21°

31°

EDITORIALE

Ma io dico grazie alla «buona sanità»

Michele Brambilla

Michele Brambilla

Ricevi gratis le news
9

Ha fatto scalpore nei giorni scorsi la morte di un pensionato, malato terminale, lasciato per 56 ore ad agonizzare al pronto soccorso del San Camillo di Roma, con solo un paravento a garantirgli uno straccio di privacy. La notizia ha dato l'opportunità a tutti di riparlare della "malasanità" italiana.
Ho passato la giornata di venerdì in due diversi ospedali pubblici, prima per un mio figlio, e poi per mio padre. E non mi ritrovo affatto nel quadro che i media dipingono della nostra sanità. Anzi non mi ci ritrovo neppure se penso alle esperienze passate, alle tante volte che, per me o per i miei familiari, ho avuto necessità di cure ospedaliere. Al contrario, sono sempre rimasto colpito non solo dall'efficienza della struttura, ma anche da quella disponibilità a dare spesso, da parte del personale, un qualcosa in più; un'attenzione, una sensibilità.
Conosco l'obiezione: l'Italia non è tutta uguale, al Nord ci sono le eccellenze, ma non tutti gli ospedali sono ben organizzati. Certo che è così. Però l'immagine che esce dai media è sempre quella della "malasanità", fanno notizia solo i casi di errori, incuria, sciatteria. Se il marziano di Flaiano venisse in Italia, leggendo i giornali e guardando la tv penserebbe che la sanità italiana è uno schifo. E invece della nostra sanità dobbiamo andare fieri, perché è una delle migliori del mondo, molto meglio di quella degli Stati Uniti, dove appena ti ricoverano ti chiedono la carta di credito, mentre da noi chiedono la tessera sanitaria, perché nella nostra tradizione il principio è quello della solidarietà, non della legge del più forte. Ma noi italiani siamo anche dei provinciali, e non c'è nulla di più provinciale di esaltare sempre quello che fanno all'estero, Usa in particolare.
Faccio il giornalista da fin troppo tempo e so bene che un fatto negativo fa più notizia di uno positivo: ma mi chiedo sempre più spesso se stiamo davvero contribuendo a rappresentare la realtà. La pretesa di una sanità perfetta, infallibile, è purtroppo anche la spia di un sentimento, anzi di un atteggiamento sempre più diffuso, che si manifesta in un'altra pretesa, quella della guarigione. Certo tutti abbiamo diritto a essere curati come si deve, con professionalità e umanità, ma la salute sempre e comunque non può essere un diritto per il semplice motivo che ciascuno di noi è destinato ad ammalarsi, a invecchiare, a morire. Eppure si moltiplicano le denunce contro i medici, rei di non aver fatto il miracolo, magari di non aver impedito la morte di novantenni malati di cancro. I medici sono terrorizzati, ordinano un'infinità di esami più per tutelarsi in vista di una causa che non perché li ritengano necessari. Ecco, i casi di malasanità dipendono anche da questo atteggiamento di pretesa, insomma anche da noi: noi che affolliamo il pronto soccorso per autentiche sciocchezze, con il risultato di lasciare in coda chi avrebbe davvero bisogno di rapide cure.
Una parola mi ha colpito, fra quelle lette in questi giorni: "calvario". Sì, negli ospedali viviamo spesso un calvario: il quale però è conseguenza ahimè della nostra fragile condizione umana, non di medici e infermieri che - se proprio debbo generalizzare - ritengo in grandissima maggioranza nostri benefattori, gente di fronte alla quale bisognerebbe togliersi il cappello, se ancora si usasse portarlo.
michele.brambilla@gazzettadiparma.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Ivo

    10 Ottobre @ 17.47

    @redazione statistiche internazionali ? Certo che se siamo sopra L Uganda il Congo la media si alza. E mai stato in un ospedale in Germania? Francia? Olanda? Giappone ? Io si . E perché i nostri migliori ricercatori pluripremiati e giovani sono all estero? io vado all ospedale per farmi curare, se sto male, dobbiamo farne un vanto che molti ne traggono beneficio? Parliamo dei tempi di attesa per una visita,o se hai la sfortuna di recarti al pronto soccorso la sera a Parma! Che molti operatori fanno il loro dovere come i medici e'un obbligo! E non è un obbligo che il figlio del.., deve fare il primario solo perché suo padre e' . I ristoranti son pieni , e gli italiani son più ricchi, adesso anche la sanità ci salva ! Io vivo su un altro mondo

    Rispondi

    • 10 Ottobre @ 18.42

      (dalla redazione) Non siamo solo sopra l'Uganda e il Congo, ma se il livello della replica è questo forse non vale la pena di rispondere.

      Rispondi

  • marco

    10 Ottobre @ 14.10

    Un conto è presentarsi in un ospedale da direttore ed ex direttore di varie testate nazionali un conto è presentarsi come signor nessuno.Detto questo,per il momento,la nostra sanità è molto buona nelle emergenze scarsa nella prevenzione visto le code per gli esami,ma quello è stato creato ad hoc per favorire i servizi del privato

    Rispondi

  • Ivo

    10 Ottobre @ 05.53

    Questo è un altro suo spot subliminale, elettorale a questo governo , come i ristoranti son pieni o gli italiani si stanno arricchendo. Chissà perché poi chi i soldi li ha davvero , per farsi curare decentemente , va all estero. La sanità in USA costa , vero, ma il servizio privato e d eccellenza, in Italia hai la tessera, ma con le tasse che paghi durante La tua vita, ti costa quanto uno privato ( montagne di miliardi tangenti promozioni ad amici o figli senza merito) e strutture fatiscenti.ospedali labirinto immensi dove imboscarsi. Racconterei decine di casi, compreso la morte di mia madre. Mi faccia dire a detta di molti operatori ( onesti) siamo diventati un numero,e L infermiere o il medico a volte è solo uno stipendio. Ma avendo Lorinzin misnistro della salute ( diplomata al classico?) cosa pretendiamo. L esempio di come funziona L ho scritto sopra

    Rispondi

    • 10 Ottobre @ 11.08

      (Dalla redazione) Non pensa di fare un quadro irrealmente cupo della Sanità in Italia? Quello che dice non trova riscontro nelle statistiche internazionali e sopratutto nel vissuto di molti di noi che, in circostanze drammatiche come quelle che descrive, hanno trovato negli ospedali italiani - assieme a cose che non vanno, come ovvio e come è difficile che non succeda in organizzazione complesse - tante professionalità eccellenti e anche un notevole senso d'umanità da parte del personale sanitario.

      Rispondi

  • Biffo

    09 Ottobre @ 17.59

    Dottor Brambilla, mi lasci pensare, però, che se non si fosse trattato del figlio e del padre suoi, dato che Lei è ben conosciuto a Parma, come Direttore del giornale locale, forse la sollecitudine dei medici non sarebbe stata la medesima. Anche per quel poveraccio morto senza alcuna assistenza, a Roma, i medici, se non altro, cosa inaudita prima, si sono scusati, dopo aver saputo che il figlio era un giornalista.

    Rispondi

    • 09 Ottobre @ 18.29

      (dalla redazione) Non erano ricoverati a Parma.

      Rispondi

    • 09 Ottobre @ 18.25

      (dalla redazione) Non erano ricoverati a Parma.

      Rispondi

  • Remo

    09 Ottobre @ 14.18

    ok, tutto vero e giusto...ed allora, che si premino i (tanti) meritevoli, e si puniscano i (pochi) colpevoli!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana

tg parma

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana Video

amichevole

Finisce uno a uno la sfida fra Parma e Empoli

Al Tardini segna Evacuo su rigore. Risponde Donnarumma

METEO

Temporali, vento e caldo domani in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

10commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Barcellona, i testimoni parmigiani raccontano l'orrore

Il vicecaporedattore Stefano Pileri anticipa i servizi della Gazzetta di domani

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

PASIMAFI

Scandalo sanità, no alla libertà per Fanelli

1commento

fontevivo

Nuovo guasto e allagamenti, il sindaco Fiazza: "Chiederemo risarcimento" Video

bassa reggiana

Violenza sessuale su un minorenne disabile: revocati i domiciliari al 21enne

Elisoccorso

Ora gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

tg parma

Ricordato il sacrificio di Charlie Alfa Video

BORGOTARO

Diawara forse ucciso da un malore?

MONCHIO

«Mi vuoi sposare»? Sorpresa alla sagra

Università

Preso lo scassinatore seriale dell'ateneo

1commento

Sissa

Moto, i centauri disabili tornano in sella grazie a Pattini

viabilità

Tangenziale sud: partono i lavori (e i possibili disagi)

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

barcellona

Due italiani tra le vittime. Bruno ucciso per proteggere i figli. Caccia a Moussa

Turku

Attacco in Finlandia: un morto e 8 feriti

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

gazzareporter

Limiti di velocità... al Parco Ducale Foto

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

2commenti

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti