15°

IL COMMENTO

Se la giustizia ti lascia un senso di ingiustizia

tribunale
2

A me, tra le tante, di storie ne è rimasta impressa una: quella della madre che per strada incontrava gli assassini del figlio. Paese piccolo, bastardo posto: poche strade, sempre le stesse. Lei, la vittima, libera al massimo di piangere: loro, gli aguzzini, liberi e basta. Anche di riderle in faccia. Dura lex, sed lex: non fa un grinza.

Provate a chiederlo ad Assunta, però cosa ne pensa: lei che ha seppellito per sempre la sorella Antonia, madre di tre figli. «Quando ho saputo che l’uomo che ha ucciso mia sorella è stato scarcerato per decorrenza dei termini, ho pensato fosse uno scherzo». E invece no: era tutto vero. Tempo scaduto, tanti saluti: il killer è pregato di accomodarsi fuori. «Mia sorella? L'hanno uccisa due volte». Chi alza la mano per dirle che ha torto? Parlatene con i genitori di Paula, la giovane romena portata in Italia e costretta a prostituirsi. Quando osa dire basta la massacrano in quattro o cinque a colpi di martello, forcone, calci e pugni. Ma Paula è forte, respira ancora: allora la bruciano viva. Chiediamo a sua madre, a suo padre, ai pochi amici, se è normale, accettabile - o almeno possibile - che i suoi assassini vengano scarcerati. Perché è questo, per quanto vi possa sembrare incredibile, quello che è successo: decorrenza dei termini, questo dice il codice. E il giudice, ligio, applica alla lettera.

Non siete convinti? Sentite Tiziana: è la figlia del benzinaio di Chiuso, periferia di Lecco. Quello che una sera sulla sua strada trova due ragazzi in motorino.
Questa è una rapina - urlano - e sembra quasi uno scherzo: ma il colpo parte davvero. Il benzinaio cade a terra con un proiettile nel cuore: il suo killer, invece, va in carcere. Due anni. E poi esce. Sì, avete indovinato: per decorrenza dei termini. A volte è la legge, altre chi è chiamato (e, sia chiaro, non è compito facile) ad applicarla. Perché ad esempio a Nunzio in carcere l'avevano messo davvero: aveva alzato le mani su Vincenza, l'aveva minacciata, tormentata. Ma un giudice, uno tra i tanti, disse che non aveva una personalità allarmante. Un'opinione sufficiente per farlo uscire. E dargli la possibilità di chiarirsi con la ex: a colpi di pistola. Non è in fondo sempre questa la storia? Aziz ad Albenga aveva cercato di strangolare la moglie. Arrestato, ha patteggiato due anni: poco, per tenerlo in cella. E così, una volta fuori è andato a finire il lavoro: stavolta con un coltello da cucina.
Le parole sono pietre, diceva il mio professore di diritto: non ci piove. C'è una legge, un codice, una procedura: magari, piuttosto, a volte quello che manca è la giustizia. O qualcosa che ci assomigli, una blanda controfigura che riesca almeno a fare tacere i troppi «io l'avevo detto». In un Paese dove la certezza della pena resta un miraggio, il sogno chissà perché proibito della brava gente, occorre più che mai mettere dei paletti, dei semafori rossi. E pretendere dal legislatore un intervento più efficace, regole più limpide e difficili da aggirare, termini che decorrano - per carità, perché è questo che fanno i termini -, ma senza scontrarsi tragicamente col buon senso. Altrimenti saremo condannati a rivedere sempre lo stesso, brutto, film. Senza sapere cosa rispondere, a Stefania, la ragazza che picchiata selvaggiamente in via D'Azeglio dal suo ex, ora che lui, per decorrenza dei termini, è ritornato in libertà, chiama in «Gazzetta» per dire: «Ho paura». I magistrati fanno il loro dovere, gli avvocati il loro lavoro, la legge il suo corso. Ma forse ad Assunta, Tiziana, Stefania e a tutte le altre interessa solo che qualcuno faccia l'unica cosa che conta: quella giusta.
fmolossi@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Biffo

    25 Settembre @ 11.33

    Filiberto, io aspetto il giorno, che, però, non arriverà mai, in cui, finalmente, i magistrati del tipo da te citato e quelli che compiono errori infami contro degli innocenti, vengano severamente puniti per quanto hanno perpetrato. E niente isolamento, li lascino in mezzo agli altri carcerati. La scritta "La legge è uguale per tutti", costituisce la più miserabile ipocrisia nel settore della giustizia. Platon Karataev, in "Guerra e pace", sentenziava: "Dove c'è un tribunale, qui vive l'iniquità".

    Rispondi

  • Berta

    25 Settembre @ 10.14

    La giustizia, quella giusta, fra non molto dovremo farcela con le nostre mani. L'attuale società (in)civile ci trasformerà tutti, di questo passo, in tanti (ex)borghesi piccoli piccoli. Quanti di noi, confessiamolo, se ci toccassero di persona delle disgrazie simili, non ci sentiremmo identificati nel protagonista del romanzo di Cerami?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Il lago Santo visto dal drone

Fotografia

Il lago Santo visto dal drone Foto

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

Serenate al balcone: i vicini protestano ma "Topolino" canta ancora

Napoli

Serenate al balcone: i vicini protestano ma "Topolino" canta ancora Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Vini da scoprire», guida sentimentale che porta da Ancarani

IL VINO

«Vini da scoprire», guida sentimentale che porta da Ancarani

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Maxi traffico di auto, chiesti 88 rinvii a giudizio

L'INCHIESTA

Maxi traffico di auto, chiesti 88 rinvii a giudizio

Allarme

Quei 40 bambini «scomparsi» dalle classi

Il caso

Rifiuti e videopoker nel parco

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Lega Pro

Nuove date per i play-off

Spettacoli

Alessandro Nidi: «Sissi diventa un musical»

Salso

Maestro e alunno si ritrovano dopo 50 anni

Sicurezza

A Pilastro spuntano i dossi

Terremoto

Due parmigiane in missione per salvare l'arte dalle macerie

Parma

Investe una donna in via Venezia e si dilegua: caccia all'auto pirata

Il conducente si è fermato dopo l'incidente ma poi è ripartito: ora la polizia municipale lo cerca

1commento

TG PARMA

Corniglio: un tir resta bloccato fra le case Video

Anteprima Gazzetta

Auto di lusso rubate e rivendute all'estero: 88 richieste di rinvio a giudizio Video

Parma

"Spazio verde": quinto furto in tre anni Foto

Ricerca

Top 500: imprenditoria sana, buoni risultati per tutti i settori a Parma Video Foto

Il presidente dell'Upi Alberto Figna spiega i contenuti della ricerca

parmense

Commercialista dalla vita agiata ed evasore totale: incastrato dalla Finanza

5commenti

Inchiesta

Tecnici Bonatti uccisi in Libia: rischio di processo per 6 persone

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

9commenti

GAZZETTA

Enogastronomia: un inserto di 6 pagine

ITALIA/MONDO

NASA

Scoperto un sistema solare con 7 pianeti simili alla Terra Foto

BIELLA

Crolla la copertura di un pilastro, muore una bambina

SOCIETA'

modena

Travestito da water, era alla guida completamente ubriaco

3commenti

Fotografia

Scatti al bar per impersonare... la quotidianità

SPORT

RUGBY

Palazzani: "Sei Nazioni, un'emozione unica. Zebre: domenica c'è l'Ulster" Video

LEGA PRO

Parma-Samb 4-2:
il film del match Video

MOTORI

motori

Ecco Stelvio, il primo suv Alfa Romeo Video

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv