16°

EDITORIALE

Come da un male può nascere un bene

Michele Brambilla

Michele Brambilla

1

Per cosa vi state indaffarando, arrabbiando o rallegrando? Se, come me, vi state indaffarando, arrabbiando o rallegrando per le "cose" di sempre, le piccole cose che crediamo grandi, vi consiglio di leggere il libro «Il senso del tumore per la vita» di Paolo Colonnello (Quattro.D editore, 222 pagine, 16,90 euro).
Colonnello è un mio collega e amico da trent'anni, per qualche tempo abbiamo pure lavorato nello stesso giornale, La Stampa, dove lui fa l'inviato di cronaca giudiziaria. Un anno e mezzo fa - quando aveva 55 anni, una moglie, due figli, un bel lavoro - si è deciso a togliere una specie di pallina di grasso che si sentiva nella pancia, e che si era illuso fosse una ciste. Invece era un tumore, un maledetto tumore di quelli brutti: angiosarcoma. Com'è che si dice in questi casi? Che ti crolla il mondo addosso. E invece il mondo non crolla, sei tu che crolli, il mondo va avanti anche senza di te, ed è questo che è terribile. L'orizzonte si restringe, il tempo si fa breve. Tutti noi abbiamo pensato qualche volta: se capita a me, impazzisco.
E anche Colonnello va fuori di testa. Però, però. Il tempo passa e capisci che la realtà può essere diversa. «Spesso, là dove crediamo di trovare la gioia scopriamo il dolore e dove invece ci aspetta il dolore possiamo scoprire il tesoro», scrive Colonnello. Il suo racconto è bellissimo e commovente, è la storia di uno scenario che cambia in modo imprevisto. L'Istituto dei tumori di via Venezia a Milano è vicino a casa sua, lui ci passava davanti la mattina quando andava a correre e «si toccava le palle» pensando che mai e poi mai. E invece quell'ospedale diventa la sua casa, un mondo che non si può immaginare, con i suoi riti quotidiani, la sua disciplina, il suo linguaggio inquietante. Colonnello viene ricoverato nel reparto "Tumori rari" («Cinque persone ogni centomila ci cascano ogni anno. E io sono uno di quei cinque pirla») e il salone dove gli somministrano le cure ha un nome che sembra da caserma: "Iniettorato". Ma l'umanità, la solidarietà, la speranza e perfino la gioia di vivere (sì: anche la gioia di vivere) che Colonnello incontra qua dentro è una scoperta che gli fa distinguere tra un "prima" e un "dopo" («Il tumore ti ha azzerato. E non è detto che sia un male») e tra un "dentro" e un "fuori". Dentro ci sono medici e infermieri che hanno fatto di questo mestiere una missione; che si commuovono, che ti diventano amici, che ti confidano le loro pene, spesso pure loro sono ex malati di cancro; e ci sono malati che com-patiscono con te. Fuori c'è quello che prima ti sembrava il tuo mondo, il tuo bel mondo, e ora ti accorgi che la solita tv che ti aveva invitato a parlare delle inchieste giudiziarie, quando viene a sapere che sei pelato per la chemio, annulla la trasmissione con una telefonata imbarazzata. Ma poi anche il fuori cambia in meglio, perché sono nuovi gli occhi di chi è salito sulla croce: «Mi accorgo finalmente degli altri, mi accorgo del tappeto di foglie bellissime su cui sto camminando e mi chiedo: possibile che veda tutta questa bellezza? Perché non me ne sono accorto prima?».
Paolo Colonnello è stato operato due volte, ha fatto la chemio e ora il referto parla di «remissione completa» della malattia. Per adesso è guarito. Ma per sempre è cambiato. Il suo libro è la testimonianza di come da un male può nascere un bene.
michele.brambilla@gazzettadiparma.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Biffo

    23 Ottobre @ 17.14

    In famiglia, ben tre persone sono state vittime di tumori, mia nonna,mia madre e mia sorella. Quest'ultima se n'è andata in pochi mesi, a 34 anni. Io ho ospitato un tumore alla prostata, sono stato operato, ho avuto il piacere di due recidive, "curate" con ormonoterapia e radioterapia, faccenduole che ti riducono un eunuco, un bambolotto , senza nemmeno più umori e sudori dal sentore naturale. Come Madre Regina ho avuto accanto mia moglie, mia sorella i suoi e miei genitori. Una mia amica se n'è andata, minata da tre tumori, e nell'Hospice, anticamera del cimitero, a sostenerla era il suo carattere d'acciaio al titanio. Io, come il poveraccio della poesia di Quasimodo, come milioni di altri nelle mie condizioni, sto solo, sul cuor della terra, trafitto da raggi micidiali , e spero solo che non sia subito sera.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen in vestaglia in Qatar

Moto Gp

Belen in vestaglia in Qatar Foto

L'attore posta video dopo l'infarto: "Pericolo passato"

salvato

Lopez, il video dopo l'infarto, dopo la paura: "Tutto passato"

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

MUSICA

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

nas

carabinieri

Sushi senza "targa", sequestrati 55 chili di prodotti alimentari

Nas e Polizia municipale multano ristorante giapponese

Parma

Ponte Romano: al via la riqualificazione. Previsto parcheggio da 40 posti sotto la Ghiaia

Lavori fino all'autunno: posata la prima pietra

10commenti

Parma

Spacciatore arrestato dai carabinieri dopo sei anni di "lavoro"

Accertate almeno 750 cessioni di eroina dal 2011: in cella 36enne tunisino

9commenti

polizia municipale

Passante aggredito da un pitbull in zona stazione

5commenti

Corniglio

Lupo morto avvelenato

12commenti

TORRILE

San Polo, rubano un'auto e la «riportano» distrutta

Degrado

Gli spacciatori ora assediano Piazzale Dalla Chiesa

22commenti

Carabinieri

Fidenza: donna trovata morta in piazza Gioberti

LEGA PRO

Il Parma riparte dal poker di Gubbio

Parma

Il nuovo volto della diocesi: 56 maxi parrocchie per unire i fedeli 

Bologna

Prostituta uccisa a colpi di pistola: confessa un 55enne di Parma

Francesco Serra si era invaghito della 30enne romena Ana Maria Stativa, trovata senza vita a casa sua

Intervista esclusiva

Raffaele Sollecito: «Ho scelto Parma per lavoro»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

24commenti

foto dei lettori

Materassi, mobili, elettrodomestici abbandonati in via Nello Brambilla Foto

tg parma

Giuseppe Buttarelli ce l'ha fatta: da Colorno a Fontanellato contro la Sla Video

Parma

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno fino a venerdì

Noceto

«Al Pioppo», quel luogo dell'anima

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

2commenti

EDITORIALE

L'esempio di Londra contro il terrorismo

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

Rimini

Cadavere nel trolley: non è la cinese scomparsa in crociera. La vittima è morta di stenti

frosinone

Difende la fidanzata, massacrato di botte: muore 20enne 

3commenti

SOCIETA'

Tecnologia

Samsung "spegne" definitivamente il Galaxy Note 7

CONSIGLI

Incontri ravvicinati con i cinghiali? Usate la strategia del torero

SPORT

SPECIALE F1

Buona la prima: la Ferrari di Vettel è davanti a tutti

MOTOGP

Moto: mondiale si apre all'insegna di Viñales, suo gp Qatar

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso si può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017