EDITORIALE

I catalani vittime di apprendisti stregoni

I catalani vittime di apprendisti stregoni
Ricevi gratis le news
2

Caixa Bank, Gas Natural Fenosa, Banco Mediolanum, Abertis, Cellnex, Colonial, Aguas de Barcelona, Oryxon, Dogi, Service Point, Ballenol, Mrw sono i nomi di alcune primarie aziende che, per i recenti avvenimenti, stanno abbandonando o intendono abbandonare la Catalogna. Una sola grande società, la Grifols, biofarmaceutica, quotata, ha deciso di rimanere.
L’economia - il principale condizionamento della Generalitat, del suo presidente Puigdemont, del suo Parlamento - ci dice che il Pil pro-capite Spagna è di euro 24.100; Catalogna 27.600 (Italia 2016 30.527).
Dopo il referendum di domenica 1° ottobre, la grande manifestazione unionista dell’8 ottobre, e dieci giorni di frenetici contatti con le autorità spagnole ed europee e con i potentati finanziari e industriali, martedì Puidgemont s’è presentato nel suo Parlamento definendo la strategia: l’indipendenza è dichiarata in relazione all’avvenuta manifestazione della volontà popolare (il referendum illegale).
Tuttavia, la dichiarazione di indipendenza è sospesa, in attesa che si apra un serio negoziato (l’«Hablamos» dei negoziatoristi), con il governo di Madrid.
Nel demenziale «cul de sac» in cui si sono cacciate le autorità catalane a cominciare dal presidente, questa è parsa una trovata «furba»: passare il cerino accesso - e ustionante - dalle proprie mani a quelle di Mariano Rajoy, presidente del consiglio spagnolo.
L’altro ieri, si pensava che la questione -così posta- avrebbe impegnato a lungo le autorità madrilene, alle prese - secondo i catalani - con la responsabilità di scegliere tra la trattativa (e la pace) e la rottura (e il conflitto).
In realtà, ieri a Rajoy sono bastate un paio d’ore per rispondere a Puidgemont: gli ha infatti chiesto di uscire dalle formule equivoche e di confermare o smentire esplicitamente di aver «dichiarato la secessione». Questa non è soltanto la restituzione del cerino di cui sopra. È la premessa per l’attivazione dell’articolo 155 della Costituzione spagnola, in base al quale, previo voto del Senato, lo Stato può sciogliere la Generalitat, commissariandola in attesa che si creino le condizioni per restituire ai catalani la loro autonomia (prevista dalla Costituzione vigente).
E non poteva che essere così, vista l’indisponibilità della materia. Il territorio spagnolo è un valore costituzionale e non può essere modificato che con una riforma (costituzionale) approvata con i 3/5 o i 2/3 dei parlamentari con referendum opzionale (a richiesta del 10% dei deputati o dei senatori). La Spagna è una nazione composta da comunità locali. Oltre a quella catalana, l’andalusa, la castigliana, l’asturiana, la basca... Ed è ovvio che se lo Stato si incamminasse sulla strada della riforma costituzionale per l’indipendenza della Catalunya, ci sarebbe la dissoluzione del Paese.
E tralasciamo le conseguenze comunitarie, finanziarie (lo «spread» è già ripartito), economiche e sociali.
I catalani - la minoranza che ha abbracciato l’indipendentismo - hanno perso. Si sono fidati di sprovveduti apprendisti stregoni e, oggi, si ritrovano a zero. Non finirà così, né del tutto pacificamente. Ma - per fortuna - la guerra non è nemmeno iniziata e la prima battaglia ha già registrato la loro sconfitta.
www.cacopardo.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • salamandra

    13 Ottobre @ 08.53

    Boh, anche con la brexit si paventavano sfracelli. Poi non ci sono stati.

    Rispondi

  • Valerio

    12 Ottobre @ 16.29

    raq.cantiere.hera@gmail.com

    Poveri indipendentisti, e' bastata una telefonata di Tusk per far capire chi comanda. Ora purtroppo a loro (sti poveretti) dopo aver preso le botte, non gli resta che piangere. Perche' il loro capo alla fine le botte non le ha prese...

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

9commenti

Sanremo: cantanti e titoli delle canzoni in gara

musica

Sanremo 2018: Elio e le Storie tese e Mario Biondi fra i 20 "big"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Scomparso a 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

Gara

La grande sfida degli anolini

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

calcio

Il Parma s'accontenta

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

STADIO TARDINI

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0 Foto

Baraye: "Abbiamo provato e fatto di tutto per vincere" (Video) - Scavone: "Dispiace non avere vinto ma in B è importante non perdere (Video) - Grossi: "Ha pesato l'assenza di un vero attaccante" Videocommento

4commenti

viabilità

Incidente in via Mantova sul cavalcavia: disagi al traffico Gallery

incidente

Frontale in via Montanara: due feriti

PARMA-cesena

D'Aversa: "Soddisfatto dell'interpretazione della gara. Peccato non aver fatto gol" Video

CORCAGNANO

Folla al funerale di Giulia: applausi e striscione all'uscita del feretro dalla chiesa

GAZZAFUN

Parma - Cesena 0 - 0: fate le vostre pagelle

LENTIGIONE

Tentano di forzare posto di blocco: denunciati un giovane di Sissa Trecasali e un africano

Il giovane parmense guidava in stato d'ebbrezza e ha cercato di evitare i controlli della Municipale

2commenti

VOLANTI

Picchia l'addetto del Coin e fa fuggire il complice con la refurtiva: arrestato 31enne

Si tratta di un senegalese richiedente asilo. Denunciati anche due giovani del Ghana: avevano 600 euro di vestiti non pagati negli zaini

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Odio e insulti sul web: la falsa democrazia

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

SPAGNA

Igor non collabora con gli inquirenti. Catturato perché forse era svenuto

FABBRICO

Omicidio nel Reggiano, un arresto: 20enne ucciso per un pettegolezzo

SPORT

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

calcio

Fumogeni prima della partita con la Ternana: denunciati due tifosi del Parma

1commento

SOCIETA'

fuori programma

Birre e suggestioni dal coro Maddalene di Revò al Mastiff Video

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande