19°

30°

EDITORIALE

Quel giorno di 35 anni fa che cambiò le nostre vite

Quel giorno di 35 anni fa  che cambiò le nostre vite
0

Trentacinque anni fa cambiava per sempre il rapporto fra i cittadini e le notizie. I meno giovani ricorderanno benissimo: parlo della tragedia di Vermicino. Centinaia di studiosi della comunicazione di tutto il mondo se ne sono occupati e ne hanno parlato in testi universitari.
Una bella ricostruzione apparsa sul sito de La Stampa mi aiuta a scavare nella memoria. È il pomeriggio del 10 giugno 1981 quando Alfredino Rampi, un bambino di sei anni, va a giocare in un prato. Alle sette di sera il padre, non vedendolo tornare, dà l'allarme alla polizia. Si capisce presto la drammatica verità: Alfredino è caduto in un pozzo artesiano - che qualche incosciente aveva lasciato aperto - dal diametro di trenta centimetri e dalla profondità di trenta metri. Il telegiornale dà subito la notizia, nell'edizione delle venti. Vermicino, una frazione di Roma capitale, diventa improvvisamente il centro della nazione. Comincia infatti una diretta che durerà per quasi tre giorni e che terrà milioni e milioni di cittadini incollati alla sedia davanti alla tv. Un microfono viene calato nel pozzo e tutti gli italiani sentono le grida disperate del piccolo Alfredino, che i vigili del fuoco cercano di tenere sveglio.
L'Italia è anche un popolo di eroi e uno di questi si chiama Angelo Licheri, un ex tipografo sardo di 37 anni che mette al servizio di Alfredino il suo fisico minuto. Si fa imbragare e si cala a testa in giù nel pozzo artesiano per metri e metri di profondità. Riesce ad avvicinarsi al bimbo e perfino ad afferrargli una mano: ma è una terribile illusione, la manina gli scappa via e il piccolo Alfedo precipita ancora più in giù, fino a ventisette metri. Angelo Licheri riemerge in lacrime. Non si riprenderà mai più e andrà a cercare una nuova vita in Africa.
Sul posto c'è anche Sandro Pertini, il primo presidente della Repubblica che gli italiani percepiscono come uno di loro, uno del popolo. Anche lui prova a parlare ad Alfredino. Gli ingegneri pensano di scavare una galleria parallela. Ma è troppo tardi. La mattina del 13 giugno l'Italia si arrende alla sconfitta. Il conduttore del Tg1 Massimo Valentini, a reti unificate, dà in lacrime l'annuncio della morte di Alfredino Rampi.
Nulla sarebbe più stato come prima per tutto il mondo dei mass media. Lavoravo, in quei giorni, al Corriere d'Informazione, l'edizione pomeridiana del Corriere della Sera. Quando Angelo Licheri afferrò la mano di Alfredino, mancavano pochi istanti alla chiusura dell'ultima ribattuta e azzardammo un titolo che sciaguratamente finì in edicola: «Alfredino è salvo». Alfredino invece stava morendo, e di lì a poco sarebbe morto anche il Corriere d'Informazione, il vecchio Corinf come lo chiamavamo, già in crisi come tutti i quotidiani del pomeriggio, e colpito a morte da una tragedia che ne aveva rivelato ormai l'inadeguatezza.
Finì in quei giorni l'Italia delle pagine composte con il piombo, della tv in bianco e nero a due o tre canali, delle notizie date alle otto di sera. E cominciava, anche se in modo invisibile, quella che avrebbe portato ai giorni nostri: più efficiente, anzi immediata con le notizie sullo smartphone, ma forse anche più insensibile al dolore, anestetizzata com'è da nuove tragedie che viviamo, spesso, come dei videogiochi che non ci riguardano più di tanto.
michele.brambilla@gazzettadiparma.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

fori imperiali

degrado

Sesso ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

Scarpa italiana inguaia Ivanka,dal giudice per plagio

GOSSIP

Scarpa italiana inguaia Ivanka, dal giudice per plagio

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cani da adottare

ANIMALI

Cani da adottare

Lealtrenotizie

Casaltone, un paese diviso in due

Il caso

Casaltone, un paese diviso in due

Poggio di Sant'Ilario

Da fuoco alla stanza e ustiona moglie e figlia

Asessuali

Vivere in astinenza: il documentario della parmigiana Soresini

PARMA

Upi, oggi l'assemblea annuale al Regio con il ministro Delrio

Fidenza

Piazza Grandi, operazione recupero archeologico

Lutto

Laurano dice addio a «Ester» la centenaria

Integrazione

Fine del Ramadan, una festa condivisa

Serie B

Le avversarie del Parma ai raggi X

Promozione

Apolloni: «Felice per questa B»

BALLOTTAGGIO

"Effetto Parma" festeggia. Pizzarotti: "Altri cinque anni entusiasmanti" Video

L'intervista di TvParma: "Penso che per questa vittoria abbiano pesato la nostra concretezza e i nostri contenuti"

2commenti

elezioni 2017

Lavagetto (Pd): "Ora riflessione ma possiamo imparare dalle cose fatte bene" Video

LE ALTRE CITTA'

Piacenza, Patrizia Barbieri (centrodestra) sindaco

Dem sconfitti praticamente ovunque. Spezia, vittoria di Peracchini. Genova, vince Bucci

elezioni 2017

Ballottaggio, affluenza al 45,17%

Calo in tutti i Comuni dell'Emilia-Romagna 

5commenti

sanità

Caso di chikungunya: disinfestazione in due vie Video - I consigli

Felino

Tenta una strage in famiglia: la figlia è gravemente ustionata. Arrestato

Nella notte a Poggio di Sant'Ilario Baganza

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Il partito dell'astensione e del disinteresse

di Filiberto Molossi

2commenti

ITALIA/MONDO

Boretto

La villetta va a fuoco, famiglia salvata dal gatto

MALTEMPO

Frane, smottamenti e vento forte: danni al Nord-Est Foto

SOCIETA'

elezioni 2017

Genova: elettore al seggio con cane al seguito Foto

Elezioni 2017

Votare turandosi il naso? A Piacenza qualcuno lo ha fatto davvero... Video

SPORT

formula 1

Gara pazza. Hamilton e Vettel fanno a botte. E Ricciardo brinda...

SERIE A

Donnarumma inneggia a Raiola, poi si scusa con i tifosi. Dopo l'Europeo incontro con il Milan

MOTORI

MINI SUV

Citroën: la C3 Aircross in tre mosse

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande