-2°

EDITORIALE

Affrontare l'emergenza

Editoriale di Claudio Rinaldi

Affrontare l'emergenza
6

Parma non è Scampia, per fortuna. San Leonardo non è il Bronx, per fortuna. Lo abbiamo detto tante volte, rispondendo alle critiche di chi periodicamente accusa la “Gazzetta” di drammatizzare situazioni di degrado o enfatizzare l’emergenza criminalità.
Eppure di emergenza si tratta: su questo non si discute. Il caso di San Leonardo è tristemente emblematico. Il giallo del giovane nigeriano trovato morto è una terribile conferma: sia che sia stato ucciso brutalmente con un colpo alla testa (come sembrerebbe più probabile), sia che un pirata della strada lo abbia investito e abbandonato.
Il problema non è attribuire colpe e responsabilità: ma invitare a prendere atto che la situazione del quartiere è esplosiva. Nessuno ha la soluzione in tasca, pronta e certa. Le istituzioni hanno sicuramente responsabilità ma anche altrettante, obiettive giustificazioni: a partire dai pochi uomini e dai pochi mezzi a disposizione delle forze dell’ordine. Certo, fa specie vedere pattuglie di polizia e carabinieri fare posti di blocco all’altezza della nuova rotatoria di via San Leonardo, controllare patenti e libretti di circolazione, ignorando il via-vai impressionante di pusher, pochi metri più in là. Succede, succede.
Fa impressione anche apprendere che l’altra notte pochi, pochissimi abbiano messo la testa fuori da una finestra, per vedere cosa stesse accadendo. C’era un ragazzone di 22 anni steso in un lago di sangue, morto. Fa impressione apprendere che non pochi si siano lamentati di essere stati svegliati dagli investigatori, nel cuore della notte. I poliziotti stavano facendo il loro mestiere: raccoglievano informazioni per provare a fare luce su una morte misteriosa. Siamo a Parma, non a Scampia: e questa specie di mix tra paura, omertà e menefreghismo fa impressione.
Certo, bisogna fare qualcosa: bene e in fretta. Bene nel senso che si devono trovare soluzioni concrete e risolutive. In fretta, è ovvio: perché la gente non ne può più. Perché non è giusto che ci siano strade (e quartieri interi, e parchi) dove i parmigiani hanno paura a passare. Non è giusto che si trovi in strada un ragazzo di 22 anni, morto, con la testa rotta. Parma non è Scampia, per fortuna. Ma questo non significa che si possa stare con le mani in mano. L’emergenza c’è e va affrontata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Massimiliano

    03 Novembre @ 13.15

    Già, fa specie vedere le forze dell'ordine controllare i documenti di automobilisti invece di fermare i cavallini di colore ciclomuniti che sfrecciano per le strade d S. Leonardo pronti a consegnare palline di droga ad acquirenti desiderosi di sballo, fa specie sapere che i cittadini se ne siano letteralmente fregati del presunto pusher steso ammazzato in un lago di sangue. A me non fa specie. Abito in un'altra zona ma, avrei fatto la stessa identica cosa. Cosa avrebbero dovuto fare i cittadini, svegliati nel cuore della notte? Piangere, dimenarsi, strapparsi i capelli? Il "ragazzone" a quanto detto dai testimoni era circondato da un nugolo di suoi paesani, fuggiti all'arrivo delle forze dell'ordine.

    Rispondi

  • filippo

    03 Novembre @ 12.18

    Parma non è Scampia.....eh si, qui a parte 4 quartieri nessuno spaccia....infatti è la capitale dei ciclipusher

    Rispondi

  • Berta

    03 Novembre @ 11.02

    E magari i vicini si saranno lamentati con gli 'investigatori' perché si degnano di presentarsi in quei paraggi solo quando ci scappa il morto. Pure a me sarebbero girate le p...e. Cosa c'entra l'omertà? Chissà quante volte avranno sentito urla e schiamazzi notturni e saranno stati testimoni di 'strani movimenti' e chissà quante volte avranno chiamato, inutilmente, gli 'investigatori'. Ora sta a vedere, da come si insinua nell'articolo, che è colpa dei vicini...

    Rispondi

  • Berta

    03 Novembre @ 10.48

    E si sbaglia: il problema è uno solo e proprio quello da Lei negato all'inizio del Suo articolo: 'attribuire colpe e responsabilità'. Perché una città non può trasformarsi in un immondezzaio umano nel giro di poco più di 10 anni senza che ci siano responsabilità dall'alto. La situazione di tremendo degrado in cui vive Parma NON è sorta per generazione spontanea né è frutto di un evento naturale, è stata scientificamente organizzata dall'alto (governo, ministri e prefetti) e intenzionalmente mai contrarrestata da chi dovrebbe avere a cuore la sicurezza dei propri concittadini. Cioè, gli ultimi due sindaci.

    Rispondi

  • Berta

    03 Novembre @ 10.39

    Articolo totalmente fuori luogo. I vicini vengono lasciati in balia di spacciatori 24h al giorno, a causa del menefreghismo delle istituzioni, e dovrebbero scendere per strada a sedare una rissa o a sventare un omicidio in cui i protagonisti sono proprio coloro che li hanno costretti a barricarsi con inferriate e porte blindate nelle loro case e a impedirgli di uscire tranquillamente dalla propria casa quando cala il buio? Cioè, secondo il Rinaldi, non è sufficiente quello che sono costretti a subire ogni santo giorno della loro vita per colpa di questa rete di narcotrafficanti che spadroneggia in città grazie all'inettitudine delle autorità, devono pure fare i crocerissini i testimoni, e perché no, i poliziotti? M allora che ci stanno a fare (e perché prendono lo stipendio, pagato dai vicini, non dai narcotrafficanti. O no??) vigili urbani, polizia e carabinieri? Ma come si permette di accusare di menefreghismo o di omertà dei cittadini IMPAURITI E TERRORIZZATI dei cittadini inermi?

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Intervista

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

commozione

Langhiranese: un minuto di silenzio per Filippo Video

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

13commenti

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

4commenti

sanguinaro

Via Emilia, tamponamento a catena: ci sono feriti (lievi) e code

Tg Parma

Tenta di truffare un anziano e gli strappa i soldi dal portafogli: denunciato

Weekend

Feste di Sant'Antonio, musica e fuoristrada: l'agenda

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

7commenti

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

centro italia

Parma, un'altra partenza degli angeli del soccorso Foto

lega pro

D'Aversa: "In campo anche alcuni dei nuovi arrivati" Video

lirica

Roberto Abbado direttore del Festival Verdi dal 2018

E nasce a Parma il comitato scientifico per un 2017 più filologico 

fino al 23 febbraio

Al via le iscrizioni per la Maratona delle Terre verdiane

Lutto

Albino Rinaldi, il signore dei «Baci»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

EDITORIALE

Trump, il presidente del «Prima l'America»

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Stati Uniti

Una marea rosa contro Trump invade le città americane Video

Libia

Tripoli: autobomba vicino all'ambasciata italiana

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato e una copertina leggendaria

1commento

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto