-2°

10°

opinioni

Natale, il bisogno di chi ha fede e la nostalgia dei laici

Il messaggio del vescovo Solmi e l'editoriale del direttore Brambilla

Le scuole disertano i presepi
2

"Abbiamo bisogno del Natale": lo dicono, i due punti di vista e parlando di - ed a  - credenti e laici, il vescovo Enrico Solmi e il direttore della Gazzetta di Parma. Ecco i loro editoriali.

Il messaggio del vescovo Solmi

"Il Natale è come l’alta marea: raggiunge tutti. Così diceva sessanti anni fa don Mazzolari. È ancora vero? Per certi versi, sì. Il Bambino che nasce è un messaggio universale che tocca il cuore di tutti e accomuna mamme che, sotto il profilo teorico, potrebbero non trovarsi d’accordo sull’essere donna, moglie o compagna. Ma essere mamma è la stessa esperienza e gli occhi di un bambino visti per la prima volta sono una cosa che solo loro sanno dirci. Poi risveglia in tutti sentimenti sorgivi dell’umanità. E’ anche vero che per alcuni il Natale resta l’ultimo pensiero o un pensiero difficile da gestire tra sofferenza e solitudine e ricordi di tempi belli che non ci sono più. Un percorso che passa dal carcere all’ospedale, al dormitorio e alla mensa della Caritas, fino ad entrare in borghi e strade insospettabili della nostra città e dei nostri paesi. È un sentire il Natale, tra luci e ombre che, alla fine, tocca il nucleo del Natale vero che, come un fuoco acceso in una campagna, riverbera di luce e anche lontano lo si vede. Natale è la nascita di Gesù, il Nazareno, in un ricovero di animali nella campagna di Betlemme. La fede dice che quel bambino è Dio che usa la sua onnipotenza per divenire piccolo, per essere corpo e incontrarci nella nostra umanità. Natale è la sorpresa della Sua uscita per incontrarci: una scelta di debolezza per condividere, il rischio di essere misconosciuti, maltrattati, perseguitati. Proprio come capitò a Gesù, Maria e Giuseppe. Maternità e tenerezza, nota universale, fanno tutt’uno con abbassamento e pro esistenza, dono di sé vero e autentico proprio del Natale Cristiano. Indicano universalità e radicamento nella verità del Natale: Chi fa così è Dio, che si fa conoscere e si accosta ad ogni persona. Tutti abbiamo bisogno di questo Natale. Ci aiuta ad entrare in noi e a riconoscere tesori profondi che ci abitano, situazioni che ci meravigliano, insieme alla certezza di sentirci cercati perché amati. Oggi ce n’è tanto bisogno! Buon Natale alla nostra bella città e alla nostra ricca terra, con l’augurio che possa andare oltre all’oggi confuso e preoccupato per respirare un futuro nuovo e bello perché abitato da tutti. Buon Natale a chi si trova nelle proprie case per scoprire che il tesoro più vero sono le relazioni che si affinano e si affermano modellando il volersi bene che cresce, cambia, inverte anche la direzione, per volere bene “bene”. Senza perdersi d’animo, senza stancarsi di riprovare. Un Natale sereno a chi soffre. Non con parole, ma con un abbraccio sincero e una partecipazione vera di chi - con discrezione - può farsi vicino e condividere con delicatezza. Buon Natale a chi continua a farsi prossimo in questi giorni e tiene per mano i tanti che faticano a vivere. Chi lo fa per missione istituzionale, chi lo fa per scelta di servizio e di presenza silenziosa ed efficace: sono la trave che sostiene la nostra città. Un sereno natale dal povero Vescovo Enrico: che la Misericordia del Signore pervada i nostri cuori, perché possiamo essere misericordiosi."

L'editoriale di Michele Brambilla

"Per i credenti il Natale è la memoria di un fatto inaudito: Dio che diventa uomo. Se è vero, è l'avvenimento più importante non solo della storia, ma anche della vita di ciascuno di noi. Perché ci cambia il destino.
Ma per crederci occorre la fede, e non è da tutti. Montanelli, che era molto meno ateo di quanto si sia fatto passare, diceva che avrebbe rinunciato a qualsiasi cosa pur di averla: ma non ce l'aveva. Misteri della Grazia, che lasciamo, qui a fianco, al vescovo di Parma.
Noi poveri scettici, figli del nostro tempo cinico, abbiamo una fede incrollabile solo nelle cose terrene, che inseguiamo tutti i giorni con affanno e che poi, quando le conquistiamo, ci lasciano comunque un senso di insoddisfazione perenne.
Su un passaggio dell'articolo qui a fianco scritto dal vescovo siamo, però, in perfetta sintonia: «Tutti abbiamo bisogno di questo Natale». Nei giorni scorsi ho letto, su due grandi quotidiani, le provocazioni, un po' logore in verità, di due noti intellettuali. Uno diceva che «quello delle feste è ormai diventato quasi un incubo annuale»; e l'altro commentava: «se fosse per me, il Natale lo abolirei, è fasullo». Può darsi che per la maggioranza di noi sia ormai solo una ricorrenza profana. Eppure, credo che ben pochi la vorrebbero davvero abolire. Il Natale ha questo di strano e affascinante: ha che ci accende una nostalgia, e la nostalgia è il dolore per la mancanza di qualcosa o qualcuno. Qualcosa o qualcuno che forse chissà, credenti e non credenti potrebbero chiamare il senso della vita. Ecco perché abbiamo sempre bisogno del Natale. Auguri a tutti.
michele.brambilla@gazzettadiparma.it "

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Enzo

    25 Dicembre @ 10.50

    Laico non è opposto di credente, significa persona non facente parte del clero...

    Rispondi

  • Biffo

    24 Dicembre @ 17.33

    IO ASSISTEVO, IERI, ALLA MEsSA IN SUFFRAGIO DI MIA MADRE E MIA SORELLA; HO FATTO UNO SFORZO, PER AMORE DI LORO DUE, PERCHé IL RITO SUDDETTO. PER ME, è DI UNA NOIA MORTALE, assolutamente non coinvolgente, UN CONTINUO ALZARSI E SEDERSI, aCCOMPAGNATO DA RESPONsIONI ALLE PRECI DEL SACERDOTE OFFICIANTE. DURANTE LA MESSA, MI LEGGO IL MESSALINO DOMENICALE E CERCO DI DIRE QUALCHE PREGHIERA PERSONALE, MA NON SCI RIESCO, LA GENTE MI DISTRAE, IO HO BISOGNO DI ESSere SOLO, IM CHEISA, NEL SILeNZIO PIù ASSOLUTO.,A TU PER TU CON CRISTO. Ho provato una grande nostalgia dei tempi in cui eravamo tutti vivi, in famiglia, ed avevamo una fede senza problemi di dogmi, di morale, di teologia e teosofia. Davanti a me, c'era, incrollabile nella sua fede granitica, mio padre, di 96 anni. Mi scuso per la parte redatta in maiuscole, me ne sono accorto troppo tardi. Un ottimo Natale,Direttore, ed un 2016 ancor migliore, se possibile, dopo un superlativo assoluto.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Bello Figo Roma non ti vuole", ancora minacce al rapper

rapper

"Bello Figo Roma non ti vuole", ancora minacce al rapper

Gianfranco Rosi

Gianfranco Rosi

documentari

Oscar: il parmigiano Rosi agguanta la nomination con "Fuocammare"

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Pasticcio di patate formaggi e verdure

LA PEPPA 

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

Lealtrenotizie

Sessanta cellulari in casa per contattare fornitori e clienti: arrestato spacciatore

carabineri

Sessanta cellulari per contattare fornitori e clienti: arrestato spacciatore

DELITTO DI NATALE

Gli investigatori tornano nella casa dell'assassino

2commenti

radio parma

Pizzarotti: "Piazza della Pace, serve presidio fisso: ma non di militari" Video

17commenti

lega pro

Guccini arbitrerà il big match Venezia-Parma

Domenica ore 14.30 (Diretta su Tv Parma)

TERREMOTO

Le offerte dei lettori per il centro Italia: ecco cosa è stato consegnato

sorbolo

Tenta la truffa dello specchietto, ma la vittima lo beffa

1commento

incidente

San Polo di Torrile e Baganzola, due auto fuori strada: due feriti

privacy

L'Università di Parma tutela gli studenti che cambiano sesso: saranno "alias"

Campagna elettorale

Pizzarotti candidato. E i Cinque stelle?

4commenti

Blackout

Zibello senza luce, scoppia il caso

NOCETO

Tecnico cade da una scala e batte la testa: è grave Video

1commento

CALCIO

D'Aversa ha scelto Frattali

la bacheca

56 opportunità per chi cerca lavoro

ACCIAIO

S.Polo Lamiere acquisisce la Tecnopali

Progetto

Cento studenti mandano una sonda nello spazio

IL 29 AL REGIO

Niccolò Fabi: «Il disco della solitudine»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

gran bretagna

Brexit, la Corte dà torto al governo May: "Voti il Parlamento"

ricerche in corso

Rigopiano, recuperati i corpi di due donne e tre uomini: le vittime salgono a 14

SOCIETA'

video

La videocandidatura del "Pizza" è social-ironica

scuola

Ecco "Nubi", la app con la dieta bilanciata per i bimbi delle scuole Video

SPORT

tg parma

L'allenatore del Venezia Inzaghi: "Parma temibile"

Formula 1

Ecclestone: "Mi hanno licenziato"

MOTORI

Prova su strada

Renault Scenic, adatta a tutto (e tutti)

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto