-2°

EDITORIALE

Catalogna, al volante non c'è nessuno

Catalogna, al volante non c'è nessuno
Ricevi gratis le news
1

Esistono momenti della storia dove sembra che le cose accadano senza che l'agire umano riesca a farle deviare dalla loro traiettoria. Di solito infausta. Sembra quasi che la storia sia un immenso volante - l'immagine è di Louis Aragon nel suo «Paysan de Paris» - che si gira da solo senza che nessuna mano intervenga per dargli una direzione. Ecco, questa domenica di voto e cariche poliziesche in Catalogna sembra davvero un volante che si gira da solo. E che purtroppo punta verso un burrone.
Cerchiamo di mettere le cose in chiaro. Il referendum secessionista promosso dalla «Generalitat» catalana è illegittimo perché la Costituzione spagnola non contempla la possibilità per una regione - peraltro già dotata di ampie autonomie - di fare una secessione. Indire un tale referendum, in poche parole, significa porsi fuori dalla legalità in Spagna.
Al tempo stesso appare velleitario cercare di bloccare con la polizia la volontà della maggioranza democraticamente certificata dei cittadini catalani - sempre che questa maggioranza esista e possa essere certificata - di staccarsi dalla Spagna, anche se il diritto alla autoderminazione interna non è riconosciuto dal diritto internazionale se non in casi che non si applicano certo alla democrazia spagnola. Viene da dire che quando si è arrivati al punto in cui si è giunti in questi giorni, tutti hanno già perso. Quello che succederà stamattina, infatti, è già scritto. Da una parte - come notava in un suo intervento Juan Luis Cebrián, presidente del quotidiano spagnolo «El País» - «alcuni diranno che, nonostante gli ostacoli dei tribunali e la repressione di Madrid, sono riusciti a far sì che una massa considerevole di cittadini si avvicinasse alle urne o almeno cercasse di farlo: cioè, che la consultazione si è celebrata, salvo nei casi in cui è stato impedito dalle forze pubbliche. Altri che non c’è stato il referendum perché, appunto, non poteva esserci». E che, in ogni caso, si è svolto in condizioni talmente precarie da non essere comunque valido secondo gli standard democratici. Insomma saremmo da capo, ma con un risultato, che per la legge spagnola non esiste perché è frutto di un atto illegale. Ma che, afferma invece la legge catalana - ugualmente illegittima secondo la Corte costituzionale spagnola -, dovrebbe far partire in automatico la secessione, in caso di scontata vittoria del sì. Il burrone è più vicino.
Servirebbe qualcuno capace di sterzare violentemente il volante. Magari riprendendo la trattativa per aumentare i poteri dell'autonomia catalana anche dal punto di vista fiscale. Il problema è che questa soluzione era già stata trovata e votata sia dal parlamento catalano che da quello spagnolo. Ma il cambio di maggioranza - i popolari di Rajoy hanno preso il posto dei socialisti di Zapatero - e, ancora una volta la Corte costituzionale, hanno cancellato la soluzione autonomista, scatenando il demone secessionista. Servirebbe un briciolo di prudenza, una virtù cardinale che, secondo la dottrina cattolica aiuta a «discernere, in ogni circostanza, il nostro vero bene e a scegliere i mezzi adeguati per attuarlo». Ma purtroppo né il cattolicissimo Rajoy, né l'indipendentista Puigdemont sembrano possederne la dose necessaria.

pferrandi@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • eugenio

    03 Ottobre @ 08.42

    Troppo comodo frammentarsi e rimanere sotto l'ombrello UE

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Gene Gnocchi, Pirandello e la danza

VELLUTO ROSSO

Gene Gnocchi, Pirandello e la danza Video

Filippo Nardi

TELEVISIONE

Isola dei famosi: Filippo Nardi si spoglia davanti a Bianca Atzei Video

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

"incidente"

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Speciale «Gusto&Tradizione»

INSERTO

Speciale «Gusto&Tradizione» con la Gazzetta di Parma

Lealtrenotizie

Notturni in Musica. I successi del jazz e del musical

CULTURA

Restauri di monumenti: 3,8 milioni per 10 interventi a Parma e nella Bassa

Ecco gli interventi nel Parmense: Parma, Colorno, Busseto, Soragna, Coltaro, Fontanelle e Zibello

noceto

Provano con due "copioni" a truffare una 76enne: lei li fa arrestare

1commento

elezioni

Salvini a Parma e Traversetolo: "La flat tax per rimettere soldi nelle tasche degli italiani"

1commento

FATTO DEL GIORNO

Addio a Dalmazio Besagni: era la memoria storica di Busseto

tg parma

Piazzale della Pace, stanziati i fondi per il secondo stralcio di lavori. Come sarà Video

2commenti

COMITATO

Manifesto per San Leonardo chiede più sicurezza: "Non installate le telecamere promesse"

Lettera aperta alla giunta comunale: "Bene essere capitale della cultura ma vorremmo che Parma fosse città sicura 2018"

Montanara

Spettatore diplomato in primo soccorso salva calciatore durante la partita

1commento

FIDENZA

Non arrivava alla sua festa di compleanno: era morto d'infarto

Parma

Carabiniere blocca un ladro: «In divisa o no, prima viene il dovere»

1commento

libri

Mago Gigo racconta Capitan Braghetta, "il supereroe che è dentro di noi" Video

LA BACHECA

64 offerte per chi cerca lavoro

CURIOSITA'

Il colore del cartello è sbagliato: Langhirano diventa... provincia (o regione) Foto

parma calcio

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

Malmesi a Bar Sport: "Abbiamo fatto la nostra offerta per il Centro sportivo di Collecchio".

3commenti

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Richieste di rimborso entro il 28 febbraio

60 anni di legge Merlin

Le ragazze salvate dalla tratta

elezioni

Scuole seggio, chiuse dal 3 al 6 marzo. Per universitari fuorisede trasporti con tariffe agevolate

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La sfida incrociata delle liste minori

di Luca Tentoni

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

ITALIA/MONDO

LIGURIA

Terremoto di magnitudo 2.2 a Genova: evacuate alcune scuole

San Polo d’Enza

Il “Grande fratello” incastra la banda dei salumi: denunciati in sei

1commento

SPORT

FORMULA 1

Il ritorno del "Biscione": ecco l'Alfa Romeo C37

Calciomercato

Pirlo lascia il calcio e annuncia il suo match di addio

SOCIETA'

musica

Dopo quasi 30 anni tornano i primi dischi in vinile della Sony

Altri sport

Il mondo della pallanuoto piange Roberto Gandolfi

MOTORI

NOVITA'

Mercedes Classe B Tech, quando la tecnologia è alla portata

IL CASO

Il pubblico ha scelto: si chiamerà Tarraco il terzo Suv di Seat