10°

22°

EDITORIALE

L'importanza di dire no al "partito del no"

Michele Brambilla

Michele Brambilla

Ricevi gratis le news
7

E' il primo anniversario di un mezzo miracolo. Una domenica di dodici mesi fa (per la precisione era il 3 maggio) ventimila milanesi sfilavano in corteo allo slogan di «Nessuno tocchi Milano». Erano armati di spazzole e detersivi e ripulivano la città deturpata dai delinquenti. Ricordiamo i fatti.
Due giorni prima, il primo maggio, si inaugurava l'Expo. Mentre nel quartiere fieristico si tagliavano nastri e si aprivano padiglioni, per le vie del centro sfilavano altre ventimila persone unite dallo slogan «No Expo». Tra loro c'erano i soliti black-bloc. Solo trecento, pare, ma sufficienti per mettere a ferro e fuoco Milano. Vennero sfasciate vetrine di negozi e di banche, incendiate auto in sosta, imbrattate centinaia di case. Il tutto mentre la polizia e i carabinieri erano costretti ad assistere impotenti perché si sa come funzionano queste cose in Italia: guai a intervenire, se per caso viene colpito qualcuno di questi sinceri democratici, si crea il martire.
Non vorrei essere equivocato, perché lungi da me l'intenzione di accomunare i black-bloc ai manifestanti pacifici. Però va pur detto che i delinquenti che devastarono Milano poterono muoversi agevolmente all'interno di cortei che fecero ben poco per fermarli. E va pur detto anche che la manifestazione arrivò al culmine di mesi e mesi di una campagna che aveva come unico fine quello di non far partire la rassegna, e che si nutriva di disinformazione, sospetti e soprattutto della cosiddetta «ideologia del no». «No Tav», «No Olimpiadi», «No Expo» e così via (ora, posso capire, anche se non li condivido, i «No Tav» della Valsusa: non vogliono lavori a casa loro; ma l'Expo a chi poteva dar fastidio? Mah). Comunque. Si disse per mesi che sarebbe stato un fallimento economico; che sarebbero girate tangenti; che si buttavano via soldi per opere inutili. Il sentimento popolare ostile all'Expo cresceva spesso su autentiche balle. Beppe Grillo disse in una conferenza stampa (e poi alla Rai) che, tanto per fare un esempio, era stata costruita una strada da Monza a Milano di quindici corsie, «roba che neanche a Los Angeles». Peccato che fra Monza e Milano - due città attaccate, senza soluzione di continuità - non sia stata costruita nessuna nuova strada, neppure a una corsia. Ma tanto, chi ascoltava che ne poteva sapere? Montò così la rabbia «No Expo» che portò alla manifestazione del primo maggio.
Però, ecco l'imprevisto. I milanesi reagirono. Non solo contro i delinquenti, ma anche contro l'idelogia del «no a prescindere»: due giorni dopo, appunto, andarono subito in strada a ripulire, a riparare i danni. Morale: l'Expo, che si temeva bersaglio di contestazioni e incidenti continui, è poi filata via liscia. Ha chiuso con 22,2 milioni di visitatori (6,5 milioni di stranieri), ha incassato 373,7 milioni solo in biglietti di ingresso, più un indotto incalcolabile; e grazie al commissario anticorruzione Raffaele Cantone, non risultano al momento ruberie.
Ecco perché forse si può sperare che un anno fa ci sia stata una svolta. La gente comune ha detto «basta» al disfattismo e alla cultura del sospetto e della paralisi, e ha cominciato a rimboccarsi le maniche. Forse quel poco che è ripartito in Italia è ripartito anche grazie a quello che accadde quel giorno di un anno fa, e che dobbiamo tenere vivo.
michele.brambilla@gazzettadiparma.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Filippo

    10 Maggio @ 09.19

    filippo.cabassa.1970@gmail.com

    Bravo Brambilla, ben scritto come al solito. In Italia purtroppo si creano ormai solo martiri della delinquenza.

    Rispondi

  • LaoTzu

    10 Maggio @ 06.09

    Expo? L'ennesima mangiatoia per la politica e gli "amici" della politica (il tema era infatti "il cibo"... sic!). Quello che resta? il buco nei conti di Expo di cui Scala (candidato sindaco a Milano per il PD, il partito con più indagati, arrestati e imputati della storia della Repubblica...) non rende conto, gli appalti truccati, più di 50 indagati e diversi arrestati. E poi l'area fiera di Pero-Musocco, devastata dall'ennesima inutile cementificazione selvaggia.

    Rispondi

  • Ivo

    08 Maggio @ 18.11

    Oramai la torta era spartita ! Oltre agli arresti , non si parla precisamente di quanto è costato Expo , ( la solita follia ) a scalpito di irrisori guadagni sbandierati dai media. Lasciamo i numeri delle visite ( biglietti scontati e regalati ) quell area per adesso è morta , dopo sarà ancora peggio. A riguardo di Grillo , ricordo diede un idea di Expo , tutt altro che stupida , cioè invece di rendere quei terreni edificabili per arricchire i soliti noti , e cementificare ovunque un area che poi sarebbe rimasta poco sfruttabile dai cittadini , di progettare Expo in un grande parco naturale , al fine che dopo la chiusura , il cittadino ne potesse usufruire. Le idee ci sono , gli interessi di alcuni pure amico ed amici di turno

    Rispondi

  • Davide

    08 Maggio @ 15.07

    L'unico successo di Expo è che si sia svolto dopo le premesse per il resto: il tema cibo è stato tradito sembrava più un villaggio di tour operator per eventuali futuri viaggi, code interminabili che è anche il commento che va per la maggiore di ritorno da expo e per finire il buco nei conti di cui Scala candidato sindaco a Milano continua a far finta di non sapere. Certo per l'Italia il fatto di averlo aperto è stato già un successo ma ci vuole ben altro che crogiolarsi su quell'Expo....

    Rispondi

  • Roberto

    08 Maggio @ 13.27

    Ma cosa non risultano ruberie?? Appalti truccati, ci sono stati 7 arresti già nel 2014 c'è già un primo pentito che si chiama Maltauro, cinquanta indagati....se questa è informazione meglio passare a Novella 2000....

    Rispondi

    • 08 Maggio @ 15.31

      Risponde Michele Brambilla: "Gli arresti ci sono stati, appunto, nel 2014, e non più da quando Cantone è stato incaricato di vigilare, come da me scritto".

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'Oltretorrente continua a scendere in strada: passeggiata e giochi con i gessetti

QUARTIERI

Passeggiata e giochi con i gessetti nelle strade dell'Oltretorrente Foto

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Spray al peperoncino a scuola. In cinque al pronto soccorso

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

Furto

Via Calatafimi: spaccata «diurna» all'ortofrutta

Ladri in azione di giorno. «Neanche avessi una gioielleria», sbotta la negoziante

Scurano

Il paese fa festa, i ladri anche

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

1commento

Tragedia

E' morto il tecnico del Soccorso alpino ferito durante un salvataggio

Davide Tronconi era ricoverato al Maggiore di Parma

Fidenza

Addio a Gino Minardi, storico bottegaio

STAZIONE

Due telecamere per controllare il terminal dei bus

PARMA

Commemorazione dei defunti: orari e servizi dei cimiteri di Parma dal 21 ottobre al 2 novembre

Apertura straordinaria dei cimiteri dalle 8 alle 17,30

Calcio

Parma, cambia il modulo?

Contro l'Entella il tecnico D'Aversa potrebbe apportare qualche modifica al disegno tattico dei crociati

Smog

Stop ai diesel euro 4 fino a lunedì Il servizio del Tg Parma

Polveri sottili alle stelle, si corre ai rimedi. Escluse dalla limitazioni le auto con almeno tre persone a bordo

24commenti

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: domani comincia la finale

4commenti

SISMA

"Luci da terremoto" in Messico Video

Sulla Gazzetta di Parma il geologo parmense Valentino Straser spiega il fenomeno

SCUOLA

Più di 1.100 supplenti in cattedra

BEDONIA

Telecamera a caccia di meteoriti

Personaggi

Varriale, voce parmigiana delle World Series

Lutto

Folla al funerale di Luca Moroni

Nel Duomo di Fidenza l'addio all'ingegnere morto in un incidente stradale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Referendum e regionali, la sfida nel centrodestra

di Luca Tentoni

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

Bari

La Finanza ferma un gommone con 1,5 tonnellate di marijuana

Firenze

Cade un capitello della basilica di Santa Croce: turista ucciso

SPORT

Moto

MotoGp, Marquez leader nelle libere 1 in Australia

EUROPA LEAGUE

Vincono Lazio e Atalanta, Milan bloccato a San Siro dall'Aek

SOCIETA'

GAZZAFUN

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

MUSICA

ParmaJazz Frontiere 2017: grandi nomi al Festival

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: in 5 punti il nuovo Suv di Volkswagen Foto

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compatto di Seat in 5 mosse Foto