13°

EDITORIALE

Le scuse scomparse in un mondo incivile

Le scuse scomparse in un mondo incivile

Foto dal film : "Il sorpasso" (archivio)

Ricevi gratis le news
0

La formula dovrebbe essere talmente comune da contemplare anche il prestito da un'altra lingua. Ossia il «pardon» leggero e aristocratico che evita la continua ripetizione dello «scusa» o del «mi scusi», senza arrivare al «chiedo perdono» che sa tanto di confessionale. Ci sarebbe anche una versione più aulica, ossia il «peto veniam» nella lingua di Ovidio. Ma, essendo ormai il latino sepolto oltre che morto, a usarla, le possibilità di venire fraintesi sono alte. E malamente, in questo caso. No, qui siamo a una pagina ormai sbiadita del dizionario dell'educazione: tra le buone abitudini in via d'estinzione c'è proprio quella di chiedere scusa (oltre a salutare, a dire per favore, grazie e prego). Chiedere scusa perché si è commesso un errore, perché si è fatto del male a qualcuno, perché si è stati sgarbati o solo perché si è invaso l'altrui spazio vitale, magari anche solo interrompendo un colloquio o esagerando con i decibel vocali (maledetti open space). Più facile considerarsi perfetti e non mettersi mai in discussione: tirar dritti come ruspe. E il più facile qui confina con il più «codardo». Più stupido, se s'arriva al colmo di pensare che la cieca debordanza coincida con la forza. E che le buone maniere siano dei deboli.
Il peggio di sé lo si dà in auto, quando lo sconosciuto idiota in perenne agguato si sente un onnipotente Jeeg robot, circondato non da una carrozzeria, ma da una corazza a quattro ruote. E così il colpo di clacson che d'istinto accompagna l'inchiodata in extremis, quando il gentiluomo (o gentildonna) taglia la strada o sfiora in un sorpasso o prende la mira all'auto del prossimo per il frontale perfetto (magari con lo sguardo chino sullo smartphone d'ordinanza), è quanto mai improbabile che venga contraccambiato con un gesto di scuse. Se non proprio in un perentorio dito medio, la risposta consiste in una mano alzata di taglio con uno scatto, a significare: «Non rompere». Della serie: io sono io, e tu non sei un bel niente. Quanti «delitti del cacciavite» sarebbero stati sventati sul nascere da una mano alzata invece in segno di scuse... Siamo alla legge della giungla? Magari. Anche ai cacciatori “primitivi” era chiaro che per essere vincenti le tattiche dovevano essere collettive. Sociali. E per stare insieme qualche regola serve.
Per restare sulla strada e in tema, si può anche scendere dall'auto per salire su un mezzo pubblico. Metti insieme tante persone e fai un luogo di pena: la regola è quasi sempre valida. Anche dove ci si picca d'essere all'avanguardia della civiltà. Un mio zio nato in una sperduta frazione del nostro Appennino, educato nel rigore contadino di una volta, negli anni '60 emigrò a Parigi. La sera tornava alla sua casa di periferia: curava i conigli come gli era stato insegnato a fare da ragazzo tra i monti. Ma ci sapeva fare anche con le persone. Forse anche per questo arrivò a coprire incarichi di prestigio nella banca nella quale era entrato da fattorino. «Mi scusi, se ho messo il mio piede sotto il suo» esclamò una volta in metrò al tizio che gli aveva assestato un pestone senza batter ciglio. L'altro non capì. Consola che l'ottuso fosse un figlio dell'illuminatissima Ville Lumière. Anche se in quanto a cattive maniere noi italiani spesso non sembriamo secondi a nessuno. Potremmo lavorarci su, potremmo migliorarci: un formalismo forzato è preferibile a una spontanea maleducazione. Poi, se si arrivasse al reciproco rispetto, in questa gabbia che ci tiene fin troppo stretti, staremmo tutti meglio.
rlongoni@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

'Chi' annuncia: tra Belen e Iannone è finita

Gossip Sportivo

Lui la vuole sposare, lei no: Belen e Iannone si lasciano

Gisele cede scettro top model piu' pagata a Kendall

moda

Kendall Jenner la modella più pagata. Gisele perde il trono

Forbes, Beyoncè donna più pagata, 105 milioni di dollari

musica

Forbes, Beyoncè la donna più pagata, 105 milioni di dollari

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Vizi e virtù dello smart working. Molto di più del telelavoro

L'ESPERTO

Come funziona lo smart working. Molto di più del telelavoro

di Pietro Boschi

Lealtrenotizie

Mazzamurro: «Quando eravamo in trincea, negli anni di piombo»

Libro

Mazzamurro: «Quando eravamo in trincea, negli anni di piombo»

SOLIDARIETA'

La lotta di Isabella contro la Fop: via alla raccolta fondi

Lutto

Addio Roberta, maestra di una volta

TRIBUNALE

Guerra tra vicini, 82enne patteggia 1 anno

Sicurezza

La Cittadella al buio: nessuno ci va più

Intervista esclusiva

Francesca Archibugi in Gazzetta: "Vi racconto 'Gli sdraiati' " Video

La regista romana parla con Filiberto Molossi del suo film, uno dei più attesi della stagione

sciame sismico

Quattro piccole scosse di terremoto, oggi, tra Fornovo, Corniglio e Varano

Arresti

Travolsero in auto due carabinieri: in manette tre giovanissimi Video

Uno dei militari finì all'ospedale in condizioni gravissime

5commenti

anteprima gazzetta

Parco Cittadella al buio da giorni: paura e disagi Video

social

Rimosse le condoglianze per Riina: Facebook si scusa con la famiglia del boss

La salma del boss tumulata a Corleone (Guarda)

Tg Parma

Tentata estorsione a Fidenza: quattro arresti a Benevento Video

Nel mirino un'azienda

sicurezza

Raffica di vetri rotti nella zona di via Verdi: topi d'auto/vandali in azione

2commenti

Tg Parma

Commercio, Ascom: "Più agenti in strada" Video

Appello della categoria per il rispetto della legalità

sabato alle 15

Verso Carpi-Parma, i tifosi scaramantici scherzano sul primato Video

Tg Parma

Disabilità, Mattia Salati nuovo delegato del comune Video

INTERVISTA

La figlia del pm Ciaccio Montalto, ucciso da Cosa nostra: «Riina non è l'unico colpevole, mio padre è stato lasciato solo»

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Milano sconfitta dalla politica incapace

di Vittorio Testa

LETTERE AL DIRETTORE

Il primo posto è di Mattia

1commento

ITALIA/MONDO

choc a catanzaro

Donna violentata e schiavizzata per 10 anni: arrestato 52enne. Video: la baracca degli orrori

TOKYO

Aereo Usa precipitato: 8 persone ritrovate stanno bene

SPORT

rugby

Andrea De Marchi: 100 presenze con le Zebre

CHAMPIONS

Il Napoli travolge lo Shakhtar e spera ancora

SOCIETA'

moda

Livia Firth, moglie del premio Oscar Colin, a Fidenza

Gazzareporter

Parcheggio "creativo" davanti al Maria Luigia Foto

1commento

MOTORI

Motori

Tesla Roadster 2, da 0 a 100 km/h in 1,9 secondi Gallery

GAS

Suzuki, la gamma Hybrid acquista l'alimentazione a GPL Fotogallery