10°

22°

Editoriale

Le culture di morte e quella della pietà

Michele Brambilla

Michele Brambilla

Ricevi gratis le news
1
 

Stiamo assistendo a un'affannosa rincorsa al “pazzo”. Chi era l'attentatore di Nizza? Un pazzo, pieno di problemi personali. E quello che ha attaccato a colpi di accetta i passeggeri di un treno in Baviera? Un folle anche lui. L'attentatore di Monaco poi non parliamone: una vittima di bullismo che non si è più ripresa dalle inevitabili turbe psichiche. Perfino dei killer di Dacca, che hanno massacrato chi non sapeva il Corano (nove italiani tra le vittime) si è cercato, pur arrampicandosi sui vetri, un movente psichiatrico.

Dire che gli attentatori sono tutti pazzi è molto consolatorio. Si cerca di convincere (e di convincersi) che non abbiamo di fronte nemici strutturati e organizzati, ma solo pazzi isolati, che ci sono sempre stati, in ogni epoca e in ogni civiltà, e che sempre ci saranno. Consolatorio perché ci illude di non essere in guerra. Consolatorio ma ingannevole.

Certo, chi compie attentati di questo tipo è uno squilibrato. È ovvio. Ma uno squilibrato di cui si servono i veri attori di questa «terza guerra mondiale a pezzi», come l'ha chiamata papa Francesco. Le grandi culture della morte del nostro tempo, siano esse il fondamentalismo islamico (la prevalente) o il neonazismo xenofobo, danno ai loro killer, più che un supporto logistico, un nutrimento ideologico: più che le mani armano le menti e le coscienze. Il Califfato, per attaccare l'Europa, si serve sì di cellule armate e organizzate come quella che colpì Parigi nel novembre scorso, ma anche e soprattutto di cosiddetti “lupi solitari”, i quali poi solitari non sono, perché “moralmente” sostenuti da tutto un mondo che ha dichiarato la guerra santa. Così, chi non può colpire con il mitra colpisce con un camion o un'auto lanciata a piena velocità sulla folla, come accade da tempo in Israele. La follia è la molla che spinge all'azione, spesso suicida: ma di queste follie si servono registi precisi. Gli assassini non sono “lupi solitari”, ma marionette cui vengono tirati i fili.

Di fronte a questa cultura della morte, noi che cosa possiamo opporre? Diciamo sempre che l'Occidente è stanco, sfibrato, che non crede più in nulla, e in queste affermazioni c'è molto di vero. Però mi ha colpito osservare, ormai da tempo, come il nostro popolo manifesta il dolore dopo ogni attentato. Da Parigi a Nizza a Monaco mi colpiscono quei fiori, quelle candele, quelle fotografie dei poveri morti, quelle preghiere. Credo che in questa manifestazione del lutto ci sia il superamento definitivo del Novecento. Di fronte a un orrore, il nostro popolo di oggi non risponde più con la passione per le ideologie, ma con la compassione per l'uomo; per un altro che non si conosce ma che si percepisce simile a noi, uguale a noi. È la pietà: l'origine della nostra civiltà, fondata sulla constatazione del fatto che siamo tutti fratelli, e che ogni essere umano vale: a prescindere da dove è nato, dalla sua condizione sociale, dal suo credo e perfino dai suoi errori. Questa è la nostra superiorità (non esito a usare questo termine) su culture che dividono l'umanità in fedeli e infedeli, oppure in connazionali e stranieri. Possiamo vincere solo se ritroviamo l'orgoglio di questa nostra diversità e la forza per difenderla. Quel che ci attende non sarà indolore, perché la libertà ha un prezzo.

michele.brambilla@gazzettadiparma.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Indiana

    24 Luglio @ 20.08

    Indiana

    Carissimo direttore,con la pietà e con le fiaccolate non si resuscitano i morti né si evitano altre stragi. Qui non resta che prendere atto che la società multietnica é un fallimento e che ci siamo portati il nemico in casa grazie alla pietà per gli altri. Ora cerchiamo di averne anche per il nostro popolo e di reagire contro questi mostri o sarà la fine per il nostro mondo.Ma tranquillo:c'è chi ha già trovato tutti quei cosi chiamati pokemon!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Crozza torna in Rai. Per Fazio

Fazio e Crozza sul palco di Sanremo 2013

televisione

Crozza torna in Rai. Per Fazio

Rolling Stones: gli highlander del rock

Il concerto

Stones: immortali! (Jagger canta in italiano)(Le polemiche)

Platinette, rovinosa caduta giù dalle scale

tv

Platinette, rovinosa caduta dalle scale al "Tale quale Show" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La parola all'esperto

ECONOMIA

Torna "La parola all'esperto". Inviate i vostri quesiti

Lealtrenotizie

Casa: «Ecco la mia ricetta per la sicurezza»

MUNICIPIO

Casa: «Ecco la mia ricetta per la sicurezza»

COLLECCHIO

Una discarica nel guado del Baganza, scatta la protesta

Municipale

Incidente stradale, ieri sera, in Località "Il Moro"

Tordenaso

Addio a Bortolameotti, uomo dal cuore grande

Tuttaparma

Portinerie e portinai di un tempo

TABLEAUX VIVANTS

Se bimbi e fotografi (over 60») fanno robe da circo

MOTOCROSS

Kiara Fontanesi si mette «in piega»

Scuole

Studenti a rischio a Corcagnano

"Robe da Circo"

Bimbi e fotografi ne combinano di "tutti i colori" Video

Stranieri

Pizzarotti: «Parma insicura? Non è colpa degli immigrati ma dei criminali»

49commenti

Attacco dell'opposizione

«La sindaca di Felino si dimetta»

3commenti

Laguna gialloblù

L'«Imperatore» di Venezia

BASKET

Fulgor, si presenta l'orgoglio di Fidenza

SALSO

Ladri cercano di entrare in una villetta

bambini

Giocampus Day: è qui la festa (con Paltrinieri) Foto

CERIMONIA

Due nuovi diaconi, vite nel nome del Signore

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

L'omaggio a Verdi: un dovere e un piacere

di Francesco Monaco

CONTROLLI

Autovelox, autodetector, speedcheck: la mappa della settimana

ITALIA/MONDO

Germania

Elezioni: vince la Merkel, estrema destra in Parlamento

Terracina

Caccia italiano precipita in mare: trovato il corpo del pilota Video

2commenti

SPORT

Sport USA

NFL, altro successo per i Falcons

Il caso

Sport e popstar Usa in ginocchio contro Trump. Lui ai tifosi: "Boicottateli"

SOCIETA'

liceo Marconi

I «ragazzi della 5ª C» (parmigiani) si ritrovano 30 anni dopo Gallery

il caso

Arabia Saudita, la prima volta delle donne allo stadio

3commenti

MOTORI

LA NOVITA'

Al volante della nuova Volvo XC60. Ecco come va

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery