14°

EDITORIALE

Doppio passaporto? Vienna gioca col fuoco

Doppio passaporto? Vienna gioca col fuoco
Ricevi gratis le news
4

Esistono ferite che difficilmente si rimarginano, esiste un passato che non passa e che ci schiaccia costringendoci a commettere gli stessi errori. Sempre e comunque. Non sono bastate due guerre mondiali che hanno distrutto e rimodellato, con un'enorme perdita di vite umane e interi popoli, l'Europa per vaccinarci dal virus del nazionalismo e delle piccole patrie. Per giudicare la proposta - ma sarebbe meglio definirla la provocazione - austriaca di concedere unilateralmente la doppia nazionalità a tutti gli altoatesini di lingua tedesca dobbiamo partire da qui. E ricostruire una vicenda storica che ancora divide. Io non ero ancora nato l'11 giugno 1961 - il giorno della festa del Sacro Cuore di Gesù, caro alla memoria di Andreas Hofer e dei suoi «Tiroler Schützen» -, quando, in quella che ora è conosciuta come la «notte dei fuochi», centinaia di bombe provocarono enormi danni alle infrastrutture - furono distrutti soprattutto i tralicci dell'alta tensione - dell'Alto Adige. Quel giorno partì la stagione terroristica - o irredentista, se volete vederla dall'altra parte - sudtirolese che lasciò sul campo morti e feriti. E soprattutto lasciò un clima avvelenato in una terra divisa per linee linguistiche che erano diventate linee d'odio: di qui gli italiani, anzi i «welschen», per usare un epiteto largamente usato in Sud Tirolo, di là i tedeschi, anzi i «crucchi». Ci sono voluti anni per rimediare a questa situazione e cercare di mediare le esigenze dei due gruppi linguistici. E' sempre difficile trovare soluzioni accettabili in terre di confine, come l'Alto Adige-Sud Tirolo - dove le minoranze linguistiche - che hanno diritto ad essere garantite - sono maggioranza e dove la maggioranza linguistica è minoranza. Serve buonsenso, una buona dose di tolleranza e la voglia di vedere la diversità come un arricchimento e non come una minaccia mortale. E, nonostante tutti i problemi - l'estrema burocratizzazione del principio delle quote linguistiche, per esempio - il sistema funziona abbastanza bene. Anche grazie alla generosità - in termini di risorse - concessa dallo statuto autonomo della provincia di Bolzano. Una generosità, in termini di mancato gettito, pagata da tutti gli italiani. Ora tutto questo viene rimesso in discussione dalle dichiarazioni di alcuni esponenti dell'Fpö, il partito liberale austriaco (in realtà un partito di destra nazionalista) che è appena andato al potere a Vienna. E' vero che Heinz-Christian Strache, il leader dei liberali, è solo il «junior partner» dell'esecutivo e che le azioni di maggioranza sono nelle mani del giovane Sebastian Kurz, che ha cambiato i connotati del suo partito cristiano democratico (l'Övp) spostandone l'asse a destra, ma è pur sempre affiliato al Partito popolare europeo, quello di Angela Merkel, per intenderci. Eppure le affermazioni di Werner Neubaur, responsabile della Fpö per i rapporti con l’Alto Adige, che ha promesso il doppio passaporto a tutti gli altoatesini di lingua tedesca entro la fine del 2018, sono inquietanti e pericolose. Se non altro perché pronunciati alla presenza del gotha dell'estremismo nazionalista sudtirolese, compresa Eva Klotz, figlia di Georg Klotz, il «martellatore della Val Passiria», uno dei protagonisti del terrorismo irredentista degli anni '60. A questo punto ci sarebbe bisogno di una reazione forte del governo italiano. Che finora - a parte una dichiarazione molto soft e sostanzialmente incomprensibile di Alfano - non è ancora arrivata.

pferrandi@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Jim

    21 Dicembre @ 15.05

    non capisco come si possa scrivere un articolo su un certo tema quando è evidente che si è ignoranti nella materia... 1) se questa è una provocazione da parte dell'austria, non Le sembra che l'italia provochi Slovenia e Croazia dando il passaporto alle loro minoranze italiane? 2) parla di due gruppi linguistici, ce ne sono però tre 3) scrive di stagione terroristica come se fosse successo così, magari per hobby, e non a causa di repressioni nazionalistiche italiane 4) e daje con sto mancato gettito: secondo numerosi studi, anche della CCIAA di Venezia, la prov. di Bz ha un gettito pro capite più alto del Veneto, secondo solo alla Lombardia! e poi questa "generosità" come la chiama Lei non era certo volontaria, l'autonomia é stata concessa dopo il richiamo dell'ONU 5) chiamare Eva Klotz un'estremista mi sembra assai azzardato...

    Rispondi

  • maxbonny

    19 Dicembre @ 14.53

    Ma non siamo tutti europei, cittadini di quella gran bella nazione sotto la bandiera blu con le stellucce ? E quanta gente vive in Italia con la doppia cittadinanza ? E il famoso sinistrorso e tanto agognato "Ius Soli" non è per caso una proposta "unilaterale" di doppia cittadinanza ? Sarà anche ora di finirla con le stronz...pardon....le critiche su questo fatto così grave (per voi) della proposta di doppia cittadinanza alle etnie frontaliere madrelingua tedesca. Ma se voi stessi dite che sono una minoranza, cos'è che vi fa bruciare tanto ? Si parla di cittadinanza, mica di smontare le case e portarle oltre confine. Di fatto vivono così tutte le popolazioni frontaliere, là dove c'è una convenienza a sfruttare la vicinanza con il confine. Vale per i lombardi sul confine svizzero, così come vale per i friulani che vanno a fare benzina in Slovenia. Gli altoatesini che vivono a nord della statale del Brennero, vanno - da sempre - a fare le scuole di base in Austria. Ma forse quello che vi preoccupa è quel vento freddino ma sincero, quello che vi sussurra nelle orecchie ciò è vero ma che non vorreste sentire. Il vento della destra nazionalista mitteleuropea, grazie a Dio ogni giorno più forte.

    Rispondi

    • 19 Dicembre @ 19.18

      (Paolo Ferrandi) Quello che mi preoccupa, in effetti, non è tanto "il vento della destra nazionalista mitteleuropea" quanto la sua interazione con il "vento" della destra nazionalista italiana che già ieri - con Giorgia Meloni, per esempio - ha fatto sentire la sua voce. L'Alto Adige-Sud Tirolo ha già vissuto una stagione pesantissima e lacerante di terrorismo e conseguente repressione che, come spiego nel pezzo, solo decine di anni di paziente lavoro di ricucitura sono riusciti, in parte, a sanare. Sinceramente il ritorno in scena di arnesi, pieni di odio anti-italiano, come la Klotz non mi pare auspicabile. In più, lo confesso, il forte sentimento anti-italiano di tanti esponenti della "destra nazionalista mitteleuropea", mi riesce epidermicamente molto fastidioso. Comunque osservo stupito - e con un pizzico d'ironia - l'alto valore simbolico di una disputa sui passaporti tra due nazioni che di fatto non sono più divise da una frontiera dove occorre mostrarne uno. Come del resto vale per la Svizzera - lei pensa che serva la doppia nazionalità svizzera-italiana per fare un salto a Chiasso a comperare una stecca di Toblerone? - e per la Slovenia.

      Rispondi

  • nerosso

    19 Dicembre @ 14.38

    Infatti azioni smidollate come sempre nelle relazioni internazionali...ma qui l'interesse è di preminenza nazionale....speriamo che qualcuno se ne accorga e dia risposte efficaci

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Biondo e Filippo riammessi nella scuola di Amici

televisione

Biondo e Filippo riammessi nella scuola di Amici, espulso Nicolas

Ignazio Moser

Ignazio Moser

DADAUMPA

Moser, dal GF a Parma: «Qui sto bene, ho tanti amici»

Tom Petty

Tom Petty

MUSICA

Tom Petty è morto per overdose accidentale

Notiziepiùlette

Ultime notizie

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito secondo Dylan

IL DISCO

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito western secondo Dylan

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Cremonese-Parma 1-0: crociati sconfitti a pochi minuti dalla fine sotto gli occhi di Lizhang

SERIE B

Cremonese-Parma 1-0: crociati sconfitti a pochi minuti dalla fine sotto gli occhi di Lizhang Foto Video

Nel primo tempo squadre equilibrate, poi i crociati calano. La Cremonese aumenta il pressing e fa gol con Cavion

9commenti

DIARIO DELLA TRASFERTA

"Tutti a Cremona!": quasi 2mila tifosi da Parma Foto Video

Uno dei pullman ha qualche problema al motore in autostrada ma riesce a raggiungere lo stadio di Cremona. Molti tifosi in auto

PARMA

Oltretorrente: cori gospel in strada per contrastare lo spaccio Video

Iniziativa di "Oltretutto Oltretorrente" con il coro gospel Zoe Peculiar

5commenti

PARMA

Scontro fra due auto in via Venezia

APPENNINO

Escursionisti in difficoltà per il ghiaccio: due interventi del Soccorso Alpino sul Marmagna

In salvo due 29enni toscane e due uomini del Parmense. Appello del Saer: "Usate l'attrezzatura adatta"

FURTI

Ladro in fuga si lancia da una finestra al quarto piano: ferito e... arrestato Foto

Di chi sono tutti questi oggetti rubati?

1commento

Testimonianza

«Un truffatore mi ha rubato l'identità: insultato e minacciato da mezza Italia»

GAZZAREPORTER

"Tramonti infuocati": le foto del lettore Matteo

TG PARMA

Nuovi agenti di polizia municipale e telecamere a Parma Video

Festeggiato San Sebastiano, patrono della Municipale

droga

Arrestato mentre spaccia in viale dei Mille. Con 17 dosi pronte nelle siepi

incidente

Frontale nella notte al Botteghino: due feriti

via d'azeglio

Prima minaccia i clienti, poi lancia bottiglie contro le vetrine: inseguito e bloccato

5commenti

mobilità

Maxi zone a velocità limitata nel Cittadella e nel Montanara Video

4commenti

Chiesa

Enrico, il chimico che ha scelto la tonaca

Turandot a Torino

La danzatrice Cabassi: «Strage sfiorata, io c'ero»

politica

Pizzarotti: "Nel M5s restano solo gli yes man. Con me usata la linea sovietica"

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La strana democrazia delle parlamentarie

di Francesco Bandini

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Turismo

Venezia, 1.100 euro di conto per 4 bistecche e una frittura di pesce

Lucca

Un escursionista muore sulle Apuane

SPORT

SERIE B

Cremonese-Parma 1-0: gli highlights della partita Video

Cremonese-Parma

D'Aversa: "Dispiace non vedere la 'cattiveria' giusta per portare a casa il risultato" Video

SOCIETA'

IL CASO

Tim Cook: "Non voglio che mio nipote sia sui social"

milano

Cracco si è sposato (Lapo Elkann testimone) Gallery

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

NOVITA'

Gamma Fiat 500 Mirror, infotainment "allo specchio"