-0°

12°

EDITORIALE

Fine vita, la Chiesa lo ripete da 70 anni

Fine vita, la Chiesalo ripete da 70 anni
Ricevi gratis le news
0

Niente di nuovo sotto il sole, verrebbe da dire. Ma i giornalisti e i lettori a volte hanno la memoria corta: per sbadataggine, per convenienza o per ideologia.

L'intervento di papa Francesco sul fine vita cade su un disegno di legge, quello sul biotestamento, arenato al Senato da anni di veti incrociati. Le parole del Papa potrebbero ora aprire un proficuo confronto fra le parti politiche, e quelle della società civile, che sul tema non sono mai riuscite davvero a dialogare. E sarebbe un bel risultato, in linea con lo spirito di fratellanza e comprensione reciproca che caratterizza il papato di Francesco.

Cosa ha detto il Papa? «Occorre evitare l'accanimento terapeutico». Ha parlato dell'importanza della «proporzionalità» delle cure e dell'«autodeterminazione» del paziente, ha chiarito che l'eutanasia «rimane sempre illecita», ha ribadito l'importanza e il valore umano e religioso delle cure palliative.

Niente di nuovo sotto il sole. Non un' «apertura» o una «svolta», come ha titolato qualche giornale. Negli ultimi settant’anni sono quasi una decina i pronunciamenti papali che hanno espresso, con parole diverse, i concetti enunciati da papa Francesco. Anche il Catechismo approvato nel 1992 e tuttora in vigore sancisce «la rinuncia all'accanimento terapeutico» (articolo 2278). Il magistero della Chiesa ha più volte ribadito che ogni persona (e chi se ne prende cura) ha il diritto/dovere di intraprendere le cure necessarie per conservare vita e salute. Ma questo dovere presuppone l’impiego di «mezzi ordinari e proporzionati», che non comportino alcun carico straordinario per se stessi o per gli altri. Non si può quindi escludere in assoluto che anche nutrizione e idratazione artificiali possano essere inefficaci nella loro funzione, ed è eticamente riprovevole l’insistenza in atti medici «clinicamente non appropriati».

Sul fine vita, e sull'assistenza ai malati terminali, la Chiesa va controcorrente, con fatica, spesso fornendo un servizio negato dalle strutture pubbliche. Gli ospedali - ormai luoghi di cure altamente specialistiche, intensive e brevi - ricacciano questi malati nelle braccia di familiari disperati. Quelli terminali sono pazienti che costano molto e che non andranno a ingrossare le statistiche dei guariti, certificando la bontà delle cure prestate. Gran parte della rete di hospice che trattano malati in fine vita sono istituti di formazione religiosa che colmano, magari in convenzione con il servizio sanitario (e a volte in modo caritatevole) un vuoto istituzionale. Ci sono persone che accudiscono con affetto e professionalità quel che resta della vita delle persone: un poco che è tanto, sempre e comunque.

Su questo dovrebbero riflettere anche le persone che ieri, alla notizia della morte di Totò Riina all'ospedale di Parma, hanno inondato il sito web della Gazzetta di commenti sarcastici nel migliore dei casi, feroci nel peggiore. Commenti che abbiamo censurato, non fosse altro perché c'è in questo momento una famiglia in lutto, i cui componenti non devono tutti pagare le colpe del capofamiglia.

La morte, ci insegna la Chiesa, è un mistero troppo grande per non maneggiarla con riguardo, umiltà, ragionevolezza, e soprattutto umanità. A conti fatti, un insegnamento molto laico. E condivisibile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per tour estivo

musica

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per il tour estivo

Cecilia Rodriguez accolta dai fischi in discoteca fa il gesto dell'ombrello

Gf Vip

Fischi per Cecilia Rodriguez, che fa il gesto dell'ombrello

Johnny Halliday, l'addio del suo popolo. Macron: "applaudiamolo"

Spettacolo

Johnny Halliday, l'addio del suo popolo. Macron: "applaudiamolo" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

CHICHIBIO

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

di Chichibio

Lealtrenotizie

Superati i 10 metri d'acqua: il ponte sull'Enza a rischio chiusura

sorbolo

Raggiunti gli 11 metri d'acqua: chiuso il ponte sull'Enza

1commento

maltempo

Vetroghiaccio, disagi in Appennino. Berceto, tante case senza luce Le foto

ALLE PORTE DELLA CITTA'

Lupo investito da un'auto in via Emilio Lepido

17commenti

San Prospero

«La Vela» in stato di abbandono

1commento

SENZATETTO

Il Natale lontano di chi vive sotto i ponti

legambiente

Ecco le 10 linee ferroviarie peggiori d'Italia. C'è anche la Brescia-Parma

FORNOVO

Polemiche sull'albero di Natale

1commento

SALSO

Ancora furti: due case messe a soqquadro

1commento

sos animali

Sospetto avvelenamento di un cane in Cittadella

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Rimpatriata

Caro, vecchio quartiere Marchi

Intervista

Paolo Fresu mercoledì al Regio

ecco la neve in città

Parma indossa un manto bianco Gallery

inverno

Neve nel Parmense: rischio strade ghiacciate. Treni fermi. Bardi e Berceto: scuole chiuse Video - Foto

1commento

gabriella corsaro

Concerto di Natale al presidio Froneri Video

1commento

antidroga

Marijuana tra i mattoni della Pilotta e nelle siepi di via dei Mille: blitz dei carabinieri

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Brexit, il difficile comincia adesso

di Paolo Ferrandi

L'ESPERTO

Naspi cumulabile con altri redditi? Sì, ma solo in determinati casi

ITALIA/MONDO

ECONOMIA

Bitcoin, la nuova era: al via il primo future

GRAN BRETAGNA

Neve, caos a Heathrow. Scuole chiuse e -15°

SPORT

POSTICIPO

Il Milan soffre ma piega il Bologna

SERIE B

Il Palermo stende il Bari 3-0 e prende il volo. Parma secondo La classifica

SOCIETA'

NOVITA'?

Fiori d’arancio per Justin e Selena?

Calcio

Le magie di Zola nel disco del rocker King Krule Video

MOTORI

Auto-moto-pedoni

Guidare su neve e ghiaccio: le 10 regole

MOTO

Prova Kawasaki Z900RS