21°

editoriale

Festival Verdi, i retroscena del successo

Un coro senza stonature
1

Chiariamo subito: è un atto di giustizia al compositore più rappresentato al mondo. Atto di giustizia doppio: il «sì» di ieri dei 189 senatori al Ddl che finanzierà stabilmente il Festival Verdi è anche un omaggio di “categoria” all'uomo che fu deputato al primo parlamento nazionale, Senatore dal 1874 e portatore sano «di senso civico e genuine passioni politiche e sociali» in tutte le sue opere. Il Maestro consegna l'estremo dono alla sua terra: un milione di euro l'anno sono un volàno importante. Senza se e senza ma. Si tratta di un dono meritato che, inseguito da almeno tre lustri, giunge quando il territorio dimostra di avere fatto sua la lezione del sacrificio nella collaborazione. Andando per punti, partiamo dalla convergenza di intenti tra Parma e Busseto, conquista recente. E' rimasta nei casi di “scuola” la frattura in occasione del festival per il primo centenario della nascita di Verdi, nel 1913, quando Cleofonte Campanini predispose un cast stellare al Teatro Regio e Busseto fece da sé, chiamando la «bacchetta d'oro» di Arturo Toscanini. «Arlìe» superate appieno solo nell'ultimo decennio (ora il testo del Ddl parla di Festival Verdi di Parma e Busseto). Poi la trasversalità dell'impegno politico. Il Festival Verdi, in tempi moderni, è un'utopia (nel senso letterale del greco “non luogo”) del sindaco Elvio Ubaldi che nel 2001, centenario della morte del Cigno, animò un luogo che esisteva solo sulla carta (il Verdi Festival) ma che, passata la sbornia dei finanziamenti, faticò per restare a galla. Adesso che è Festival Verdi trova il sigillo della legittimazione mentre la città è guidata dall'ex 5 Stelle Federico Pizzarotti, per impegno del senatore Pd Giorgio Pagliari, che con Ubaldi ebbe sempre una relazione di rispettosa antitesi.
Terzo punto, la continuità di intenti di chi, in questi 15 anni, ha guidato il tempio del melodramma. Da Gianpiero Rubiconi, scomparso lo scorso anno, che per primo assecondò il progetto dell'amico Ubaldi, a Mauro Meli che inventò la formula del Festival ottobrino, com'è ora. Finiti gli anni dei finanziamenti “importanti” di Arcus, ci fu Carlo Fontana che salvò il Regio dalla bancarotta, fino all'attuale direttore generale Anna Maria Meo che, con il supporto creativo di Barbara Minghetti, ha saputo confezionare un cartellone degno di rispetto, presentandolo in tempi utili per la vendita dei biglietti all'estero.
Infine, ma certo non per importanza, la volontà delle istituzioni e dei centri del potere economico-produttivo di fare quadrato: il Festival è sostenuto non solo dall'ovvio triangolo Comune di Parma - Comune di Busseto - Regione Emilia Romagna, ma anche dal sistema bancario e delle fondazioni (Cariparma, Fondazione Cariparma, Fondazione Monteparma), dall'Unione degli Industriali in generale (e, nella fattispecie, da singole importanti realtà), da Ascom, Camera di Commercio con «Parma, io ci sto!» e Reggio Parma Festival.
Ecco i quattro motivi per cui il governo centrale non poteva continuare a ignorare il Festival Verdi, in un passato assai recente bollato come «manifestazione localistica».
Certo, non siamo così ingenui da non sapere che la politica ha i suoi machiavellismi ed è evidente che nell'approvazione praticamente all'unanimità di ieri contano anche le buone relazioni romane del senatore Pagliari. E che, forse l'uscita dai 5 Stelle del primo cittadino, abbia alleggerito la coscienza ai Grillini nazionali nel votare un disegno di legge targato Pd. Ma questo non ci interessa. Quel che conta è il fine che giustifica i mezzi, per citare un Machiavelli troppo spesso frainteso. E per il territorio è un grande risultato.
Prima di brindare, occorre attendere il «sì» definitivo della Camera (da oggi il “pallino” passa nelle mani degli onorevoli parmigiani Patrizia Maestri e Giuseppe Romanini). Poi si potrà libare «ne' lieti calici». Con un'avvertenza: non perdiamo la bussola che ci ha fatti arrivare fin qui.

mpedrabissi@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Michele

    22 Ottobre @ 08.54

    mandra_sala@libero.it

    Un grazie a Pagliari che ha saputo fare qualcosa di importante e di duraturo per Parma. Questa è una soluzine: una azione STRUTTURALE. Ogni anno ci saranno fondi. Il andavo di Parma si è dimostrato incapace negli anni di soluzioni strutturali, solo pagliativi temporanei e costosissimi. Non ha nemmeno imparato da chi sà fare le cose....

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bar Refaeli  è di nuovo incinta

gossip

Bar Refaeli è di nuovo incinta

gazzarock

musica

Premio Gazzarock, la sfida comincia: vota il tuo artista preferito

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Settimana di grandi classici. Con grandi sorprese Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Tenuta del Buonamico: c'è un bel Fortino,speziato ed elegante

IL VINO

Tenuta del Buonamico: c'è un bel Fortino, speziato ed elegante

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Cade per un malore: 42enne muore il giorno dopo il matrimonio

Luzzara

Cade per un malore: 42enne muore il giorno dopo il matrimonio

Delicato intervento al cervello al Maggiore di Parma: Barbara Cocconi, barista, ha lavorato a Montecchio, Boretto, Brescello

Consiglio comunale

In arrivo riduzioni per Cosap, dehor e tassa sui rifiuti

Spaccatura Pd, Torreggiani contro Dall'Olio

10commenti

Londra

Gemellini borgotaresi salvano la vita alla mamma

1commento

polizia municipale

Incidente tra tre auto a Chiozzola: due feriti

32a giornata

Parma-Maceratese anticipata alle 18.30 (domenica 2 aprile)

anteprima gazzetta

Arsenale in casa per la banda che voleva rubare la salma di Ferrari

carabinieri

Maxi-sequestro di armi da guerra nel Parmense: volevano rubare anche la salma di Enzo Ferrari

I nomi dei sette parmigiani della banda

6commenti

Personaggi

Francesco Canali: "Il mio messaggio di speranza ai malati di Sla"

Il “maratoneta in carrozzina”, ha scritto un articolo per la Gazzetta, per la “sua” Gazzetta

5commenti

piazzale dalla chiesa

Al bar con la droga pronta per lo spaccio: fermato il pusher richiedente asilo

12commenti

saranno famosi

Langhirano: Ettore, 7 anni e la sua super batteria Video

1commento

politica

Elezioni 2017, un gruppo solo in corsa per il simbolo M5S

Solo gli "Amici di Beppe Grillo" hanno presentato richiesta entro i termini

3commenti

Incidente

Ubriaco travolge tre ciclisti

2commenti

corte dei conti

Interviste a pagamento, assolto Villani. Condannati 6 ex consiglieri regionali

2commenti

Crisi

Copador, si apre la strada del risanamento

2commenti

sos animali

Bocconi avvelenati: nuovo allarme in via Capelluti

sondaggio

Le cose buone e belle di Parma? Boom di voti online

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

5commenti

EDITORIALE

L'ora della Brexit. Non sarà indolore

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

traffico

Scontro pullman-tir sul raccordo tra l'A1 e l'A14: 40 feriti

Bode

Furto del secolo a Berlino? Rubata moneta d'oro da guinness dei primati

1commento

SOCIETA'

studio

Cucina: i libri di ricette sono pieni di errori sulla temperatura di cottura

manchester

"Ingombri la strada", il ciclista s'infuria e reagisce Video

SPORT

argentina

Pesanti insulti al guardalinee(Video): 4 turni di squalifica a Messi

Il personaggio

Bassi: «Il Parma a Gubbio finalmente ha fatto il Parma»

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso si può noleggiare su Amazon

Motori

Il lusso? Oggi veste il made in Italy di Alcantara