10°

22°

opinioni

Natale, il bisogno di chi ha fede e la nostalgia dei laici

Il messaggio del vescovo Solmi e l'editoriale del direttore Brambilla

Le scuole disertano i presepi
Ricevi gratis le news
2

"Abbiamo bisogno del Natale": lo dicono, i due punti di vista e parlando di - ed a  - credenti e laici, il vescovo Enrico Solmi e il direttore della Gazzetta di Parma. Ecco i loro editoriali.

Il messaggio del vescovo Solmi

"Il Natale è come l’alta marea: raggiunge tutti. Così diceva sessanti anni fa don Mazzolari. È ancora vero? Per certi versi, sì. Il Bambino che nasce è un messaggio universale che tocca il cuore di tutti e accomuna mamme che, sotto il profilo teorico, potrebbero non trovarsi d’accordo sull’essere donna, moglie o compagna. Ma essere mamma è la stessa esperienza e gli occhi di un bambino visti per la prima volta sono una cosa che solo loro sanno dirci. Poi risveglia in tutti sentimenti sorgivi dell’umanità. E’ anche vero che per alcuni il Natale resta l’ultimo pensiero o un pensiero difficile da gestire tra sofferenza e solitudine e ricordi di tempi belli che non ci sono più. Un percorso che passa dal carcere all’ospedale, al dormitorio e alla mensa della Caritas, fino ad entrare in borghi e strade insospettabili della nostra città e dei nostri paesi. È un sentire il Natale, tra luci e ombre che, alla fine, tocca il nucleo del Natale vero che, come un fuoco acceso in una campagna, riverbera di luce e anche lontano lo si vede. Natale è la nascita di Gesù, il Nazareno, in un ricovero di animali nella campagna di Betlemme. La fede dice che quel bambino è Dio che usa la sua onnipotenza per divenire piccolo, per essere corpo e incontrarci nella nostra umanità. Natale è la sorpresa della Sua uscita per incontrarci: una scelta di debolezza per condividere, il rischio di essere misconosciuti, maltrattati, perseguitati. Proprio come capitò a Gesù, Maria e Giuseppe. Maternità e tenerezza, nota universale, fanno tutt’uno con abbassamento e pro esistenza, dono di sé vero e autentico proprio del Natale Cristiano. Indicano universalità e radicamento nella verità del Natale: Chi fa così è Dio, che si fa conoscere e si accosta ad ogni persona. Tutti abbiamo bisogno di questo Natale. Ci aiuta ad entrare in noi e a riconoscere tesori profondi che ci abitano, situazioni che ci meravigliano, insieme alla certezza di sentirci cercati perché amati. Oggi ce n’è tanto bisogno! Buon Natale alla nostra bella città e alla nostra ricca terra, con l’augurio che possa andare oltre all’oggi confuso e preoccupato per respirare un futuro nuovo e bello perché abitato da tutti. Buon Natale a chi si trova nelle proprie case per scoprire che il tesoro più vero sono le relazioni che si affinano e si affermano modellando il volersi bene che cresce, cambia, inverte anche la direzione, per volere bene “bene”. Senza perdersi d’animo, senza stancarsi di riprovare. Un Natale sereno a chi soffre. Non con parole, ma con un abbraccio sincero e una partecipazione vera di chi - con discrezione - può farsi vicino e condividere con delicatezza. Buon Natale a chi continua a farsi prossimo in questi giorni e tiene per mano i tanti che faticano a vivere. Chi lo fa per missione istituzionale, chi lo fa per scelta di servizio e di presenza silenziosa ed efficace: sono la trave che sostiene la nostra città. Un sereno natale dal povero Vescovo Enrico: che la Misericordia del Signore pervada i nostri cuori, perché possiamo essere misericordiosi."

L'editoriale di Michele Brambilla

"Per i credenti il Natale è la memoria di un fatto inaudito: Dio che diventa uomo. Se è vero, è l'avvenimento più importante non solo della storia, ma anche della vita di ciascuno di noi. Perché ci cambia il destino.
Ma per crederci occorre la fede, e non è da tutti. Montanelli, che era molto meno ateo di quanto si sia fatto passare, diceva che avrebbe rinunciato a qualsiasi cosa pur di averla: ma non ce l'aveva. Misteri della Grazia, che lasciamo, qui a fianco, al vescovo di Parma.
Noi poveri scettici, figli del nostro tempo cinico, abbiamo una fede incrollabile solo nelle cose terrene, che inseguiamo tutti i giorni con affanno e che poi, quando le conquistiamo, ci lasciano comunque un senso di insoddisfazione perenne.
Su un passaggio dell'articolo qui a fianco scritto dal vescovo siamo, però, in perfetta sintonia: «Tutti abbiamo bisogno di questo Natale». Nei giorni scorsi ho letto, su due grandi quotidiani, le provocazioni, un po' logore in verità, di due noti intellettuali. Uno diceva che «quello delle feste è ormai diventato quasi un incubo annuale»; e l'altro commentava: «se fosse per me, il Natale lo abolirei, è fasullo». Può darsi che per la maggioranza di noi sia ormai solo una ricorrenza profana. Eppure, credo che ben pochi la vorrebbero davvero abolire. Il Natale ha questo di strano e affascinante: ha che ci accende una nostalgia, e la nostalgia è il dolore per la mancanza di qualcosa o qualcuno. Qualcosa o qualcuno che forse chissà, credenti e non credenti potrebbero chiamare il senso della vita. Ecco perché abbiamo sempre bisogno del Natale. Auguri a tutti.
michele.brambilla@gazzettadiparma.it "

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Enzo

    25 Dicembre @ 10.50

    Laico non è opposto di credente, significa persona non facente parte del clero...

    Rispondi

  • Biffo

    24 Dicembre @ 17.33

    IO ASSISTEVO, IERI, ALLA MEsSA IN SUFFRAGIO DI MIA MADRE E MIA SORELLA; HO FATTO UNO SFORZO, PER AMORE DI LORO DUE, PERCHé IL RITO SUDDETTO. PER ME, è DI UNA NOIA MORTALE, assolutamente non coinvolgente, UN CONTINUO ALZARSI E SEDERSI, aCCOMPAGNATO DA RESPONsIONI ALLE PRECI DEL SACERDOTE OFFICIANTE. DURANTE LA MESSA, MI LEGGO IL MESSALINO DOMENICALE E CERCO DI DIRE QUALCHE PREGHIERA PERSONALE, MA NON SCI RIESCO, LA GENTE MI DISTRAE, IO HO BISOGNO DI ESSere SOLO, IM CHEISA, NEL SILeNZIO PIù ASSOLUTO.,A TU PER TU CON CRISTO. Ho provato una grande nostalgia dei tempi in cui eravamo tutti vivi, in famiglia, ed avevamo una fede senza problemi di dogmi, di morale, di teologia e teosofia. Davanti a me, c'era, incrollabile nella sua fede granitica, mio padre, di 96 anni. Mi scuso per la parte redatta in maiuscole, me ne sono accorto troppo tardi. Un ottimo Natale,Direttore, ed un 2016 ancor migliore, se possibile, dopo un superlativo assoluto.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'Oltretorrente continua a scendere in strada: passeggiata e giochi con i gessetti

QUARTIERI

Passeggiata e giochi con i gessetti nelle strade dell'Oltretorrente Foto

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Spray al peperoncino a scuola. In cinque al pronto soccorso

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

Furto

Via Calatafimi: spaccata «diurna» all'ortofrutta

Ladri in azione di giorno. «Neanche avessi una gioielleria», sbotta la negoziante

Scurano

Il paese fa festa, i ladri anche

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

1commento

Tragedia

E' morto il tecnico del Soccorso alpino ferito durante un salvataggio

Davide Tronconi era ricoverato al Maggiore di Parma

Fidenza

Addio a Gino Minardi, storico bottegaio

STAZIONE

Due telecamere per controllare il terminal dei bus

PARMA

Commemorazione dei defunti: orari e servizi dei cimiteri di Parma dal 21 ottobre al 2 novembre

Apertura straordinaria dei cimiteri dalle 8 alle 17,30

Calcio

Parma, cambia il modulo?

Contro l'Entella il tecnico D'Aversa potrebbe apportare qualche modifica al disegno tattico dei crociati

Smog

Stop ai diesel euro 4 fino a lunedì Il servizio del Tg Parma

Polveri sottili alle stelle, si corre ai rimedi. Escluse dalla limitazioni le auto con almeno tre persone a bordo

24commenti

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: domani comincia la finale

4commenti

SISMA

"Luci da terremoto" in Messico Video

Sulla Gazzetta di Parma il geologo parmense Valentino Straser spiega il fenomeno

SCUOLA

Più di 1.100 supplenti in cattedra

BEDONIA

Telecamera a caccia di meteoriti

Personaggi

Varriale, voce parmigiana delle World Series

Lutto

Folla al funerale di Luca Moroni

Nel Duomo di Fidenza l'addio all'ingegnere morto in un incidente stradale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Referendum e regionali, la sfida nel centrodestra

di Luca Tentoni

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

Bari

La Finanza ferma un gommone con 1,5 tonnellate di marijuana

Firenze

Cade un capitello della basilica di Santa Croce: turista ucciso

SPORT

Moto

MotoGp, Marquez leader nelle libere 1 in Australia

EUROPA LEAGUE

Vincono Lazio e Atalanta, Milan bloccato a San Siro dall'Aek

SOCIETA'

GAZZAFUN

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

MUSICA

ParmaJazz Frontiere 2017: grandi nomi al Festival

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: in 5 punti il nuovo Suv di Volkswagen Foto

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compatto di Seat in 5 mosse Foto