EDITORIALE

Ma la sicurezza è un bene di tutti

Ma la sicurezza è un bene di tutti
Ricevi gratis le news
12

Giù le mani dalla sicurezza. Paladini, guasconi della domenica e difensori d'ufficio autonominatisi sono pregati di restare seduti. Perché la sicurezza - si sappia - non è di destra né di sinistra. Ma è una necessità, un'esigenza, comune. Un tema (caldissimo, certo), un argomento, un sentimento che tocca e riguarda, indifferentemente, tutti. Quelli che votano da una parte e quelli che votano l'opposto: e gli altri, che alle urne nemmeno ci vanno. Nessuno ha l'esclusiva sulla sicurezza: nessuno può, in coscienza, metterci il cappello sopra. O farne il proprio vessillo, la propria bandiera, il gonfalone da ostentare per le strade.

Non c'è alcun dubbio che il bisogno di sicurezza negli ultimi anni, anche a Parma, sia aumentato in maniera esponenziale. E che i fatti ogni giorno (è di oggi la notizia di un 35enne picchiato con ferocia e rapinato in via Monte Altissimo, nella zona, non proprio ben frequentata, della stazione) confermino che paure e disagi dei cittadini non siano campati per aria, ma abbiano un reale fondamento. Eppure, anche nella nostra città (come nel resto del Paese), il dibattito sulla sicurezza si è via via avvelenato, rischiando di trasformarsi nel ring infuocato dove due o più contendenti cercano di prevalere sui nemici di sempre.

La sicurezza non è una questione ideologica: ma, troppo spesso, viene trattata come tale. Nel dibattito, che più che mai in questo caso dovrebbe essere costruttivo e invece è quasi sempre avaro di soluzioni, la lotta alla criminalità «porta a porta», quella che rende pericolose le nostre strade è, d'abitudine, il pretesto per attaccare il nemico politico, per scavare solchi piuttosto che costruire ponti, per affermare posizioni di parte. Quando invece niente come la sicurezza è estranea a liti di cortile, insofferente a stemmi e divise, profondamente apartitica.

Perché la sicurezza, è bene ripeterlo, non è di nessuno, ma appartiene a tutti: alla pensionata parmigiana da sei generazioni che è stanca di assistere in viale dei Mille al penoso e degradante spettacolo dello spaccio come alla giovane immigrata nigeriana che non si fida più a uscire da sola a San Leonardo, che è anche il suo quartiere, la sua nuova casa. Solo giovedì scorso, a Parma, si sono svolte, non senza polemiche e strascichi, tre manifestazioni differenti sul tema della sicurezza: la fiaccolata di CasaPound, il contro-corteo (in diretta opposizione a quello del movimento di estrema destra) degli antifascisti e l'incontro che l'Anpi ha organizzato nella sua sede. Qualcuno ha parlato di minacce e intimidazioni ricevute, altri si sono appellati ai valori democratici, altri ancora hanno beccato una secchiata d'acqua in testa: chissà che non si rinfreschino le idee.

Poi, certo, possiamo stare qui a filosofeggiare che, come qualcuno sostiene, la sicurezza è «di destra» quando riguarda l'ordine pubblico e «di sinistra» quando invece concerne il sociale: ma appaiono discorsi vuoti davanti a quanto accade ogni giorno ovunque. Ancora di più nel momento in cui un bene comune come la sicurezza viene sbandierato (da parti anche completamente diverse tra loro) per riaffermare un'ideologia, il pensiero di pochi. Che non porta sollievo, e tregua nemmeno, alla preoccupazione di molti.

fmolossi@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Michele

    17 Settembre @ 21.34

    mandra_sala@libero.it

    I cittadini manifestano da anni la necessità di migliorare una situazione insostenibile che è Ian forte peggioramento. A questo punto... quale è la risposta del sindaco, dell'assessore alla sicurezza CASA CRISTIANO e della nuova inutile figura di delegato esecutivo alla sicurezza ? Nessuna risposta, nessuna soluzione. Questo è gravissimo.... quanto basta per un COMMISSARIAMENTO

    Rispondi

  • Biffo

    17 Settembre @ 15.44

    Al contrario di Roberto,,io penso che, come sempre e non solo nelle Sue splendide critiche cinematografiche, Filiberto Molossi abbia scritto,,sul problema, un testo egregio. È un giornalista, non un magistrato, un Questore, un Prefetto. Alla sua risoluzione debbono pensare i legislatori, non Molossi.

    Rispondi

  • Luca

    17 Settembre @ 13.27

    Sinceramente io mi sento meno sicuro da quando orde di nullafacenti sbarcati senza controllo hanno invaso la città e mi pare che questa situazione non sia stata creata dalla destra che anzi è l'unica che non ci racconta che è solo percezione.

    Rispondi

  • Filippo

    17 Settembre @ 11.43

    filippo.cabassa.1970@gmail.com

    Si va bene, la teoria è giusta, ma adesso in pratica cosa facciamo?

    Rispondi

  • Nicola Martini

    16 Settembre @ 16.01

    Purtroppo il tema sicurezza negli ultimi 20 anni è stato utilizzato a sproposito come elemento di battaglia politica nelle varie tornate elettorali, anche quando le condizioni del c.d. ordine pubblico non erano così deteriorate. A dispetto dell'importanza attribuita alla questione sicurezza nelle campagne elettorali, in modo quasi bipartisan vien da dire, si sono viste negli anni riduzioni costanti delle risorse attribuite alle Forze dell'Ordine, tanto da mettere a rischio pure l'approvvigionamento dei carburanti, nonché l'approvazione di provvedimenti c.d. spot atti a carezzare la pancia della gente e che si sono rivelati del tutto controproducenti nel rendere più funzionali la gestione della sicurezza e del sistema giustizia. Si può partire da questa Legislatura, in cui sono state svolte depenalizzazioni e modifiche di reati di un certo rilievo. Un paio d'esempi riguardano la falsità in scrittura privata (Art. 485 C.p, abrogato) oppure l'Art. 635 C.p.(Danneggiamento), le cui modifiche hanno depenalizzato le forme minori del reato, sebbene possano rivelarsi anche abbastanza odiose (es. danneggiamento auto). Non c'è poi spazio per considerare gli effetti sulla sicurezza delle modifiche agli Artt. 380 e ss. C.p.p. in materia d'arresto. La storia di chi si straccia le vesti oggi dai banchi dell'opposizione, invece, non è migliore se si considerano (solo a titolo esemplificativo) l'emanazione di norme devastanti come la ex Cirielli (prescriz.) oppure colpite da incostituzionalità quali la Bossi-Fini o la Fini-Giovanardi. L'inserimento di reati demagogici come quello di immigrazione clandestina poi ha reso più difficoltose le espulsioni. Pure le nuove Norme in materia di stupefacenti hanno in modo ingiustificato aggravato il carico del sistema giustizia, oggetto peraltro di discussione per quanto riguarda provvedimenti inutili come la separazione delle carriere lasciando invece sguarnite le Cancellerie del personale amministrativo necessario. Solo l'anno scorso, infatti, è stato bandito un concorso da 800 posti per assistenza giudiziaria, onde evitare la paralisi del sistema. Se rivolgiamo lo sguardo al comparto locale le cose non vanno meglio considerato che solo 3 o 4 mesi fa il Sindaco (adesso riconfermato) dichiarava che la P.M. non possa svolgere indagini, nonostante ciò sia smentito da quello che capita in altre città, dall'Art. 337 C.p.p. nonché dalla L. n°65/86 che confermano funzioni di polizia giudiziaria e di pub. sicurezza in capo alla Municipale.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

La 2° C della scuola media di Sorbolo visita la redazione

SCUOLE

La 2° C della scuola media di Sorbolo visita la redazione

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

SCIENZA

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gene Gnocchi, Pirandello e la danza

VELLUTO ROSSO

La settimana a teatro, da Pirandello alla danza Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Neve anche a quote basse, pioggia in città

PARMENSE

Neve anche a quote basse, pioggia in città Invia le tue foto

A Corniglio, 20 centimetri di neve

INCIDENTI

Incidente a Tortiano: disagi e deviazioni in mattinata. Scontro in piazza a Soragna

Auto fuori strada in A15: un ferito

CORTE DEI CONTI

Nomina del direttore generale, Pizzarotti e Giorgi citati in giudizio

Terremoto

Scossa di magnitudo 3.3 a Castelnovo Monti. "Avvertita anche a Traversetolo"

Commenti sui social: c'è chi ha avvertito la scossa anche nella Val d'Enza parmense

Viale Piacenza

10eLotto, in otto vincono 160mila euro

Scomparso

Addio al ragionier Bandini

borgotaro

Caso Laminam: Oggi l'incontro al tavolo tecnico senza il comitato

Zibello

Addio a Goliardo Cavalli, uno degli ultimi barcaioli del Po

CALCIO

Verso Parma-Venezia, parla Gazzola: «Vincere per ripartire»

1commento

Noceto

In piazza Lunardi residenti ostaggio delle fogne

FUSIONE

Verso l'unione tra Palanzano e Monchio?

squadra mobile

Preso il rapinatore (seriale?) con roncola della sala scommesse Il video del blitz

amarcord

Le «innominabili case» (chiuse) che popolavano Parma: la mappa Foto

1commento

lettera aperta

Elezioni, le cinque richieste di Pizzarotti ai candidati

5commenti

Via Buffolara

«Prima mi ha investito e poi picchiato»

16commenti

tg parma

Le ex Luigine continueranno a esistere. La gestione passa a Proges Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

4commenti

GAZZAFUN

Ex rimpianti e non: riconosci questi giocatori del Parma?

ITALIA/MONDO

Modena

"Il contratto non prevede di spostare i letti, i bimbi dormano in terra"

3commenti

Castell'arquato

Aggredisce moglie e figlio con chiave inglese: trasportati in fin di vita al Maggiore

SPORT

olimpiadi

Sofia Goggia rinuncia alla combinata. Sci, l'allenatore azzurro: "Bilancio negativo"

CHAMPIONS

Roma battuta di misura: 2-1 per lo Shakhtar

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Balli e divertimento al Newyork di Sissa Foto

UNESCO

Città Creative per la Gastronomia: il progetto entra nel vivo

MOTORI

ANTEPRIMA

Volvo, ecco la nuova V60 Fotogallery

motori

Ferrari: ecco la 488 Pista, sarà presentata a Ginevra