Editoriale

Le culture di morte e quella della pietà

Michele Brambilla

Michele Brambilla

1
 

Stiamo assistendo a un'affannosa rincorsa al “pazzo”. Chi era l'attentatore di Nizza? Un pazzo, pieno di problemi personali. E quello che ha attaccato a colpi di accetta i passeggeri di un treno in Baviera? Un folle anche lui. L'attentatore di Monaco poi non parliamone: una vittima di bullismo che non si è più ripresa dalle inevitabili turbe psichiche. Perfino dei killer di Dacca, che hanno massacrato chi non sapeva il Corano (nove italiani tra le vittime) si è cercato, pur arrampicandosi sui vetri, un movente psichiatrico.

Dire che gli attentatori sono tutti pazzi è molto consolatorio. Si cerca di convincere (e di convincersi) che non abbiamo di fronte nemici strutturati e organizzati, ma solo pazzi isolati, che ci sono sempre stati, in ogni epoca e in ogni civiltà, e che sempre ci saranno. Consolatorio perché ci illude di non essere in guerra. Consolatorio ma ingannevole.

Certo, chi compie attentati di questo tipo è uno squilibrato. È ovvio. Ma uno squilibrato di cui si servono i veri attori di questa «terza guerra mondiale a pezzi», come l'ha chiamata papa Francesco. Le grandi culture della morte del nostro tempo, siano esse il fondamentalismo islamico (la prevalente) o il neonazismo xenofobo, danno ai loro killer, più che un supporto logistico, un nutrimento ideologico: più che le mani armano le menti e le coscienze. Il Califfato, per attaccare l'Europa, si serve sì di cellule armate e organizzate come quella che colpì Parigi nel novembre scorso, ma anche e soprattutto di cosiddetti “lupi solitari”, i quali poi solitari non sono, perché “moralmente” sostenuti da tutto un mondo che ha dichiarato la guerra santa. Così, chi non può colpire con il mitra colpisce con un camion o un'auto lanciata a piena velocità sulla folla, come accade da tempo in Israele. La follia è la molla che spinge all'azione, spesso suicida: ma di queste follie si servono registi precisi. Gli assassini non sono “lupi solitari”, ma marionette cui vengono tirati i fili.

Di fronte a questa cultura della morte, noi che cosa possiamo opporre? Diciamo sempre che l'Occidente è stanco, sfibrato, che non crede più in nulla, e in queste affermazioni c'è molto di vero. Però mi ha colpito osservare, ormai da tempo, come il nostro popolo manifesta il dolore dopo ogni attentato. Da Parigi a Nizza a Monaco mi colpiscono quei fiori, quelle candele, quelle fotografie dei poveri morti, quelle preghiere. Credo che in questa manifestazione del lutto ci sia il superamento definitivo del Novecento. Di fronte a un orrore, il nostro popolo di oggi non risponde più con la passione per le ideologie, ma con la compassione per l'uomo; per un altro che non si conosce ma che si percepisce simile a noi, uguale a noi. È la pietà: l'origine della nostra civiltà, fondata sulla constatazione del fatto che siamo tutti fratelli, e che ogni essere umano vale: a prescindere da dove è nato, dalla sua condizione sociale, dal suo credo e perfino dai suoi errori. Questa è la nostra superiorità (non esito a usare questo termine) su culture che dividono l'umanità in fedeli e infedeli, oppure in connazionali e stranieri. Possiamo vincere solo se ritroviamo l'orgoglio di questa nostra diversità e la forza per difenderla. Quel che ci attende non sarà indolore, perché la libertà ha un prezzo.

michele.brambilla@gazzettadiparma.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Indiana

    24 Luglio @ 20.08

    Indiana

    Carissimo direttore,con la pietà e con le fiaccolate non si resuscitano i morti né si evitano altre stragi. Qui non resta che prendere atto che la società multietnica é un fallimento e che ci siamo portati il nemico in casa grazie alla pietà per gli altri. Ora cerchiamo di averne anche per il nostro popolo e di reagire contro questi mostri o sarà la fine per il nostro mondo.Ma tranquillo:c'è chi ha già trovato tutti quei cosi chiamati pokemon!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

maria chiara cavalli 1

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

Lady Gaga: soffrodi disturbi psichici

RIVELAZIONE

Lady Gaga: soffro di disturbi psichici

1commento

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Daniele Faggiano è il nuovo direttore sportivo del Parma

lega pro

Daniele Faggiano è il nuovo direttore sportivo del Parma Video

7commenti

Funerale

Sorbolo: rose bianche e musica per l'addio a Ilaria Bandini

Terremoto

Nuova scossa in Appennino: magnitudo 2.2

Epicentro vicino a Solignano e Terenzo

Anteprima Gazzetta

Massimo Barbuti è il nuovo allenatore del Fidenza Video

martorano

Incornato da un toro: grave allevatore

tg parma

Travolto a Lemignano: Mihai Ciju resta gravissimo Video

Funerale

"Ciao Lorenzo, ora vivi nella serenità": commosso addio al 15enne di Salso

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

Unità di crisi

Legionella: la causa del contagio forse individuata entro fine dicembre

A gennaio la relazione finale sull'epidemia. Nuovi controlli sui malati

1commento

ANALISI

Le incognite del Pd parmigiano: referendum e resa dei conti

10commenti

COLLECCHIO

Scoppia il caso delle cartelle del Consorzio di bonifica

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Matricole

Università, aumentano gli iscritti a Parma: +12,7% Video

comune

Piano neve: oltre un milione e mezzo di euro e 225 mezzi pronti a partire

All'opera 110 tecnici e spalatori

5commenti

q.re Pablo

Multa a una 78enne invalida, per i rifiuti si affidava ad un vicino

La denuncia della Cgil: “Serve più attenzione per le fasce deboli della popolazione”

36commenti

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

9commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

napoli

Stava per essere buttato nella spazzatura: neonato salvato

ROBOTICA

Con il "guanto" hi-tech i quadriplegici mangiano da soli

SOCIETA'

lettere

Cane ucciso da un cacciatore: "Terribile e inaccettabile"

televisione

Gabriele: da Medesano alla finale a L'eredità

SPORT

Formula Uno

Zanardi: "Il ritiro di Rosberg mi ha stupito moltissimo"

Formula uno

Fernando Alonso non andrà alla Mercedes

ECONOMIA

istat

Un italiano su 4 a rischio povertà: ecco a cosa si rinuncia

fiere

Cibus “Connect”: ecco come sarà