EDITORIALE

Italia in bianco e nero . Perché la nostalgia

fiorello rischiatutto
0

E' stata, tra le altre cose, la settimana di Rischiatutto. Fabio Fazio ha resuscitato il celeberrimo telequiz dei primi anni Settanta. Chi ha passato i cinquant'anni ricorderà senz'altro l'originale: Mike Bongiorno e Sabina Ciuffini, il regista Piero Turchetti e il "Signor no" Ludovico Peregrini, quindi i campionissimi: il medico bolognese Massimo Inardi, il farmacista fiorentino Andrea Fabbricatore, la signora Giuliana Longari. Il grande Mike apriva ogni puntata gridando «fiato alle trombe Turchetti!» e la chiudeva con il suo immortale «Allegria!».
Se ne fecero solo cinque edizioni, dal 1970 al 1974: eppure quella trasmissione passò alla storia. Perché Rischiatutto fu davvero uno specchio - non l'unico, ma uno degli specchi - dell'Italia di allora. Riguardare oggi quel telequiz è uno struggente tuffo nel «come eravamo». Rivediamo un'ingenuità che oggi fa tenerezza. La polemica sul dottor Inardi, che essendo un esperto di parapsicologia fu sospettato di leggere nel pensiero di Mike le risposte esatte; e la signora Longari che appunto veniva chiamata "signora" perché sposata (il suo cognome da nubile era Toro) ma aveva solo 27 anni: oggi, se si presenta in tv una di 27 anni - ma anche di 35 - le si dà del tu e la si chiama "ragazza". Sì, più ingenui, ma anche più semplici e più allegri di oggi.
Credo sia questo il motivo per cui è sempre più forte la nostalgia per quell'Italia in bianco e nero. Il Rischiatutto di Fabio Fazio è solo uno dei tanti ripescaggi: dalla Mini alla 500, dalla Vespa al Maggiolino, da molti oggetti di design alla commedia all'italiana di Sordi e Tognazzi. Prodotti immortali dell'Italia degli anni del boom. C'è chi obietterà che si ha nostalgia anche di periodi grami, o per nulla speciali, solo perché ci ricordano la nostra giovinezza. È vero, ma solo in parte. Il Regio ha fatto il pieno, la scorsa settimana, con due rappresentazioni di Grease, e da un pezzo c'è in Italia una radio che si chiama «Anni '60»: con tutto il rispetto, non credo che fra trenta o quarant'anni qualcuno risentirà le canzoni dei vincitori del festival di Sanremo degli anni Novanta o Duemila, né tantomeno credo che un nuovo Fabio Fazio si azzarderà a riproporre i terribili telepacchi di oggi frequentati da analfabeti di ritorno, o peggio ancora i laidi reality. Ce lo chiedemmo già anni fa quando anche i grandi quotidiani dedicarono decine di pagine alla morte di Lucio Battisti: non è che ne stiamo parlando perché ci sembra di tornare ragazzi? La risposta fu no: ne parliamo perché quelle canzoni erano davvero eccezionali, tanto che le cantano anche i nostri figli che sono nati quando Battisti era già scomparso da un pezzo. Alzi la mano chi non ha mai rivisto, sui pochi canali ancora guardabili della tv di oggi, il varietà degli anni Sessanta - con Tognazzi, Vianello, Walter Chiari, Mina, la Vanoni - e non abbia provato vergogna per il varietà di oggi.
No, se abbiamo nostalgia di Rischiatutto non è solo per il dolore del tempo fuggito, ma perché ricordiamo un'Italia più povera, niente affatto serena (il terrorismo incombeva) ma comunque più fiduciosa, più speranzosa di quella di oggi, che sembra avere smarrito ogni senso del futuro e che si rassegna alla mediocrità anche quando prova, invano, a divertirsi.
michele.brambilla@gazzettadiparma.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

3commenti

20enne si schianta a folle velocità mentre fa diretta Fb

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Vendono iPhone: ma è una truffa

Carabinieri

Vendono iPhone: ma è una truffa

RICERCA

Prevedere i terremoti: a che punto siamo

MISSIONARI

Saveriani, da sempre tra gli ultimi

PERSONAGGI

Gandini, il pistard d'oro eroe di Melbourne

Calcio

Brodino per il Parma

Intervista

Virginia Raffaele: «Ecco perché i miei personaggi fanno ridere»

Salsomaggiore

«Lorenzo, un ragazzo speciale»

Fidenza

La giunta: «L'aggregazione aiuterà il Solari»

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

4commenti

dal tardini

Il Parma va sotto, poi si rialza: 1-1 col Bassano. E finale incandescente Foto

Anche al Tardini un minuto di raccoglimento per la Chapecoense (Video

2commenti

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

6commenti

sala baganza

Preso il 18enne che faceva da pusher ai ragazzini della Pedemontana

degrado

Nuove luci e marciapiedi più larghi e "vivibili": così sarà via Mazzini Foto

17commenti

via toscana

Urta due auto in sosta e poi fugge: è caccia al conducente

1commento

SAN LEONARDO

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

14commenti

Solidarietà

Sisma, il cuore di Parma c'è

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Un po' più di mezzo bicchiere

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

alessandria

Ruba fidanzatino a figlia, condannata per violenza sessuale

CALIFORNIA

Incendio al concerto: si temono 40 vittime

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

SERIE A

La Juve domina: battuta l'Atalanta (3-1)

formula uno

Mercedes: dopo il ritiro di Rosberg, Alonso tra le ipotesi

SOCIETA'

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti