12°

EDITORIALE

Brexit, nebbia fitta sulla Manica

Brexit, nebbia fitta sulla Manica
Ricevi gratis le news
1

Nell'estate del 1955 sei Paesi europei si riunirono a Bruxelles per discutere la creazione di un mercato comune. Londra inviò - anziché l'allora ministro degli Esteri Harold Macmillan - un oscuro funzionario, fedele alla linea notoriamente intransigente di Albione, di nome Russell Bretherton. Ebbene, Bretherton rivolto ai delegati intenti a costruire l'Europa fu lapidario: «Signori, state cercando di negoziare qualcosa che non riuscirete mai a negoziare. Se sarà negoziato, non verrà ratificato, e se anche venisse ratificato non funzionerebbe».

Fosse vivo il buon Bretherton, ripeterebbe con ogni probabilità le medesime parole al termine del vertice che ieri e giovedì ha visto confrontarsi - inutilmente - i Ventisette e il Regno Unito sulla Brexit. A un anno e quattro mesi dal referendum sull'uscita dall'Ue continua a regnare la più totale confusione. E noi ci ritroviamo a commentare una situazione pericolosamente uguale a sé stessa: le tre precondizioni da risolvere prima di cominciare a trattare sul serio (il conto che Londra deve saldare all'Europa, il confine irlandese, le garanzie ai cittadini europei in Gran Bretagna) sono tutt'altro che risolte, al di là delle dichiarazioni di facciata. Certo, Theresa May ha inviato una lettera ai tre milioni e passa di cittadini europei che vivono oltre Manica fornendo rassicurazioni generiche, ma al momento non esistono garanzie reali sul welfare o sui ricongiungimenti familiari di qui a qualche anno.

Come già accaduto con il discorso di Firenze e come ribadito nelle ultime interviste rilasciate da David Davies (Mr Brexit, l'omologo inglese di Michel Barnier) la strategia inglese è quella di mostrare un volto cordiale e inviare messaggi rassicuranti sull'evoluzione del negoziato. Eppure non è così. Ieri hanno dovuto ripeterlo tutti, da Macron al compassato Gentiloni che a denti stretti ha ammesso che se non si vedranno risultati per dicembre «bisognerà trarre qualche conseguenza».

Dalla cena di giovedì sera è trapelata la disperata richiesta della May ai partner europei di portare a casa un risultato che le consenta di difendersi dagli attacchi politici intestini (il fuoco più pericoloso è quello «amico» dei Tories): il primo ministro britannico sta bruciando a fuoco lento sullo spiedo della Brexit e i conservatori più intransigenti guardano con la bava alla bocca. Del resto il volto più in vista tra i fautori della «hard Brexit» è l'ex sindaco di Londra Boris Johnson, uno che - per capire il personaggio - l'altro giorno ha detto che Sirte potrebbe essere una nuova Dubai, «tutto quello che devono fare è ripulirla dai cadaveri». Quanto al suo acume politico, le «linee rosse» indicate sulla Brexit sono uno sconcertante saggio di miopia, semplicemente un no a tutti i doveri e una discreta lista di pretese.

L'Europa per ora non può che guardare quasi incredula: Londra deve prima venire a capo della faida interna e poi capire che fare della Brexit perché senza accordi è evidente che a rimetterci sarà soprattutto l'economia inglese.

La gente lo ha capito: nell'ultimo anno sono raddoppiate le richieste di cittadinanza europea da parte dei britannici (gettonatissima l'Irlanda, 64mila richieste, seguita dalla Spagna). Ma il segnale peggiore arriva da Jaguar Land Rover: l'essenza della britannicità, per contrappasso finita nelle mani indiane di Tata, sta già costruendo il nuovo impianto in Slovacchia. Non si sa mai...

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • sabcarrera

    22 Ottobre @ 09.47

    Il mondo ha superato l'Euopa. Si viaggia facilmente a basso costo, la carta di credito e' la valuta, si comunica a distanza immediatamente, si compra in tutto il mondo da casa. Questi si comportano come se fosse ancora il Dopoguera.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Gf vip, eliminata Cecilia, la piccola Belen. Grave lutto per Ignazio Moser

televisione

Gf vip, eliminata Cecilia. Lutto per Ignazio. L'ultimo bacio tra i due Video

1commento

Tutta mia la città! Tieni sempre aggiornata la tua parmigianità

GAZZAFUN

Tutta mia la città! Tieni sempre aggiornata la tua parmigianità

Musica e balli anni '50 a Sorbolo Levante: ecco chi c'era Foto

FESTE

Musica e balli anni '50 a Sorbolo Levante: ecco chi c'era Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gli autovelox dal 20 al 24 novembre

TRAFFICO

La mappa degli autovelox dal 20 al 24 novembre

Lealtrenotizie

I ladri entrano dal balcone, raffica di furti in città: otto in tre ore. Ecco l'elenco

polizia

I ladri entrano dal balcone, raffica di furti in città: otto in tre ore. Ecco l'elenco

10commenti

La storia

Ragazza mette in fuga a schiaffi i suoi aggressori

34commenti

mafia

Riina arriverà a Corleone in nottata: subito dopo la tumulazione. E c'è chi gli rende omaggio

1commento

Anteprima

Riina, intervista alla figlia di Ciaccio Montalto: "34 anni di di dolore" Video

Tg Parma

Colpo in una carpenteria, bottino 40 mila euro

2commenti

Tg Parma

Centri vaccini in provincia, la Regione: "Riapriranno" Video

Appennino

Piccola scossa di terremoto a Terenzo: 2.0

Tg Parma

La regista Archibugi presenta all'Astra "Gli sdraiati" Video

Ambiente

Rifiuti, è Fontevivo il paese più "riciclone"

Sono 21 i Comuni del Parmense "premiati" dalla Regione

SEMBRA IERI

L'olimpionico Tomba atterra al "Verdi" (1996)

calcio

Parma-Ascoli, le pagelle in dialetto Video

Polfer

Ruba il cellulare ad una giovane in stazione (non è il primo reato): arrestato, è libero

21commenti

soccorso alpino

Scivola sul ghiaccio e l'amico resta intrappolato: soccorsi sul Monte Bragalata

Tg Parma

Pm10, è ancora allarme smog Video

Tg Parma

Piano neve, il comune stanzia un milione e 200 mila euro Video

Tg Parma

Borgotaro, ancora polemiche sulla Laminam Video

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Pd, la partita non è nelle regioni rosse

di Luca Tentoni

LETTERE AL DIRETTORE

Il primo posto è di Mattia

1commento

ITALIA/MONDO

Molestie

Travolto anche Lasseter, il direttore creativo della Pixar

usa

Trump, come tradizione, grazia due tacchini per Thanksgiving Foto

SPORT

CHAMPIONS

Il Napoli travolge lo Shakhtar e spera ancora

L'ACCUSA

"Tavecchio mi molestò'". Lui: "Ho dato mandato ai legali"

SOCIETA'

archeologia

Piramide di Cheope, trovata una camera segreta, potrebbe custodire il trono

video

Spettacolare inseguimento in moto della polizia Video

MOTORI

IL NOSTRO TEST

Meglio ibrida o plug-in? La risposta è Hyundai Ioniq

Motori

Tesla Roadster 2, da 0 a 100 km/h in 1,9 secondi Gallery