14°

EDITORIALE

L'emergenza droga tra spaccio e consumo

L'emergenza droga tra spaccio e consumo
Ricevi gratis le news
3
 

Ho avuto un'idea geniale su come stroncare lo spaccio di droga: basta non comprarla. Già, è l'invenzione dell'acqua calda. Ma non facciamo che lamentarci dei pusher a ogni angolo di strada, ci scandalizziamo dei quattordicenni che vanno a scuola con il fumo nello zaino, guardiamo con indignazione ai (finti) profughi che vendono la «roba» nei parchi. Facciamo tante chiacchiere, ci perdiamo nei comunicati, firmiamo petizioni e denunce. E poi dimentichiamo la cosa più banale, più ovvia: ossia che il vero problema non è l'offerta (a Parma capillare e garantita anche nelle feste comandate) ma la domanda.

Perché se in città e provincia gira una quantità di droga impressionante - e la cronaca, tutti i giorni, testimonia che è così - qualcuno la deve pur comprare, qualcuno la deve pur consumare.

Elementare, Watson. Anzi, di più: lapalissiano. Eppure, piuttosto che la trave nel nostro occhio scorgiamo d'abitudine, preferibilmente, la pagliuzza in quello altrui. E scarichiamo il problema sugli spacciatori - brutti, sporchi e cattivi come da immaginario collettivo - dimenticandoci colpevolmente, dei loro clienti. Che non sono più i ragazzi con la scimmia in spalla che negli anni '70 ci domandavano una moneta da 100 lire, ma un pubblico assolutamente trasversale e multiforme: operai, manager, commercianti, studenti, impiegati, professionisti. E disoccupati: perché la crisi ha colpito tutti i consumi tranne quello degli stupefacenti, il cui trend non conosce mai flessione. Una canna per rilassarsi, una sniffata per iniziare «bene» la giornata, una pasticca per sballarsi dopo che Cenerentola è rientrata a casa. E via andare. Un giovane su tre - dicono polizia e carabinieri - a Parma fa uso di droghe. Ma nell'agenda dei pusher ci sono anche anziani pensionati. E neo genitori, che vanno ad acquistare coca o hashish col figlioletto nel passeggino: non è una battuta, è accaduto anche questo.

Difficile fare finta di niente: anche perché la cronaca quotidiana non te lo permette. Vado a memoria, stando solo a questo dicembre: c'è il diciottenne che spaccia nella sua cameretta, il ragazzo che si mantiene agli studi vendendo l'«erba», il tizio trovato con sei chili di «maria» in via Cocconcelli, dove il problema più serio, fino a ieri, sembrava essere quello dei cachi. Poi la straniera con la droga nel reggiseno, il giovane tossico condannato per avere minacciato con un coltello il padre che gli negava (dopo avergli già dato seimila euro...) i soldi per la «bamba», i due pusher con la pistola sul frigo. E la rabbia di un intero quartiere, il San Leonardo, che raccoglie firme perché di chi spaccia (e forse anche di chi compra) ne ha abbastanza.

Continuo? Forse non è necessario. Ma questa è la situazione, questo il, desolante, campo di battaglia. E il fenomeno sembra tanto devastante quanto (nonostante i molti bla bla) sottovalutato. La ricaduta è pesante per tutti, anche (o soprattutto) per chi con quella compravendita non ha nulla a che fare: e non solo perché, come in via Gobetti (o sabato sera nel Piacentino), a volte ci scappa il morto. Ma anche per il degrado, i pericoli, le ripercussioni sociali ed economiche, il continuo e (in)consapevole ingrassare la criminalità organizzata.

Non sono nessuno per giudicare e tutto voglio tranne che passare per moralista: ma se volete proprio sballarvi la prossima volta magari provate con un piatto di anolini. E' sicuramente più salutare. E probabilmente più divertente.

fmolossi@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • filippo

    21 Dicembre @ 00.22

    beh il problema della droga a parma esiste da sempre ma si è aggravato con la PRESENZA E L'OCCUPAZIONE paramafiosa da parte dei cd. "ciclopusher"....fenomeno noto in tutta la regione, che crea anche un grosso danno d'immagine....chi sono? nigeriani, tutti finti rifugiati, titolari in italia di diritti e di nessun dovere, arroganti, girano su bici rubate, presidiano 3 o 4 quartieri, intoccabili, coccolati anche da alcune parti politiche...che dire...peggio dell'invasione delle cavallette

    Rispondi

  • Michele

    20 Dicembre @ 22.46

    mandra_sala@libero.it

    Sbagliato. L'offerta si crea, ed quelli che è successo a Parma. La città abbandonata da questa giunta, la criminalità organizzata ringrazia. Marketing della droga, pusher nei parchi vicini alle scuole. Vendita promozionale. E migliaia di nuovi consumatori. Nell'universo piano preventivo alla sicurezza, il degrado completo. L'assessore alla sicurezza Casa ha una responsabilità enorme.

    Rispondi

    • falco

      21 Dicembre @ 14.29

      No no, lo spaccio a parma cè sempre stato! E' solamente aumentato il numero di persone in città e di conseguenza il numero di pusher. E' proporzionale! Inoltre la qualità smervciata rispetto a decenni fa è nettamente peggiore sino ad arrivare a taglio con sostanze che provocano seri danni. Di certo la giunta attuale, come quelle precedenti, non hanno colpe. Perchè sicuramente non sarà una giunta comunale a debellare il problema. Non ci riuscira lei e nessun altro! L'unica soluzione è la legalizzazione droghe leggere e lotta su tutti i livelli a quelle pesanti (compreso alchol che è una droga pesantissima). Così facendo non gira della sostanza che fa realmente male ma quella controllata dallo stato, si tolgono di mezzo gli spacciatori e il mercato del narcotraffico in mano alle mafie! Altro che dare la colpa ad una giunta comunale!

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

C'è tanto ritmo al Jamaica

FESTE PGN

C'è tanto ritmo al Jamaica Foto

I ragazzi di "Amici" puliscono le strade di Roma per punizione: le foto

TELEVISIONE

I ragazzi di "Amici" puliscono le strade di Roma per punizione: le foto

Foto con Romina, Lecciso lascia Al Bano, lo rivela 'Oggi'

gossip

La Lecciso lascia Al Bano. Colpa di Romina

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto Rosso

VELLUTO ROSSO

Da Luca Zingaretti ad Anna Mazzamauro: settimana ricca a teatro Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Striscia torna a Parma,  i musulmani:  "Si alle Luigine, basta non si imponga la fede cattolica"

"crociata al contrario"

Striscia torna a Parma, i musulmani: "Si alle Luigine, basta non si imponga la fede cattolica"

i nuovi arrivati

Faggiano: "Mercato per fare il salto: ora solo uscite" Il videocommento di Piovani - Ciciretti, i gol (video)

mercato

Parma, ultimo colpo: preso il centrocampista Anastasio

sabato

In treno (e pullman) a Cremona: quando la trasferta (e la rivalità) è vintage Tutte le info

Allo Zini riaprono i distinti, incasso in beneficenza

anteprima gazzetta

Smartphone alla guida: incivile e...pericoloso Video

1commento

politica

Elezioni, domenica sera la lista dei partiti in lizza per il Parlamento Video

CARABINIERI

In casa con l'arsenale: arrestato

In manette un tunisino 48enne

1commento

SORBOLO

Auto fuori strada a Enzano: un ferito

gazzareporter

Via Doberdò, dove la segnaletica stradale viene ignorata: pericolo e poca disciplina Gallery

5commenti

lutto

Addio Bruno, spirito guerriero e animo gentile: aveva 49 anni

L'INCHIESTA

Alluvione, il pm: «Pizzarotti non lanciò mai l'allarme, nemmeno dopo il crollo del ponte della Navetta»

2commenti

MEDICINA

Uno spray imita lo smog e porta i farmaci al cuore: scoperta (anche) parmigiana

5 STELLE

Parlamentarie: la rabbia degli esclusi di Parma Video

3commenti

PARMA

Tabaccaio prende una mazza e mette in fuga il rapinatore 

TECNOLOGIA

Custom, fatturato oltre 130 milioni

Acquisito il 52% di power2Retail

UNIVERSITÀ

Andrei: «Nuovo corso di laurea dedicato al food»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I richiami dell'Europa e le condizioni italiane

di Domenico Cacopardo

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

milano

Torna casa il "caracat" sequestrato dai carabinieri

FUORIPROGRAMMA

Il Papa sposa in volo una hostess e uno steward cileni

SPORT

SERIE B

Anticipi e posticipi: "ritocchi" anche al calendario del Parma in febbraio

FORMULA 1

La Ferrari e... il fattore ex. Perché ha vinto Hamilton

SOCIETA'

L'ESPERTO

Imu, quante complicazioni con i figli

1commento

GAZZAFUN

Occhio al trabocchetto, è un quiz per secchioni

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Subaru XV, il Suv delle Pleiadi svelato in 5 mosse

moto

Yamaha MT-09 SP: la prova