato due piatti, appunto, di tortelli d'erbetta. Lorenzetto - che è veronese, e quindi abituato a mangiare bene, ma non a mangiare "quei" tortelli - ne è rimasto estasiato. Al punto di chiedere al titolare della trattoria se gliene vendeva quattro o cinque porzioni da portare a casa. «Guardi», ha detto il ristoratore, «che di tortelli pronti non ne abbiamo». «Ma come non ne avete? E quelli che ho appena mangiato?», ha chiesto Lorenzetto. «Li facciamo al momento», è stata la risposta. «Al momento?». «Sì, al momento. Al massimo un paio d'ore prima per farli asciugare un po' in frigorifero».
Insomma. Ne è seguita una discussione su come si fanno i tortelli, con Lorenzetto a bocca aperta, questa volta non per prepararsi a ingurgitare, ma per lo stupore. Alla richiesta di confezionare quelle quattro o cinque porzioni da portare via, il ristoratore non ne voleva sapere: «Quando li mangerà, non saranno più gli stessi». Alla fine ha però ceduto, malvolentieri, alle suppliche, e glieli ha fatti. Lorenzetto ha garantito che i tortelli sarebbero rimasti nel baule della macchina per non più di un'ora e mezza, il tempo di arrivare a Verona; e che sarebbero stati consumati la sera stessa.
La mattina dopo gli ho chiesto come aveva trovato, la sera, i tortelli. «Straordinari», mi ha risposto. Ma aggiungendo, un attimo dopo: «Mia moglie e i miei figli erano entusiasti. Pure io lo ero: però, avendoli mangiati sul posto a mezzogiorno, debbo riconoscere che quelli della sera avevano mezzo punto in meno».
Questa insomma è la piccola storia di un ristoratore parmigiano che avrebbe rinunciato volentieri a un guadagno pur di non vendere un prodotto con un mezzo punto in meno. Se l'ho raccontata, è perché credo che racchiuda il segreto del successo di qualsiasi attività imprenditoriale, grande o piccola che sia. Le imprese veramente vincenti non sono mai figlie solo della ricerca di un interesse, ma anche e soprattutto di una passione. Se l'Unesco ha premiato Parma come capitale mondiale del gusto per il 2016, è perché questa volta Parma ha saputo finalmente fare squadra, come ha scritto ieri il nostro Sandro Piovani; ma anche, come Piovani sa molto meglio di me, perché dietro c'è la lunga storia di una gastronomia vissuta non solo come un lavoro, ma come un'arte, quasi come una religione. Parma ha molte di queste passioni, che saranno la base per ripartire. Intanto, dopo tanti guai godiamoci questo riconoscimento dell'Unesco, che può essere una grande opportunità. Buona Santa Lucia a tutti.

michele.brambilla@gazzettadiparma.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Biffo

    13 Dicembre @ 14.57

    Io mangerei solo tortelli di erbette e di zucca. Infatti, se appena mi è possibile, in trattoria, mi mangio un piatto misto, dell'uno e dell'altro tipo. Però, da anni, non riesco a trovarne di veramente buoni, per cui vorrei tanto sapere, dal Direttore, il nome di quella trattoria, anche se so bene che non è possibile. O sono di pasta troppo sottile, con il ripieno che fuoriesce, o troppo spessa, che ci vuole una macina per masticarli; e il ripieno non è mai bilanciato in modo adeguato. Io amo quelli con una pasta robusta, ma non troppo, specie nei bordi, con una buona dose di ripieno, in cui la ricotta non ammazzi le erbette, e non prevalga il docce artificioso di amaretti o mostarda, su quello naturale della zucca. Questi ultimi, li faceva, un tempo lontano, veramente insuperabili, una rezdòra reggiana, che abitava sopra casa mia; erano belli grossi, con il ripieno di zucca, tritata fine, ma non troppo, con la mezzaluna, ed erano di un giallo splendente, come tante monete di oro zecchino. Inoltre, per entrambi, per me vale quel consiglio: Neghé in t'al butèr, sughé cul furmàj. Spero di averlo scritto correttamente.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene, la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

2commenti

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

1commento

piena

Viarolo, auto in balia delle acque. Escluse persone all'interno

incidente

17enne investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

1commento

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

31commenti

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

anteprima gazzetta

L'alluvione e il black-out nel Parmense: danni, disagi, paura e storie

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

8commenti

TRASPORTI

Tep, revocato lo sciopero del 14 dicembre

social

Esondazioni e black-out: è derby di solidarietà tra Parma e Reggio

piena

Il sindaco di Sorbolo: "I cittadini non si mettano in pericolo: via dagli argini" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

5commenti

SOCIETA'

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS